Recensione la ragazza che giocava con il fuoco regia di Daniel Alfredson Danimarca, Svezia 2009
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione la ragazza che giocava con il fuoco (2009)

Voto Visitatori:   6,10 / 10 (67 voti)6,10Grafico
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film LA RAGAZZA CHE GIOCAVA CON IL FUOCO

Immagine tratta dal film LA RAGAZZA CHE GIOCAVA CON IL FUOCO

Immagine tratta dal film LA RAGAZZA CHE GIOCAVA CON IL FUOCO

Immagine tratta dal film LA RAGAZZA CHE GIOCAVA CON IL FUOCO

Immagine tratta dal film LA RAGAZZA CHE GIOCAVA CON IL FUOCO

Immagine tratta dal film LA RAGAZZA CHE GIOCAVA CON IL FUOCO
 

Dag Svensson (un giornalista che sta portando avanti un'inchiesta per conto della rivista Millennium, incentrata sul traffico di prostitute dall'est), Mia (la sua fidanzata criminologa) e l'avvocato Nils Bjurman vengono assassinati.
Le impronte sull'arma che Ŕ stata usata nell'omicidio dei primi due, e che apparteneva all'avvocato, sono quelle di Lisbeth la quale viene accusata di triplice omicidio. Il solo a credere alla sua innocenza Ŕ Mikael Blomkvist che si mette alla ricerca dei veri assassini.

"La ragazza che giocava con il fuoco" non pu˛ che essere Lisbeth Salander, pericolosa hacker, temibile asociale dalla memoria prodigiosa, sospetta assassina e protagonista assoluta del secondo capitolo della saga Millennium, dell'ormai celebre Stieg Larsson.
Se in "Uomini che odiano le donne" ci siamo trovati di fronte al classico enigma della camera chiusa, ambientato su un'isola tagliata fuori dai collegamenti con la terraferma per tutta la durata degli avvenimenti sospetti, in questo secondo film diviene molto pi¨ centrale la storia di Lisbeth e il racconto nel complesso assume i toni del thriller.
Lisbeth Ŕ stata incastrata e deve capire alla svelta chi Ŕ che la vuole fuori combattimento, e quando avrÓ la possibilitÓ di scoprire quello che c'Ŕ dietro tutta la montatura sui suoi presunti crimini, sarÓ da sola davanti al suo nemico di sempre.
L'avvocato "sadico porco verme stupratore", con la complicitÓ di un misterioso Zala, innesca una catena di avvenimenti che non sarÓ pi¨ possibile arrestare. E la tenacia sarÓ l'unica arma di cui Lisbeth potrÓ disporre fino alla fine.

Meno avvincente del primo episodio, a causa della fisiologica sospensione procurata dal fatto di essere in sostanza il racconto centrale di una trilogia, questo secondo film soffre un pochino anche del cambio di regia.
In contrapposizione alla regia accurata e coinvolgente di Oplev, Alfredson decide per un racconto pi¨ lineare dall'impronta leggermente pi¨ televisiva. Il risultato Ŕ comunque molto ben congegnato e le oltre due ore vengono spese senza eccessiva difficoltÓ. Oltretutto la storia, che svela parte delle vicissitudini della protagonista pi¨ affascinante dell'intera saga, regala allo spettatore una colpevole occhiata sulle motivazioni del suo complesso e piuttosto singolare universo interiore.
Grazie all'abilitÓ di una sensazionale Noomi Rapace, il cui corpo minuto cela una forza e un fuoco visibili solo a tratti - a volte soltanto tramite un'occhiata lanciata in tralice verso la telecamera,come a cercare la complicitÓ dello spettatore e una certa condivisione, se non dei modi almeno delle motivazioni - Lisbeth acquisisce spessore e una vaga umanitÓ mentre lotta per la sua stessa vita, svelando parte di sÚ per quei pochi che non hanno letto la trilogia.

I fan ritroveranno una rappresentazione quasi olografica, per quanto Ŕ umanamente possibile nel caso della trasposizione di un corpulento romanzo denso di avvenimenti.
La caratterizzazione dei personaggi rimane abbastanza precisa, mentre i toni cupi del primo film cedono il passo ad una spy story serrata e intrigante.
La recitazione Ŕ minimale e ben curata, lontana anni luce dalle patinature d'oltreoceano, e allo spettatore sembrerÓ piuttosto di ritrovare la compagnia di vecchi amici, dall'aspetto convincente e genuino, come dovrebbe poter essere in tutti i casi in cui si racconta la storia di gente comune.

Commenta la recensione di LA RAGAZZA CHE GIOCAVA CON IL FUOCO sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di Anna Maria Pelella - aggiornata al 07/10/2009

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico


1013306 commenti su 44758 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net