Recensione il signore degli anelli: il ritorno del re regia di Peter Jackson Nuova Zelanda, USA 2003
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione il signore degli anelli: il ritorno del re (2003)

Voto Visitatori:   8,37 / 10 (723 voti)8,37Grafico
Miglior filmMigliore regiaMigliore sceneggiatura non originaleMigliore scenografiaMigliori costumiMiglior truccoMigliori effetti specialiMiglior montaggioMiglior sonoroMiglior colonna sonoraMiglior canzone (Into the West)
VINCITORE DI 11 PREMI OSCAR:
Miglior film, Migliore regia, Migliore sceneggiatura non originale, Migliore scenografia, Migliori costumi, Miglior trucco, Migliori effetti speciali, Miglior montaggio, Miglior sonoro, Miglior colonna sonora, Miglior canzone (Into the West)
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film IL SIGNORE DEGLI ANELLI: IL RITORNO DEL RE

Immagine tratta dal film IL SIGNORE DEGLI ANELLI: IL RITORNO DEL RE

Immagine tratta dal film IL SIGNORE DEGLI ANELLI: IL RITORNO DEL RE

Immagine tratta dal film IL SIGNORE DEGLI ANELLI: IL RITORNO DEL RE

Immagine tratta dal film IL SIGNORE DEGLI ANELLI: IL RITORNO DEL RE

Immagine tratta dal film IL SIGNORE DEGLI ANELLI: IL RITORNO DEL RE
 

Terza e ultima parte dell'imponente opera cinematografica "Il signore degli anelli" tratta dall'omonimo romanzo di Tolkien.

Frodo e il fedele Samwise proseguono il cammino verso Mountdoom, con lo scopo distruggere l'anello nella stessa torre-roccaforte in cui era stato creato...
L'infido Smeagol (che in questo film non viene più chiamato Gollum, ma riprende il suo vecchio nome di hobbit), smanioso di impadronirsi nuovamente del suo "tesoro" li guida nell'insidioso percorso.
Avvelenato dal potere maligno dell'anello, da lui conservato per quasi 500 anni (un periodo troppo lungo... nel film viene mostrata l'orribile trasformazione del suo corpo, da semplice hobbit a creatura mostruosa, ma anche lo sconvolgimento della sua mente, perché il terribile gioiello ha il potere di accendere e alimentare la malvagità e l'avidità di potere di chiunque lo indossi...), non riesce a resistere al richiamo del malefico oggetto e decide così di tradire Frodo, guidandolo con l'inganno verso la morte certa.
La trasformazione di Smeagol, che appare fin dalle prime scene del film, illustra pienamente la metafora del potere, che seduce, corrompe e distrugge...

Intanto, la roccaforte di Minas-Thirit, che ha trovato in Theoden, re di Rohan, un valoroso comandante, è stretta d'assedio dalle forze di Sauron, di gran lunga maggiori nel numero e con a capo il malvagio stregone re di Angmar... Il mago buono Gandalf conbatte fianco a fianco con gli abitanti della città, mentre Aragorn, ancora una volta, corre a cercare aiuto... E lo trova: un aiuto davvero speciale... un esercito di spettri, morti da secoli, guerrieri colpevoli di non aver tenuto fede alla promessa di combattere fatta a un antico re (di cui ora Aragorn è il legittimo erede e discendente) e condannati dalla maledizione del medesimo a restare sulla terra come spiriti senza pace...

La battaglia è durissima: orchi mostruosi, creature gigantesche, serpenti volanti... e il re di Angmar, è protetto da un incantesimo, per cui "nessun uomo può ucciderlo"... Morirà trafitto dalla spada di Eowyn, la bionda guerriera (che per poter combattere si è data il nome maschile di Dernhelm) figlia del re Theoden...

La bellissima Arwen, intanto, ha deciso di non fuggire con gli altri elfi... Dotata come il padre del dono della preveggenza, comprende da una visione che Aragorm è l'uomo del suo destino... resterà così ad aspettare l'esito della battaglia e diverrà poi la sposa del suo innamorato quando questi, dopo la vittoria, verrà acclamato come re....

Nel frattempo Frodo e Samwise giungono a Mountdoom per distruggere l'anello... ma di fronte alla lava incandescente anche il candido hobbit viene sedotto dal potere maligno del terribile gioiello: il suo sguardo si trasforma... e, infilandosi il "prezioso" al dito (la parola inglese tradotta in italiano con "tesoro" non è treasure, in realtà, ma "precious"....) dichiara: "l'anello è mio!"...
La triste sorte degli uomini viene paradossalmente capovolta da Smeagol che, sconvolto e furibondo al pensiero di perdere per sempre il "suo tesssoro", si avventa su Frodo e, lottando furiosamente (Frodo perderà un dito...), riesce ad impadronirsi nuovamente dell'oggetto incantato... per morire pochi istanti dopo, inebriato dalla gioa, precipitando nella lava con il malefico gioiello...
Il mondo è salvo... gli hobbit tornano al loro paese e Frodo comincia a scrivere la storia... ma sarà per Samwise il compito di terminarla: Frodo partirà infatti con i valorosi elfi, il padre di Arwen e l'hobbit Bilbo, verso la terra chiamata "Grey Heavens", tra le lacrime dei suoi amici...

Il film, come i due precedenti, è assolutamente spettacolare: battaglie epiche, creature mostruose, serpenti volanti e manifestazioni magiche... ma vi è anche un aspetto ironico che porta gli spettatori a sorridere in più di una situazione... Anche il terribile scontro tra Frodo e un ragno gigantesco ( che ricrea sapientemente una suspence da film dell'orrore) può suscitare attimi di ilarità: gli orchi "troppo" brutti e "troppo" stupidi (come nelle favole), creature "troppo" grosse e "troppo" mostruose... è tutta una finzione, è chiaro... nata dal computer, dai truccatori... per il piacere del pubblico, è ovvio...
Ma al di là dell'elemento spettacolare, il contenuto più profondo, e il messaggio dell'intera storia è di carattere morale: l'eterna lotta tra il bene e il male, dove il male e la malvagità appaiono come manifestazioni dell'avidità di potere che corrompe l'anima, la mente e la natura dell'uomo... Anche gli spiriti più puri e semplici, come Frodo, Samwise o Bilbo, ne subiscono il malefico fascino...

Una piccola curiosità: in quest'ultimo film non compare più Saruman (l'attore inglese Christopher Lee), il mago bianco alleato del malvagio re di Angmar... Per chi ha letto il libro, sappiamo che morirà ucciso nella terra degli hobbit...

Commenta la recensione di IL SIGNORE DEGLI ANELLI: IL RITORNO DEL RE sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di Cristina3455 - aggiornata al 27/01/2004

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico


890398 commenti su 32024 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

in sala


AMERICAN SNIPER
Locandina del film AMERICAN SNIPER Regia: Clint Eastwood
Interpreti: Bradley Cooper, Sienna Miller, Jake McDorman, Luke Grimes, Kyle Gallner, Navid Negahban, Keir O'Donnell, Max Charles, Brando Eaton, Brian Hallisay, Sam Jaeger, E.R. Ruiz, Eric Close, Owain Yeoman, Marnette Patterson, Cory Hardrict, Chance Kelly, Chance Kelly, Leonard Roberts, Eric Ladin, Emerson Brooks, Evan Gamble, Assaf Cohen, Tim Griffin, Sammy Sheik, Robert Clotworthy, Reynaldo Gallegos, Zack Duhame
Genere: azione

Recensione a cura di lastmik

THE IMITATION GAME - L'ENIGMA DI UN GENIO
Locandina del film THE IMITATION GAME - L'ENIGMA DI UN GENIO Regia: Morten Tyldum
Interpreti: Benedict Cumberbatch, Keira Knightley, Mark Strong, Rory Kinnear, Charles Dance, Allen Leech, Matthew Beard, Matthew Goode, Tuppence Middleton, Steven Waddington, Hayley Joanne Bacon, Tom Goodman-Hill, Hannah Flynn, Matthew Beard, Ancuta Breaban, James Northcote, Victoria Wicks, Bartosz Wandrykow, Alex Lawther, Leigh Dent, Grace Calder, Lese Asquith-Coe, William Bowden, Jack Bannon, Luke Hope, Alexander Cooper, Joseph Oliveira, Joseph Oliveira, Guna Gultniece, Lauren Beacham, Nicola-Jayne Wells
Genere: drammatico

Recensione a cura di JackR

archivio


MAI COSI' VICINI
Locandina del film MAI COSI' VICINI Regia: Rob Reiner
Interpreti: Michael Douglas, Diane Keaton, Sterling Jerins, Barbara Vincent, Paloma Guzmán, Frances Sternhagen, Frankie Valli, David Aaron Baker
Genere: commedia

Recensione a cura di peucezia

QUINTET
Locandina del film QUINTET Regia: Robert Altman
Interpreti: Bibi Andersson, Fernando Rey, Vittorio Gassman, Paul Newman
Genere: fantascienza

Recensione a cura di Giordano Biagio

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net
Division: Workless