Recensione una giornata particolare regia di Ettore Scola Italia, Canada 1977
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione una giornata particolare (1977)

Voto Visitatori:   8,71 / 10 (60 voti)8,71Grafico
Voto Recensore:   9,00 / 10  9,00
Migliore regiaMigliore attrice protagonista (Sophia Loren)
VINCITORE DI 2 PREMI DAVID DI DONATELLO:
Migliore regia, Migliore attrice protagonista (Sophia Loren)
Miglior film straniero
VINCITORE DI 1 PREMIO CÉSAR:
Miglior film straniero
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film UNA GIORNATA PARTICOLARE

Immagine tratta dal film UNA GIORNATA PARTICOLARE

Immagine tratta dal film UNA GIORNATA PARTICOLARE

Immagine tratta dal film UNA GIORNATA PARTICOLARE

Immagine tratta dal film UNA GIORNATA PARTICOLARE

Immagine tratta dal film UNA GIORNATA PARTICOLARE
 

La giornata particolare è quella dell'incontro di Antonietta e Gabriele, elegia di un'amicizia breve, ma vissuta con l'intensità di un grande amore.

La giornata particolare è quel 6 maggio 1938, che vede tutta Roma in festa per un altro incontro, quello tra due dittatori, Hitler e Mussolini. Nel momento di pieno consenso ad un regime che di lì a poco avrebbe portato il Paese alla catastrofe, i caseggiati di Roma si svuotano come formicai per l'adunata; tutti rispondono entusiasti alla chiamata e corrono ai Fori imperiali per la grande parata in onore di Hitler.
Anche il condominio della periferia romana dove vivono Antonietta e Gabriele si svuota, ma loro due, per ragioni diverse, restano a casa, lontano dai clamori festanti. La fortuita fuga del merlo di Antonietta la spinge ad uscire dal sicuro rifugio domestico per avventurarsi in uno spazio sconosciuto: dovrà bussare alla porta del suo dirimpettaio, per recuperare il volatile. Così avviene l'incontro con il riservato Gabriele, così ha inizio una giornata particolare per entrambi, fatta di timide confidenze e di rivelazioni di sogni mai espressi.

Antonietta (Loren) è la classica moglie "fascista", serva di un marito gretto e ignorante e dei sei figli pedissequamente indottrinati nelle loro divise di regime. Il marito, camicia nera, impiegato al Ministero dell'Africa Orientale, è uomo prepotente e fedifrago, un cafone incapace anche di un solo gesto di tenerezza nei confronti della compagna. Obbediente ai dettami della virilità ardita e alla misoginia fascista, che considerava la donna solo come fattrice di prole e domestica dell'uomo, obbligando la moglie a sfornargli figli, di cui poi vantarsi con orgoglio.
La immaginiamo, Antonietta, rapportarsi fin da piccola con l'arroganza "maschia" di un padre autoritario, prima ancora di quella del marito. Cresce dunque convinta che "il genio sia solo uomo" e confiderà a Gabriele: "Pure io mi sento considerata meno di zero... mio marito con me non parla, ordina, di giorno e di notte". Questa era l'ipocrisia del matrimonio fascista, incoraggiato in ogni modo per raggiungere gli obiettivi della campagna demografica annunciata già nel 1927 ("Tutti gli organi del partito funzionano. Devono perciò funzionare anche quelli genitali" diceva il gerarca Achille Starace). Antonietta per sua fortuna è "madre prolifica", perfetta nel ruolo di moglie ubbidiente e mamma premurosa, ma la malinconia nel suo sguardo e il tono dimesso dei gesti denunciano una sofferenza interiore e una antica rassegnazione: il sacrificio lontano di sogni infranti, di desideri irrealizzati, di speranze disattese.
Questa donna, sciatta casalinga depressa, in un giorno di "libertà dalla famiglia", conosce Gabriele (Mastroianni).

Lui è omosessuale, licenziato dall'EIAR, dove lavora come annunciatore, perché affetto dal "vizio abominevole"e per questo condannato al confino in un remoto angolo della Sardegna. Fra i due, dopo un primo momento di reciproca diffidenza, nasce un affetto spontaneo e inconsueto, capace di colmare le loro differenti solitudini anche solo per un giorno.
Antonietta e Gabriele condividono la stessa oppressione, figlia della "virilità fascista" che da un lato disprezza, anzi nega l'omosessualità, dall'altro severamente la punisce; così come determina il destino delle mogli-madri, sottomesse all'uomo macho, consenzienti che i mariti sfoghino la loro maschia gioventù nei bordelli, piuttosto di essere abbandonate per un'amante fissa.

Gabriele è disperato e l'arrivo di Antonietta lo salva dal proposito di suicidio. Antonietta rimane affascinata da quest'uomo garbato e gentile, persino bizzarro. All'inizio paiono incompatibili, intellettuale e critico lui, ignorante e ingenua lei. Dopo un primo approccio Gabriele si autoinvita per un caffè, Antonietta contenta (ritorna a curare il proprio aspetto con vezzo tipicamente femminile) accetta: gli parla della famiglia, gli mostra orgogliosa l'album in cui raccoglie le foto e gli articoli sul duce, fiera di essere fascista. Non comprende subito lo scetticismo di Gabriele, certe sue battute. "Siete scapolo? Allora pagate la tassa sul celibato" "Eh già: come se la solitudine fosse una ricchezza...". Poi, dopo l'avvertimento della portiera maldicente, scopre che Gabriele è considerato dal Partito un disfattista e un sovversivo: "Io non credo che l'inquilino del terzo piano sia antifascista, semmai il fascismo è anti-inquilino del terzo piano" confessa con amarezza Gabriele.
Il ghiaccio ormai è rotto e i due iniziano un gioco di confidenze e confessioni che li porterà ad un confronto tanto intenso, quanto drammatico, ma soprattutto a rispecchiarsi vicendevolmente nell'altrui infelice emarginazione. Il comune disincanto, la reciproca accettazione priva di falsi pregiudizi, li unisce in un momento d'amore autentico.
A sera Antonietta torna ad essere la perfetta casalinga fascista, ma ormai consapevole del suo destino, riesce a trovare il coraggio di rifiutare pacatamente le avance del marito, interessato solo a ingravidarla del settimo figlio per ottenere l'assegno premio del regime. Intanto Gabriele è prelevato dalla polizia per essere condotto al confino.

I due incontri, quello intimo tra i protagonisti e quello storico tra i due dittatori procedono paralleli per l'intero film: il sottofondo sonoro alla vicenda personale è infatti l'autentica radiocronaca della visita di Hitler, commentata dalla popolare voce del fascismo Guido Notari, riconoscibile nel timbro monotono e retorico. La cronaca radiofonica dell'evento, colonna sonora della giornata particolare dei due reietti, non fa altro che intensificare il loro smarrimento, l'estraneità ad un sistema che li rifiuta e nel contempo cerca di assorbirli.

Considerato da molti critici il miglior film di Ettore Scola, sceneggiato insieme a Maurizio Costanzo e a Ruggero Maccari, "Una giornata particolare" non contempla i toni cinici e sarcastici propri di altri lungometraggi del regista ("Il commissario Pepe", "C'eravamo tanto amati"), eppure non disdegna una lieve ironia, pur conservando una struttura narrativa delicata e sommessa. Ettore Scola ha qui abbandonato i toni della commedia all'italiana, di cui fu abile maestro, per un neorealismo crepuscolare, sublime nella suggestiva fotografia dai colori sbiaditi e nella ricostruzione d'interno di un anonimo quartiere popolare.
Fu candidato all'Oscar, ma non vinse. Ebbe, però, altri meritati riconoscimenti, grazie anche alla sensibile interpretazione dei due attori. La Loren, pur incarnando il ruolo di popolana già altre volte espresso, qui accetta d'imbruttirsi, di mostrarsi in ciabatte e senza trucco, in una prova drammatica che le valse il David di Donatello. Pure Mastroianni abbandona il classico ruolo di latin lover e per la prima volta impersona un omosessuale con la spontaneità interpretativa che gli è propria, attribuendo al suo ruolo un'intensità emotiva indimenticabile. Entrambi, perfettamente a proprio agio, danno vita a questa storia d'amore apparentemente impossibile, fragile e poetica, purtroppo rassegnata.

Il film critica duramente il fascismo, analizzandone gli aspetti più grotteschi, denunciandone la politica d'emarginazione, condizione tipica dei sistemi autoritari, ed ha soprattutto il pregio di far riflettere su temi sempre attuali. La pervasività del modello di virilità fascista, che impone un ruolo subalterno alla donna e incita la condanna del pederasta è purtroppo ancora attuale nei rigurgiti di una mentalità maschilista, misogina e omofoba presente proprio nelle società più evolute e democratiche. Rigurgiti di un'intolleranza da respingere con forza, perché come afferma tristemente Gabriele:
"Finisce sempre che ci adeguiamo alla mentalità degli altri, anche quando è sbagliata".

Commenta la recensione di UNA GIORNATA PARTICOLARE sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di Pasionaria - aggiornata al 10/02/2006

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

3/197 donne e un misteroa house on the bayouagente speciale 117 al servizio della repubblica - allarme rosso in africa neraainbo: spirito dell'amazzoniaaltri padri
 NEW
america latinaannetteantigoneatlantidebelli ciaocaro evan hansencaterina caselli - una vita, 100 vitechi e' senza peccato - the drychi ha incastrato babbo natale?clifford - il grande cane rosso
 NEW
competencia oficialcry macho - ritorno a casadiabolik (2021)digimon adventure: last evolution kizunadjango & django - sergio corbucci unchaineddon't look up (2021)dovlatov - i libri invisibili
 T
dune (2021)
 NEW
e' andato tutto benee' stata la mano di dioencantoeternalsfino ad essere felicifreaks outfrida kahloghostbusters: legacy
 NEW
gli stati uniti contro billie holiday
 NEW
hotel transylvania 4 - uno scambio mostruosohouse of guccii molti santi del new jerseyil bambino nascostoil canto del cigno (2021)il capo perfetto (2021)il colore della liberta'
 NEW
il lupo e il leoneil potere del caneillusioni perduteinsidious: the dark realmio sono babbo natalel’acqua, l’insegna la sete - storia di classela befana vien di notte 2 - le originila crociatala festa silenziosala legge del terremotola mia fantastica vita da canela persona peggiore del mondola scelta di anne - l'evenementla signora delle rose
 NEW
laurent garnier: off the recordlawrenceles choses humainesl'incontrol'uomo dei ghiacci - the ice roadl'uomo nel buio - man in the darkmarina cicogna - la vita e tutto il restomatrix resurrectionsme contro te: il film - persi nel tempomixtape - una cassetta per temollo tutto e apro un chiringuitomy hero academia the movie: the two heroesmy sonnimby – not in my backyardno time to dienon cadra' piu' la nevenowhere special - una storia d'amoreone secondper tutta la vitapromisesquerido fidelre granchiored noticeresident evil: welcome to racoon cityscompartimento n.6
 NEW
scream (2022)sing 2 - sempre piu' fortesotto le stelle di parigispace jam - new legendsspider-man: no way homesupereroithe beatles: get backthe curse of humpty dumptythe expanse - stagione 6the feastthe french dispatchthe girl in the fountainthe harder they fallthe king's man - le originithe scary of sixty-firstthe truffle huntersthe unforgivabletiepide acque di primaveratrafficante di virus
 NEW
true mothersultima notte a sohoun anno con salingerun bambino chiamato nataleun eroeuna famiglia mostruosa
 NEW
una famiglia vincente - king richard
 NEW
underwater - federica pellegriniverso la nottevita da carlo - stagione 1vivi - la filosofia del sorrisowest side story (2021)yaya e lennie - the walking libertyzappazlatan

1025103 commenti su 46923 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

A CHRISTMAS NUMBER ONEA PROVA DI MATRIMONIOAMORE, NATALE E… BACCALA'BACI DI NEVEBARNABO DELLE MONTAGNEBELLO DI MAMMACASTLE FALLSCHE TEMPI!CIAO ALBERTOCOLORFULCONTRACT TO KILLCUCCIOLI IN FESTACYBER BRIDEDINOSAUR WORLDDRAGON (2011)ERAVAMO CANZONIFELIZ NAVIDADGRIDA DAL MISTEROHOME SWEET HOME ALONE - MAMMA, HO PERSO L’AEREOI GIORNI BIANCHIIL SAPORE DEL NATALEKINGDOM: ASHIN OF THE NORTHLA CUSTODIALA GIOSTRA DELL'AMORELA MAGIA DEL NATALE (2017)LA MAPPA DELLE PICCOLE COSE PERFETTELE LEGGI DELLA FRONTIERALITTLE MISS PERFECTLLANTO MALDITOMEMORIANATALE A GRANDON FALLSNELLA MENTE DELL'ESORCISTA - LE CONFESSIONI DI WILLIAM FRIEDKINNO HOME MOVIEPER UN PUGNO DI EROIQUARTA PARETEREDEMPTION DAYSE FOSSI UN LADRO… RUBEREISUPER BENNY - OPERAZIONE TAXI ROSSITHE WHOLE TRUTHTINAUN BALLO PER NATALEVANGUARD - AGENTI SPECIALIVAULT

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net