Recensione la leggenda di beowulf regia di Robert Zemeckis USA 2007
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione la leggenda di beowulf (2007)

Voto Visitatori:   6,16 / 10 (140 voti)6,16Grafico
Voto Recensore:   6,00 / 10  6,00
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film LA LEGGENDA DI BEOWULF

Immagine tratta dal film LA LEGGENDA DI BEOWULF

Immagine tratta dal film LA LEGGENDA DI BEOWULF

Immagine tratta dal film LA LEGGENDA DI BEOWULF

Immagine tratta dal film LA LEGGENDA DI BEOWULF

Immagine tratta dal film LA LEGGENDA DI BEOWULF
 

Ne è passato di tempo da quando il giovane Robert Zemeckis era considerato un modesto mestierante che operava grazie all'ala protettiva di Steven Spielberg, suo scopritore e mentore.
Lasciato finalmente il filone fantascientifico, in cui si ricordano capolavori come "Contact" o la trilogia di "Ritorno al Futuro", dopo la fortunata e retorica parentesi di "Forrest Gump", eccolo nuovamente tornato al suo primo amore: il cinema di animazione.

Robert Zemeckis è più di un semplice regista, è un grande produttore e sceneggiatore; forse anche per questo è da sempre stato considerato come l'alter ego di Spielberg, con cui condivide la stessa concezione del cinema. La volontà di stupire è sempre stata un punto in comune di gran parte dei suoi film e con "La leggenda di Beowulf" sicuramente Zemeckis coglie nel segno.
Potendo disporre di un budget di ben 150 milioni di dollari, la Paramount finanzia un film a dir poco innovativo, un punto di non ritorno per il cinema di animazione, che sa stupire e nello stesso tempo disorientare lo spettatore.

Il punto di partenza è un antico poema inglese, il "Beowulf", malloppone indigesto di scolastiche reminiscenze, che già in passato ha goduto di alcune trascurabili riduzioni cinematografiche; Zemeckis lo trasforma in un fumettone ridondante, di grande imponenza visiva, con sfoggio di tecnologie all'avanguardia.
Il poema è ambientato in una fredda ed inospitale Danimarca, patria il tremendo Grendel che terrorizza gli abitanti del luogo. L'arrivo del valoroso Beowulf riuscirà a sconfiggere la terribile creatura ed a riportare la pace...Ma non per molto.

L'adattamento di un poema epico di oltre 1500 anni fa è un lavoro molto delicato, che può presentare numerose insidie: si prendano ad esempio film come "Troy", che vedono proprio nella sceneggiatura i maggiori limiti. Consapevole di queste difficoltà Zemeckis si affida a sceneggiatori del calibro di Neil Galman (storyboardista di "Stardust") e a Roger Avary ("Pulp Fiction").
Pur avendo rivoluzionato gran parte del poema, introducendo il filo conduttore della maledizione e dando alla mostruosa madre di Grendel le sembianze dell'eterea Angelina Jolie, ai due sceneggiatori va il merito di essere riusciti a mantenere intatti il fascino e la forza evocativa del racconto.
Nonostante il film stenti a decollare, dilungandosi eccessivamente in una fase introduttiva abbastanza lenta e macchinosa, superati i primi trenta minuti lo spettatore è letteralmente coinvolto nell'incalzante ritmo narrativo del racconto, che trova nella bellissima colonna sonora un ottimo accompagnamento.
E' invece proprio nella realizzazione tecnica che il film incontra i suoi maggiori limiti.

Non sempre la decisione di far recitare gli attori con la tecnica del "motion capture" risulta essere vincente: mentre la resa di personaggi di fantasia come Grendel o la stessa crudele madre è di una notevole forza visiva, la resa grafica dei soggetti umani lascia diverse perplessità.
Non serve prendere attori del calibro di Anthony Hopkins, John Malkovich o Angelina Jolie se poi le loro interpretazioni vengono digitalizzate da una tecnica che non riesce a stare dietro ai centinaia di muscoli facciali di un essere umano, rendendo i personaggi, freddi, spenti e totalmente inespressivi.
Si fatica inoltre a comprendere per quale motivo pur potendo disporre degli attori in carne ed ossa, si opti per una tecnica tanto dispendiosa quanto ancora in via di perfezionamento.
Forse anche per questo il film, pur non potendo essere definito un flop, sta avendo risultati deludenti al botteghino, considerato anche le enormi aspettative legate al costo della pellicola.

Nel complesso siamo in presenza di un bel Fantasy, che sicuramente piacerà agli amanti del genere ma che pecca, però, nell'affidarsi ciecamente alle "magie" della computer grafic, tanto da avere la presunzione di riuscire a sostituire un'altra "magia", quella della recitazione, da cui nessun film può prescindere...Almeno per adesso.

Commenta la recensione di LA LEGGENDA DI BEOWULF sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di Paolo Ferretti De Luca aka ferro84 - aggiornata al 28/11/2007

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

 HOT
1917a quiet place iia riveder le stelleadoration (2019)after midnight (2019)alice e il sindacoalla mia piccola samaandrej tarkovskij. il cinema come preghieraantebellumantlersbad boys for lifebirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinnbombshell - la voce dello scandaloboterobunuel - nel labirinto delle tartarughecambio tutto!candymancaterinacats (2019)cattive acquecena con delitto - knives outcercando valentina - il mondo di guido crepaxche fine ha fatto bernadette?city of crimecolor out of spacecriminali come noida 5 bloods - come fratellidiamanti grezzidio e' donna e si chiama petrunyadolittledoll housedoppio sospettodreamkatchereasy living - la vita facileera mio figliofabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovatofantasy islandgli anni piu' belligrandi bugie tra amicigretel e hanselhammametherzog incontra gorbaciovil diritto di opporsiil drago di romagnail ladro di giorniil lago delle oche selvaticheil meglio deve ancora venireil mistero henri pickil primo nataleil richiamo della foresta (2020)il terzo omicidioimpressionisti segretiin the trap - nella trappolajojo rabbitjudy (2019)jumanji - the next leveljust charlie - diventa chi seila dea fortunala gomera - l'isola dei fischila mia banda suona il popla partita (2020)la ragazza d'autunnola vita nascosta - hidden lifel'agnellol'apprendistatolast christmasleonardo. le operel'hotel degli amori smarritil'inganno perfettolontano lontanolourdes (2019)lunar cityl'uomo invisibile (2020)marco polo - un anno tra i banchi di scuolamarianne e leonard. parole d'amoremarie curieme contro te: il film - la vendetta del signor s
 HOT R
memorie di un assassinonancynon si scherza col fuocoodio l'estateoutbackpicciridda - con i piedi nella sabbiapiccole donne (2019)pinocchio (2019)promarequa la zampa 2 - un amico e' per semprequeen & slimrichard jewellrun sweetheart runsaint maudscherza con i fantischool of the damnedshow me the picture: the story of jim marshallsola al mio matrimoniosonic - il filmsono innamorato di pippa baccaspie sotto coperturaspiral - l'eredita' di saw
 HOT
star wars - l'ascesa di skywalkersulle ali dell'avventuratappo - cucciolo in un mare di guaithe boy - la maledizione di brahmsthe farewell - una bugia buonathe gentlementhe grudge (2020)the lodgethe new mutantsthe other lambthey shall not grow old
 HOT
tolo toloun figlio di nome erasmusuna storia d’arteunderwatervilletta con ospitivivariumvolevo nascondermiwaves

1006185 commenti su 43641 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net