Recensione due giorni, una notte regia di Luc Dardenne, Jean-Pierre Dardenne Belgio 2014
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione due giorni, una notte (2014)

Voto Visitatori:   6,75 / 10 (16 voti)6,75Grafico
Voto Recensore:   8,00 / 10  8,00
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film DUE GIORNI, UNA NOTTE

Immagine tratta dal film DUE GIORNI, UNA NOTTE

Immagine tratta dal film DUE GIORNI, UNA NOTTE

Immagine tratta dal film DUE GIORNI, UNA NOTTE

Immagine tratta dal film DUE GIORNI, UNA NOTTE

Immagine tratta dal film DUE GIORNI, UNA NOTTE
 

Il cinema dei fratelli Dardenne si è sempre contraddistinto per l'intima sostanza etica racchiusa sotto una scorza di impegno civile. Il loro tema fondamentale, centrale sin dai tempi del bellissimo esordio del 1996 "La promessa", è il tema della Scelta.
La Scelta che implica responsabilità, impegno morale. Se i contesti in cui i registi ambientano i loro film sono spesso stati di degrado sociale e la società verso la quale hanno sempre puntato l'obiettivo è quella dei ceti più umili, il loro interesse non sta nel denunciare le iniquità sociali, i soprusi dei più forti, che pure ci sono sempre, nel loro cinema. Ma spesso i più forti rimangono ai margini (come anche in questo loro ultimo film), decentrati rispetto al cuore del problema, la Scelta.

Ci si imbatte nella scelta morale qualunque sia la condizione economico-sociale in cui ci troviamo. E se la sorte ci ha già vessato, non ci si può sottrarre per questo di certo all'obbligo di scegliere. In "Due giorni, una notte", di fronte alla Scelta si trovano tutti i colleghi di Sandra. E' quasi un sondaggio, il film, condotto attraverso interviste che implicano una scelta diretta, concreta, immediata.
Al posto di ciascuno dei colleghi ci potremmo essere noi. E, a ogni tappa di questo calvario, ci chiediamo come reagiremmo noi; se avremmo il coraggio di rinunciare al bonus in ciascuna delle diverse condizioni umane che ci vengono presentate, in cui quel denaro è più o meno indispensabile.
In apparenza, siamo chiamati a identificarci con Sandra, ma nel profondo l'identificazione che i fratelli ci chiedono è con le sue controparti. Se avessimo il coraggio di accettare la sfida che ci viene lanciata, cosa ci diremmo, messi di fronte allo specchio? L'interrogativo è lanciato, come un seme, a germinare nel cuore di ognuno. Sta a noi raccoglierlo o meno.

Alla fine, nel meraviglioso finale, di fronte alla scelta verrà posta proprio Sandra. E la sua scelta farà esplodere una catarsi sublime. E' forse questa la vera novità dell'ultimo film dei Dardenne. Più che l'affidarsi a un'attrice di grande richiamo (Marion Cotillard regala fra l'altro una prestazione magnifica, fra le sue più intense), è il forte calore positivo che emana la svolta finale, che, inaspettata e commovente, non depotenzia di una virgola la durezza della sfida che il film lancia ai suoi spettatori. Al contrario, la scelta di Sandra corona e definisce in modo cristallino il messaggio morale che i Dardenne sentono il profondo bisogno di lanciarci: in una società disgregata, centrata sull'individuo e sui suoi bisogni primari, il valore che i fratelli chiaramente ci indicano è quello della solidarietà. E con questo finale ci vogliono togliere un peso dal cuore: la scelta della solidarietà può non essere un peso. Mentre l'individualismo non toglie la disperazione dove essa si annida, la solidarietà può accendere la speranza e farci vedere con entusiasmo al futuro.

I Dardenne non sono interessati alle questioni piccine dei cinefili, legate alla forma e all'innovazione estetica. Il loro stile è coerente da sempre, l'hanno trovato a suo tempo (ed era pionieristico negli anni '90): le innovazioni che vi porteranno, come l'uso della musica, saranno comunque sfumature marginali. Il loro interesse sta tutto nelle questioni di poetica. E anche la loro poetica è matura da sempre: ma non vuol smettere, per fortuna, di lanciarci messaggi più che mai indispensabili.

Commenta la recensione di DUE GIORNI, UNA NOTTE sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di Stefano Santoli - aggiornata al 23/12/2014 12.39.00

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

192240 sono i nuovi 20addio fottuti musi verdiagadahamerican assassinammore e malavitaamori che non sanno stare al mondoassassinio sull'orient express (2017)auguri per la tua morte
 NEW
bad moms 2 - mamme molto più cattive
 HOT
blade runner 2049borg mcenroebrutti e cattivicaccia al tesorocapitan mutanda: il filmcento annichiamami col tuo nomecold groundcome ti ammazzo il bodyguardcosi' parlo' de crescenzocure a domiciliodaddy's home 2death ward 13dementia 13detroitdirectionsdove non ho mai abitato
 NEW
due sotto il burqaearth - one amazing dayegon schielefinche' c'e' prosecco c'e' speranzaflatliners - linea mortale
 NEW
free firegeostormgifted - il dono del talentogli asteroidigli eroi del natalegli sdraiatigood timehappy end (2017)housewifei love... marco ferreriibiil culto di chuckyil domani tra di noiil figlio sospesoil libro di henryil mio godardil palazzo del vicere'
 NEW
il premio - non basta vincerlo devi anche ritirarloil senso della bellezzai'm - infinita come lo spazio
 HOT
it (2017)johnny gruesome
 HOT
justice leaguekeep watchingla battaglia dei sessi (2017)la botta grossala casa di famigliala forma della vocela ragazza nella nebbiala signora dello zoo di varsavial'altra meta' della storialbjlego ninjago - il filml'esodol'eta' imperfettalezione di pittura
 NEW
l'insulto
 NEW
lovelessloving vincentl'ultimo sole della nottel'uomo dal cuore di ferrol'uomo di nevemade in china napoletanomalarazzamanifestomarrowbonemazinga z - infinitymistero a crooked housemonster familymr. ovemuse
 NEW
my little pony - il filmmy name is adilmy name is emilynemesinever ending man - hayao miyazakinico, 1988non c'e' camponove lune e mezzanut job - tutto molto divertenteogni tuo respirootherlifepaddington 2party bus to hell
 NEW
patti cake$pipì, pupù e rosmarina in il mistero delle note rapitepokemon: scelgo te!prince- sign o' the timesrenegades - commando d'assaltoriccardo va all'infernoritorno in borgognarock paper deadsami bloodsaw: legacyseven sisterssingularityslumber - il demone del sonnosmetto quando voglio: ad honorem
 NEW
suburbiconterapia di coppia per amantithe big sickthe broken keythe midnight manthe night watchmenthe paris operathe placethe ritualthe square (2017)
 NEW
the void - il vuoto
 NEW
the wicked giftthor: ragnaroktragedy girlsuna donna fantasticauna questione privata (2017)una scomoda verita' 2vampirettovasco modena park - il filmvelenivita da giungla: alla riscossa! - il filmvittoria e abdulwe are x

965228 commenti su 38421 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net