Recensione il figlio di babbo natale regia di Sarah Smith, Barry Cook Gran Bretagna, USA 2011
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione il figlio di babbo natale (2011)

Voto Visitatori:   6,44 / 10 (16 voti)6,44Grafico
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film IL FIGLIO DI BABBO NATALE

Immagine tratta dal film IL FIGLIO DI BABBO NATALE

Immagine tratta dal film IL FIGLIO DI BABBO NATALE

Immagine tratta dal film IL FIGLIO DI BABBO NATALE

Immagine tratta dal film IL FIGLIO DI BABBO NATALE

Immagine tratta dal film IL FIGLIO DI BABBO NATALE
 

In un anno un po' fiacco per l'animazione (persino la Pixar ha deluso) "Il figlio di Babbo Natale" (titolo originale: "Arthur Christmas") è un'insperata sorpresa dell'ultimo momento. Gli Aardman Studios sono gli stessi di "Wallace And Gromit" e "Galline in Fuga", perciò le aspettative erano tutt'altro che basse; il soggetto però - la famiglia di Babbo Natale - non induceva grandi speranze, essendo anche stato usato più o meno male di recente in varie situazioni.

La trama: Babbo Natale, aiutato da un plotone di elfi militarizzati ed efficientissimi, consegna i regali in tutto il mondo grazie alla tecnologia messa a punto da suo figlio Steven, che ha mandato in pensione slitta e renne per affidarsi ad astronavi, GPS e sistemi automatizzati e che si appresta a raccogliere l'eredità paterna. La famiglia si completa con la moglie di Babbo Natale (la grande donna dietro il grande uomo), Nonno Natale (ex Babbo a sua volta, nostalgico e polemico nei confronti della tecnologia) e Arthur, secondogenito impacciato e ingenuo, sopportato con malcelato fastidio persino dagli elfi, unico rimasto a credere nella magia del Natale, ma non considerato per la successione. Per un errore di sistema, una bambina viene lasciata senza regalo. Per Steven è una percentuale d'errore tollerabile, per Babbo, ormai vecchio e rincoglionito, è un dispiacere ma nulla su cui non si possa dormire. Per Arthur, è un'intollerabile mancanza, qualcosa a cui porre rimedio a tutti i costi...

Sebbene la storia non sia originalissima - ed il finale sia scontato sin dai primi cinque minuti - "Il figlio di Babbo Natale" è un film sincero e ricco di trovate meravigliose (i primi dieci minuti, con la consegna dei regali, sono una sequenza da applausi da rivedere al rallentatore per godersi tutti i particolari) dal punto di vista narrativo e visivo, che non risparmia intelligenti inside joke (quello sulla crisi missilistica di Cuba fa vergognare tutti gli sceneggiatori Dreamworks) per gli adulti che si avventurano nella visione.

"Il figlio di Babbo Natale" è un film completamente girato in CGI ed in 3D, ma gli Aardman Studios sono diventati celebri con l'animazione a passo uno di pupazzi di plastilina costruiti a mano (tecnica non abbandonata: è in arrivo un film sui Pirati). Dopo i primi successi sotto l'egida Dreamworks, qualcosa si è rotto ed oggi la produzione è Sony Columbia. C'è palese una vena polemica nei confronti dei precedenti partner: "Il figlio di Babbo Natale" può essere tranquillamente letto in chiave metaforica, con i vari "approcci" al Natale dei membri della famiglia che rispecchiano quelli all'animazione dei vari studi americani. In particolare, il confronto tra la tecnologia di Steven (che usa termini come "Natalizzare un paese" e scambia le persone con le percentuali) e lo spirito genuino di Arthur è chiaramente il riflesso del confronto tra la Aardman e la Dreamworks, evidentemente ritenuta colpevole di aver dimenticato che l'obiettivo dell'uso di una tecnologia sempre più avanzata deve rimanere quello di fare un buon film, non solo la moltiplicazione esponenziale degli incassi. Se Nonno Natale rappresenti i Walt Disney Studios è secondario, ma la metafora tiene anche in quel caso: non ne azzecca una da anni e se ci prova fa un gran casino, nonostante le intenzioni.

Usare Babbo Natale per fare polemica, poi, è un colpo (basso) da maestri.

In definitiva la pellicola in questione è un gioiellino di animazione nascosto negli spettacoli pomeridiani, tutto da scoprire.

Nota alla versione italiana: il cast originale è come sempre all-star (James McAvoy, Hugh Laurie, Jim Broadbent, Imelda Staunton) e certamente è stato un bene, in sede di adattamento, non cedere alla tentazione di affidarsi a personaggi dello spettacolo - magari poco avvezzi alla recitazione - tanto per aumentare la grancassa mediatica. Il doppiaggio italiano è riuscito ed efficace, per una volta all'altezza del film.

Commenta la recensione di IL FIGLIO DI BABBO NATALE sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di JackR - aggiornata al 30/12/2011 14.17.00

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

 HOT
1917a quiet place iia riveder le stelleadoration (2019)after midnight (2019)alice e il sindacoalla mia piccola samaandrej tarkovskij. il cinema come preghieraantebellumantlersbad boys for lifebirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinnbombshell - la voce dello scandaloboterobunuel - nel labirinto delle tartarughecambio tutto!candymancaterinacats (2019)cattive acquecena con delitto - knives outcercando valentina - il mondo di guido crepaxche fine ha fatto bernadette?city of crimecolor out of spacecriminali come noida 5 bloods - come fratellidiamanti grezzidio e' donna e si chiama petrunyadolittledoll housedoppio sospettodreamkatchereasy living - la vita facileera mio figliofabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovatofantasy islandgli anni piu' belligrandi bugie tra amicigretel e hanselhammametherzog incontra gorbaciovil diritto di opporsiil drago di romagnail ladro di giorniil lago delle oche selvaticheil meglio deve ancora venireil mistero henri pickil primo nataleil richiamo della foresta (2020)il terzo omicidioimpressionisti segretiin the trap - nella trappolajojo rabbitjudy (2019)jumanji - the next leveljust charlie - diventa chi seila dea fortunala gomera - l'isola dei fischila mia banda suona il popla partita (2020)la ragazza d'autunnola vita nascosta - hidden lifel'agnellol'apprendistatolast christmasleonardo. le operel'hotel degli amori smarritil'inganno perfettolontano lontanolourdes (2019)lunar cityl'uomo invisibile (2020)marco polo - un anno tra i banchi di scuolamarianne e leonard. parole d'amoremarie curieme contro te: il film - la vendetta del signor s
 HOT R
memorie di un assassinonancynon si scherza col fuocoodio l'estateoutbackpicciridda - con i piedi nella sabbiapiccole donne (2019)pinocchio (2019)promarequa la zampa 2 - un amico e' per semprequeen & slimrichard jewellrun sweetheart runsaint maudscherza con i fantischool of the damnedshow me the picture: the story of jim marshallsola al mio matrimoniosonic - il filmsono innamorato di pippa baccaspie sotto coperturaspiral - l'eredita' di saw
 HOT
star wars - l'ascesa di skywalkersulle ali dell'avventuratappo - cucciolo in un mare di guaithe boy - la maledizione di brahmsthe farewell - una bugia buonathe gentlementhe grudge (2020)the lodgethe new mutantsthe other lambthey shall not grow old
 HOT
tolo toloun figlio di nome erasmusuna storia d’arteunderwatervilletta con ospitivivariumvolevo nascondermiwaves

1006176 commenti su 43641 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net