Recensione mulholland drive regia di David Lynch USA 2001
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione mulholland drive (2001)

Voto Visitatori:   8,28 / 10 (414 voti)8,28Grafico
Voto Recensore:   9,00 / 10  9,00
Miglior film straniero
VINCITORE DI 1 PREMIO CÉSAR:
Miglior film straniero
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film MULHOLLAND DRIVE

Immagine tratta dal film MULHOLLAND DRIVE

Immagine tratta dal film MULHOLLAND DRIVE

Immagine tratta dal film MULHOLLAND DRIVE

Immagine tratta dal film MULHOLLAND DRIVE

Immagine tratta dal film MULHOLLAND DRIVE

Immagine tratta dal film MULHOLLAND DRIVE
 

Recuperando come un abile prestigiatore il pilota di un film per la televisione che gli era stato rifiutato dalla ABC in quanto incomprensibile, David Lynch torna sul grande schermo con la sua ultima opera, Mulholland Drive. Richiamati gli attori principali a distanza di circa un anno e mezzo, Lynch ha dovuto riprendere quell'episodio pilota di una serie televisiva che non si sarebbe pi¨ fatta e che stolti individui avevano giudicato poco idoneo al grande pubblico, cercando di scomporlo e di trovare altri tasselli da aggiungervi, in modo da creare un'opera completa e finita e che non sembrasse, appunto, la puntata zero di una serie.
Il risultato Ŕ qualcosa che Ŕ andato sicuramente oltre ogni pi¨ rosea aspettativa dell'autore stesso che ha confessato di aver faticato non poco nel trovare il bandolo della matassa per ricucire il tutto e trasformarlo in un film. Lynch Ŕ riuscito a sfornare uno dei film pi¨ solidi e maturi di tutta la carriera, che racchiude i temi principali che contraddistinguono il suo lavoro e che risulta essere cosý una vera e propria summa del suo cinema.

La trama: una giovane donna sta per essere uccisa da due sicari nella macchina su cui sta viaggiando, ma un provvidenziale incidente la salva. Scampata alla sciagura scopre di non avere pi¨ memoria e si rifiugia nella casa di un'aspirante attrice che la prende in amicizia e con cui inizia a indagare sul suo passato. Tra registi frustrati a cui vengono imposte le attrici, nani seduti su poltrone e teatri in cui si consumano spettacoli fumosi e onirici, la trama Ŕ destinata a ribaltarsi e ad aggrovigliarsi senza mai tuttavia perdere la sua intrinseca logicitÓ e diventando infine una stupenda storia di amore, di morte e di pazzia.

Un sogno. Non c'Ŕ altro modo per definire l'ultimo film di David Lynch. Uno splendido e terribile sogno in cui si cade fin dai titoli di testa strampalati e stranissimi e da cui ci risveglia solo l'ultima battuta del film, che sembra provenire direttamente dal mondo sfuggente, e forse specchio del nostro, che Ŕ presente in molti film di David Lynch: silencio...

E' proprio questo ci˛ che interessa a Lynch. La trama non conta, non conta tanto quello che viene raccontato, ma conta ci˛ che esso significa e le emozioni che suscita. Non a caso sono le immagini e i suoni il vero fulcro del cinema di Lynch, tutto quello che sta intorno Ŕ soltanto un pretesto per condurre lo spettatore lungo strade perdute a lui sconosciute: a tal proposito Ŕ profondamente simbolica la scena in cui vediamo le due attrici che si prendono per mano e si avviano attraverso un sentiero che sembra appena uscito da una favola. Dove fino a poco prima c'era una cittÓ pulsante con le sue luci, ecco che bastano alcuni alberi e un sentiero nascosto per trasformare il loro cammino in un simbolico sogno, ed Ŕ proprio quello che vorrebbe fare Lynch con i suoi spettatori. Con Mulholland Drive Lynch riesce in pieno in quest'impresa, ogni singola inquadratura Ŕ perfetta, la recitazione sopra le righe e gli effetti sonori sono funzionali allo scopo ultimo di far apparire tutto come uno strano e grandissimo sogno, e anche quando il film si orienta decisamente verso il non sense, esso rimane comunque su virtuali binari che non lo portano mai a deragliare verso la presa per i fondelli: il film riesce a mantenere una sua logica per tutta la durata della pellicola ed Ŕ infatti un vero piacere riguardarlo una seconda volta per capire che fin dalle prime battute ogni particolare non Ŕ stato messo a caso ed ha prima o poi un suo riscontro e quindi un significato.
Un film apparentemente da interpretare, ma in realtÓ non particolarmente criptico come pu˛ sembrare all'inizio: rappresentazione di una mente malata attraversata dalla pazzia, ma anche solare e speranzosa, piena di sogni, il film Ŕ di fatto una vera e propria storia d'amore al femminile, ma non certo la classica storia hollywoodiana. Quello che Lynch sceglie di raccontare Ŕ l'amore pi¨ terribile, quello che porta lungo i sentieri della follia e che conduce infine alla morte. Ci˛ che il film lascia alla fine della visione Ŕ una sensazione di sgomento, come quando ci risveglia da un incubo che all'inizio sembrava un bel sogno, un finale terribile che chiude in modo pregevole la pellicola, ma che sicuramente Ŕ distante anni luce dai canoni hollywoodiani. Non a caso, all'interno del film vi Ŕ una sotto trama che rappresenta una cinica visione proprio del mondo di Hollywood, con registi sottomessi ai voleri di produttori che arrivano alle minacce fisiche pur di far valere le loro raccomandazioni, e vittime innocenti, distrutte dall'ingranaggio spietato dello star system, crudelmente sottomesse e poi snobbate da coloro che invece sfondano e riescono a raggiungere il tanto anelato successo.

Alla riuscita del film hanno sicuramente contribuito le due attrici principali, una vera rivelazione: Laura Helena Harring e Naomi Watts. In particolar modo quest'ultima ha dovuto affrontare un personaggio complesso e difficile che subisce una trasformazione radicale ad un certo punto del film e ci Ŕ riuscita veramente alla grande. Il suo Ŕ un personaggio chiave, e fallire avrebbe rappresentato sicuramente un grosso limite per la pellicola, che invece ha trovato in lei un ulteriore punto di forza.
Anche la colonna sonora si attesta su livelli elevati: Angelo Badalamenti, collaboratore storico di Lynch dai tempi di Velluto Blu, non sbaglia un colpo ed Ŕ attualmente, secondo me, uno dei migliori compositori di musiche dell'intero panorama cinematografico. Le musiche che ha composto per il film contribuiscono non poco ad immergere lo spettatore in quell'atmosfera onirica che ricerca continuamente David Lynch e sono quindi un elemento altrettanto importante quanto la recitazione delle attrici.

Mulholland Drive Ŕ quindi uno dei film pi¨ eleganti, complessi e struggenti di David Lynch. A ben vedere potrebbe assomigliare ad un incrocio tra un noir alla Velluto Blu e la serie televisiva di Twin Peaks: i temi di Lynch ci sono tutti, ma questa volta il risultato ha qualcosa in pi¨, una coerenza e una soliditÓ strutturale forse nuova e che confermano Lynch come un regista versatile e tutt'ora in stato di grazia, nonostante anni di carriera alle spalle. Da vedere assolutamente.

Commenta la recensione di MULHOLLAND DRIVE sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di stefano76 - aggiornata al 08/03/2005

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

5 cm al secondoa haunting at silver falls 2a spasso con willya un metro da tea.n.i.m.a.after (2019)alexander mcqueen - il genio della moda
 NEW
alive in franceancora un giornoasterix e il segreto della pozione magicaattacco a mumbai - una vera storia di coraggio
 NEW
attenti a quelle dueavengers: endgame
 NEW
banglabe kind - un viaggio gentile all'interno della diversita'beautiful thingsbene ma non benissimobentornato presidentebook club - tutto puo' succedereborder: creature di confineboy erased - vite cancellatebutterfly (2019)cafarnaocaptain marvelcaptive stateche fare quando il mondo e' in fiamme?cocaine - la vera storia di white boy rickcyrano, mon amourdafnedagli occhi dell'amoredetective per casodiabolik sono iodilili a parigidolceroma
 NEW
dolor y gloriadumbo (2019)ed e' subito serafratelli nemici - close enemiesgauguin a tahiti. il paradiso perdutogloria bellgo home - a casa lorogordon & paddy e il mistero delle nocciolehellboy (2019)highwaymen - l'ultima imboscatai figli del fiume gialloi fratelli sistersi villeggiantiil campione (2019)il carillonil coraggio della verita (2018)il corpo della sposail grande spiritoil museo del prado. la corte delle meraviglieil professore e il pazzoil ragazzo che diventera' reil vegetarianoil venerabile w.il viaggio di yaoinstant familyjohn mcenroe - l'impero della perfezione
 NEW
john wick 3 - parabellumkarenina & ikurskla caduta dell'impero americanola citta' che curala conseguenzala fuga - girl in flightla llorona: le lacrime del malela mia seconda voltala notte e' piccola per noi - director's cutla promessa dell'albal'alfabeto di peter greenawayle grand balle invisibilil'educazione di reyl'eroelikemebacklo spietatol'uomo che compro' la lunal'uomo fedelema cosa ci dice il cervello
 NEW
mo' vi mento - lira di achillemomenti di trascurabile felicita'my hero academia the movie: the two heroesnessun uomo e' un'isolanoinon ci resta che riderenon sono un assassinonon sposate le mie figlie 2normaloro verde - c'era una volta in colombiapet sematarypeterloopokemon detective pikachu
 NEW
quando eravamo fratelliquello che i social non dicono - the cleanersrabidrapiscimired joanricordi?sara e marti - il filmsarah & saleem - la' dove nulla e' possibilescappo a casasharon tate: tra incubo e realta'shazam!sofiasolo cose bellestanlio e ollioted bundy: fascino criminalethe brink - sull'orlo dell'abissothe intruder (2019)the prodigy - il figlio del maletorna a casa, jimi!triple frontiertutte le mie nottitutti pazzi a tel avivtutto liscioun viaggio a quattro zampeun viaggio indimenticabileuna giusta causaun'altra vita - mug
 NEW
unfriended: dark webwonder park

987984 commenti su 41320 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net