Recensione napoli milionaria regia di Eduardo De Filippo Italia 1950
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione napoli milionaria (1950)

Voto Visitatori:   8,85 / 10 (10 voti)8,85Grafico
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film NAPOLI MILIONARIA

Immagine tratta dal film NAPOLI MILIONARIA

Immagine tratta dal film NAPOLI MILIONARIA

Immagine tratta dal film NAPOLI MILIONARIA

Immagine tratta dal film NAPOLI MILIONARIA

Immagine tratta dal film NAPOLI MILIONARIA
 

Commedia tragica uscita quando in gran parte della penisola gli echi del conflitto non si erano ancora spenti, "Napoli milionaria" ha dato ad Eduardo De Filippo un grande successo nazionale ed oltre i confini, anche se il grande commediografo napoletano non ha voluto in seguito rappresentarla tanto spesso.
La trasposizione cinematografica però non è del tutto fedele al testo teatrale, ma piuttosto si presenta quasi come un'integrazione che costruisce l'antefatto e il finale che mancavano alla commedia conclusa con un allegorico "Ha dda passa' 'a nuttata".

Eduardo introduce nella vicenda un personaggio inesistente nell'originale, interpretato dall'amico Totò e cioè Pasquale, un povero cristo che si arrabatta continuamente per tirare a campare, ed è a lui che Eduardo cede una delle scene chiave dell'intera storia: quella cioè del finto morto che conclude il primo atto.
La storia si divide in tre quadri principali: prologo (anteguerra arricchito dal duetto Totò-Eduardo sulle cause dello scoppio di un conflitto), guerra e dopoguerra a sua volta divisa in due parti distinte. Eduardo si sofferma più che sui personaggi originari della sua commedia sul vicolo e sui suoi abitanti intendendo dare una visione d'insieme, nel contempo però i suoi personaggi non finiscono penalizzati da questa rilettura poiché un occhio attento è in grado di approfondire certe loro caratteristiche che altrimenti sarebbero sfuggite allo spettatore (donna Adelaide, interpretata dalla sorella Titina nel ruolo di una affittacamere un po' tirchia, la figlia "perduta", il figlio Amedeo vittima di se stesso e delle sue cattive compagnie). La protagonista principale Leda Gloria (futura moglie di Peppone nel ciclo di don Camillo) pur valida non riesce a dare al suo personaggio il pathos della sua corrispettiva Regina Bianchi interprete di una felice trasposizione televisiva del 1962, ma è proprio nei personaggi minori la forza del film che attraverso questi minuscoli bozzetti rendono il continuo passaggio da commedia a tragedia.

Risulta vincente il personaggio di Pasquale Miele, il "cavallo in affitto" che per vivere nel corso degli anni si inventa i mestieri più disparati (il finto morto a copertura delle merci a borsa nera, il reo confesso a noleggio e persino l'arringatore di folle ingaggiato da un partito nella neonata Repubblica). Pasquale con i suoi mille mestieri e la sua fame atavica è il moderno Pulcinella, maschera tragica degna rappresentante dei mali eterni di Napoli, sempre denunciati e purtroppo eternamente mal risolti.
Pasquale è anche una pratica dimostrazione di come i napoletani accettino le varie situazioni cercando di trovare un rimedio per non subire troppo: testimonianza il modo di affrontare il passaggio ai vari regimi, dalle disposizioni dei fascisti al breve dominio tedesco, dalla presenza degli anglo-americani e infine alla Repubblica. Il vero napoletano sembra essere Pasquale con la sua rassegnata arte di arrangiarsi piuttosto che Gennaro Iovine, il protagonista della vicenda, troppo spesso testimone passivo e capro espiatorio suo malgrado.
La prima parte del film risulta però sicuramente più centrata, mentre la seconda nella quale il regista intende dare una conclusione alle vicende della famiglia Iovine permeata di buonismo scivola più superficialmente, è più affrettata nella smania di regalare agli spettatori un apparente lieto fine pur mantenendo il proposito di film denuncia.
Nel complesso la prima prova registica cinematografica di Eduardo può dirsi felice regalando a noi spettatori posteri un valido documento della storia recente e un pezzo della bravura recitativa partenopea.

Commenta la recensione di NAPOLI MILIONARIA sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di peucezia - aggiornata al 20/02/2008

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

 HOT
007 spectre11 donne a parigi
 NEW T
1981: indagine a new yorka bigger splashalvin superstar: nessuno ci puo' fermareassolobabbo natale non viene da nordbelle e sebastien - l'avventura continuacarolchiamatemi francesco - il papa della genteclub life
 HOT
creed - nato per combatteredaddy's home
 R
dio esiste e vive a bruxellesdoraemon il film: nobita e gli eroi dello spaziofantasticherie di un passeggiatore solitariofrancofoniafrannygarm wars: l'ultimo druidoheart of the sea - le origini di moby dickhunger games: il canto della rivolta parte 2i spit on your grave 3:vengeance is mineil figlio di saulil gesto delle maniil labirinto del silenzioil mago - l'incredibile vita di orson wellesil paese dove gli alberi volanoil piccolo principe (2015)
 HOT
il ponte delle spieil professor cenerentoloil sapore del successoil viaggio di arlo
 NEW
il viaggio di normin fondo al boscoiqbal: bambini senza paurairrational man
 T
joy (2015)
 T
krampus - natale non e' sempre natalela corrispondenzala felicita' e' un sistema complessola grande scommessala isla minimala quinta onda
 T
l'abbiamo fatta grossalacrime di san lorenzole ricette della signora tokuleone nel basilicolittle sisterloro chi?macbeth (2016)masha e orso: amici per sempremiss julie (2015)mon roi - il mio remr. holmes - il mistero del caso irrisoltonatale all'improvvisonatale col bossne' giulietta ne' romeo
 NEW
orgoglio e pregiudizio e zombieperfect day (2015)piccoli brividipoint break (2016)
 R
quel fantastico peggior anno della mia vita
 HOT
quo vado?regression
 NEW
remember
 HOT
revenant - redivivoridendo e scherzando (2015)se mi lasci non vale
 NEW
seconda primaverasherlock - l'abominevole sposa
 HOT
star wars: il risveglio della forza
 HOT
steve jobsstorie di cavalli e di uominithe eichmann showthe forest (2016)
 NEW HOT
the hateful eight
 R
the look of silencethe pills: sempre meglio che lavorarethe vatican tapes
 HOT T
the visitthis changes everythingti guardoun posto sicurouna volta nella vitauncageduno per tuttivacanze ai caraibi - il film di natalewacken 3d

926195 commenti su 34420 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net