Recensione due giorni, una notte regia di Luc Dardenne, Jean-Pierre Dardenne Belgio 2014
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
Ciao Paul!
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione due giorni, una notte (2014)

Voto Visitatori:   6,69 / 10 (18 voti)6,69Grafico
Voto Recensore:   8,00 / 10  8,00
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film DUE GIORNI, UNA NOTTE

Immagine tratta dal film DUE GIORNI, UNA NOTTE

Immagine tratta dal film DUE GIORNI, UNA NOTTE

Immagine tratta dal film DUE GIORNI, UNA NOTTE

Immagine tratta dal film DUE GIORNI, UNA NOTTE

Immagine tratta dal film DUE GIORNI, UNA NOTTE
 

Il cinema dei fratelli Dardenne si è sempre contraddistinto per l'intima sostanza etica racchiusa sotto una scorza di impegno civile. Il loro tema fondamentale, centrale sin dai tempi del bellissimo esordio del 1996 "La promessa", è il tema della Scelta.
La Scelta che implica responsabilità, impegno morale. Se i contesti in cui i registi ambientano i loro film sono spesso stati di degrado sociale e la società verso la quale hanno sempre puntato l'obiettivo è quella dei ceti più umili, il loro interesse non sta nel denunciare le iniquità sociali, i soprusi dei più forti, che pure ci sono sempre, nel loro cinema. Ma spesso i più forti rimangono ai margini (come anche in questo loro ultimo film), decentrati rispetto al cuore del problema, la Scelta.

Ci si imbatte nella scelta morale qualunque sia la condizione economico-sociale in cui ci troviamo. E se la sorte ci ha già vessato, non ci si può sottrarre per questo di certo all'obbligo di scegliere. In "Due giorni, una notte", di fronte alla Scelta si trovano tutti i colleghi di Sandra. E' quasi un sondaggio, il film, condotto attraverso interviste che implicano una scelta diretta, concreta, immediata.
Al posto di ciascuno dei colleghi ci potremmo essere noi. E, a ogni tappa di questo calvario, ci chiediamo come reagiremmo noi; se avremmo il coraggio di rinunciare al bonus in ciascuna delle diverse condizioni umane che ci vengono presentate, in cui quel denaro è più o meno indispensabile.
In apparenza, siamo chiamati a identificarci con Sandra, ma nel profondo l'identificazione che i fratelli ci chiedono è con le sue controparti. Se avessimo il coraggio di accettare la sfida che ci viene lanciata, cosa ci diremmo, messi di fronte allo specchio? L'interrogativo è lanciato, come un seme, a germinare nel cuore di ognuno. Sta a noi raccoglierlo o meno.

Alla fine, nel meraviglioso finale, di fronte alla scelta verrà posta proprio Sandra. E la sua scelta farà esplodere una catarsi sublime. E' forse questa la vera novità dell'ultimo film dei Dardenne. Più che l'affidarsi a un'attrice di grande richiamo (Marion Cotillard regala fra l'altro una prestazione magnifica, fra le sue più intense), è il forte calore positivo che emana la svolta finale, che, inaspettata e commovente, non depotenzia di una virgola la durezza della sfida che il film lancia ai suoi spettatori. Al contrario, la scelta di Sandra corona e definisce in modo cristallino il messaggio morale che i Dardenne sentono il profondo bisogno di lanciarci: in una società disgregata, centrata sull'individuo e sui suoi bisogni primari, il valore che i fratelli chiaramente ci indicano è quello della solidarietà. E con questo finale ci vogliono togliere un peso dal cuore: la scelta della solidarietà può non essere un peso. Mentre l'individualismo non toglie la disperazione dove essa si annida, la solidarietà può accendere la speranza e farci vedere con entusiasmo al futuro.

I Dardenne non sono interessati alle questioni piccine dei cinefili, legate alla forma e all'innovazione estetica. Il loro stile è coerente da sempre, l'hanno trovato a suo tempo (ed era pionieristico negli anni '90): le innovazioni che vi porteranno, come l'uso della musica, saranno comunque sfumature marginali. Il loro interesse sta tutto nelle questioni di poetica. E anche la loro poetica è matura da sempre: ma non vuol smettere, per fortuna, di lanciarci messaggi più che mai indispensabili.

Commenta la recensione di DUE GIORNI, UNA NOTTE sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di Stefano Santoli - aggiornata al 23/12/2014 12.39.00

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

20.000 specie di api50 km all'oraa dire il veroadagioall soulsamerican fictionappuntamento a land’s endaquaman e il regno perdutoarfargylle - la super spiabang bankbob marley: one lovebuon natale da candy cane lanechi ha rapito jerry cala’?chi segna vincecity hunter: the movie - angel dustcolpo di fortunacome puo' uno scogliocover story - vent'anni di vanity fairdeserto particulardieci minutidivinitydobbiamo stare vicini
 NEW
dune - parte dueelf meemma e il giaguaro neroeneaferrarifinalmente l'albafinestkindfoglie al ventogenoa. comunque e ovunquegiorni felicigodzilla minus onehazbin hotel - stagione 1how to have sexi soliti idioti 3 - il ritornoi tre moschettieri - miladyil colore viola (2023)il confine verdeil fantasma di canterville (2024)il faraone, il selvaggio e la principessail maestro giardiniereil male non esiste (2023)il migliore dei mondiil mondo dietro di teil punto di rugiadail ragazzo e l’aironeimprovvisamente a natale mi sposoin the land of saints and sinnerskriptonla chiocciolala natura dell'amorela petitela quercia e i suoi abitantila zona d'interessel'anima in pacele avventure del piccolo nicolasle seduzionimadame webmartedi' e venerdi'maschile pluralemay decembermean girls (2024)mr. & mrs. smith - stagione 1napoleon (2023)night swimno activity - niente da segnalareno way up (2024)one lifepare parecchio parigipast livesperfect daysperipheric lovepigiama party! carolina e nunù alla grande festa dello zecchino d'oro
 R
povere creature!prendi il voloprima danza, poi pensa - alla ricerca di beckettpuffin rock - il filmrebel moon - parte 1: figlia del fuocored roomsrenaissance: a film by beyoncericomincio da me (2023)robot dreamsromeo e' giulietta (2024)runnersansone e margot - due cuccioli all'operasantocielosilver e il libro dei sognisound of freedom - il canto della liberta'succede anche nelle migliori famigliesuncoastte l'avevo dettothe beekeeperthe cage - nella gabbiathe family planthe holdovers - lezioni di vitathe miracle clubthe piper (2023)the warrior - the iron clawtrue detective - stagione 4tutti a parte mio marito - it's raining mentutti tranne teuna bugia per dueupon entry - l'arrivoviaggio in giapponevolarewishwonder: white birdwonkayannick - la rivincita dello spettatore

1048038 commenti su 50425 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

ALIENATEAMERICAN NIGHTMARE - MINISERIE TVAPOCALISSE DI GHIACCIOBADLAND HUNTERSCALIFANOCAUSA DI DIVORZIOERADICATIONFREE FALL - CADUTA LIBERAGLI AMICI DELLE VACANZEGLI AMICI DELLE VACANZE 2IL DEMONE NEROIL SENTIERO DELLA VENDETTAIL TESORO DELLE 4 CORONEJUJUTSU KAISEN 0 - IL FILMLA BATTAGLIA DI HANSANLA FESSURALA LEGGENDA DI LONE RANGERLA ROSA DELL'ISTRIAL'AMORE ARRIVA DOLCEMENTEMALIZIOSAMENTENAGAOCCHIO NERO OCCHIO BIONDO OCCHIO FELINO…ONCE UPON A CRIMEPOUPELLE DELLA CITTA' DEI CAMINISEGUI IL TUO CUORESHERLOCK HOLMES - SCANDALO IN BOEMIASHUT IN (2022)SUFFERING BIBLETAURUSTERRA BRUCIATA (1953)UNA RETE DI BUGIE (2023)ZOMBIE 100 - CENTO COSE DA FARE PRIMA DI NON-MORIRE

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net