Recensione porco rosso regia di Hayao Miyazaki Giappone, Francia 1992
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione porco rosso (1992)

Voto Visitatori:   7,97 / 10 (122 voti)7,97Grafico
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film PORCO ROSSO

Immagine tratta dal film PORCO ROSSO

Immagine tratta dal film PORCO ROSSO

Immagine tratta dal film PORCO ROSSO

Immagine tratta dal film PORCO ROSSO

Immagine tratta dal film PORCO ROSSO
 

Sesto lungometraggio di Hayao Miyazaki, maestro indiscusso dell'animazione giapponese, "Porco Rosso" è una favola che non delude. Ambientato in Italia nel 1929, anno della grande depressione, il film ha come sfondo la crisi e il fascismo, senza che questi diventino mai il suo punto focale.

Protagonista è Marco Pagot, abile aviatore, rimasto vittima di un maleficio che lo ha condannato ad assumere le sembianze di un maiale antropomorfo. Ex eroe di guerra, ha lasciato l'aeronautica e adesso è ricercato dalla polizia segreta fascista. Sulla sua testa pende un mandato di cattura per non collaborazione antistatale e (tra l'altro) per il crimine d'essere un maiale di sfrontata indolenza. Continua però a volare sul suo idrovolante rosso, perché "un maiale che non vola è solo un maiale", dice. Si guadagna da vivere come cacciatore di taglie, ma non fa uccisioni.
Per sfuggire a Porco le varie bande di malfattori creano l'"Alleanza dei Pirati del Cielo" e assoldano un pilota americano, tale Donald Curtis, perché lo affronti. Quando i due si scontrano, l'idrocaccia vermiglio, già bisognoso di manutenzione, ha la peggio. Il nostro maiale si reca quindi a Milano dalla ditta Piccolo SPA per le riparazioni. Qui incontra Fio, giovane nipote del proprietario e ingegnere provetta. Sarà lei ad occuparsi dell'idrocaccia, e deciderà di seguire Porco nelle sue avventure sull'Adriatico.

Dietro "Porco Rosso" c'è tutta la passione di Miyazaki per l'aviazione, che l'ha portato a prendere spunto da un aereo italiano per il nome del suo Studio Ghibli.
Numerosi sono gli omaggi ad aviatori e motori, e molti dei personaggi prendono il nome da piloti realmente vissuti in quel periodo.
Ma non bisogna pensare all'aviazione come ad un qualcosa di inscindibile dalla guerra. Per dirla con l'armaiolo di Porco: "chi guadagna con la guerra è un farabutto, chi non riesce a guadagnare cacciando taglie è un imbecille". C'è differenza, quindi, tra fare parte dell'aeronautica sotto il fascismo e fare il cacciatore di taglie inimicandosi il regime. D'altra parte le idee politiche di Miyazaki sono note.
Il soprannome "Porco Rosso" potrebbe dunque essere dovuto non tanto alla sua apparenza e al colore del suo aereo, quanto piuttosto alle sue posizioni politiche. Per sua stessa ammissione "piuttosto che diventare un fascista, meglio essere un maiale". La cosa, così come la dinamica della maledizione che l'ha colpito, non viene mai chiarita del tutto.

Il film si presenta come una favola moderna, con il protagonista vittima di una metamorfosi e un amore che sembra impossibile. I cattivi non sono veramente cattivi, e la differenza tra bene e male è più labile rispetto a quella voluta dalla morale occidentale. È un racconto delicato, che alterna azioni ad alta quota a risvolti comici e sentimenti.
Delicati sono anche i disegni e gli sfondi, che lo Studio Ghibli ci regala sempre impeccabili.
Ma c'è anche uno stretto legame con la realtà del tempo. Porco si dà alla macchia perché inseguito dalla polizia fascista, cosa tutt'altro che irrealistica. Sui muri di Milano sono presenti scritte contrarie al regime, come "Abbasso i fascisti" e "Viva i lavoratori". E ancora, a causa della crisi economica, della riparazione dell'idrovolante si occupano le donne perché tutti gli uomini sono emigrati in cerca di lavoro.

Miyazaki ci insegna che si può vivere liberi nonostante tutto, seguendo i propri ideali e non quelli imposti dall'alto. È possibile scegliere quale posto occupare nel mondo. Non importa quanto anticonvenzionale la nostra scelta sia o quanto gli altri possano ostacolarci o farsi beffe di noi. Ciò che conta è essere fedeli a sé stessi. E così anche le donne possono costruire aeroplani e i maiali possono librarsi nel cielo su un idrovolante, via verso l'orizzonte.

Commenta la recensione di PORCO ROSSO sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di G.S.Nikita - aggiornata al 27/09/2013 15.48.00

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

#unfit - la psicologia di donald trump10 giorni con babbo nataleabout endlessnessaddio al nubilatoalessandra - un grande amore e niente piu'all my friends are deadamore al quadratobaby yaga: incubo nella foresta oscurabastardi a mano armatabliss (2021)burraco fatalecentigradecherry - innocenza perdutacome truecosa saràcreators: the pastcrisiselegia americanafino all'ultimo indiziogirl power - la rivoluzione comincia a scuolagodzilla vs. konggovernance - il prezzo del poteregreenlandhoneylandi am greta - una forza della naturai predatoriil cammino di xicoil caso pantani - l'omicidio di un campioneil mio corpo vi seppellira'il principe cerca figlioil talento del calabroneimprevisti digitalijakob's wifejudas and the black messiahla nave sepoltala prima donnala ruota del khadi - l'ordito e la trama dell'indiala stanzala vita straordinaria di david copperfieldl'amico del cuore (2021)lasciami andarel'incredibile storia dell'isola delle roselockdown all'italianal'ultimo paradiso (2021)ma rainey's black bottommadame claudemankminari
 NEW
monster huntermurdershownomad: in cammino con bruce chatwin
 NEW
non mi ucciderenotizie dal mondooperazione celestinaoperazione varsity blues: scandalo al collegepalazzo di giustiziapalm springs - vivi come se non ci fosse un domaniparadise - una nuova vitaparadise hillspele' - il re del calcioqualcuno salvi il natale 2quello che non ti ucciderange runnersrebeccaroubaix, una lucesacrifice (2020)sola al mio matrimoniosonsotto lo zerosoul (2020)sul piu' belloten minutes to midnight
 HOT
tenetthe fatherthe mauritanianthe midnight skythe nights before christmasthe secret - le verita' nascostethe unholythe united states vs. billie holidaythunder forcetua per sempretutto il mondo e' palesetutto normale il prossimo nataleun divano a tunisiuna classe per i ribelliuna donna promettentewe are the thousand - l'incredibile storia di rockin'1000we can be heroeswhy did you kill me?wonder woman 1984wrong turnyes dayzack snyder's justice league

1016750 commenti su 45326 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net