Recensione motel woodstock regia di Ang Lee USA 2009
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
Ciao Paul!
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione motel woodstock (2009)

Voto Visitatori:   6,89 / 10 (35 voti)6,89Grafico
Voto Recensore:   7,00 / 10  7,00
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film MOTEL WOODSTOCK

Immagine tratta dal film MOTEL WOODSTOCK

Immagine tratta dal film MOTEL WOODSTOCK

Immagine tratta dal film MOTEL WOODSTOCK

Immagine tratta dal film MOTEL WOODSTOCK

Immagine tratta dal film MOTEL WOODSTOCK
 

Nel 1969 l'America ospita, senza che potesse prevederlo o fermarlo, il più grande concerto rock della storia della Musica. Nei campi di Bethel, piccola cittadina dello stato di New York, viene allestito il festival di Woodstock, che in tre giorni di musica rock libera l'espressione pacifista di una generazione che voleva cambiare il mondo con l'amore.

A quarant'anni dall'anniversario dello storico evento esce un film che ne ricorda la gestazione, basandosi sulla biografia di Elliot Tiber, Taking Woodstock (da cui è tratto anche il titolo originale del film), il ragazzo che permise agli organizzatori del concerto di avere un luogo dove realizzarlo.
Elliot Tiber è un giovane artista che s'impegna per far rimanere a galla la pensione dei genitori, El Monaco Hotel, oberata di debiti. Quando viene a sapere che il Festival di Woodstock non ha trovato una sede dove essere allestito, si fa avanti offrendo la sua proprietà e il permesso che aveva ottenuto per il White Lake Music and Arts Festival, diventando colui che permise di far diventare il concerto leggendario.

Il nuovo film di Ang Lee è una commedia dai toni leggeri, fresca e spensierata, che punta principalmente a dare un'idea dell'atmosfera del making of, una ricostruzione della preparazione ad un evento che non ci si aspettava potesse assumere simili dimensioni d'importanza. È tutto uno scoprire qualcosa di inaspettato e gioiosamente libero. In un'escalation di disinvoltura e coscienza di cosa sta diventando per l'America quel concerto, Elliot e i suoi genitori si trovano di fronte ad una moltitudine umana che riporterà energia ed entusiasmo nella loro cittadina e ancora di più nelle loro vite.
La scelta è quella di non mostrare alcuna immagine del concerto in sé, ed è da considerarsi sensata.

Cosa e come è stato quel concerto lo sanno tutti, chi (fortunato) direttamente, chi indirettamente, e sarebbe ripetitivo nonché poco originale rifarsi su qualcosa che è già di per sé spettacolare e sensazionale per la sua unicità. Sarebbe una mossa parassitaria appoggiarsi alle immagini di quel palco e di quei musicisti ormai entrati nell'Olimpo del Rock. Si opta dunque sul focalizzare l'attenzione e la curiosità dello spettatore su quello che c'è stato immediatamente prima e dopo, il prezioso vissuto che non avremo mai potuto conoscere, anche se abbiamo perso il treno per poterlo vivere.
Sulla base di questa scelta, infatti, la colonna sonora è ridotta al minimo; non sono presenti accompagnamenti musicali memorabili che accompagnino le scene, perché si lascia intendere che la vera musica ci sarà nella conca di quei campi da pascolo vestiti a festa, ma è "un'altra storia". In qualche modo non si vuole sciupare quell'atmosfera di grande attesa con melodie che non reggerebbero il confronto e non riuscirebbero neanche a far sembrare realistica la ricostruzione storica.

Ma c'è comunque chi non ha apprezzato questa scelta, lasciandosi distrarre, nel giudizio complessivo sul film, da questa volontà del regista e prestando meno attenzione invece alla resa bellezza della circostanza.
Ci sarebbero effettivamente altre modalità e molti altri registri per poter raccontare l'evento e questa è solo una delle tante prospettive, leggera e soft, ma anche abbastanza sincera da sembrare possibile, specchio dell'ingenuità e dell'innocenza di un'utopia di amore e libertà.

Ciò che indubbiamente traspare dalle sequenze di questo film è la serenità di un clima creato dagli hippies, nel più grande raduno che li abbia mai potuti raccogliere. Testimonia un evento che voleva essere da loro considerato come l'inizio di nuova era di pace e amore, ma forse fu la capitolazione di quella magnifica dimensione di ribellione pacifica che terminò proprio con gli anni Sessanta. Quei ragazzi, spesso denigrati e insultati per il loro stile di vita negativamente etichettato e mai compreso dall'America conservatrice, si impossessarono dell'evento con estrema civiltà e con una favolistica armonia che finì veramente per contagiare tutti. Nella realtà dei fatti i giornalisti americani, pronti a screditare la manifestazione con paurose e immotivate avvisaglie di disordini, dovettero infine ammettere che la magnifica amalgama di giovani fu capace di trasmettere un clima di gioia mai visto.

Ang Lee riporta questo tipo di incredulità e felice constatazione in alcune scene (da episodi realmente accaduti), tra le quali la più significativa e simpatica è sicuramente quella in cui Elliot incontra, in mezzo al caos del leggendario ingorgo che si formò nei dintorni del concerto, un poliziotto con un fiore sul casco da motociclista e gli confessa di dover essersi ricreduto; arrivato infatti per sedare presunti sicuri scompigli, si troverà invece a scortare e gioire di quell'onda di giovani pacifici. Lee riprende anche la difesa che Yasgur (Eugene Levy, l'ironico padre di "American Pie") , il proprietario dei terreni su cui poi venne allestito il concerto, fece in difesa dei ragazzi di Woodstock per la loro cooperazione e gentilezza, dimostrando un senso civico sconosciuto alle cosiddette persone perbene.

Altre scene memorabili rimangono fedeli ai fatti di quei giorni. La pioggia, nonostante i disguidi e le difficoltà che causò, non cambiò l'umore della manifestazione: il fango, che ricoprì i campi, fu un nuovo motivo di allegria, con scivolate liberatorie nelle pendenze.

Apparirà dolcemente catartica la scena in cui Elliot sarà sorpreso da una commozione psichedelica di fronte all'oceano umano che brilla nella notte attorno al palco. Il palco nella realtà era effettivamente collocato nella parte bassa della conca naturale dei campi, e dalle foto si può immaginare che l'effetto fosse più o meno quello visto dall'Elliot cinematografico.
Quest'ultimo è forse l'unico neo in un giudizio positivo. Demetri Martin appare perennemente perso in se stesso, non completamente conscio di ciò che sta accadendo. Sicuramente in parte esprimerà la sensazione di Elliot Tiber, letteralmente travolto dall'evento senza capire come ci fosse finito dentro, ma questa non-personalità straborda eccessivamente, arrivando a trasmettere più un'incapacità d'interpretazione che un suo entrare troppo nel ruolo. Attorno al protagonista si potrà apprezzare un cast vario ed efficace: Emile Hirsch, nei panni di un reduce paranoide del Vietnam, al contempo comico e triste, un improbabile ma azzeccato Liev Schreiber che interpreta il travestito Vilma, ex-Marine, che si propone volontariamente come vigilante di sicurezza del Motel El Monaco. Nel ruolo della madre di Elliot troveremo un'arcigna Imelda Staunton, efficace icona di avarizia e arroganza. Da notare anche Michael Lang, uno degli organizzatori del Festival, interpretato da Jonathan Groff, che colpisce per l'incredibile somiglianza.

"Motel Woodstock" si può definire un buon prodotto, Lee ha colto l'atmosfera di quell'avvenimento: un episodio storico irripetibile per il suo spessore culturale e sociale, un'istantanea su una generazione che credeva veramente nella possibilità di cambiare il mondo e voleva realmente opporsi con l'amore e gli ideali a quell'America passiva e cieca che sosteneva la guerra in Vietnam e le bugie dei politici. Woodstock è propriamente una favola storica in cui la realtà si è fermata per tre giorni ad ascoltare la musica e a fare spazio a una risposta alternativa alla guerra e alla paura di cambiare. Con un apprezzabile impegno a riportare fedelmente alcuni elementi storici e un equilibrata mescolanza di libertà autoriali, Ang Lee si cimenta in un genere da lui poco esplorato; si serve abilmente degli effetti della commedia, senza esagerazioni.

La fotografia mostra sensibilità ai colori più vivaci ed è volutamente portata ad omaggiare il periodo storico. Il motivo degli split-screen, presente ma con misura, ossequia palesemente anche il docu-film del 1970 "Woodstock – Tre giorni di pace, amore e musica" di Michael Wadleigh, ormai un'opera enciclopedica sul concerto.

In conclusione, si può promuovere la commedia di Ang Lee a efficace prospettiva della preparazione di un evento storico per la musica.

Commenta la recensione di MOTEL WOODSTOCK sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di ele*noir - aggiornata al 23/12/2009

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

a quiet place: giorno 1abigail (2024)accattaromaacidamen (2024)animale umanoanimali randagianna (2023)arrivederci berlinguer!bad boys: ride or die
 NEW
banel e adama
 NEW
cuckoocult killer - la vendetta prima di tuttodall'alto di una fredda torreeileenel paraiso
 NEW
era mio figlio (2024)fantastic machinefederer: gli ultimi dodici giornifly me to the moon - le due facce della lunafremontfuga in normandiafuriosa: a mad max sagagarfield - una missione gustosaghost: rite here rite nowgirasoligli immortaligli indesiderabili (2023)
 NEW
glory hole
 R
hit man - killer per casoholy shoeshorizon: an american saga - capitolo 1hotspot - amore senza retei dannatiif - gli amici immaginariil caso goldmanil coraggio di blancheil gusto delle coseil mio posto e' quiil mio regno per una farfallail mistero scorre sul fiumeil regno del pianeta delle scimmieil segreto di liberatoin a violent nature
 NEW
indagine su una storia d'amoreinside out 2io & sissiio e il seccoio, il tubo e le pizzejago into the whitekinds of kindnessl’amante dell'astronautala memoria dell’assassinola morte e' un problema dei vivila profezia del malela stanza degli omicidila tartarugala treccial'esorcismo - ultimo attol'impero
 NEW
l'invenzione di noi duelonglegs
 NEW
l'ultima vendetta
 NEW
madame lunamade in dreams - l'italiano che ha costruito l'americamarcello miomatrimonio con sorpresa (2024)me contro te: il film - operazione spiemetamorphosis (2024)mothers' instinctnew lifeniente da perdere (2024)noir casablancanon riattaccareprima della fine - gli ultimi giorni di enrico berlinguerquattro figlie (2023)quell'estate con ireneracconto di due stagioniricchi a tutti i costiritratto di un amorerobo puffinroma bluessamadsaro' con tesei fratellishoshanashukransuperlunathe animal kingdomthe bikeridersthe boys - stagione 4the fall guythe penitent - a rational manthe rapture - le ravissementthe strangers: capitolo 1the tunnel to summer, the exit of goodbyesthe watchers - loro ti guardanoti mangio il cuoretroppo azzurro
 NEW
twisters
 NEW
un messicano sulla lunaun piedipiatti a beverly hills: axel funa spiegazione per tuttouna storia neraunder parisunfrosted: storia di uno snack americanovangelo secondo mariavincent deve morirewindlesswoken - nulla e' come sembra

1052383 commenti su 50929 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

ALL YOU NEED IS DEATHANCHE I CINESI MANGIANO FAGIOLIBAG OF LIESBLOODLINE KILLERBUTT BOYCINDERELLA'S REVENGEDR. CHEON E IL TALISMANO PERDUTOE IL CASANOVA DI FELLINI?EASTER BLOODY EASTERI DUE TORERII SAW THE TV GLOWIL MIO CORPO PER UN POKERIL MONDO DI ALEXIL SIGNORE DEL DISORDINEINSOSPETTABILE FOLLIAIP MAN: IL RISVEGLIOISLAND OF THE DOLLSK9 - SQUADRA ANTIDROGALA FORZA DELLA VENDETTALA STRANA SIGNORA DELLA PORTA ACCANTOLA TOTALE!L'APPRENDISTA DELLA TIGREMIO FIGLIO (2018)REFUGERINGO E GRINGO CONTRO TUTTISATAN'S SLAVE (1980)SPOONFUL OF SUGARSWIMTHE MONKEY KINGTHE MOONTHE PRINCESS (2022)THE SHE-CREATURETHE SOUL EATERUFO SWEDENUN AMORE IN PERICOLOWOMAN WALKS AHEAD

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

in sala


HIT MAN - KILLER PER CASO
Locandina del film HIT MAN - KILLER PER CASO Regia: Richard Linklater
Interpreti: Glen Powell, Adria Arjona, Austin Amelio, Retta, Sanjay Rao, Molly Bernard, Evan Holtzman, Gralen Bryant Banks, Mike Markoff, Bryant Carroll, Enrique Bush, Bri Myles, Kate Adair, Martin Bats Bradford, Morgana Shaw, Ritchie Montgomery, Richard Robichaux, Jo-Ann Robinson, Jonas Lerway, Kim Baptiste, Sara Osi Scott, Anthony Michael Frederick, Duffy Austin, Jordan Joseph, Garrison Allen, Beth Bartley, Jordan Salloum, John Raley, Tre Styles, Donna DuPlantier, Michele Jang, Stephanie Hong
Genere: azione

Recensione a cura di The Gaunt

POVERE CREATURE!
Locandina del film POVERE CREATURE! Regia: Yorgos Lanthimos
Interpreti: Emma Stone, Mark Ruffalo, Willem Dafoe, Ramy Youssef, Jerrod Carmichael, Christopher Abbott, Margaret Qualley, Suzy Bemba, Kathryn Hunter, Hanna Schygulla, Vicki Pepperdine, Jack Barton, Charlie Hiscock, Attila Dobai, Emma Hindle, Anders Grundberg, Attila Kecskeméthy, Jucimar Barbosa, Carminho, Angela Paula Stander, Gustavo Gomes, Kate Handford, Owen Good, Zen Joshua Poisson, Vivienne Soan, Jerskin Fendrix, István Göz, Bruna Asdorian, Tamás Szabó Sipos, Tom Stourton, Mascuud Dahir, Miles Jovian
Genere: fantascienza

Recensione a cura di The Gaunt

archivio


THE DEVIL IN MISS JONES
Locandina del film THE DEVIL IN MISS JONES Regia: Gerard Damiano
Interpreti: Georgina Spelvin, John Clemens, Harry Reems
Genere: erotico

Recensione a cura di The Gaunt

MERCOLEDI' - STAGIONE 1
Locandina del film MERCOLEDI' - STAGIONE 1 Regia: Tim Burton, Gandja Monteiro, James Marshall
Interpreti: Jenna Ortega, Gwendoline Christie, Riki Lindhome, Jamie McShane, Hunter Doohan, Percy Hynes White, Emma Myers, Joy Sunday, Georgie Farmer
Genere: fantasy

Recensione a cura di Gabriele Nasisi

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net