Recensione invictus regia di Clint Eastwood USA 2009
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione invictus (2009)

Voto Visitatori:   7,34 / 10 (231 voti)7,34Grafico
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film INVICTUS

Immagine tratta dal film INVICTUS

Immagine tratta dal film INVICTUS

Immagine tratta dal film INVICTUS

Immagine tratta dal film INVICTUS

Immagine tratta dal film INVICTUS
 

"Non c'è nessuna strada facile per la libertà."
(Nelson Mandela, "Lungo cammino verso la libertà")

"Unitevi! Mobilitatevi! Lottate! Tra l'incudine delle azioni di massa ed il martello della lotta armata dobbiamo annientare l'apartheid."
(Nelson Mandela)

"Invictus" è un film ispirato alla vita di Nelson Mandela, primo Presidente nero del Sud Africa dopo la fine dell'apartheid, premio nobel per la pace nel 1993 insieme a Frederik Willem de Klerk. Il titolo del film è lo stesso di un poema di William Earnest Henley scritto nel 1875 che lo stesso Mandela amava moltissimo, citandone a volte dei brani, come questo: "Nella feroce morsa delle circostanze non mi sono tirato indietro né ho gridato per l'angoscia. Sotto i colpi d'ascia della sorte il mio capo è sanguinante, ma indomito".
L'apartheid (dall'africaans separazione) è stata una politica di segregazione razziale messa in pratica dal Partito nazionale dei bianchi dopo la vittoria elettorale del 1948 contro i neri del Sud Africa e terminata solo nel 1990 con il successo del movimento anti-apartheid di cui faceva parte lo stesso Nelson Mandela come leader, che è anche ricorso alle armi per difendere le sue idee organizzando delle vere e proprie guerriglie.
Mandela venne condannato nel 1962 a cinque anni di carcere per esortazione allo sciopero e per viaggi non autorizzati all'estero, e nel 1964 gli venne inflitto l'ergastolo per sabotaggio e tradimento verso le istituzioni; uscirà nel 1990 grazie alle insistenti pressioni della comunità internazionale e alle reiterate proteste del African National Congress (ANC) che ebbe un ruolo importante per la fondazione nel 1955 della Carta delle libertà, una straordinaria elaborazione dei principi fondamentali della causa anti-apartheid che tanta eco ebbe nel mondo di allora.
La politica dell'apartheid imponeva molti divieti nella vita sociale di allora, come i matrimoni misti e le coabitazioni, la frequentazione degli stessi locali pubblici e lo sport misto dove non era possibile per i neri stare con i bianchi nella stessa squadra. Nei trasporti pubblici l'apartheid prevedeva il divieto ai neri di sedere accanto ai bianchi, come era accaduto nel passato negli Stati Uniti.

Nel film Mandela, una volta eletto presidente del Sud Africa, stringe un'alleanza con il campione di rugby Francois Pienaar (Matt Demon) prospettandogli attraverso il rugby un particolare progetto politico-sportivo per unire il Paese, diviso allora, drammaticamente, dai conflitti razziali tra bianchi (Africaans) e neri.
La squadra del Sud africa, gli Springbook, bandita in precedenza dalle partite ufficiali perché composta da giocatori misti, bianchi e neri, secondo Nelson Mandela doveva cercare, con un impegno eccezionale, di vincere i mondiali del 1995 a Città del Capo per trasmettere al paese un forte messaggio nazionalista, unitario, capace di portare la pace e la tolleranza tra le diverse etnie del Paese. Il campione Francois Pienaar, entusiasta, accetta l'idea assumendosi in prima persona la responsabilità del gravoso impegno.
Nonostante alcuni deludenti risultati ottenuti durante la preparazione ai mondiali, la squadra degli Springbook, animata da un grande pubblico, dal carisma di Mandela e da un campione di alto rendimento come Pienaar, crescerà a tal punto, come psicologia di squadra e tecnica di gioco, da divenire in breve tempo competitiva per la vittoria finale.

La verosimiglianza del film con la realtà è esaltata dai dialoghi in lingua originale, con la recitazione in vari dialetti sudafricani, cosa che ha richiesto agli attori un lungo lavoro supplementare.
La scena simbolo del film è rappresentata dall'entrata in campo di Nelson Mandela, durante l'inaugurazione dei giochi con la maglia del giocatore Jersey dello Springbook, accolto da un'ovazione di pubblico grandiosa che politicamente lasciava ben sperare per l'imminente futuro.
Il film è girato a Cape Town, Johannesburg, ed è tratto dal libro di John Carlin "Ama il tuo nemico. Nelson Mandela e il giorno che fece una nazione." (Edizioni Sperling & Kupster).

"Invictus" è una lieta conferma delle grandi promesse pubblicitarie della vigilia, nonostante numerose e ingenerose critiche lo considerino al di sotto delle attese e deludente nello sviluppo della drammatizzazione intermedia incapace a loro dire di compensare un finale in gran parte scontato.
Eastwood si mantiene su piani fotografici-sonori del tutto validi, alcuni finora poco esplorati, altri che appaiono addirittura originali dando al film inquadrature e acustiche memorabili; ne è un esempio la scena della mischia finale nella partita di rugby, una delle decisive per il match, che viene ripresa facendo sentire i respiri e i forti rumori gutturali, prolungati, dei giocatori ormai stremati ma indomiti, presi nell'immane sforzo di spinta per conquistare il pallone. Una scena da antologia del cinema, del tutto inedita nella storia dei film, con una messa a fuoco stupefacente di tutto un contesto di gioco, compreso il drammatico sfondo scenico di una folla ormai delirante esaltata dalla concreta possibilità di una vittoria della propria squadra.
In "Invictus" ritroviamo puntuale la bravura tecnica, la penetrante ispirazione artistica, le grandi energie creative che animano da lungo tempo il regista settantanovenne Clint Eastwood.

A differenza delle precedenti opere del grande regista americano, che riuscivano a portare al massimo della tensione episodi di vita sociale e istituzionale sempre di grande impatto mediatico, mostrandone a sorpresa le pieghe più sconosciute, insolite e cruente, qui sul piano storico nulla appare che già non si sapesse, e la biografica su Mandela scorre, senza scosse o problematiche particolari, come un onesto documentario di una rete televisiva politicamente neutrale.
In "Invictus" la giostra dell'intreccio narrativo sembra voler cedere il posto alla visionarietà pura, alla fotografia per eccellenza, come non se ne vedeva da lunga data, mostrandone i dettagli più vivi, impensabili, sconosciuti, mettendo al centro immagini di rara impressionabilità, ravvivate sorprendentemente da una luce solare esplosiva, penetrante, che non conosce soste giornaliere, come può essere solo quella del Sudafrica; bagliori di raggi che entrano prepotentemente nelle sale cinematografiche, che esaltano il cinema nella sua specificità più nobile, che è quella della resurrezione visiva sullo schermo del reale ignoto, con le sue serie di immagini svelatrici capaci di divenire vere protagoniste relegando il dialogo verbale ai margini, come sostegno alle scene tra tanti.

È un'immagine fotografica quella di "Invictus" dominata da una luce che sembra voler unire ciò che è diviso, con la forza della sua uniformità, una luce non artificiale, lontana da quella dei film- videogiochi, ispirata da un desiderio soggettivo di coniugazione innovativa del digitale con la tradizione dei colori, in grado di mettere al centro del film un'icona proveniente dalla realtà, registrata in essa, non quella virtuale prodotta nelle sedi del film- studies, un'immagine che parla, che questiona, stupisce mantenendo un rapporto diretto con il reale; qualcosa di difficile realizzazione perché tutto ciò sembra poter nascere solo durante le riprese, sul set, giorno per giorno, attimo per attimo, senza il comodo appoggio di una sceneggiatura, di una guida sicura di riferimento, di una traccia guida già pensata precedentemente, elaborata e pronta all'uso, senza l'appoggio dei sofisticati meccanismi presenti nei film-studies.
Ecco allora che Clint Eastwood non perde neanche un dettaglio del sonoro e delle immagini significative in gioco, in una partita di rugby memorabile, drammatica, come la finale della coppa del mondo giocata a Città del Capo nel 1995 tra Sudafrica e Nuova Zelanda, mostrando indimenticabili scene di gioco, in una varietà espressiva di volti e situazioni impressionante, anche tra scorrettezze fisiche e azioni molto pericolose, tra placcaggi al collo o al braccio non piegato, tra pugni involontari, sgomitate, testate, mischie, scontri fisici cruenti ben distribuiti lungo la narrazione con una sapienza registica non comune.

Rispetto ad altri film di Eastwood che sapevano caricare a dovere il desiderio dello spettatore portandolo poi a delle forme di scarica di grande spettacolo, di intensa realizzazione immaginifica legate più a delle rappresentazioni che a un vero diretto, in "Invictus" troviamo un Clint Eastwood essenziale, sobrio, con dettagli scenici che sono in una relazione equilibrata con gli argomenti storici più forti e intensi; la sua è una narrazione lontana dalla suspense e dalla drammatizzazione noti, ma capace lo stesso di suscitare forti emozioni.
Qui Clint Eastwood è molto attento, fino ad arrivare al capolavoro, solo alla eccelsa composizione della fotografia delle scene sportive, vero e proprio punto di forza estetico, poetico del film, con un alto rischio di incasso per il botteghino popolare che vuole per tradizione al centro del film personaggi da commedia, più finti che veri, capaci però di far sognare e sperare.

Commenta la recensione di INVICTUS sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di Giordano Biagio - aggiornata al 10/03/2010

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

18 regali1917adoration (2019)alla mia piccola samaandrej tarkovskij. il cinema come preghiera
 NEW
bad boys for lifebirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinnboterocaterina
 NEW
cats (2019)
 NEW
cattive acquecena con delitto - knives outcercando valentina - il mondo di guido crepaxche fine ha fatto bernadette?city of crimecolor out of space
 NEW
criminali come noidiamanti grezzidio e' donna e si chiama petrunyadolittle
 NEW
fabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovatofantasy islandfigli (2020)gli anni piu' belligood boys - quei cattivi ragazzigrandi bugie tra amicihammametherzog incontra gorbaciovil diritto di opporsiil drago di romagnail ladro di giorniil lago delle oche selvaticheil mistero henri pickil primo natale
 NEW
il richiamo della foresta (2020)il terzo omicidioimpressionisti segretijojo rabbitjudy (2019)jumanji - the next leveljust charlie - diventa chi seila dea fortuna
 NEW
la mia banda suona il popla ragazza d'autunnolast christmasleonardo. le opere
 NEW
l'hotel degli amori smarritil'immortale (2019)l'inganno perfetto
 NEW
lontano lontano
 NEW
lunar citymarco polo - un anno tra i banchi di scuolame contro te: il film - la vendetta del signor s
 HOT R
memorie di un assassinonancyodio l'estatepiccole donne (2019)pinocchio (2019)playmobil: the moviepromarerichard jewellritratto della giovane in fiammescherza con i fantischool of the damnedshow me the picture: the story of jim marshallsonic - il filmsorry we missed youspie sotto coperturastar wars - l'ascesa di skywalkersulle ali dell'avventuratappo - cucciolo in un mare di guaithe farewell - una bugia buonathe grudge (2020)the lodge
 HOT
tolo tolouna storia d’arteunderwatervilletta con ospiti

998839 commenti su 42900 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net