Recensione escape plan - fuga dall'inferno regia di Mikael Hafstrom USA 2013
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione escape plan - fuga dall'inferno (2013)

Voto Visitatori:   6,50 / 10 (71 voti)6,50Grafico
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film ESCAPE PLAN - FUGA DALL'INFERNO

Immagine tratta dal film ESCAPE PLAN - FUGA DALL'INFERNO

Immagine tratta dal film ESCAPE PLAN - FUGA DALL'INFERNO

Immagine tratta dal film ESCAPE PLAN - FUGA DALL'INFERNO

Immagine tratta dal film ESCAPE PLAN - FUGA DALL'INFERNO

Immagine tratta dal film ESCAPE PLAN - FUGA DALL'INFERNO
 

Evadere da carceri di massima sicurezza Ŕ il lavoro di Ray Breslin (Sylvester Stallone). Lo schema Ŕ semplice: una falsa identitÓ, un contatto interno, uno esterno e uno studio meticoloso della struttura e delle abitudini dei secondini. Quando trova il punto debole, Breslin mette in atto il piano di fuga, esce e rientra per spiegare al direttore del carcere cosa non funziona nella sua struttura. Il lavoro offerto dalla CIA a Breslin Ŕ diverso dal solito: il carcere da cui dovrÓ evadere Ŕ una struttura segreta e privata, una nuova Guantanamo in cui i governi di tutto il mondo vogliono far sparire terroristi, rivoluzionari e criminali. I dubbi etici e deontologici vengono messi a tacere da un robusto assegno di cinque milioni di dollari e Breslin, nonostante le preoccupazione del suo team (50 Cent, esperto hacker e Amy Ryan, inutile quota rosa), accetta la sfida.
Il traumatico trasporto in prigione Ŕ solo l'inizio di un incubo: una volta giunto alla "Tomba", Breslin scopre di essere stato incastrato. Il suo contatto interno non esiste e il direttore Hobbs (Jim Caviezel) non crede alla sua storia: qualcuno lo vuole rinchiuso per sempre in un carcere evidentemente progettato secondo i suoi stessi rapporti su come migliorare le misure sicurezza. Emil Rottmayer (Arnold Schwarzenegger), imprigionato per i suoi trascorsi con il misterioso criminale informatico Mannheim, Ŕ l'unico detenuto che si mostra amichevole nei confronti di Breslin e i due decidono di allearsi contro il sadico Hobbs per progettare un disperato piano di fuga.
Seguono pretestuose scazzottate, sparatorie con guardie dalla pessima mira, battute senza senso, finale di prammatica.

L'incontro cinematografico del secolo (scorso), e non ce ne vogliano De Niro e Pacino che pure ci hanno provato con "Sfida Senza Regole", Ŕ un fuoco d'artificio bagnato, ma soprattutto, ed Ŕ una brutta notizia per i fan di Arnie, "Escape Plan" Ŕ un classico film di Stallone. Schwarzenegger Ŕ lo specchietto per le allodole per incuriosire e ingolosire un certo pubblico, ma il suo Rottmayer non Ŕ di certo il tipico personaggio dell'attore austriaco, e non rende giustizia in alcun modo alla sua filmografia. Al contrario, da "Fuga per la vittoria" a "Sorvegliato Speciale", Stallone ha una certa esperienza in fatto di carcere duro ed evasioni, per non parlare del fatto che anche Breslin ha un passato tormentato con cui fare i conti, come quasi tutti i personaggi interpretati da Stallone.
Proprio "Sorvegliato Speciale" Ŕ il film che pi¨ ricorda "Escape Plan", che aggiunge un tocco distopico con i secondini mascherati e l'uso della tecnologia (riportando alla mente un altro classico degli anni Ottanta, "2013 la Fortezza" con Christopher Lambert) e aggiorna lo stereotipo del detenuto comune da nero/latino a arabo musulmano.

Le aggiunte non funzionano: l'eccesso di tecnologia Ŕ sempre la spia di una scrittura pigra. L'eroe sa disabilitare un intero sistema di sicurezza aprendo la lente di una telecamera di sorveglianza, sa manomettere il sistema che controlla il generatore di corrente di un carcere di massima sicurezza a malapena guardandolo. Essere esperti di informatica equivale, in questi film, all'onniscienza, a un vantaggio ingiusto che l'eroe pu˛ sfruttare a seconda della necessitÓ. La tecnologia, d'altro canto, Ŕ pervasiva e minacciosa, ma solo finchÚ serve: alla fine non risulta mai pi¨ complicata di quanto si possa spiegare ad un pubblico generalista in pochi secondi e nel mezzo di una sparatoria. Nei classici (e pi¨ riusciti) film d'evasione, si scava un tunnel con un cucchiaio per anni o al massimo si scappa dalle fogne e la cosa, per quanto assurda, risulta comunque pi¨ credibile - ed anche pi¨ gratificante in termini narrativi. I dialoghi sono tristi tentativi di trovare qualche battuta memorabile da consegnare alla posteritÓ, ma nemmeno l'abilitÓ di Schwartzy con i one-liner pu˛ nulla di fronte a tanta pochezza. Infine, il tipico arco narrativo del personaggio di Stallone viene banalizzato e neutralizzato in un modo che risulta superficiale persino per un film di questo tipo. Lo script poggia su un'idea interessante, che poteva davvero servire come sfondo per l'incontro dei due re degli action movie, la cui colpa forse Ŕ stata quella (come spesso in carriera, in effetti) di non pretendere maggiore qualitÓ.

Non avrebbe senso prendersela con le due attempate star. Si vede che il successo de "I Mercenari" ha fatto capire alle vecchie glorie degli action movie che il loro pubblico c'Ŕ ancora, non li ha dimenticati e non pu˛ sostituirli con eroi leccati in armatura o vestiti da antichi Dei vichinghi. Paradossalmente, per˛, un film pi¨ pretenzioso come "Escape Plan" limita le potenzialitÓ del team-up, e forse, un regista un po' pi¨ di peso avrebbe potuto convincere uno dei due ad interpretare l'antagonista.
I maggiori problemi di "Escape Plan" sono dunque alla regia: ci sono troppi elementi che non vengono risolti per non pensare ad un montaggio problematico (l'uomo lanciato dall'elicottero, la sottotrama legata a Mannheim, il contatto di Breslin nella sua prima prigione, l'assurda reazione di Hobbs quando scopre Breslin) e il ritmo non raggiunge mai i picchi sperati. "Escape Plan" Ŕ un film nato vecchio, che fallisce nell'unico obiettivo che doveva realisticamente porsi: mettere tutto al servizio dell'immaginazione dei fan di Stallone e Schwarzenegger, facendo scontrare i due fino alla distruzione totale per poi eventualmente farli alleare contro un nemico comune all'altezza, o almeno un po' pi¨ minaccioso di un viscido burocrate brizzolato con l'aspetto indifeso di Jim Caviezel, che aspetta solo di sapere quale dei due eroi avrÓ l'onere di farlo fuori. Avrebbero dovuto farlo insieme, in un soddisfacente e liberatorio atto di vendetta finale contro i soprusi patiti in carcere, ma "Escape Plan" non concede nemmeno questo. Sly e Arnie meritano di meglio, magari in futuro avranno un'altra occasione.

Commenta la recensione di ESCAPE PLAN - FUGA DALL'INFERNO sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di JackR - aggiornata al 15/10/2013 17.12.00

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

5 cm al secondoa haunting at silver falls 2a mano disarmataa spasso con willya.n.i.m.a.after (2019)aladdin (2019)alive in franceamerican animalsancora un giornoasbury park: lotta, redenzione, rock and rollattacco a mumbai - una vera storia di coraggioattenti a quelle dueavengers: endgamebangla
 NEW
beautiful boy (2018)bene ma non benissimo
 NEW
blue my mind - il segreto dei miei annibook club - tutto puo' succederebutterfly (2019)cafarnaoche fare quando il mondo e' in fiamme?
 NEW
christo - walking on water
 NEW
climax (2018)cyrano, mon amourdagli occhi dell'amoredentro caravaggiodicktatorship - fallo e basta!dilili a parigidolceromadolor y gloriafiore gemelloforse e' solo mal di marego home - a casa lorogodzilla ii - king of the monstersgordon & paddy e il mistero delle nocciolehellboy (2019)i figli del fiume gialloi fratelli sisters
 NEW
i morti non muoionoil campione (2019)il corpo della sposa
 NEW
il grande saltoil grande spiritoil museo del prado. la corte delle meraviglieil ragazzo che diventera' reil traditore (2019)il viaggio di yaojohn mcenroe - l'impero della perfezionejohn wick 3 - parabellumjuliet, nakedkarenina & ikurskla caduta dell'impero americanola citta' che curala llorona: le lacrime del malel'alfabeto di peter greenawayl'angelo del criminel'angelo del male - brightburnle grand balle invisibilil'educazione di reylo spietatol'uomo che compro' la lunal'uomo fedelema cosa ci dice il cervello
 NEW
maryam of tsyon - cap 1 escape to ephesusmo' vi mento - lira di achillenoinon ci resta che riderenon sono un assassinonormaloro verde - c'era una volta in colombiapalladio - the power of architecturepallottole in liberta'pet sematarypets 2: vita da animalipokemon detective pikachupolaroidprimula rossaquando eravamo fratelliquel giorno d'estatequello che i social non dicono - the cleanersrapiscimired joanrocketmansarah & saleem - la' dove nulla e' possibileselfiesharon tate: tra incubo e realta'shazam!
 NEW
shelter: addio all'eden
 NEW
soledadsolo cose bellestanlio e olliotakara - la notte che ho nuotatoted bundy: fascino criminalethe brink - sull'orlo dell'abissothe intruder (2019)
 NEW
the mirror and the rascaltorna a casa, jimi!tutti pazzi a tel avivtutto lisciouna vita violenta (2019)un'altra vita - mugunfriended: dark webwonder parkx-men: dark phoenix

988826 commenti su 41438 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net