Recensione million dollar baby regia di Clint Eastwood USA 2004
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione million dollar baby (2004)

Voto Visitatori:   8,34 / 10 (564 voti)8,34Grafico
Miglior FilmMiglior Regia (Clint Eastwood)Miglior Attrice Protagonista (Hilary Swank)Miglior attore non protagonista (Morgan Freeman)
VINCITORE DI 4 PREMI OSCAR:
Miglior Film, Miglior Regia (Clint Eastwood), Miglior Attrice Protagonista (Hilary Swank), Miglior attore non protagonista (Morgan Freeman)
Miglior film straniero
VINCITORE DI 1 PREMIO DAVID DI DONATELLO:
Miglior film straniero
Miglior film straniero
VINCITORE DI 1 PREMIO CÉSAR:
Miglior film straniero
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film MILLION DOLLAR BABY

Immagine tratta dal film MILLION DOLLAR BABY

Immagine tratta dal film MILLION DOLLAR BABY

Immagine tratta dal film MILLION DOLLAR BABY

Immagine tratta dal film MILLION DOLLAR BABY

Immagine tratta dal film MILLION DOLLAR BABY

Immagine tratta dal film MILLION DOLLAR BABY
 

"Ognuno porta il suo Anchise sulle spalle" diceva sempre un caro amico, che mi leggerà lusingandosi per la espressa citazione (ciao, Angelo!).
In effetti non è facile liberarsi dai vincoli delle nostre origini, cui dobbiamo sì certe nostre fortune, ma pure un pesante fardello per l'intera esistenza. E questo vale non solo per i destini degli individui, ma pure a livello di paesi, nazioni, popoli, società e culture, vastamente intese. Da cui l'imprescindibile connotazione "originaria" anche dell'opera d'arte, che vive bensì all'interno di un autore come identità aliena, "altra da lui", (come avviene nelle psicosi), ma che non può non risentire dei condizionamenti culturali di base.

La premessa per introdurci all'esame non solo e non tanto di "Million Dollar Baby", quanto invece al personaggio Clint Eastwood nel suo complesso, che amo da sempre, per due motivi antitetici: da un canto l'aria maschia e fiera del cow-boy del western amato nell'infanzia, novello Gary Cooper, duro ma buono. Dall'altro, per il fatto di aver saputo riscattarsi da questo personaggio di maniera passando personalmente alla regia con vicende reali, e storie drammatiche, fortemente introspettive: meno inseguimenti in auto... e più psicologia! Tali meriti vanno indubbiamente riconosciuti anche al film in oggetto, Million Dollar Baby, osannato da tutta la critica come un vero capolavoro. E in effetti il delineare crudamente il destino di individui vessati dal caso, eternamente perdenti, rende la storia drammaticamente credibile, come pure l'amicizia tra Clint e il nero semicieco, cementata dalla pluriennale frequentazione e costellata di tragici eventi. Lo stesso, ancor più, va detto del personaggio femminile, astro nascente della box muliebre, novella Diana del mito, che cerca attraverso uno sport disumano il riscatto improbabile da tristi destini personali.

Ciò detto, però, torneremmo a quanto detto in apertura sui condizionamenti originari.
Abbiamo l'impressione che, per quanto diverso e alternativo, neppure il magnifico Clint possa liberarsi davvero della sua eredità genetica; c'è nel DNA degli americani un gusto imprescindibile per il mito del successo e per la violenza-spettacolo, cui il regista fa sempre ricorso, fin dalla scelta del soggetto. La box è spettacolo crudele, che forse ai nostri figli sarà giustamente interdetto; eppure, guarda caso, qui viene declinato addirittura al femminile e con crudele compiacimento (come peraltro succede nell'America di tutti i giorni... e le vicende irachene confermano). Altrettanto potrebbe dirsi di certi personaggi di contorno, come la famiglia vampiresca della giovane pugilatrice, i manager opportunisti e spietati, il pubblico assetato di sangue o il giovane border-line in preda a sogni schizoidi di successo.

Tinte forse troppo forti, se pur controbilanciate da scelte tematiche credibili e profonde.
Punti vincenti del film sono in effetti la velata storia d'amore tra la giovane pugile e l'anziano maestro, imperniata sui canoni più classici dell'Edipo, a compensazione, per lui, del mancato amore della figlia di sangue, e, per lei, del vuoto lasciatole dalla morte del padre naturale; e, secondo elemento di fondo, la spinosa questione della scelta di una morte dolce, per la giovane, paralizzata ed amputata. Grandi temi, quelli della eutanasia e dell'amore edipico, trattati entrambi con una estrema delicatezza di tocco, nel più poetico e sfumato dei modi, con accenti davvero commoventi. Di qui, forse, deriva il favore incondizionato di pubblico e critica verso il film; secondo me eccessivo, perché i giudizi pilotati dall'emotività, senza il supporto di analisi più ragionate e riflessive, rischiano di penalizzare gli effettivi valori estetici di un'opera, laddove dovrebbe prevalere un giusto mix di forma e sostanza, ragione e sentimento.

Ciò malgrado il film ha diversi aspetti pregevoli, e, in primis, una performance eccezionale: la superba e incomparabile interpretazione di Hilary Swank, nella parte della sfortunata campionessa.

Commenta la recensione di MILLION DOLLAR BABY sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di GiorgioVillosio - aggiornata al 21/02/2005

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

18 regali1917adoration (2019)alla mia piccola samaandrej tarkovskij. il cinema come preghiera
 NEW
bad boys for lifebirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinnboterocaterina
 NEW
cats (2019)
 NEW
cattive acquecena con delitto - knives outcercando valentina - il mondo di guido crepaxche fine ha fatto bernadette?city of crimecolor out of space
 NEW
criminali come noidiamanti grezzidio e' donna e si chiama petrunyadolittle
 NEW
fabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovatofantasy islandfigli (2020)gli anni piu' belligood boys - quei cattivi ragazzigrandi bugie tra amicihammametherzog incontra gorbaciovil diritto di opporsiil drago di romagnail ladro di giorniil lago delle oche selvaticheil mistero henri pickil primo natale
 NEW
il richiamo della foresta (2020)il terzo omicidioimpressionisti segretijojo rabbitjudy (2019)jumanji - the next leveljust charlie - diventa chi seila dea fortuna
 NEW
la mia banda suona il popla ragazza d'autunnolast christmasleonardo. le opere
 NEW
l'hotel degli amori smarritil'immortale (2019)l'inganno perfetto
 NEW
lontano lontano
 NEW
lunar citymarco polo - un anno tra i banchi di scuolame contro te: il film - la vendetta del signor s
 HOT R
memorie di un assassinonancyodio l'estatepiccole donne (2019)pinocchio (2019)playmobil: the moviepromarerichard jewellritratto della giovane in fiammescherza con i fantischool of the damnedshow me the picture: the story of jim marshallsonic - il filmsorry we missed youspie sotto coperturastar wars - l'ascesa di skywalkersulle ali dell'avventuratappo - cucciolo in un mare di guaithe farewell - una bugia buonathe grudge (2020)the lodge
 HOT
tolo tolouna storia d’arteunderwatervilletta con ospiti

998839 commenti su 42900 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net