Recensione manderlay regia di Lars Von Trier Danimarca, Svezia 2005
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione manderlay (2005)

Voto Visitatori:   7,35 / 10 (70 voti)7,35Grafico
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film MANDERLAY

Immagine tratta dal film MANDERLAY

Immagine tratta dal film MANDERLAY

Immagine tratta dal film MANDERLAY

Immagine tratta dal film MANDERLAY

Immagine tratta dal film MANDERLAY

Immagine tratta dal film MANDERLAY
 

E' inutile. Inutile che in tanti ogni volta si sforzino di trovare parole di fuoco per demolire ogni film di Lars Von Trier. Inutile perchÚ ogni suo nuovo film Ŕ una scoperta, un pugno nello stomaco, un concentrato di invenzioni visive, creative e intellettuali. Lars Von Trier non sta simpatico a molti e forse Ŕ per questo che sta simpatico a me.
Svogliato, furbo, sopravvalutato. Queste le accuse dei detrattori, accuse che a tendere l'orecchio fanno il tipico rumore delle unghie che tentano di arrampicarsi sugli specchi, come pagliuzze negli occhi che non vedono le travi, come montagne che partoriscono topolini. Prendendo per sola capziositÓ preconcetta abbagli a cui non credono nemmeno loro. Come si pu˛ altrimenti definire "svogliato e sopravvalutato" (Paolo Mereghetti) uno che in sequenza ti sforna "Le onde del destino", "Dancer in the dark" e "Dogville"? Come parlare di "formula vincente da riproporre in maniera ripetitiva e meccanica" (sempre Mereghetti) quando i tre film sopra citati non potrebbero essere pi¨ diversi l'uno dall'altro, tre capolavori che potrebbero appartenere alla filmografia di tre registi differenti, tre film sperimentali in cui la ricerca di nuovi linguaggi, di nuovi soluzioni registiche, lungi dall'essere sterili esercizi di stile risultano funzionali come pochi al racconto, amplificandone la portata dei contenuti giÓ di per loro deflagranti?

Secondo capitolo della trilogia dedicata all'America, "Manderlay" Ŕ il proseguo di "Dogville". In fuga da lÓ, dove potÚ sperimentare tutta la drammatica ipocrisia bigotta di una societÓ perbenista e bacchettona, Grace (non pi¨ interpretata da Nicole Kidman ma da Bryce Dallas Howard, figlia di Ron) capita per caso in un altro paesino sperduto degli States dove ancora vige la schiavit¨. Altra situazione delicata, altra situazione simbolica in cui il disegno generale Ŕ lucido e assiomatico come formule matematiche alla lavagna scritte con lo stesso gesso che qui traccia rettangoli e scritte sul palco nudo lÓ dove ci si aspetterebbe case e oggetti scenografici.

Non era Dogma ricerca di autenticitÓ, tentativo di fuggire dall'artificio cinematografico per portare la macchina da presa nel luogo in cui si svolge l'azione e non viceversa? Ebbene Von Trier continua a perseguire il suo obiettivo di veritÓ giungendo alle estreme conseguenze: ribaltando le premesse, rifiutando l'artificio in nome del realismo arriva all'artificiositÓ, all'apparenza pi¨ irreale in cui la messa in scena si fa evidente nella sua mancanza non per citare gratuitamente Brecht ma perchÚ egli ha capito che il cinema Ŕ finzione e che soprattutto la veritÓ da intendersi come perfezione Ŕ possibile solo nel mondo delle Idee.

Quindi sta a noi, alla nostra mente condensare quello che c'Ŕ con quello che si presuppone ci sia, sta al nostro cervello sintetizzare in una scena sola i frammenti di immagini, parole e suoni propostici. Il non finito michelangiolesco funziona allo stesso modo: accennare, abbozzare una forma nel marmo perchÚ poi la mente faccia il resto e ricomponga le lacune come in un miracoloso puzzle. E il miracolo avviene. Von Trier il provocatore, il cinico, il nevrotico, quello che fa impazzire gli attori (rivolgersi a Bjork), quello che arriva a Cannes con l'Internazionale socialista, quello che si dice abbia fatto uccidere realmente l'asino nel film per poi tagliare la scena al montaggio, quello lý insomma che molti odiano e molti amano, Ŕ uno che ha le idee ben chiare, le difende senza mezzi termini e solo per questo credo meriti rispetto. In un'epoca di retorica e morale dominata dal MOIGE e Famiglia Cristiana ancora mi vengono i brividi a ripensare a Grace che ordina lo sterminio di tutti i bambini a Dogville... "Manderlay" non Ŕ da meno. L'obiettivo Ŕ sempre l'America, l'atto d'accusa Ŕ ancora uno sparo, un fendente violento e diretto che mira dritto al centro del bersaglio.

Nei suoi stereotipi e nelle sue stilizzazioni il film Ŕ una metafora mordace che sprizza sarcasmo da tutti i fotogrammi di una societÓ che finge di esportare democrazia per creare altre dittature, della condizione dei neri americani per i quali sarebbe preferibile la vecchia schiavit¨ che una libertÓ solo nominale, dell'americano medio, ingenuo e puritano che ancora si attacca alla bandiera coprendosi gli occhi di ideali contenuti nella prosa retorica della costituzione, metafora che si fa implacabile quando a mo' di favola, nel raccontare l'emancipazione dei poveri schiavi da parte della giovane bianca idealista, ricostruisce il percorso che ha portato alla creazione delle democrazie occidentali con le conseguenti degenerazioni cui conduce un capitalismo senza freni. Qui Von Trier Ŕ spietato: gli basta una disputa idiota (che ora Ŕ?), il principio fondamentale sui cui si basa il concetto di democrazia, (la maggioranza!), per prendersi gioco di quelli che con questa parola ci si puliscono la bocca e di tutti coloro che ancora ci credono. Noi dovremmo saperne qualcosa...

Se ci˛ non bastasse il colpo di grazia deve ancora venire, durante i titoli di coda con le immagini delle atroci persecuzioni ai danni dei neri americani sulle note allegre di Young Americans di Bowie. A tutti quelli che sventolano orgogliosi e compiaciuti la bandiera stelle e strisce: God bless America!

Commenta la recensione di MANDERLAY sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di mirko nottoli - aggiornata al 21/11/2005

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

#unfit - la psicologia di donald trump10 giorni con babbo nataleabout endlessnessaddio al nubilatoalessandra - un grande amore e niente piu'all my friends are deadamore al quadratobaby yaga: incubo nella foresta oscurabastardi a mano armatabliss (2021)burraco fatalecentigradecherry - innocenza perdutacome truecosa sarÓcreators: the pastcrisiselegia americanafino all'ultimo indiziogirl power - la rivoluzione comincia a scuolagodzilla vs. konggovernance - il prezzo del poteregreenlandhoneylandi am greta - una forza della naturai predatoriil cammino di xicoil caso pantani - l'omicidio di un campioneil mio corpo vi seppellira'il principe cerca figlioil talento del calabroneimprevisti digitali
 NEW
jakob's wifejudas and the black messiahla nave sepoltala prima donnala ruota del khadi - l'ordito e la trama dell'indiala stanzala vita straordinaria di david copperfieldl'amico del cuore (2021)lasciami andarel'incredibile storia dell'isola delle roselockdown all'italianal'ultimo paradiso (2021)ma rainey's black bottommadame claudemankminarimurdershownomad: in cammino con bruce chatwinnotizie dal mondooperazione celestinaoperazione varsity blues: scandalo al collegepalazzo di giustiziapalm springs - vivi come se non ci fosse un domaniparadise - una nuova vitaparadise hillspele' - il re del calcioqualcuno salvi il natale 2quello che non ti ucciderange runnersrebeccaroubaix, una lucesacrifice (2020)sola al mio matrimoniosonsotto lo zerosoul (2020)sul piu' belloten minutes to midnight
 HOT
tenetthe fatherthe mauritanianthe midnight skythe nights before christmasthe secret - le verita' nascostethe unholythe united states vs. billie holidaythunder forcetua per sempretutto il mondo e' palesetutto normale il prossimo nataleun divano a tunisiuna classe per i ribelliuna donna promettentewe are the thousand - l'incredibile storia di rockin'1000we can be heroes
 NEW
why did you kill me?wonder woman 1984wrong turnyes dayzack snyder's justice league

1016623 commenti su 45326 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net