Recensione il matrimonio di lorna regia di Jean-Pierre Dardenne, Luc Dardenne Belgio, Francia, Gran Bretagna 2008
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione il matrimonio di lorna (2008)

Voto Visitatori:   6,90 / 10 (21 voti)6,90Grafico
Voto Recensore:   8,50 / 10  8,50
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film IL MATRIMONIO DI LORNA

Immagine tratta dal film IL MATRIMONIO DI LORNA

Immagine tratta dal film IL MATRIMONIO DI LORNA

Immagine tratta dal film IL MATRIMONIO DI LORNA

Immagine tratta dal film IL MATRIMONIO DI LORNA

Immagine tratta dal film IL MATRIMONIO DI LORNA
 

Il cinema dei Dardenne, una delle migliori espressioni europee di questi anni, ha il pregio di svelare, attraverso una successione degli eventi poco tradizionale, il meccanismo interiore dello script, il pensiero originariamente celato.
Visto che il tema del film è "anche" la Creazione (quanto spirituale o quanto esorcizzante?), è lecito pensare che i fratelli più famosi del cinema contemporaneo di lingua francese tendano a spogliare, fino alla parziale nudità, il pensiero dell'animo umano.
È un cinema apparentemente semplice (o apparentemente complesso, dipende dai casi), freddo e calcolato, ma che agisce da denotatore nello spettatore più attento, rivelando attraverso immagini, silenzi, frasi dette e soprattutto gesti e sguardi la complessità della coscienza umana.

I gesti di Lorna, la protagonista del film (la stessa attrice di "Rosetta", qualche anno in più e qualche chilo in meno) fanno pensare alla duplicità del personaggio, che è però solo apparente, perchè la presa di coscienza è ben diversa dall'opportunità dello spettatore di condannare e (successivamente) assolvere il suo ruolo nella vicenda: e lo spettatore può provare avversione o solidarietà per questa ragazza albanese, a seconda delle angolazioni: ma più che altro è tutto ciò che gira attorno a lei, i nuovi codici di sfruttamento, ad apparire labile, fragile e doloroso.
Lorna, un'albanese che affronta un matrimonio "combinato" con un ragazzo tossicodipendente allo scopo di prendere la cittadinanza belga, sembra ogni volta vittima o responsabile diretta delle sue stesse scelte. E l'universo maschile del film, spesso così negativo come quello di Sokol (fidanzato "ufficiale" di Lorna) o Fabio (il complice italiano) mostra un mondo in lotta perenne con se stesso, e sembra uscire dai drammi esistenziali del nordico Kaurismaki, pur con meno ironia e maggior rigore stilistico: l'emotività interiore dei Dardenne è solo apparentemente scarna e "arida".

Ma proprio la protagonista, anche davanti alla coercizione di cui si circonda, sembra capace di preservare una libertà individuale che la proietta in un mondo "puro", dove c'è ancora speranza di salvezza e redenzione (un tema, questo, molto caro ai Dardenne).
E il suo conflitto è quello di una donna ora spregiudicata ora cinica ora remissiva, ora sensibile, ora innamorata ora fatalista ora determinata, una dimensione del tutto nuova di indipendenza e manifesto di un'indole che sembra quasi reclamare, anche tardivamente, la propria identità morale e femminile.

Il film sembra dirci che, anche davanti a un complesso affettivo mosso prevalentemente da meschini interessi, anche davanti alla brutalità di una vita bruciata da un "delitto" tutt'altro che astratto, esiste comunque la possibilità di cambiare scelte di vita e ritrovare il lume della ragione.
E la "scelta di una maternità" (che non c'è?) è forse l'alibi attraverso cui la fragile follia passa indenne nella direzione del rimorso, ma è anche il bisogno di Lorna di ritrovare un nesso spirituale tra la dimensione profonda della nascita e la scelta, catalizzatrice e definitiva, della maternità.

Ma non è un cinema ecumenico, come qualcuno potrebbe credere: basti pensare alla sequenza in cui Lorna rincorre l'uomo che probabilmente non rivedrà più, emblema del meccanismo di difesa (o repulsione) della donna nei confronti propri e di qualche misterioso e implacabile giudice (Dio o lo spettatore?) nei confronti della sua dubbia condotta morale... È "il vettore" - l'uomo - attraverso cui passa la "merce" l'unico baluardo di un sentimento che Lorna non trova attorno a sè, anche se è/era un sentimento comprato, che emerge troppo tardi, e l'approccio minimalista dei Dardenne si fonde in una summa di avvenimenti dove sembrano sempre predominare, più che le storie, le conseguenze degli atti umani.
Pensiamo al terribile, meraviglioso "Le fils" giocato tutto sullo sguardo e sul "rumore dei prolungati silenzi": c'era qualcosa di persino superiore nella capacità di raccontare la spiritualità morale in una dimensione laica che i più troveranno estinta.

Il cinema dei Dardenne ha in realtà un tasso emotivo molto alto, smussato da tutti i cliché che possano renderlo gratuito o viziato dalla furbizia dell'esibizione smaccata del dolore: è come se l'emozione trattenuta finisse per implodere quando nessuno se lo aspetta.
Un esempio? L'incontro con Lorna e il fratello del marito: l'uomo si rivolge a lei, non sembra interessato a sapere le motivazioni della sua fine, quasi ha fretta di concludere presto ogni "trattativa" per ritrovarsi finalmente libero nella sua (la sua) sopravvivenza.
La verità crudele ci rende complici di ciò che quotidianamente osserviamo, forse mai con l'occhio di chi la vive attraverso certe oscure scorciatoie: il dolore trova altre strade per esprimersi, quasi "senza far rumore".

È un cinema essenziale, che non incontra i pareri del pubblico che lo troverà lento e statico nel suo monolitismo visivo: chiedersi il perché è superfluo.
Forse, davvero, la gente ha paura a interrogarsi.

Commenta la recensione di IL MATRIMONIO DI LORNA sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di kowalsky - aggiornata al 02/10/2008

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

 HOT
1917a quiet place iia riveder le stelleadoration (2019)after midnight (2019)alice e il sindacoalla mia piccola samaandrej tarkovskij. il cinema come preghieraantebellumantlersbad boys for lifebirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinnbombshell - la voce dello scandaloboterobunuel - nel labirinto delle tartarughecambio tutto!candymancaterinacats (2019)cattive acquecena con delitto - knives outcercando valentina - il mondo di guido crepaxche fine ha fatto bernadette?city of crimecolor out of spacecriminali come noida 5 bloods - come fratellidiamanti grezzidio e' donna e si chiama petrunyadolittledoll housedoppio sospettodreamkatchereasy living - la vita facileera mio figliofabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovatofantasy islandgli anni piu' belligrandi bugie tra amicigretel e hanselhammametherzog incontra gorbaciovil diritto di opporsiil drago di romagnail ladro di giorniil lago delle oche selvaticheil meglio deve ancora venireil mistero henri pickil primo nataleil richiamo della foresta (2020)il terzo omicidioimpressionisti segretiin the trap - nella trappolajojo rabbitjudy (2019)jumanji - the next leveljust charlie - diventa chi seila dea fortunala gomera - l'isola dei fischila mia banda suona il popla partita (2020)la ragazza d'autunnola vita nascosta - hidden lifel'agnellol'apprendistatolast christmasleonardo. le operel'hotel degli amori smarritil'inganno perfettolontano lontanolourdes (2019)lunar cityl'uomo invisibile (2020)marco polo - un anno tra i banchi di scuolamarianne e leonard. parole d'amoremarie curieme contro te: il film - la vendetta del signor s
 HOT R
memorie di un assassinonancynon si scherza col fuocoodio l'estateoutbackpicciridda - con i piedi nella sabbiapiccole donne (2019)pinocchio (2019)promarequa la zampa 2 - un amico e' per semprequeen & slimrichard jewellrun sweetheart runsaint maudscherza con i fantischool of the damnedshow me the picture: the story of jim marshallsola al mio matrimoniosonic - il filmsono innamorato di pippa baccaspie sotto coperturaspiral - l'eredita' di saw
 HOT
star wars - l'ascesa di skywalkersulle ali dell'avventuratappo - cucciolo in un mare di guaithe boy - la maledizione di brahmsthe farewell - una bugia buonathe gentlementhe grudge (2020)the lodgethe new mutantsthe other lambthey shall not grow old
 HOT
tolo toloun figlio di nome erasmusuna storia d’arteunderwatervilletta con ospitivivariumvolevo nascondermiwaves

1006179 commenti su 43641 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net