Recensione il ragazzo con la bicicletta regia di Jean-Pierre Dardenne, Luc Dardenne Francia 2011
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione il ragazzo con la bicicletta (2011)

Voto Visitatori:   6,78 / 10 (25 voti)6,78Grafico
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film IL RAGAZZO CON LA BICICLETTA

Immagine tratta dal film IL RAGAZZO CON LA BICICLETTA

Immagine tratta dal film IL RAGAZZO CON LA BICICLETTA

Immagine tratta dal film IL RAGAZZO CON LA BICICLETTA

Immagine tratta dal film IL RAGAZZO CON LA BICICLETTA

Immagine tratta dal film IL RAGAZZO CON LA BICICLETTA
 

Il cinema dei fratelli Dardenne, Luc e Jean Pierre, si caratterizza da sempre per lo stile asciutto e raffinato con cui elaborano contenuti e forme, uno stile che si concretizza nella rappresentazione sul grande schermo di storie grandi e piccole, aventi per protagonisti personaggi comuni che vivono le ingiustizie della vita e del mondo.

La loro Ŕ una cinematografia dura, tagliente, asciutta, dal punto di vista narrativo e formale, quasi documentaristica,che indaga le zone d'ombra pi¨ recondite della realtÓ contemporanea.
Il loro umanesimo-sociale di denuncia che, per certi versi, li accumuna ai britannici Ken Loach e Mike Leigh, li porta a rivolgere lo sguardo verso le classi sociali pi¨ deboli, poveri ed emarginati, del Belgio, e soprattutto verso i minori che vivono in un ambiente privo di stimoli adeguati, in un mondo di degrado sociale, povertÓ, disoccupazione, sfruttamento, delinquenza.

In " Il ragazzo con la bicicletta" (recentissimo Gran Prix della Giuria al Festival di Cannes 2011, dove hanno giÓ vinto due Palme d'oro con "Rosetta" nel 1999 e con "L'enfant" nel 2005), l'idea di base delle loro opere viene addolcita da una atmosfera nuova, come se nella storia facesse capolino uno spiraglio di luce nuova e un tratto leggero di ottimismo.
La vicenda che raccontano si svolge nei soliti luoghi della Vallonia proletaria, e si incentra su un adolescente di dodici anni, fragile e arrabbiato, Cyril, (interpretato dal giovanissimo Thomas Doret, scelto al primo giorno di casting dai due registi, colpiti dall'espressione dei suoi occhi) per essere stato abbandonato dal padre in un centro di accoglienza per l'infanzia per fuggire dalle responsabilitÓ paterne e dalle faticose incombenze di crescere un figlio, dopo la morte della nonna (la madre non si sa chi sia, nŔ viene mai evocata).

Cyril Ŕ fragile, arrabbiato e scontroso ed ha paura di amare perchŔ teme di affezionarsi e di soffrire ancora... Cyril ha due soli amori, la sua felpa rossa e una bicicletta con cui corre ánel vento, lontano da quell'istituto in cui Ŕ stato rinchiuso, in cerca di quel padre assente e lontano, incapace di dargli regole e protezione.
Quando Cyril conosce una giovane parrucchiera, Samantha (una bravissima CÚcile de France), dopo una iniziale resistenza, accetta di essere ospitato da lei nei fine settimana, ma solo per poter allontanarsi da quell'istituto e nella speranza di convincerla a mettersi insieme a lui nella ricerca del genitore.

Lo trova, cuoco in un bistrot di periferia, ed Ŕ ancora peggio, perchŔ il padre, (interpretato dall'attore feticcio dei Dardenne, JÚrÚmie Renier, che Ŕ cresciuto con loro, e che per loro ha fatto il figlio in "Le Promesse", prima di fare il padre in questo film) gli fa subito capire che non ha nessuna intenzione di sconvolgersi la vita per prendersi cura di lui.
Se ne prende cura, invece, la dolce Samantha, anche quando il compagno le dÓ l'out-out: scegli, o lui o me; anche quando si troverÓ costretta a calmare la sua rabbia, a bloccare le sue mani autolesionistiche, a salvarlo da un piccolo delinquente della zona che vuole addestrarlo allo spaccio e al crimine. Anche quando si vedrÓ costretta a comprendere e condividere le ragioni di un suo atto criminoso contro un altro padre e un altro figlio.

Una storia molto semplice, che si scontra con la realtÓ molto dura di un'infanzia difficile alle prese con l'abbandono.
Questo porta il ragazzino a sviluppare angosce prestazionali, disturbi dell'emotivitÓ e fobie sociali, che si concretizzano, per esempio, nell'ossessivitÓ con cui protegge la sua bicicletta (ultimo tenue legame con il genitore), o con le folli pedalate attraverso la cittÓ per sfinirsi e dimenticare il dolore della propria solitudine.

Emblematico, a questo proposito, Ŕ il modo con cui i Dardenne fanno incontrare Cyril e Samantha.
Ci˛ avviene un giorno, durante un tentativo riuscito di fuga di Cyril dall'Istituto(uno dei tanti), mentre viene inseguito da due educatori, áquando, nel tentativo di sfuggire loro, si aggrappa ad una passante, strattonandola e facendola cadere a terra.
Quella passante Ŕ Samantha, la donna che da quell'incontro vedrÓ la sua vita sconvolta, ma che, a sua volta, cambierÓ in meglio la vita del ragazzo.
Ebbene, quell'abbraccio Ŕ un po' il simbolo di tutto il film: Ŕ un bisogno disperato d'aiuto, Ŕ la ricerca di un po' di calore umano. PerchŔ sarÓ proprio quell'abbraccio che alla fine riuscirÓ a restituire a Cyril la leggerezza lieve di un sorriso.

Ancora un film sui ragazzi difficili, dunque, per i cineasti belgi, il cui sguardo, da sempre, si sofferma su vicende che mettono in gioco il difficile rapporto tra il mondo degli adolescenti e quello degli adulti. Ma quello sguardo non Ŕ mai (non Ŕ stato mai) freddo e distante; Ŕ uno sguardo che misura il grado di miseria umana presente nella nostra dorata modernitÓ. Uno sguardo che accompagna con compassionevole partecipazione ogni singola inquadratura, patisce con i propri personaggi e li segue nella presa di coscienza della propria identitÓ, sia nella ribellione che nel pentimento e nel riconoscimento dell'altro.

"Il ragazzo con la bicicletta" pi¨ che la storia di un figlio Ŕ la ricognizione sul pi¨ doloroso dei rifiuti: il rifiuto ad essere amato, a cui un figlio non riesce mai a rassegnarsi.
Un figlio rifiutato dall'ignava immaturitÓ di adulti che adulti non sono, irrequieto e turbato dalla rabbia che si porta dentro e che spesso sfocia nella violenza (pitbull lo chiamano i suoi amici sbagliati, per l'abitudine di mordere durante le liti).
Un ragazzino sempre in fuga sulla sua bicicletta che rincorre la voglia di una vita normale e un amore dal quale scappa. E l'immagine di questo bambino che torna a casa da Samantha dopo l'ultimo, straziante negarsi del padre, dopo aver percorso strade sbagliate, áaver sofferto paure profonde, aver inseguito bisogni ancestrali, Ŕ un colpo al cuore che si affievolisce solo quando, alla fine, il volto nervoso del piccolo Cyril si illumina di un triste sorriso. Che triste non Ŕ grazie all'amore di un essere umano.

Il giovanissimo Thomas Doret Ŕ la vera sorpresa di questa ultima fatica dei fratelli Dardenne perchŔ riesce con bravura a prestare il suo volto e i suoi gesti ad un personaggio difficile e complesso, un ragazzino inquieto e turbato da dolori inespressi, in perenne corsa da se stesso e dal mondo.
Cosý come Cecil de France (vista recentemente nel film di Clint Eastwood, "Hereafter") riesce a dare spessore al personaggio di una donna combattuta ma molto decisa e risoluta, consapevole delle difficoltÓ che deriveranno dal suo rapporto con il ragazzino.

Come accennato, "Il ragazzo con la bicicletta" resta fedele alle tematiche autoriali dei fratelli Dardenne, ed anche le scene forti e violente, che qui non mancano, non sono mai urlate od ossessive.
Inoltre, nel cinema dei Dardenne Ŕ sempre vivido il rapporto con gli oggetti (qui esplicitato con l'ossessivitÓ con cui Cyril protegge la sua bicicletta, che evoca la pi¨ famosa bicicletta del cinema italiano, quella con cui De Sica chiariva l'imprescindibile legame tra adulto e bambino) e, soprattutto con le dinamiche che intercorrono tra padre/figlio.
Le uniche differenze che si riscontrano con le pellicole precedenti dei cineasti belgi risiedono nella scelta di una prospettiva meno cupa, in una fotografia pi¨ vivida e luminosa di colori e nell'uso, per la prima volta, di un accenno di colonna sonora con l'utilizzo di un brevissimo, rarefatto brano di musica classica, che accompagna Cyril nelle sue corse a perdifiato, quasi a sottolineare un'emozione improvvisa o un turbamento struggente.
E nonostante il tema non sia certamente tra i pi¨ leggeri, "Il ragazzo con la bicicletta" non presenta momenti melensi nŔ gesti che potrebbero sfiorare il melodramma, anzi scivola via dolce e malinconico, e potrebbe segnare una svolta nel modo di vedere e fare cinema dei fratelli Dardenne.

Commenta la recensione di IL RAGAZZO CON LA BICICLETTA sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di Mimmot - aggiornata al 30/05/2011 17.30.00

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

1968 gli uccelli45 seconds of laughter5 e' il numero perfettoa herdade
 NEW
a proposito di rosea sona spasso col pandaabout endlessnessad astraadults in the roomall this victoryamerican skinandrey tarkovskji. a cinema prayerangry birds 2 - nemici amici per sempreantropocene - l'epoca umanaapollo 11appena un minutoaquile randagiearab bluesatlantis (2019)attacco al potere 3 - angel has fallenbabyteethballoonbarnbeyond the beach: the hell and the hopeblanco en blancoblinded by the light - travolto dalla musicaboia, maschere, segreti: l'horror italiano degli anni sessantabombay rosebrave ragazzeburning - l'amore bruciaburning cane
 HOT
c'era una volta a... hollywoodcercando valentinacharlie says - charlie dicechiara ferragni - unpostedcitizen kcitizen rosicity hunter - private eyescolectivcorpus christicrawl - intrappolatidelphinediego maradonadora e la citta' perdutadrive me homee poi c'e' katherineeat local - a cena con i vampirieffetto dominoel principeelectric swanemaemilio vedova. dalla parte del naufragiofellini fine maifiebre austral
 NEW
figli del setfulci for fakegemini mangenitori quasi perfettigiants being lonelygive up the ghostgli angeli nascosti di luchino viscontigloria mundi
 NEW
grazie a diogretaguest of honourhava, maryam, ayeshahole - l'abissohouse of cardini diari di angela - noi due cineasti. capitolo secondoi migliori anni della nostra vita (2019)il bambino e' il maestro - il metodo montessoriil colpo del caneil criminale
 NEW
il mio profilo miglioreil mostro di st. pauliil pianeta in mareil piccolo yetiil prigionieroil re leone (2019)il regnoil signor diavoloil sindaco del rione sanita' (2019)il varcoio, leonardoit: capitolo 2
 NEW
jesus rolls - quintana e' tornato!
 HOT R
jokerjust 6.5kingdom comela fattoria dei nostri sognila legge degli spazi bianchila lloronala mafia non e' piu' quella di una voltala rivincita delle sfigatela scomparsa di mia madrela verita' (2019)la vita invisibile di euridice gusmaola voce del marel'amour flou - come separarsi e restare amicile coup des larmesles chevaux voyageurslife as a b-movie: piero vivarellilingua francal'ospite - un viaggio sui divani degli altrilou von salome'l'uomo che volle vivere 120 annimademoisellemadre (2019)
 NEW
maleficent 2: signora del malemanta raymarriage storymartin edenmes jours de gloire
 NEW
metallica and san francisco symphony: s&m2mio fratello rincorre i dinosaurimoffiemondo sexymosulnato a xibetnever just a dream: stanley kubrick and eyes wide shutneviano.7 cherry lanenon si puo' morire ballandonon succede, ma se succede...of fathers and sonsoltre la bufera
 NEW
panama papersparthenonpelican bloodphotographpop black postapsychosiarambo: last bloodrare beastsrevenirrialtoroger waters us + themroqaiarosa (2019)sabbiasanctorumsaturday fictionscales
 NEW
scary stories to tell in the darkscherza con i fantise c'e' un aldila' sono fottuto: vita e cinema di claudio caligari
 NEW
se mi vuoi bene
 NEW
searching evasebergselfie di famigliaseules les betessh_t happensshadow of watershaun, vita da pecora - farmageddonsolestate funeralstrange but truestuber - autista d'assaltosubmergencesupereroi senza superpoteriteen spirit - a un passo dal sognothanks!the burnt orange heresythe diverthe great green wall
 NEW
the informer - tre secondi per sopravvivere
 NEW
the kill teamthe king (2019)the kingmakerthe lodgethe long walkthe nest (il nido)the painted birdthe perfect candidatethe rider - il sogno di un cowboythe scarecrowsthey say nothing stays the sametolkientony drivertorino nera (2019)tutta un'altra vitatuttappostoun monde plus grandverdictvivere (2019)vox luxwaiting for the barbarianswake up - il risvegliowasp networkweathering with you - la ragazza del tempowomanyesterday (2019)you will die at 20yuli - danza e liberta'zerozerozero - stagione 1zumiriki

993297 commenti su 42194 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net