Recensione frankenstein (1931) regia di James Whale USA 1931
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione frankenstein (1931)

Voto Visitatori:   8,04 / 10 (56 voti)8,04Grafico
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film FRANKENSTEIN (1931)

Immagine tratta dal film FRANKENSTEIN (1931)

Immagine tratta dal film FRANKENSTEIN (1931)

Immagine tratta dal film FRANKENSTEIN (1931)

Immagine tratta dal film FRANKENSTEIN (1931)

Immagine tratta dal film FRANKENSTEIN (1931)
 

Il dottor Frankenstein, scienziato svizzero solitario in rottura con le universitÓ dell'epoca per il suo straordinario avanzamento negli studi galvanici applicati alla materia biologica, tenta di rianimare, insieme al suo assistente Fritz, una creatura umana costruita in laboratorio, composta da parti di diversi cadaveri ricavati da corpi disseppelliti al cimitero; il cervello del nascituro appartiene per sbaglio a un criminale ed Ŕ stato rubato da Fritz nel laboratorio della sua ex universitÓ.
Gli esperimenti avvengono in un vecchio mulino a vento abbandonato, utilizzando le numerose scariche elettriche prodotte da un forte temporale.
La creatura, distesa su un lettino, viene portata sulla sommitÓ del mulino attraverso un rudimentale ascensore proprio quando il temporale viene a trovarsi sopra il caseggiato e trasmette la sua energia al corpo grazie a degli appositi elettrodi.

L'essere candidato alla nascita prenderÓ successivamente vita ma risulterÓ subito scomodo, di difficile controllo e amministrazione, a causa del suo forte desiderio di esplorazione dell'ambiente. Il suo atteggiamento istintivamente indipendentista lo porterÓ ad essere aggressivo, ad abbattere ogni ostacolo che gli si presenterÓ davanti, anche uccidendo, finendo poi per passare tra la popolazione del luogo come un mostro orribile.

Ricercato dal sindaco e dagli abitanti del paese per aver involontariamente ucciso una bambina, verrÓ individuato di notte dopo lunghe ricerche nei pressi di un mulino a vento mentre lotta con il suo creatore, il dottor Frankenstein. La loro lotta prosegue disperatamente dentro il fabbricato mentre al mulino gli abitanti appiccano il fuoco. Alla fine Frankenstein si salverÓ mentre il mostro rimarrÓ agonizzante.

Sulla scia del grande successo del film "Dracula" di Tod Browning, del 1931 (con Bela Lugosi nella parte del famoso vampiro), la Universal decide di fare un grosso investimento sul "Frankenstein" (1918), il romanzo di Mary Shelley, sempre ricavando il film da un adattamento teatrale, in questo caso quello di Peggy Webling del 1927, che trasposto nella pellicola perde ogni caratteristica ritmica del teatro confermando la bravura tecnica e l'originalitÓ espressiva del grande regista inglese James Whale.
La Universal bissa il successo horror azzeccando praticamente tutto: sceglie bene il soggetto, il regista, gli attori, i truccatori, la sceneggiatura e i fotografi, ma soprattutto sa cogliere un momento molto favorevole al cinema horror, perchÚ il film nasce in un contesto storico dominato da paure e ansie tra le pi¨ penose della storia dell'occidente a causa dei fantasmi dittatoriali che animano con grande bellicositÓ la propaganda politica di buona parte dell'Europa.

Tra le larghe maglie ideologiche di un mondo che si avvia verso l'intolleranza e il fanatismo compaiono qua e lÓ miti fondamentalisti sulla scienza che, sapientemente distribuiti dai media - e pilotati dalle forze politiche pi¨ reazionarie per distrarre la popolazione dai nuovi orrori messi in cantiere dai governi di regime - diventeranno seriosi protagonisti spirituali di buona parte degli spettacoli filmici dell'epoca.
Il film Ŕ prodotto negli USA, ma come gran parte delle opere hollywoodiane di quel periodo risente della mano di artisti e autori europei emigrati negli Stati Uniti, che non potevano fare a meno di portare con sÚ parti del mondo antico da cui provenivano, rendendo in un certo senso interminabile l'emigrazione verso gli USA con la conseguente trasposizione senza fine di immagini importanti delle culture europee verso il nuovo mondo.

Il film alterna al mito della creazione della vita da parte dell'uomo - il cui tentativo pratico di realizzazione non pu˛ che essere fallimentare, procurando guai di ogni genere proprio perchÚ basato sul sogno ad occhi aperti - la questione del diverso che uccide per paura ma che in realtÓ Ŕ innocente, buono, perchÚ infantile, incontaminato com'Ŕ dai mali e dalla perversione presente nel potere politico e istituzionale.
Questi due aspetti si intrecciano filosoficamente quando lo scienziato paranoico Henry Frankenstein (Colin Clive) si rende conto di aver creato un essere non tanto imperfetto quanto libero, il quale per fruire della presenza della luce Ŕ costretto a uccidere, a fuggire dalla prigione verso la libertÓ, anticipando l'atto del parricidio per poter godere senza riserve della madre-luce intravista nella prigionia.
In questo film il mito della creazione da parte dell'uomo delude proprio durante la sua realizzazione pratica, quando nonostante il successo scientifico ottenuto da Frankenstein l'entusiasmo per il grande risultato si dissolve nel nulla non appena la creatura mostra l'intenzione di vivere in un modo diverso da quello cui l'aveva destinato l'autore.
Il mito come ricerca e applicazione di una favola ideale si infrange di fronte alla pulsione inconscia di possesso che si nasconde dietro la falsa coscienza di Henry Frankenstein.
Quindi la logica non pu˛ che essere sempre la stessa, quella nota nei misfatti abituali dell'uomo nel mondo, quindi creare per possedere, dominare, per stare sopra le cose e non dentro ad esse contemplandole e aiutandole a crescere, impedire la libertÓ piena di ci˛ che di umano si Ŕ creato per timore che essa possa giungere a una diversitÓ, a una differenza altra, allontanandosi dalle idee educative e repressive che l'autore Ŕ bramoso di applicare, per soddisfare il proprio egocentrismo.

Il film, seppur in secondo piano, pone anche la questione dell'odio tra i diversi, un argomento di solito molto trascurato dalla cronaca e da una certa inconsapevole letteratura neoidealista, ma che in realtÓ assume sempre un importanza psicologica di studio notevole per le sue rilevanti variazioni di forma.
Fritz (Dwight Frye), assistente sciocco e deforme di Frankenstein, infastidisce ripetutamente col fuoco la creatura (Boris Karloff) appena nata, dandogli anche del mostro, fino al punto da farla reagire violentemente e portandola a uccidere il servo in virt¨ di una forza straordinaria.
Il timore di Fritz Ŕ quello di perdere, nell'ambito della servit¨, la sua esclusivitÓ pulsionale con il padrone, che era certamente di tipo masochista, soddisfacente quindi per via perversa, ma la cui perdita gli avrebbe rotto un certo equilibrio psicologico costruito a fatica nel tempo, annullandogli gran parte del suo protagonismo nel gioco della servit¨.
Vedendo ad un certo punto il suo ruolo diviso in due, anche nella sua mente si crea una scissione, cosa che gli fa perdere la sua compattezza psichica privandolo in un certo senso del piacere di servire.

Di grande impatto emotivo anche la scena del mostro con la bambina in riva al lago, lasciata sola dal padre per esigenze di lavoro; la creatura per la prima volta sorride, di fronte alla proposta della piccola di giocare con i fiori, e partecipa all'offerta ludica gettando le margherite insieme a lei nel lago, osservandole poi a lungo muoversi sulla superficie.
Il mostro dopo la luce ha scoperto ora la bellezza, quella che pu˛ dare una bambina come Maria, con la sua gioiosa disponibilitÓ a giocare, e nonostante il cervello da criminale che gli Ŕ stato trapiantato parteciperÓ al gioco con felicitÓ e segni di gratitudine.
Ma il mostro a un certo punto pensa che, come con i fiori, si possa far galleggiare anche il corpo della bambina e la prende amorevolmente sulle braccia lanciandola in acqua. La sequenza in cui la bambina si dibatte e affoga rimane coperta dal gigantesco corpo del mostro, Il regista Whale evita cosý allo spettatore la visione di una scena che difficilmente avrebbe sopportato senza percepire un pesante malessere.

La scena in cui il mostro sorride amorevolmente a Maria ha portato in seguito a diverse discussioni sui pregiudizi del tempo, intorno all'origine della malvagitÓ e della crudeltÓ che nel film sono chiaramente intese come generate dalla conformazione del cervello; preconcetti socialmente molto gravi che come la storia dimostrerÓ causeranno per decenni lutti e dolori, trasformandosi in veri e propri delitti commessi dalle istituzioni poliziesche nei confronti di persone disadattate o malate, semplicemente sfortunate e impossibilitate a integrarsi economicamente nel sociale dell'epoca.

Da sottolineare nella composizione fotografica del film e nella tecnica del movimento della cinepresa due cose: da una parte il gioco luci-ombre proiettate sui muri, come quella dello scheletro anatomico mentre penzola da un elastico, nella scena in cui Fritz ruba il cervello nel laboratorio (una modalitÓ linguistica tipica del cinema espressionista tedesco) e dall'altra il modo, in buona parte nuovo, di procedere della cinepresa: senza bruschi movimenti, con piccoli piani sequenza e angolazioni di grande effetto suggestivo come, ad esempio, la ripresa dal basso del mostro ricercato dalla folla mentre si avvicina minaccioso, in cima alla collina e, in un'atmosfera di grande drammaticitÓ, al suo creatore; l'altezza del mostro appare sproporzionata, maggiore di quella che effettivamente era, incutendo allo spettatore mirabili emozioni di stupore e meraviglia.

Commenta la recensione di FRANKENSTEIN (1931) sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di Giordano Biagio - aggiornata al 13/07/2010 15.33.00

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

200 metersacqua e aniceadaalcarras - l'ultimo raccoltoall the streets are silentalla vitaamanti (2020)anna frank e il diario segretoargentina, 1985beast (2022)bentublack parthenopeblondebodies bodies bodiesbrian e charlesbullet traincarter (2022)casablanca beatscome prima (2021)crimes of the future (2022)dantedashcamday shift - a caccia di vampiridc league of super-pets
 NEW
deinfluencerdo revengedon't worry darlingdragon ball super: super heroelvis (2022)emergencyen los margenesevangelion: 3.0+1.01 thrice upon a time
 NEW
everything everywhere all at oncefallfalla girarefassbinderfire of lovefly - vola verso i tuoi sognifreedom (2021)giorni d'estate
 NEW
gli orsi non esistonogold (2022)goodnight mommy (2022)
 NEW
hatching - la forma del malehill of visionhocus pocus 2house of darknesshustlei giovani amantii tuttofareil fronte internoil giorno piu' belloil mondo in camerail paradiso del pavoneil pataffioil signore delle formicheil viaggio degli eroi
 NEW
in viaggioinvito al viaggio. concerto per franco battiatoio e spottyjane by charlottejurassic world - il dominiokarate manla doppia vita di madeleine collinsla mia ombra e' tuala notte del 12la ragazza ha volato
 NEW
la vita e' una danzal'altra lunal'angelo dei murilas leonasle buone stellele favolosele voci solel'eta' dell'innocenza (2022)lettera a francolightyear - la vera storia di buzzl'immensita'liz e l'uccellino azzurrol'origine del malelou (2022)mad godmaigretmarcel!marginimemoriamemory (2022)men (2022)mindemicminions 2 - come gru diventa cattivissimomistero a saint-tropezmona lisa and the blood moonmoonage daydream
 NEW
mr bachmann e la sua classe
 NEW
mr. harrigan's phonenel mio nomenido di viperenon sarai solanopenostalgiaomicidio nel west endorphan: first killpaolo rossi - l'uomo. il campione. la leggenda.pearl (2022)per niente al mondopeter va sulla lunapleasureprey (2022)
 NEW
quasi orfanoqueensquel che conta e' il pensierorevolution of our timesriminirise - la vera storia di antetokounmposamaritansecret love (2021)secret team 355shark baitsiccita'smilespiderheadsposa in rossostudio 666tenebrathe black phonethe deer king - il re dei cervithe forgiventhe gray manthe hanging sun - sole di mezzanottethe invitation (2022)the man from torontothe munstersthe other side (2020)
 NEW
the retaliatorsthe slaughter - la mattanzathe twin - l'altro volto del malethor: love and thunderthree nights a week
 NEW
ticket to paradise
 NEW
tiziano. l'impero del coloretoilettop gun: mavericktutti a bordoun mondo sotto socialuna birra al fronteuna boccata d'ariaun'ombra sulla verita'viaggio a sorpresavieni come seiwild nights with emily dickinsonx - a sexy horror story

1033238 commenti su 48374 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

ALBERGO ROMAALLEGORIAAWAYBRIVIDICACCIA ALL'UOMO (1964)COBRA KAI - STAGIONE 5DAHMERDEAD ZONEDEEP FEARDUE OCCHI DI GHIACCIODUE UOMINI IN FUGA... PER UN COLPO MALDESTROFIRST LOVE (2022)IL GOLIA ATTENDEINFINITE STORMJIKIRAGLA FINESTRA DELLA MORTELA MOGLIE ADDOSSOLA RAGAZZA SUPER SPRINTLA RIVINCITAL'ANIMALEMARGAUXONDATA CALDAPUGNI PUPE E MARINAIPUPI AVATI, LA TAVOLA RACCONTARAVEN'S HOLLOWSCIARADA ALLA FRANCESESUOR PASCALINA - NEL CUORE DELLA FEDETHE RED BOOK RITUALTHE TRACKER - RICERCATO VIVO O MORTOTITANIC 666TOBRUKTRE NOCI PER CENERENTOLAUOMINI D'AMIANTO CONTRO L'INFERNO

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net