Recensione la zona regia di Rodrigo PlÓ Spagna, Messico 2007
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
Ciao Paul!
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione la zona (2007)

Voto Visitatori:   7,60 / 10 (58 voti)7,60Grafico
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film LA ZONA

Immagine tratta dal film LA ZONA

Immagine tratta dal film LA ZONA

Immagine tratta dal film LA ZONA

Immagine tratta dal film LA ZONA

Immagine tratta dal film LA ZONA
 

Non sempre la nostra immaginazione ha la capacitÓ di intuire pienamente di cosa pu˛ essere capace l'uomo, quando regredisce allo stato primordiale per difendere la propria agiatezza e il proprio benessere.
Basta guardare questo film per capire che la realtÓ, spesso, va ben al di lÓ dell'immaginazione e che la paura crea un muro tra chi ha tutto e il "diverso" che non ha nulla; per capire come il desiderio di sicurezza si trasformi in ossessione, come la differenza di classe possa diventare odio di classe, come cittadini modello possano trasformarsi in giustizieri.
Tutto ci˛ ci viene mostrato in questo piccolo, importante film, che tutti dovremmo vedere e rivedere, soprattutto i "giustizialisti" di casa nostra, che vedono "il muro" come la sola panacea contro tutti i mali del nuovo millennio.

Vincitore del premio "Opera Prima - Luigi De Laurentiis" alla Mostra di Venezia 2007, dove Ŕ stato presentato alle Giornate degli autori, e vincitore dal "Premio internazionale della critica" al Festival di Toronto, "La Zona" Ŕ il film d'esordio del trentenne regista Rodrigo PlÓ.
Uruguayano d'origine, PlÓ vive e lavora a CittÓ del Messico, una delle cittÓ pi¨ popolose del pianeta, dove una moltitudine disperatamente povera si confronta quotidianamente con una minoranza di sfacciatamente ricchi che, per paura e per isteria collettiva, si rinchiudono in prigioni dorate, in cui le autoritÓ sono corrotte e la legalitÓ si fa latitante e, invece di cercare di cambiare la societÓ, si costruiscono una sorta di spazio autarchico che gli permetta di evitare di entrare in contatto con le masse disperate che vivono appena al di lÓ del muro, la cui unica alternativa sono il furto e la violenza.
E' questo un film necessario, che tocca corde emozionali molto forti e ci invita a riflettere sull'aberrate principio per cui ognuno Ŕ leggittimato a farsi giustizia da sŔ, quando sente minacciato il suo mondo, la sua sicurezza, il suo benessere.

La Zona Ŕ un esclusivo quartiere di ricchi di un'imprecisata cittÓ messicana (CittÓ del Messico?), costituito da un'insieme di villette ordinate ed eleganti, una vera e propria isola felice, un'enlave nel cuore della cittÓ, in cui gli abitanti hanno costituito una societÓ perfetta e vivono una vita ovattata e protetta, lontani dal caos, dalla povertÓ, dal fango, dal sudicio, dalla violenza del mondo esterno.
Circondato da un alto muro di cinta, che lo separa dalle favelas circostanti, La Zona e i suoi abitanti sono protetti da un esercito di guardie private e sorvegliati da numerosissime telecamere a circuito chiuso.
Uno scenario tipicamente da terzo mondo, ma a cui tante cittÓ dell'agiato occidente stanno finendo per assomigliare, circondate come sono da campi rom e baraccopoli abusive.

Grossi e costosissimi SUV varcano ogni giorno i portoni d'ingresso, con dentro i ricchi proprietari che si recano al lavoro e che non vedono l'ora di far ritorno a casa, alla fine della giornata, per rinchiudersi nella sicurezza della loro indifferente autosufficienza.
Quando una notte un violento temporale abbatte un palo della luce e provoca un black-out che mette fuori uso le telecamere di sorveglianza, tre giovani delinquentelli delle favelas decidono di approfittarne per scalare il muro di cinta e penetrare all'interno della "fortezza", con l'intenzione di introdursi in una delle villette per rubare un po' di soldi o qualche oggetto prezioso.
Ma qualcosa va storto e i tre diseredati uccidono un'anziana signora che, svegliandosi, ha mandato a monte il loro piano: da ladri ad assassini, dunque.
E tutto diventa lecito per i residenti, il cui panico iniziale si trasforma, ben presto, in caccia all'uomo.
Due dei "corpi estranei" vengono subito uccisi dagli abitanti, sotto gli occhi dei ragazzi e di Alejandro (un sedicenne abitante con i ricchi genitori all'interno de La Zona), che assiste allibito all'efferatezza poliziesca del padre; il terzo, Miguel, riesce a scappare ma rimane intrappolato nel quartiere e cerca rifugio nella cantina della villa dei genitori di Alejandro.
Inizia allora una spietata caccia all'uomo per eliminare l'unico testimone, con gli abitanti che si riuniscono in assemblea e decidono di mettere tutto a tacere e, per non perdere i privilegi acquisiti dallo Stato, di occultare i cadaveri e occuparsi personalmente del fuggiasco.
Non tutti, naturalmente, sono d'accordo, ma i dissidenti vengono subito zittiti e tacciati, dalla maggioranza dei residenti, capeggiata dal padre di Alejandro, di incapacitÓ a badare ai propri stessi interessi e di non capire la gravitÓ della situazione.
L'impreparazione degli improvvidi pistoleros Ŕ subito evidente: per imperizia rischiano di sparare addosso ai loro stessi figli e umiliano la giÓ corrotta polizia offrendo loro mazzette di pesos in cambio di complicitÓ e tacita licenza di uccidere nell'impunitÓ garantita.
Il giorno del suo sedicesimo compleanno, Alejandro scopre nella sua cantina il fuggiasco, ma ne scopre anche il terrore, che lo rende un essere umano come lui. Scopre anche di avere dei valori etici da difendere, anche a costo di compiere un atto di disubbidienza contro la legge di suo padre, e al costo di inimicarsi gli improvvisati "giustizieri della notte", che si sono dati regole ferree alle quali non Ŕ consentito derogare.
Il terribile finale, specchio e matafora della realtÓ orwelliana che stiamo vivendo, diventa il simbolo emblematico di una politica planetaria della paura, che leggittima il giustizialismo e pratica l'aggressione preventiva, rivolgendo la violenza che teme verso il pi¨ debole e il pi¨ indifeso.

Costruito come un film poliziesco, "La Zona" Ŕ in realtÓ un horror metropolitano che, seppur estremizzando, circoscrive un mix esplosivo fatto di due mondi che si odiano a vicenda, e fa emergere la speranza che tanti alejandri riescano ad abbattere tutti i muri, simboli di illegalitÓ e di ingiustizie, e per scongiurare un mondo intriso di paura e di paranoia, un mondo in cui si riuscirÓ infine ritrovare l'uomo.

Il film Ŕ interpretato magistralmente da due giovani attori semiesordienti: Daniel Tovar (Alejandro) e Alan Chßvez (Miguel), a cui si affiancano Daniel GÝmenez Cacho (il prete di "La mala educacion") e la spagnola Maribel Verd˙ ("Y tu mama tambiÚn"), che interpretano i genitori di Alejandro.
Notevole la presenza di Carlos Bardem, fratello di Javier, nel ruolo del pi¨ spietato abitante de La Zona.

Distribuito in Italia dalla Sacher di Nanni Moretti, "La Zona" conferma la vitalitÓ della cinematografia messicana, una cinematografia poco conosciuta, ma che ha saputo esprimere i talenti di I˝ßrritu, Cuarˇn, Del Toro ed ora anche di questo Rodrigo PlÓ, a cui molti critici predigono un futuro di successi, e lancia un accorato appello ad una societÓ priva di emozione, affinchŔ sappia ritrovare sŔ stessa e la capacitÓ di saper abbattere quei "muri" tra le classi sociali, che generano disuguaglianze e favoriscono l'odio e la violenza tra simili.

Commenta la recensione di LA ZONA sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di Mimmot - aggiornata al 11/04/2008

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

a quiet place: giorno 1abigail (2024)accattaromaacidamen (2024)animale umanoanimali randagianna (2023)arrivederci berlinguer!bad boys: ride or die
 NEW
banel e adama
 NEW
cuckoocult killer - la vendetta prima di tuttodall'alto di una fredda torreeileenel paraiso
 NEW
era mio figlio (2024)fantastic machinefederer: gli ultimi dodici giornifly me to the moon - le due facce della lunafremontfuga in normandiafuriosa: a mad max sagagarfield - una missione gustosaghost: rite here rite nowgirasoligli immortaligli indesiderabili (2023)
 NEW
glory hole
 R
hit man - killer per casoholy shoeshorizon: an american saga - capitolo 1hotspot - amore senza retei dannatiif - gli amici immaginariil caso goldmanil coraggio di blancheil gusto delle coseil mio posto e' quiil mio regno per una farfallail mistero scorre sul fiumeil regno del pianeta delle scimmieil segreto di liberatoin a violent nature
 NEW
indagine su una storia d'amoreinside out 2io & sissiio e il seccoio, il tubo e le pizzejago into the whitekinds of kindnesslĺamante dell'astronautala memoria dellĺassassinola morte e' un problema dei vivila profezia del malela stanza degli omicidila tartarugala treccial'esorcismo - ultimo attol'impero
 NEW
l'invenzione di noi duelonglegs
 NEW
l'ultima vendetta
 NEW
madame lunamade in dreams - l'italiano che ha costruito l'americamarcello miomatrimonio con sorpresa (2024)me contro te: il film - operazione spiemetamorphosis (2024)mothers' instinctnew lifeniente da perdere (2024)noir casablancanon riattaccareprima della fine - gli ultimi giorni di enrico berlinguerquattro figlie (2023)quell'estate con ireneracconto di due stagioniricchi a tutti i costiritratto di un amorerobo puffinroma bluessamadsaro' con tesei fratellishoshanashukransuperlunathe animal kingdomthe bikeridersthe boys - stagione 4the fall guythe penitent - a rational manthe rapture - le ravissementthe strangers: capitolo 1the tunnel to summer, the exit of goodbyesthe watchers - loro ti guardanoti mangio il cuoretroppo azzurro
 NEW
twisters
 NEW
un messicano sulla lunaun piedipiatti a beverly hills: axel funa spiegazione per tuttouna storia neraunder parisunfrosted: storia di uno snack americanovangelo secondo mariavincent deve morirewindlesswoken - nulla e' come sembra

1052392 commenti su 50929 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

ALL YOU NEED IS DEATHANCHE I CINESI MANGIANO FAGIOLIBAG OF LIESBLOODLINE KILLERBUTT BOYCINDERELLA'S REVENGEDR. CHEON E IL TALISMANO PERDUTOE IL CASANOVA DI FELLINI?EASTER BLOODY EASTERI DUE TORERII SAW THE TV GLOWIL MIO CORPO PER UN POKERIL MONDO DI ALEXIL SIGNORE DEL DISORDINEINSOSPETTABILE FOLLIAIP MAN: IL RISVEGLIOISLAND OF THE DOLLSK9 - SQUADRA ANTIDROGALA FORZA DELLA VENDETTALA STRANA SIGNORA DELLA PORTA ACCANTOLA TOTALE!L'APPRENDISTA DELLA TIGREMIO FIGLIO (2018)REFUGERINGO E GRINGO CONTRO TUTTISATAN'S SLAVE (1980)SPOONFUL OF SUGARSWIMTHE MONKEY KINGTHE MOONTHE PRINCESS (2022)THE SHE-CREATURETHE SOUL EATERUFO SWEDENUN AMORE IN PERICOLOWOMAN WALKS AHEAD

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

in sala


HIT MAN - KILLER PER CASO
Locandina del film HIT MAN - KILLER PER CASO Regia: Richard Linklater
Interpreti: Glen Powell, Adria Arjona, Austin Amelio, Retta, Sanjay Rao, Molly Bernard, Evan Holtzman, Gralen Bryant Banks, Mike Markoff, Bryant Carroll, Enrique Bush, Bri Myles, Kate Adair, Martin Bats Bradford, Morgana Shaw, Ritchie Montgomery, Richard Robichaux, Jo-Ann Robinson, Jonas Lerway, Kim Baptiste, Sara Osi Scott, Anthony Michael Frederick, Duffy Austin, Jordan Joseph, Garrison Allen, Beth Bartley, Jordan Salloum, John Raley, Tre Styles, Donna DuPlantier, Michele Jang, Stephanie Hong
Genere: azione

Recensione a cura di The Gaunt

POVERE CREATURE!
Locandina del film POVERE CREATURE! Regia: Yorgos Lanthimos
Interpreti: Emma Stone, Mark Ruffalo, Willem Dafoe, Ramy Youssef, Jerrod Carmichael, Christopher Abbott, Margaret Qualley, Suzy Bemba, Kathryn Hunter, Hanna Schygulla, Vicki Pepperdine, Jack Barton, Charlie Hiscock, Attila Dobai, Emma Hindle, Anders Grundberg, Attila KecskemÚthy, Jucimar Barbosa, Carminho, Angela Paula Stander, Gustavo Gomes, Kate Handford, Owen Good, Zen Joshua Poisson, Vivienne Soan, Jerskin Fendrix, Istvßn G÷z, Bruna Asdorian, Tamßs Szabˇ Sipos, Tom Stourton, Mascuud Dahir, Miles Jovian
Genere: fantascienza

Recensione a cura di The Gaunt

archivio


THE DEVIL IN MISS JONES
Locandina del film THE DEVIL IN MISS JONES Regia: Gerard Damiano
Interpreti: Georgina Spelvin, John Clemens, Harry Reems
Genere: erotico

Recensione a cura di The Gaunt

MERCOLEDI' - STAGIONE 1
Locandina del film MERCOLEDI' - STAGIONE 1 Regia: Tim Burton, Gandja Monteiro, James Marshall
Interpreti: Jenna Ortega, Gwendoline Christie, Riki Lindhome, Jamie McShane, Hunter Doohan, Percy Hynes White, Emma Myers, Joy Sunday, Georgie Farmer
Genere: fantasy

Recensione a cura di Gabriele Nasisi

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net