Recensione l'assassinio di jesse james regia di Andrew Dominik USA 2006
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione l'assassinio di jesse james (2006)

Voto Visitatori:   7,54 / 10 (114 voti)7,54Grafico
Voto Recensore:   10,00 / 10  10,00
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film L'ASSASSINIO DI JESSE JAMES

Immagine tratta dal film L'ASSASSINIO DI JESSE JAMES

Immagine tratta dal film L'ASSASSINIO DI JESSE JAMES

Immagine tratta dal film L'ASSASSINIO DI JESSE JAMES

Immagine tratta dal film L'ASSASSINIO DI JESSE JAMES

Immagine tratta dal film L'ASSASSINIO DI JESSE JAMES
 

"The Assassination of Jesse James by the Coward Robert Ford" Ŕ tutto racchiuso in: "Tu vuoi essere come me o vuoi essere me?"

Nell'opera di Andrew Dominik schiavi della propria sorte si muovono rarefatti nelle immensitÓ addormentate di un postmoderno western tutto adagiato nelle attese ovattate fra un'azione e l'altra, inarcato fra le molecole di un cielo accelerato, nelle deformate traiettorie degli sguardi da sfiorare, nelle sferzate flessuose sul grano che nutrono le pupille, negli spazi spalancati offesi dal vento e cesellati dal tocco immane di Roger Deakins.

La figura, il cinturone e il piglio imprevedibile di Jesse James si percepiscono in ogni volto lontano, in ogni stanza avulsa, in ogni spazio dilungato e sfocato, in ogni suppellettile estranea e malandata, in ogni conversazione mormorata. Lo stesso Robert Ford Ŕ l'agnello sacrificale dell'aurea mitologica di Jesse James come Jesse James Ŕ la vittima della psicosi da emulazione di Bob Ford. Entrambi vittime di se stessi e delle proprie immagini riflesse l'una nell'altra, entrambi inesorabilmente addentrati negli oscuri meandri della paranoia intrappolata a medesimi determinabili destini.

Robert Ford ha il viso infantile ed inquietante di Casey Affleck (la migliore interpretazione dell'anno), in grado di manifestare una gamma indescrivibile di sentimenti e ardimenti, dall'invidia all'orgoglio ferito e represso, dall'ingenuitÓ tormentata al cieco determinismo, dal terrore della morte imminente all'insolente spavalderia. Brad Pitt Ŕ un altrettanto gigantesco Jesse James che si muove perennemente sul filo invisibile della follia, tra il pianto della fragilitÓ e l'onnipotenza.

Le splendide ed aliene immagini catturate da Dominik (incipit dell'anno!) disegnano e rallentano il trascorrere del tempo, mettono in scacco e fuori fuoco le mosse e zoomano sulle pedine, incendiano le pause, si susseguono onniscienti come ritratti in bianco e nero di un tempo che decanta le sue movenze e le sue misuratissime parole, come scatti indulgenti e rallentati che si depositano addosso ai tessuti dignitosi, nel tormento delle ore notturne passate a frugare nella mente e a sospettare stregati dall'insonnia, sul chilo di metallo dei ferri nelle fondine incandescenti, nell'aria fumosa spostata dal moto delle locomotrici agganciate dalla macchina da presa, nelle occhiaie arrossate d'eroi codardi e di codardi eroici, fino agli spigoli, fino ai recessi reconditi, fino agli anfratti appartati e nascosti di una coscienza malata e troppo stanca per sostentarsi, messa al cappio dalla propria paranoia e pronta a salire sul patibolo domestico per consegnarsi al Mito e alla Storia.

La rappresentazione dei cieli e delle distese sotto di essi, fra l'ansiogena deformazione sokuroviana e l'ansia malickiana immobile che conflagra immanente nelle distese virginali delle estensioni, esplode nei silenzi e nelle movenze, nei canti empirei di morte prima e dopo la Fine, nelle bare dove si celebrano sepolcri imbiancati e vecchi/ nuovi miti, nelle vite che si protraggono oltre la morte tanto quanto la dipartita ne amplifica le gesta (Jesse James) e ne condanna ineluttabilmente il resto della mera sopravvivenza (Robert Ford).
Questo Cinema etereo ed incorporeo si annida per giorni nell'animo e sospende i giudizi, evoca pensieri lontani da avvicinare, sfiorare e solo accarezzare, riconcilia con il purismo della Visione e la sua arte sinuosa, visionaria, dilatata e devastante. Capolavoro.

Commenta la recensione di L'ASSASSINIO DI JESSE JAMES sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di williamdollace - aggiornata al 02/01/2008

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico


1013628 commenti su 44801 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net