Recensione il ragazzo con la bicicletta regia di Jean-Pierre Dardenne, Luc Dardenne Francia 2011
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione il ragazzo con la bicicletta (2011)

Voto Visitatori:   6,78 / 10 (25 voti)6,78Grafico
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film IL RAGAZZO CON LA BICICLETTA

Immagine tratta dal film IL RAGAZZO CON LA BICICLETTA

Immagine tratta dal film IL RAGAZZO CON LA BICICLETTA

Immagine tratta dal film IL RAGAZZO CON LA BICICLETTA

Immagine tratta dal film IL RAGAZZO CON LA BICICLETTA

Immagine tratta dal film IL RAGAZZO CON LA BICICLETTA
 

Il cinema dei fratelli Dardenne, Luc e Jean Pierre, si caratterizza da sempre per lo stile asciutto e raffinato con cui elaborano contenuti e forme, uno stile che si concretizza nella rappresentazione sul grande schermo di storie grandi e piccole, aventi per protagonisti personaggi comuni che vivono le ingiustizie della vita e del mondo.

La loro Ŕ una cinematografia dura, tagliente, asciutta, dal punto di vista narrativo e formale, quasi documentaristica,che indaga le zone d'ombra pi¨ recondite della realtÓ contemporanea.
Il loro umanesimo-sociale di denuncia che, per certi versi, li accumuna ai britannici Ken Loach e Mike Leigh, li porta a rivolgere lo sguardo verso le classi sociali pi¨ deboli, poveri ed emarginati, del Belgio, e soprattutto verso i minori che vivono in un ambiente privo di stimoli adeguati, in un mondo di degrado sociale, povertÓ, disoccupazione, sfruttamento, delinquenza.

In " Il ragazzo con la bicicletta" (recentissimo Gran Prix della Giuria al Festival di Cannes 2011, dove hanno giÓ vinto due Palme d'oro con "Rosetta" nel 1999 e con "L'enfant" nel 2005), l'idea di base delle loro opere viene addolcita da una atmosfera nuova, come se nella storia facesse capolino uno spiraglio di luce nuova e un tratto leggero di ottimismo.
La vicenda che raccontano si svolge nei soliti luoghi della Vallonia proletaria, e si incentra su un adolescente di dodici anni, fragile e arrabbiato, Cyril, (interpretato dal giovanissimo Thomas Doret, scelto al primo giorno di casting dai due registi, colpiti dall'espressione dei suoi occhi) per essere stato abbandonato dal padre in un centro di accoglienza per l'infanzia per fuggire dalle responsabilitÓ paterne e dalle faticose incombenze di crescere un figlio, dopo la morte della nonna (la madre non si sa chi sia, nŔ viene mai evocata).

Cyril Ŕ fragile, arrabbiato e scontroso ed ha paura di amare perchŔ teme di affezionarsi e di soffrire ancora... Cyril ha due soli amori, la sua felpa rossa e una bicicletta con cui corre ánel vento, lontano da quell'istituto in cui Ŕ stato rinchiuso, in cerca di quel padre assente e lontano, incapace di dargli regole e protezione.
Quando Cyril conosce una giovane parrucchiera, Samantha (una bravissima CÚcile de France), dopo una iniziale resistenza, accetta di essere ospitato da lei nei fine settimana, ma solo per poter allontanarsi da quell'istituto e nella speranza di convincerla a mettersi insieme a lui nella ricerca del genitore.

Lo trova, cuoco in un bistrot di periferia, ed Ŕ ancora peggio, perchŔ il padre, (interpretato dall'attore feticcio dei Dardenne, JÚrÚmie Renier, che Ŕ cresciuto con loro, e che per loro ha fatto il figlio in "Le Promesse", prima di fare il padre in questo film) gli fa subito capire che non ha nessuna intenzione di sconvolgersi la vita per prendersi cura di lui.
Se ne prende cura, invece, la dolce Samantha, anche quando il compagno le dÓ l'out-out: scegli, o lui o me; anche quando si troverÓ costretta a calmare la sua rabbia, a bloccare le sue mani autolesionistiche, a salvarlo da un piccolo delinquente della zona che vuole addestrarlo allo spaccio e al crimine. Anche quando si vedrÓ costretta a comprendere e condividere le ragioni di un suo atto criminoso contro un altro padre e un altro figlio.

Una storia molto semplice, che si scontra con la realtÓ molto dura di un'infanzia difficile alle prese con l'abbandono.
Questo porta il ragazzino a sviluppare angosce prestazionali, disturbi dell'emotivitÓ e fobie sociali, che si concretizzano, per esempio, nell'ossessivitÓ con cui protegge la sua bicicletta (ultimo tenue legame con il genitore), o con le folli pedalate attraverso la cittÓ per sfinirsi e dimenticare il dolore della propria solitudine.

Emblematico, a questo proposito, Ŕ il modo con cui i Dardenne fanno incontrare Cyril e Samantha.
Ci˛ avviene un giorno, durante un tentativo riuscito di fuga di Cyril dall'Istituto(uno dei tanti), mentre viene inseguito da due educatori, áquando, nel tentativo di sfuggire loro, si aggrappa ad una passante, strattonandola e facendola cadere a terra.
Quella passante Ŕ Samantha, la donna che da quell'incontro vedrÓ la sua vita sconvolta, ma che, a sua volta, cambierÓ in meglio la vita del ragazzo.
Ebbene, quell'abbraccio Ŕ un po' il simbolo di tutto il film: Ŕ un bisogno disperato d'aiuto, Ŕ la ricerca di un po' di calore umano. PerchŔ sarÓ proprio quell'abbraccio che alla fine riuscirÓ a restituire a Cyril la leggerezza lieve di un sorriso.

Ancora un film sui ragazzi difficili, dunque, per i cineasti belgi, il cui sguardo, da sempre, si sofferma su vicende che mettono in gioco il difficile rapporto tra il mondo degli adolescenti e quello degli adulti. Ma quello sguardo non Ŕ mai (non Ŕ stato mai) freddo e distante; Ŕ uno sguardo che misura il grado di miseria umana presente nella nostra dorata modernitÓ. Uno sguardo che accompagna con compassionevole partecipazione ogni singola inquadratura, patisce con i propri personaggi e li segue nella presa di coscienza della propria identitÓ, sia nella ribellione che nel pentimento e nel riconoscimento dell'altro.

"Il ragazzo con la bicicletta" pi¨ che la storia di un figlio Ŕ la ricognizione sul pi¨ doloroso dei rifiuti: il rifiuto ad essere amato, a cui un figlio non riesce mai a rassegnarsi.
Un figlio rifiutato dall'ignava immaturitÓ di adulti che adulti non sono, irrequieto e turbato dalla rabbia che si porta dentro e che spesso sfocia nella violenza (pitbull lo chiamano i suoi amici sbagliati, per l'abitudine di mordere durante le liti).
Un ragazzino sempre in fuga sulla sua bicicletta che rincorre la voglia di una vita normale e un amore dal quale scappa. E l'immagine di questo bambino che torna a casa da Samantha dopo l'ultimo, straziante negarsi del padre, dopo aver percorso strade sbagliate, áaver sofferto paure profonde, aver inseguito bisogni ancestrali, Ŕ un colpo al cuore che si affievolisce solo quando, alla fine, il volto nervoso del piccolo Cyril si illumina di un triste sorriso. Che triste non Ŕ grazie all'amore di un essere umano.

Il giovanissimo Thomas Doret Ŕ la vera sorpresa di questa ultima fatica dei fratelli Dardenne perchŔ riesce con bravura a prestare il suo volto e i suoi gesti ad un personaggio difficile e complesso, un ragazzino inquieto e turbato da dolori inespressi, in perenne corsa da se stesso e dal mondo.
Cosý come Cecil de France (vista recentemente nel film di Clint Eastwood, "Hereafter") riesce a dare spessore al personaggio di una donna combattuta ma molto decisa e risoluta, consapevole delle difficoltÓ che deriveranno dal suo rapporto con il ragazzino.

Come accennato, "Il ragazzo con la bicicletta" resta fedele alle tematiche autoriali dei fratelli Dardenne, ed anche le scene forti e violente, che qui non mancano, non sono mai urlate od ossessive.
Inoltre, nel cinema dei Dardenne Ŕ sempre vivido il rapporto con gli oggetti (qui esplicitato con l'ossessivitÓ con cui Cyril protegge la sua bicicletta, che evoca la pi¨ famosa bicicletta del cinema italiano, quella con cui De Sica chiariva l'imprescindibile legame tra adulto e bambino) e, soprattutto con le dinamiche che intercorrono tra padre/figlio.
Le uniche differenze che si riscontrano con le pellicole precedenti dei cineasti belgi risiedono nella scelta di una prospettiva meno cupa, in una fotografia pi¨ vivida e luminosa di colori e nell'uso, per la prima volta, di un accenno di colonna sonora con l'utilizzo di un brevissimo, rarefatto brano di musica classica, che accompagna Cyril nelle sue corse a perdifiato, quasi a sottolineare un'emozione improvvisa o un turbamento struggente.
E nonostante il tema non sia certamente tra i pi¨ leggeri, "Il ragazzo con la bicicletta" non presenta momenti melensi nŔ gesti che potrebbero sfiorare il melodramma, anzi scivola via dolce e malinconico, e potrebbe segnare una svolta nel modo di vedere e fare cinema dei fratelli Dardenne.

Commenta la recensione di IL RAGAZZO CON LA BICICLETTA sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di Mimmot - aggiornata al 30/05/2011 17.30.00

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

800 eroia cena con il lupoa classic horror storya dayagente speciale 117 al servizio della repubblica - missione rioagente speciale 117 al servizio della repubblica: missione cairoagnesall my lifeamazing grace (2018)
 NEW
ancora piu' belloatlasbaphometbeckettblack widow (2021)blood brothers: malcolm x & muhammad aliblood red sky
 NEW
blue bayoubon joviboys (2021)candymancapitan sciabola e il diamante magicocensorcodacome un gatto in tangenziale - ritorno a coccia di mortocomediansdau, natashademonic (2021)
 NEW
dune (2021)earwig e la stregaennio: the maestroescape room 2: gioco mortaleextraliscio - punk da balerafalling - storia di un padrefast & furious 9 - the fast sagafear street parte 1: 1994fear street parte 2: 1978fear street parte 3: 1666fellinopolisfigli del soleframmenti dal passato - reminiscencefree guy - eroe per giocofuturahasta la vista!i croods 2 - una nuova erai profumi di madame walberg
 NEW
il cieco che non voleva vedere titanicil collezionista di carteil gioco del destino e della fantasia
 NEW
il giro del mondo in 80 giorni (2021)
 NEW
il matrimonio di rosail mostro della criptail ragazzo piu' bello del mondo
 NEW
il silenzio grande
 NEW
il viaggio del principein prima lineain the earthin the heights - sognando a new yorkio sono nessunoio, lui, lei e l'asinojodorowsky's dunejosepjungle cruisekatekufidla brava mogliela casa in fondo al lagola cordigliera dei sognila felicita' degli altri...la grande staffettala guerra a cubala guerra di domani (2021)la nostra storiala notte del giudizio per semprela ragazza con il braccialettola ragazza di stillwaterla terra dei figlila vita che verra'l'amante russol'amore non si salet us inlucal'uomo nel buio - man in the darkmadres paralelasmalignant (2021)mandibules - due uomini e una moscamarx puo' aspettareme contro te: il film - il mistero della scuola incantatamedusa: queen of the serpentmi chiedo quando ti manchero'mondocane (2021)monster hunterno sudden movenowhere specialocchi bluoldpenguin bloomper luciopeter rabbit 2 - un birbante in fugapigpossession - l'appartamento del diavolopunta sacraquello che non so di tequi rido ioreflectionritorno in apnearoom 9run (2020)school of mafia
 NEW
schumachershang-chi e la leggenda dei dieci anellisibyl - labirinti di donnasnake eyes: g.i. joe - le originisongbird
 NEW
spin time, che fatica la democrazia!spiral - l'eredita' di sawspirit - il ribellestate a casastorm boy - il ragazzo che sapeva volare
 NEW
supernova (2021)the book of visionthe boy behind the doorthe green knightthe ice roadthe lockdown hauntingsthe nest (2021)
 NEW
the night house - la casa oscurathe protege'the sparks brothersthe suicide squad - missione suicidathe voyeursthey talktigerstoo late (2021)toothfairy 3triumphuna donna promettenteuna relazioneuno di noiuntitled horror movie (umh)volami viavoyagerswelcome venicex&y - nella mente di anna

1020942 commenti su 46284 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net