Recensione ludwig regia di Luchino Visconti Francia, Germania, Italia 1973
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione ludwig (1973)

Voto Visitatori:   8,61 / 10 (22 voti)8,61Grafico
Miglior filmMigliore regiaDavid speciale (Helmut Berger)
VINCITORE DI 3 PREMI DAVID DI DONATELLO:
Miglior film, Migliore regia, David speciale (Helmut Berger)
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film LUDWIG

Immagine tratta dal film LUDWIG

Immagine tratta dal film LUDWIG

Immagine tratta dal film LUDWIG

Immagine tratta dal film LUDWIG
 

Prima metÓ del diciannovesimo secolo. Giovane e bellissimo, il principe Ludwig sale al trono di Baviera. L'infelice amore per l'affascinante cugina Elizabeth, e l'altrettanto infausta passione per il geniale compositore Richard Wagner, porteranno il giovane Ludwig ad un lento processo di decadimento fisico e morale. Rinchiuso nei suoi castelli, costruiti sotto sua pressante e febbrile richiesta, trascorrerÓ gli ultimi anni della sua breve e tormentata esistenza nel pi¨ totale isolamento, morbosamente incline ad ogni sorta di piacere, vittima della propria follia degenerativa, spaventato ed attratto dalla perversione del proprio desiderio e dell'annientamento del proprio Io frantumato, mentre il consiglio di corte trama alle sue spalle. Rinchiuso in una clinica psichiatrica, dopo essere stato deposto e dichiarato insano di mente, egli si affogherÓ nel lago del parco, durante una passeggiata notturna.

Acclamato dalla critica, mai realmente capito ed amato, Ludwig Ŕ uno dei massimi capolavori di Visconti. Come in La morte a Venezia, l'apparato filmico Ŕ imperneato su quattro elementi portanti: la parabola di decadimento graduale ed inesorabile, che ha il suo apice nella morte del protagonista; il triofalismo scenografico, monumentale e a tratti barocco; una sessualitÓ apertamente perversa e una sensibilitÓ mistica e conturbante, di cui vengono sottolineati i tratti grotteschi e morbosi, che fungono da canali per evidenziare il desiderio acuto di una vitalitÓ e di una passionalitÓ incontenibili e distruttive.

Un magistrale uso della fotografia accompagna ad arte il sottile percorso del protagonista, la sua iniziale bellezza, le sue delusioni, l'insorgere della paranoia, l'ascesa alla follia (ascesa, e non decorso, per Visconti essa Ŕ indubbiamente nobilitante, se pur devastante), le sue perversioni, il suo decadimento, e infine la sua morte.

Il simbolismo erotico Ŕ incessante e sapientemente disturbante: Ludwig, con il volto gonfio, i denti scoperti e rovinati e la barba incolta, negli ultimi spasimi della sua ferita anima di artista, costringe a sÚ un giovane attore, applaudito a Monaco per l'abile interpretazione di Romeo nel Romeo e Giulietta di Shakespeare. Lo costringe a recitare notte e giorno, senza tregua, le stesse battute, morbosamente, mentre la sua coscienza si disgrega gradualmente, lasciandolo in uno stato di estasi autisticamente spiritiuale.

In seguito a non implicitati rapporti orgiastici con i suoi scudieri, nelle segrete del castello, la telecamera si sofferma su i sui occhi assenti e contemporaneamente maniacali. La sua disintegrazione Ŕ imminente.
Nelle emerge il quadro, fortemente autobiografico, di un uomo privato del proprio sentire, stanco di una vita poco empatica, e immerso in un vortice di decadimento e dissoluzione psichica graduale.

Commenta la recensione di LUDWIG sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di Baba o'Riley - aggiornata al 05/12/2003

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

#unfit - la psicologia di donald trump10 giorni con babbo nataleabout endlessnessaddio al nubilatoalessandra - un grande amore e niente piu'all my friends are deadamore al quadratobaby yaga: incubo nella foresta oscurabastardi a mano armatabliss (2021)burraco fatalecentigradecherry - innocenza perdutacome truecosa sarÓcreators: the pastcrisiselegia americanafino all'ultimo indiziogirl power - la rivoluzione comincia a scuolagodzilla vs. konggreenlandhoneylandi am greta - una forza della naturai predatoriil cammino di xicoil caso pantani - l'omicidio di un campioneil mio corpo vi seppellira'il principe cerca figlioil talento del calabroneimprevisti digitalijudas and the black messiahla nave sepoltala prima donnala ruota del khadi - l'ordito e la trama dell'indiala stanzala vita straordinaria di david copperfieldl'amico del cuore (2021)lasciami andarel'incredibile storia dell'isola delle roselockdown all'italianal'ultimo paradiso (2021)ma rainey's black bottommadame claudemankminarimurdershownomad: in cammino con bruce chatwinnotizie dal mondooperazione celestinaoperazione varsity blues: scandalo al collegepalazzo di giustiziapalm springs - vivi come se non ci fosse un domaniparadise - una nuova vitaparadise hillspele' - il re del calcioqualcuno salvi il natale 2quello che non ti ucciderange runnersrebeccaroubaix, una lucesacrifice (2020)sola al mio matrimoniosonsotto lo zerosoul (2020)sul piu' belloten minutes to midnight
 HOT
tenetthe fatherthe mauritanianthe midnight skythe nights before christmasthe secret - le verita' nascostethe unholythe united states vs. billie holidaytua per sempretutto il mondo e' palesetutto normale il prossimo nataleun divano a tunisiuna classe per i ribelliuna donna promettentewe are the thousand - l'incredibile storia di rockin'1000we can be heroeswonder woman 1984wrong turnyes dayzack snyder's justice league

1016451 commenti su 45275 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net