Recensione l'assassinio di jesse james regia di Andrew Dominik USA 2006
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
Ciao Paul!
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione l'assassinio di jesse james (2006)

Voto Visitatori:   7,54 / 10 (117 voti)7,54Grafico
Voto Recensore:   10,00 / 10  10,00
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film L'ASSASSINIO DI JESSE JAMES

Immagine tratta dal film L'ASSASSINIO DI JESSE JAMES

Immagine tratta dal film L'ASSASSINIO DI JESSE JAMES

Immagine tratta dal film L'ASSASSINIO DI JESSE JAMES

Immagine tratta dal film L'ASSASSINIO DI JESSE JAMES

Immagine tratta dal film L'ASSASSINIO DI JESSE JAMES
 

"The Assassination of Jesse James by the Coward Robert Ford" è tutto racchiuso in: "Tu vuoi essere come me o vuoi essere me?"

Nell'opera di Andrew Dominik schiavi della propria sorte si muovono rarefatti nelle immensità addormentate di un postmoderno western tutto adagiato nelle attese ovattate fra un'azione e l'altra, inarcato fra le molecole di un cielo accelerato, nelle deformate traiettorie degli sguardi da sfiorare, nelle sferzate flessuose sul grano che nutrono le pupille, negli spazi spalancati offesi dal vento e cesellati dal tocco immane di Roger Deakins.

La figura, il cinturone e il piglio imprevedibile di Jesse James si percepiscono in ogni volto lontano, in ogni stanza avulsa, in ogni spazio dilungato e sfocato, in ogni suppellettile estranea e malandata, in ogni conversazione mormorata. Lo stesso Robert Ford è l'agnello sacrificale dell'aurea mitologica di Jesse James come Jesse James è la vittima della psicosi da emulazione di Bob Ford. Entrambi vittime di se stessi e delle proprie immagini riflesse l'una nell'altra, entrambi inesorabilmente addentrati negli oscuri meandri della paranoia intrappolata a medesimi determinabili destini.

Robert Ford ha il viso infantile ed inquietante di Casey Affleck (la migliore interpretazione dell'anno), in grado di manifestare una gamma indescrivibile di sentimenti e ardimenti, dall'invidia all'orgoglio ferito e represso, dall'ingenuità tormentata al cieco determinismo, dal terrore della morte imminente all'insolente spavalderia. Brad Pitt è un altrettanto gigantesco Jesse James che si muove perennemente sul filo invisibile della follia, tra il pianto della fragilità e l'onnipotenza.

Le splendide ed aliene immagini catturate da Dominik (incipit dell'anno!) disegnano e rallentano il trascorrere del tempo, mettono in scacco e fuori fuoco le mosse e zoomano sulle pedine, incendiano le pause, si susseguono onniscienti come ritratti in bianco e nero di un tempo che decanta le sue movenze e le sue misuratissime parole, come scatti indulgenti e rallentati che si depositano addosso ai tessuti dignitosi, nel tormento delle ore notturne passate a frugare nella mente e a sospettare stregati dall'insonnia, sul chilo di metallo dei ferri nelle fondine incandescenti, nell'aria fumosa spostata dal moto delle locomotrici agganciate dalla macchina da presa, nelle occhiaie arrossate d'eroi codardi e di codardi eroici, fino agli spigoli, fino ai recessi reconditi, fino agli anfratti appartati e nascosti di una coscienza malata e troppo stanca per sostentarsi, messa al cappio dalla propria paranoia e pronta a salire sul patibolo domestico per consegnarsi al Mito e alla Storia.

La rappresentazione dei cieli e delle distese sotto di essi, fra l'ansiogena deformazione sokuroviana e l'ansia malickiana immobile che conflagra immanente nelle distese virginali delle estensioni, esplode nei silenzi e nelle movenze, nei canti empirei di morte prima e dopo la Fine, nelle bare dove si celebrano sepolcri imbiancati e vecchi/ nuovi miti, nelle vite che si protraggono oltre la morte tanto quanto la dipartita ne amplifica le gesta (Jesse James) e ne condanna ineluttabilmente il resto della mera sopravvivenza (Robert Ford).
Questo Cinema etereo ed incorporeo si annida per giorni nell'animo e sospende i giudizi, evoca pensieri lontani da avvicinare, sfiorare e solo accarezzare, riconcilia con il purismo della Visione e la sua arte sinuosa, visionaria, dilatata e devastante. Capolavoro.

Commenta la recensione di L'ASSASSINIO DI JESSE JAMES sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di williamdollace - aggiornata al 02/01/2008

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

a quiet place: giorno 1abigail (2024)accattaromaacidamen (2024)animale umanoanimali randagianna (2023)arrivederci berlinguer!bad boys: ride or die
 NEW
banel e adama
 NEW
cuckoocult killer - la vendetta prima di tuttodall'alto di una fredda torreeileenel paraiso
 NEW
era mio figlio (2024)fantastic machinefederer: gli ultimi dodici giornifly me to the moon - le due facce della lunafremontfuga in normandiafuriosa: a mad max sagagarfield - una missione gustosaghost: rite here rite nowgirasoligli immortaligli indesiderabili (2023)
 NEW
glory hole
 R
hit man - killer per casoholy shoeshorizon: an american saga - capitolo 1hotspot - amore senza retei dannatiif - gli amici immaginariil caso goldmanil coraggio di blancheil gusto delle coseil mio posto e' quiil mio regno per una farfallail mistero scorre sul fiumeil regno del pianeta delle scimmieil segreto di liberatoin a violent nature
 NEW
indagine su una storia d'amoreinside out 2io & sissiio e il seccoio, il tubo e le pizzejago into the whitekinds of kindnessl’amante dell'astronautala memoria dell’assassinola morte e' un problema dei vivila profezia del malela stanza degli omicidila tartarugala treccial'esorcismo - ultimo attol'impero
 NEW
l'invenzione di noi duelonglegs
 NEW
l'ultima vendetta
 NEW
madame lunamade in dreams - l'italiano che ha costruito l'americamarcello miomatrimonio con sorpresa (2024)me contro te: il film - operazione spiemetamorphosis (2024)mothers' instinctnew lifeniente da perdere (2024)noir casablancanon riattaccareprima della fine - gli ultimi giorni di enrico berlinguerquattro figlie (2023)quell'estate con ireneracconto di due stagioniricchi a tutti i costiritratto di un amorerobo puffinroma bluessamadsaro' con tesei fratellishoshanashukransuperlunathe animal kingdomthe bikeridersthe boys - stagione 4the fall guythe penitent - a rational manthe rapture - le ravissementthe strangers: capitolo 1the tunnel to summer, the exit of goodbyesthe watchers - loro ti guardanoti mangio il cuoretroppo azzurro
 NEW
twisters
 NEW
un messicano sulla lunaun piedipiatti a beverly hills: axel funa spiegazione per tuttouna storia neraunder parisunfrosted: storia di uno snack americanovangelo secondo mariavincent deve morirewindlesswoken - nulla e' come sembra

1052545 commenti su 50961 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

AYKAMA' ROSA

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

in sala


HIT MAN - KILLER PER CASO
Locandina del film HIT MAN - KILLER PER CASO Regia: Richard Linklater
Interpreti: Glen Powell, Adria Arjona, Austin Amelio, Retta, Sanjay Rao, Molly Bernard, Evan Holtzman, Gralen Bryant Banks, Mike Markoff, Bryant Carroll, Enrique Bush, Bri Myles, Kate Adair, Martin Bats Bradford, Morgana Shaw, Ritchie Montgomery, Richard Robichaux, Jo-Ann Robinson, Jonas Lerway, Kim Baptiste, Sara Osi Scott, Anthony Michael Frederick, Duffy Austin, Jordan Joseph, Garrison Allen, Beth Bartley, Jordan Salloum, John Raley, Tre Styles, Donna DuPlantier, Michele Jang, Stephanie Hong
Genere: azione

Recensione a cura di The Gaunt

ON THE JOB: THE MISSING 8
Locandina del film ON THE JOB: THE MISSING 8 Regia: Erik Matti
Interpreti: John Arcilla, Dennis Trillo, Dante Rivero, Joel Torre, Christopher De Leon, William Martinez, Lotlot De Leon, Ina Feleo, Ricky Davao, Vandolph, Isabelle De Leon, Rayver Cruz, Soliman Cruz, Andrea Brillantes
Genere: poliziesco

Recensione a cura di The Gaunt

archivio


LA ZONA D'INTERESSE
Locandina del film LA ZONA D'INTERESSE Regia: Jonathan Glazer
Interpreti: Christian Friedel, Sandra Hüller, Medusa Knopf, Daniel Holzberg, Ralph Herforth, Maximilian Beck, Sascha Maaz, Wolfgang Lampl, Johann Karthaus, Freya Kreutzkam, Lilli Falk, Nele Ahrensmeier, Stephanie Petrowitz, Marie Rosa Tietjen, Ralf Zillmann, Imogen Kogge, Zuzanna Kobiela, Julia Polaczek, Luis Noah Witte, Christopher Manavi, Kalman Wilson, Martyna Poznanski, Anastazja Drobniak, Cecylia Pekala, Andrey Isaev
Genere: drammatico

Recensione a cura di Gabriele Nasisi

MARILYN HA GLI OCCHI NERI
Locandina del film MARILYN HA GLI OCCHI NERI Regia: Simone Godano
Interpreti: Miriam Leone, Stefano Accorsi, Thomas Trabacchi, Mario Pirrello, Orietta Notari, Marco Messeri, Andrea Di Casa, Valentina Oteri, Ariella Reggio, Astrid Meloni, Giulia Patrignani, Vanessa Compagnucci, Lucio Patané, Agnese Brighittini
Genere: commedia

Recensione a cura di Severino Faccin

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net