Recensione il settimo sigillo regia di Ingmar Bergman Svezia 1957
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione il settimo sigillo (1957)

Voto Visitatori:   8,86 / 10 (241 voti)8,86Grafico
Voto Recensore:   10,00 / 10  10,00
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film IL SETTIMO SIGILLO

Immagine tratta dal film IL SETTIMO SIGILLO

Immagine tratta dal film IL SETTIMO SIGILLO

Immagine tratta dal film IL SETTIMO SIGILLO

Immagine tratta dal film IL SETTIMO SIGILLO

Immagine tratta dal film IL SETTIMO SIGILLO
 

"Il settimo sigillo", uscito nel 1956, Ŕ unanimemente riconosciuto da pubblico e critica come uno dei film pi¨ coinvolgenti e celebri degli anni cinquanta, una vera e propria icona del pensiero di un'epoca.
Il film di Bergman, infatti, nonostante la sua vocazione artistica ed autoriale, ha goduto di uno straordinario successo di pubblico, superando a pieni voti anche il giudizio dei media, sempre attenti al primo impatto che un film ha con gli spettatori. Sia la stampa occidentale che le maggiori reti televisive lo hanno quindi sostenuto a pi¨ riprese promuovendone per molto tempo la visione in luoghi di tradizione laica e religiosa.

Il cavaliere Antonius Block, di ritorno nella propria terra dalle crociate, trova ad attenderlo la Morte. RiuscirÓ a ritardare il proprio ineluttabile destino impegnandola in un'estenuante partita a scacchi, che nessuno dei due pu˛ permettersi di perdere; il tutto sullo sfondo di una Svezia martoriata dalla peste e dalla superstizione.

La pellicola Ŕ ambientata nella Svezia del 1300, in un contesto storico impregnato di forti fermenti religiosi, che riempiono di misticismo e paure gran parte della vita sociale lasciando nell'indifferenza un mondo laico dedito in prevalenza ai duri lavori di campagna ed a semplici soddisfazioni materiali.
"Il settimo sigillo" raccoglie ed articola, con rara maestria narrativa, alcune interrogazioni esistenziali che l'uomo da sempre si pone intorno ai misteri della vita e della morte; Ŕ una commedia drammatica che fa del senso di colpa e delle atmosfere confessionali i punti centrali della narrazione, sconfinando a tratti nel funesto e nel luttuoso, nel fatalismo e nel sacrilego, mantenendosi per˛ distante da ogni forma di tragedia cosý come veniva intesa nella cultura teatrale dell'antica Grecia.

La pellicola porta l'impronta del miglior Bergman, che rende il film pregevole e indimenticabile, distante da estetismi di maniera; anche grazie allo straordinario lavoro del regista, l'opera diventa in breve tempo un vero e proprio emblema della grandezza della tradizione cinematografica svedese della prima metÓ del novecento, che vede protagonisti Sjostrom Victor e Sjoberg Alf oltre ad Ingmar Bergman.
La geniale composizione dei temi e la loro brillante configurazione espressiva riescono a soddisfare anche quel desiderio di maturazione artistica a lungo coltivato dallo stesso regista dopo "Una vampata d'amore" (1953), "Sogni di donna" (1955) e "Sorrisi di una notte d'estate" (1955).

La scenografia Ŕ originale e sempre ben equilibrata, e ben si sposa con una sceneggiatura dominata da dialoghi pregnanti e solenni, che contribuiscono alla creazione di attese cariche di tensioni, ben sciolte da un finale di rara bellezza espressiva.
L'effetto d'insieme del film Ŕ straordinario, e l'influenza suggestiva che rilascia ed il trasporto meditativo infuso dai temi sono degni del miglior cinema; nulla Ŕ lasciato al caso: le pagine storiche del quattordicesimo secolo svedese ben si combinano con le parti sceniche, pi¨ ispirate a brani di letteratura teatrale e vita religiosa, ingenerando nello spettatore la sensazione di trovarsi di fronte ad uno specchio antico che riflette, da un'epoca lontana, le passioni pi¨ infuocate ed eterne dell'animo umano.
Tra i temi pi¨ significativi del film, che conservano tuttora un grande valore meditativo, sono da sottolineare: il conflitto esistenziale dell'uomo, preso tra l'idea della morte e la ricerca della felicitÓ; i dubbi sull'esistenza di Dio; l'importanza dell'amore come appagamento e fondamento dell'esistenza umana; il senso di colpa religioso che martirizza la carne e sfocia nell'autodistruzione, come nella folle processione dei flagellanti; il silenzio di Dio; l'odio omicida del clero verso le donne quando indulgono in piaceri carnali proibiti dalle sacre scritture; il godimento sessuale delle eretiche attribuito ad una presenza demoniaca nel corpo femminile.

Le scene si svolgono nello splendore di un bianco e nero cristallino, lucente, reso limpido da una luce sempre ben misurata. La cura tecnica della fotografia accresce la chiarezza e l'interesse per i volti dei personaggi in primo piano ed esalta le sfolgoranti bellezze paesaggistiche della natura svedese (la pellicola Ŕ girata a Hovs Hallar, riserva naturale dello Skane lan).

Bergman con questa pellicola si avvicina in modo sorprendente alla perfezione stilistica a lungo ricercata.
"Il settimo sigillo" ha una narrazione complessa ma ben articolata; il racconto si avvale di due modi espressivi distinti: il primo di impronta realista ed il secondo espressionista.
Osservando con cura i diversi capitoli della pellicola Ŕ possibile infatti notare da una parte numerose scene dominate da raffigurazioni/ritratto di forte realismo, immerse nella spontaneitÓ pi¨ vera della vita quotidiana, dall'altra situazioni sceniche pi¨ astratte, dal sapore soprattutto metafisico, simbolico, sacrale, ricche di espressioni figurate, metaforiche e allegoriche.
Bergman riproduce un'atmosfera filmica irripetibile, ricca di contrasti impressionanti, che conturbano e seducono lo spettatore tenendolo in bilico tra il desiderio di partecipare alla sensualitÓ pi¨ laica che traspare dai dialoghi e dalle relazioni sociali immerse nella migliore vita di campagna ed il desiderio di un godimento pi¨ religioso, ambiguo, accompagnato da un tormento misterioso ed ossessivo che trascina nelle passioni pi¨ buie, facendo precipitare la ragione nelle gabbie senza uscita dell'identificazione con il sacro; sono, questi, contrasti di forte impatto emotivo che nel film non rallentano mai la scorrevolezza del racconto, grazie a una linea narrativa sobria, senza eccessi, ben congeniata, in cui convergono, con armonia, seducenti motivi storici e filosofici.
Con "Il settimo sigillo" il regista svedese dimostra di saper cogliere temi d'interesse religioso e filosofico che resistono al tempo, che attraversano ogni epoca senza mai fermarsi. A distanza di anni il film sembra mantenere tutta la propria incantevole dimensione artistica, anche se oggi certe caratteristiche espressive, basate sull'insistente ieraticitÓ del modo recitativo o sulla realizzazione di prolungate sequenze visive dense di atmosfere serie, gravi e sacrali, sono in genere mal tollerate.

Con questo suo tredicesimo film il regista svedese si esprime ancora con criteri formali vicino al teatro, alternando per˛ al fitto dialogo, caratteristico del modo teatrale, interessanti inquadrature di famose opere d'arte svedesi, raffiguranti momenti di vita quotidiana laica e religiosa.
Numerosi difatti sono i riferimenti artistici e musicali che costituiscono la raffinata intelaiatura del film; spiccano per importanza storica i Carmina burana, poesie/canzoni medievali goliardiche i cui testi sono stati rinvenuti nel 1803 a Brno - antica Buranum, detta anche Beuren sotto l'impero austriaco - musicati da Carl Orff (1895-1982) in pieno novecento.
Di rilievo, in alcune scene del film, il dipinto "Il cavaliere, la morte, il diavolo", di Durer, l'affresco "Il trionfo della morte", attribuito a Orcagna (Andrea di Cione 1343-1368, Firenze), da cui prende spunto la scena della processione dei flagellanti, ed infine le "Incisioni in legno" di Hans Beham, veri e propri capolavori di arte medievale.
Il film nasce contestualmente al lavoro teatrale di Bergman in un atto unico: "Pittura in legno" del 1955, che tratta gli stessi argomenti.

Di notevole effetto sono poi le scene rappresentanti i rituali e le esaltazioni mistiche popolane nella vita quotidiana: episodi da affreschi, ricavati dalla storia religiosa e mitologica dell'epoca; tra queste s'impongono per coinvolgimento drammatico le scene ispirate alla danza della morte, importante motivo pittorico medievale.
Struggente e memorabile l'addio al mondo del cavaliere Block e dei suoi familiari: una pagina di grande cinema in cui la forza suggestiva delle immagini Ŕ pari al valore del simbolismo che le racchiude; la sequenza visiva Ŕ unica, gli sventurati prossimi a morire si tengono per mano e si avviano danzando verso l'ignoto, una speranza sembra ancora possederli, ma sembra essere solo un ultimo desiderio: immaginano forse che qualcosa possa ancora frapporsi tra loro e l'oblio?

Commenta la recensione di IL SETTIMO SIGILLO sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di Giordano Biagio - aggiornata al 13/02/2008

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

 T
...e fuori nevica! (2014)
 T
amore, cucina e curry
 T
amoreodio
 T
anime nere
 T
annabelle
 T
arance e martello
 T
barbecue
 T
bastardi in divisa
 T
belluscone, una storia siciliana
 T
boxtrolls - le scatole magiche
 NEW T
boyhood
 NEW T
buoni a nulla
 T
capitan harlock - l'arcadia della mia giovinezza
 T
class enemy
 T
colpa delle stelle
 T
comportamenti molto... cattivi
 T
cristiada
 T
everyday rebellion
 T
frances ha
 T
fratelli unici
 NEW T
guardiani della galassia
 T
i due volti di gennaio
 HOT T
i mercenari 3
 T
i nostri ragazzi
 T
il giovane favoloso
 T
il regno d'inverno - winter sleep
 NEW T
il sale della terra
 T
io sto con la sposa
 T
jimi: all is by my side
 T
joe
 T
la banda dei supereroi
 T
la buca
 T
la moglie del cuoco
 T
la nostra terra
 T
la preda perfetta
 T
la trattativa
 T
la zuppa del demonio
 T
l'ape maia
 R T
le due vie del destino
 T
l'incredibile storia di winter il delfino 2
 HOT T
lucy
 T
maze runner - il labirinto
 T
medianeras, innamorarsi a buenos aires
 T
necropolis - la citta' dei morti
 T
party girl
 T
pasolini
 T
perez.
 T
piccole crepe, grossi guai
 T
pongo il cane milionario
 T
poshpostman pat
 T
resta anche domani
 T
se chiudo gli occhi non sono piu' qui
 T
senza nessuna pieta'
 T
sex tape - finiti in rete
 R T
si alza il vento
 HOT T
sin city - una donna per cui uccidere
 NEW T
soap opera
 NEW T
soul boys of the western world: spandau ballet - il film
 T
take five
 T
tartarughe ninja
 T
the equalizer - il vendicatore
 R T
the giver - il mondo di jonasthe green inferno
 NEW T
the judge
 R
the look of silence
 T
the protector 2
 NEW T
the third person
 T
tutto molto bello
 T
tutto puo' cambiare
 T
un milione di modi per morire nel west
 T
un ragazzo d'oro
 T
una promessauscio e bottega
 NEW
v/h/s: viral
 T
vinodentro
 T
walking on sunshine
 T
winx club: il mistero degli abissi

878172 commenti su 31385 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net
Division: Workless