Recensione due giorni, una notte regia di Luc Dardenne, Jean-Pierre Dardenne Belgio 2014
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione due giorni, una notte (2014)

Voto Visitatori:   6,75 / 10 (16 voti)6,75Grafico
Voto Recensore:   8,00 / 10  8,00
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film DUE GIORNI, UNA NOTTE

Immagine tratta dal film DUE GIORNI, UNA NOTTE

Immagine tratta dal film DUE GIORNI, UNA NOTTE

Immagine tratta dal film DUE GIORNI, UNA NOTTE

Immagine tratta dal film DUE GIORNI, UNA NOTTE

Immagine tratta dal film DUE GIORNI, UNA NOTTE
 

Il cinema dei fratelli Dardenne si è sempre contraddistinto per l'intima sostanza etica racchiusa sotto una scorza di impegno civile. Il loro tema fondamentale, centrale sin dai tempi del bellissimo esordio del 1996 "La promessa", è il tema della Scelta.
La Scelta che implica responsabilità, impegno morale. Se i contesti in cui i registi ambientano i loro film sono spesso stati di degrado sociale e la società verso la quale hanno sempre puntato l'obiettivo è quella dei ceti più umili, il loro interesse non sta nel denunciare le iniquità sociali, i soprusi dei più forti, che pure ci sono sempre, nel loro cinema. Ma spesso i più forti rimangono ai margini (come anche in questo loro ultimo film), decentrati rispetto al cuore del problema, la Scelta.

Ci si imbatte nella scelta morale qualunque sia la condizione economico-sociale in cui ci troviamo. E se la sorte ci ha già vessato, non ci si può sottrarre per questo di certo all'obbligo di scegliere. In "Due giorni, una notte", di fronte alla Scelta si trovano tutti i colleghi di Sandra. E' quasi un sondaggio, il film, condotto attraverso interviste che implicano una scelta diretta, concreta, immediata.
Al posto di ciascuno dei colleghi ci potremmo essere noi. E, a ogni tappa di questo calvario, ci chiediamo come reagiremmo noi; se avremmo il coraggio di rinunciare al bonus in ciascuna delle diverse condizioni umane che ci vengono presentate, in cui quel denaro è più o meno indispensabile.
In apparenza, siamo chiamati a identificarci con Sandra, ma nel profondo l'identificazione che i fratelli ci chiedono è con le sue controparti. Se avessimo il coraggio di accettare la sfida che ci viene lanciata, cosa ci diremmo, messi di fronte allo specchio? L'interrogativo è lanciato, come un seme, a germinare nel cuore di ognuno. Sta a noi raccoglierlo o meno.

Alla fine, nel meraviglioso finale, di fronte alla scelta verrà posta proprio Sandra. E la sua scelta farà esplodere una catarsi sublime. E' forse questa la vera novità dell'ultimo film dei Dardenne. Più che l'affidarsi a un'attrice di grande richiamo (Marion Cotillard regala fra l'altro una prestazione magnifica, fra le sue più intense), è il forte calore positivo che emana la svolta finale, che, inaspettata e commovente, non depotenzia di una virgola la durezza della sfida che il film lancia ai suoi spettatori. Al contrario, la scelta di Sandra corona e definisce in modo cristallino il messaggio morale che i Dardenne sentono il profondo bisogno di lanciarci: in una società disgregata, centrata sull'individuo e sui suoi bisogni primari, il valore che i fratelli chiaramente ci indicano è quello della solidarietà. E con questo finale ci vogliono togliere un peso dal cuore: la scelta della solidarietà può non essere un peso. Mentre l'individualismo non toglie la disperazione dove essa si annida, la solidarietà può accendere la speranza e farci vedere con entusiasmo al futuro.

I Dardenne non sono interessati alle questioni piccine dei cinefili, legate alla forma e all'innovazione estetica. Il loro stile è coerente da sempre, l'hanno trovato a suo tempo (ed era pionieristico negli anni '90): le innovazioni che vi porteranno, come l'uso della musica, saranno comunque sfumature marginali. Il loro interesse sta tutto nelle questioni di poetica. E anche la loro poetica è matura da sempre: ma non vuol smettere, per fortuna, di lanciarci messaggi più che mai indispensabili.

Commenta la recensione di DUE GIORNI, UNA NOTTE sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di Stefano Santoli - aggiornata al 23/12/2014 12.39.00

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

120 battiti al minuto2 biglietti della lotteria
 NEW
40 sono i nuovi 20a ciambraalibi.comall eyez on meamityville: il risveglioammore e malavitaangels wear whiteappuntamento al parcoatomica biondababy driver - il genio della fugababylon sistersbarry seal - una storia americana
 HOT
blade runner 2049cars 3cattivissimo me 3charley thompsonchi m'ha vistocome ti ammazzo il bodyguardcustodydavid gilmour - live at pompeiideath note (2017)dementia 13dove cadono le ombre
 NEW
dove non ho mai abitatodownsizing
 HOT
dunkirkeasy - un viaggio facile facileemoji - accendi le emozioniex libris - the new york public libraryferrante feverfirst reformedfottute!foxtrotfranca: chaos and creationfuori c'e' un mondogatta cenerentolagifted - il dono del talentoglory - non c'e' tempo per gli onestihannahhouse on elm lakehuman flowil colore nascosto delle coseil contagio
 NEW
il palazzo del vicere'in dubious battle - il coraggio degli ultimiin questo angolo di mondoivory. a crime storyjackalsjukai - la foresta dei suicidikingsman: il cerchio d'orokoudelka fotografa la terra santal’ordine delle cosela fratellanza (2017)la principessa e l'aquilala storia dell'amorela villala vita in comune
 NEW
l'altra meta' della storialeatherface
 NEW
lego ninjago - il filml'equilibriolezione di pittural'incredibile vita di normanl'inganno (2017)l'insultel'intrusa (2017)
 NEW
loving vincent
 NEW
l'uomo di nevelycan
 NEW
made in china napoletanomadre!mektoub, my love: canto unomiss sloane - giochi di potere
 NEW
nico, 1988noi siamo tutto
 NEW
nove lune e mezzaopen water 3 - cage diveoverdrive
 NEW
party bus to hellrenegades - commando d'assalto
 NEW
rock paper deadsafarisuburbiconsweet countrythe devil's candythe midnight man
 NEW
the ritualthe shape of waterthe teacherthe third murdertiro liberoun profilo per dueuna di noiuna famigliavalerian e la citta' dei mille pianetivelenowalk with me

962851 commenti su 38099 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net