Recensione distretto 13: le brigate della morte regia di John Carpenter USA 1976
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione distretto 13: le brigate della morte (1976)

Voto Visitatori:   7,83 / 10 (140 voti)7,83Grafico
Voto Recensore:   9,00 / 10  9,00
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film DISTRETTO 13: LE BRIGATE DELLA MORTE

Immagine tratta dal film DISTRETTO 13: LE BRIGATE DELLA MORTE

Immagine tratta dal film DISTRETTO 13: LE BRIGATE DELLA MORTE

Immagine tratta dal film DISTRETTO 13: LE BRIGATE DELLA MORTE

Immagine tratta dal film DISTRETTO 13: LE BRIGATE DELLA MORTE
 

"Assault on precinct 13" pu˛ essere considerato probabilmente il vero esordio cinematografico di John Carpenter. "Darkstar", il suo film precedente, era nato come mediometraggio di 45 minuti che, dopo aver avuto un buon successo all'interno dei circuiti universitari, fu successivamente gonfiato a 35 mm ed esteso nella sua durata per la distribuzione cinematografica. al contrario "Distretto 13" fu concepito fin dall'inizio come un lungometraggio.

Carpenter non ha mai fatto mistero di amare il genere western, tuttavia non ha avuto la possibilitÓ in tutta la sua carriera di girarne uno, anche se le atmosfere e i rimandi sono presenti in tutte le sue pellicole. "Distretto 13", all'interno della sua filmografia, rappresenta ci˛ che Ŕ pi¨ vicino a questo genere o almeno il punto in cui Carpenter riversa tutto il suo amore verso quegli autori classici (Ford e Hawks), tenendo conto delle riletture moderne sul genere (Peckinpah e Leone) e delle novitÓ emerse qualche anno prima in altri generi come l'horror (Romero). Inoltre Ŕ il primo film dove si mostra palese la denuncia verso la falsitÓ del cosiddetto sogno americano, tema ricorrente nella maggior parte delle sue pellicole future.

La storia, racchiusa nell'arco di un'unica giornata, si compone di tre tronconi che si sviluppano parallelamente fra loro con l'orario scandito in sovraimpressione: nel primo un uomo, accompagnato dalla sua bambina, Ŕ alla ricerca della figlia pi¨ grande residente nel quartiere con lo scopo di convincerla a ritornare a casa, nel secondo un neopromosso tenente di polizia si reca verso il distretto di polizia n. 13 per sbrigarne le pratiche di chiusura, dato che lo stesso Ŕ stato ridislocato in un altro luogo, nel terzo un furgone blindato della polizia penitenziaria sta trasferendo tre condannati a morte verso il carcere di Sonora.
Il sottotesto che unisce queste storie Ŕ una gang del ghetto di Los Angeles che stipula un vero e proprio patto di sangue per vendicare la morte dei loro compagni uccisi dalla polizia durante la stessa notte. Ognuno dei protagonisti di queste storie, chi per dovere o chi per diverse vicissitudini, convergeranno inesorabilmente verso questo distretto in smobilitazione, luogo dove le tre storie si uniscono ed in cui la gang tenterÓ in ogni modo di penetrare all'interno dell'edificio difeso da pochi componenti.

Questo western metropolitano ricalca idealmente la struttura di "Un dollaro d'onore" di Howard Hawks. Il carattere stesso dei personaggi Ŕ determinato secondo canoni hawksiani: una moralitÓ ben definita guidata da poche ma ferree regole di comportamento che permetteranno in poco tempo agli assediati di fare fronte comune verso la minaccia esterna. Da sottolineare anche la presenza del personaggio femminile di Leigh, prototipo di quella donna forte marchio distintivo di molti film del regista americano. Siamo per˛ ancora lontani quindi dalla disaggregazione del gruppo operata dallo stesso Carpenter, dopo qualche anno, nel film "La cosa" e lontano perfino dalle tematiche romeriane de "La Notte dei morti viventi" dove il gruppo non raggiunge un livello di coesione tale da essere in grado in grado di fronteggiare gli zombi.

E proprio come degli zombi si comportano gli assedianti: ovviamente tangibili dal punto di vista fisico ma astratti nella loro identitÓ, avanzano senza tregua verso questa specie di fortino come degli indiani nei western classici amati da Carpenter in giovent¨. Questo sciame senza un volto definito obbedisce unicamente a delle regole che nulla hanno a che fare con la societÓ, obbedisce a riti come il patto di sangue mostrato all'inizio del film che ne fanno un corpo unico privo di qualsiasi umanitÓ, oltre che ad una propria identitÓ, dedito solo alla violenza ed in grado di apparire e dileguarsi a piacimento facendo scomparire ogni traccia del loro passaggio.

E' grazie anche ad accorgimenti di questo tipo che Carpenter riesce a trasmettere quell'atmosfera da incubo che domina per tutto il film girato quasi interamente in notturna.
Siamo a Los Angeles, non in una giungla
Paradossalmente per˛ tutta la situazione Ŕ determinata dalle leggi della giungla, anche se in un contesto metropolitano. Leggi non scritte che per gli assediati hanno lo scopo finale della pura e semplice sopravvivenza. In un tale contesto estremo ogni barriera sociale, ogni arbitraria divisione tra buoni e cattivi perde ogni senso. Di fronte ad una violenza cosý cieca pu˛ accadere anche che un tenente di polizia possa armare un condannato a morte e che quest'ultimo lotti fianco a fianco alle forze dell'ordine in nome dell'unico imperativo che la situazione richiede: salvare la pelle.

La maestria di Carpenter risiede anche nella semplicitÓ con cui smorza sul nascere qualsiasi appunto che pu˛ essere fatto riguardo la credibilitÓ o la plausibilitÓ di questa scelta.
Un distretto di polizia in smobilitazione e semi-abbandonato, con ogni forma di comunicazione tagliata dal resto del mondo non Ŕ cosý diverso dalla stazione del Polo Sud teatro delle vicende de "La Cosa": le lande polari si sono materializzate nella cittÓ di Los Angeles con lo stesso senso di isolamento da qualsiasi contesto civile e di umana convivenza. L'autoritÓ sta indietreggiando sotto i colpi di questa Nuova Frontiera alimentata da quel forte senso di sfiducia della stessa societÓ americana nei confronti delle istituzioni precostituite che hanno avuto dei durissimi colpi alla loro credibilitÓ a causa della guerra in Vietnam e dallo scandalo Watergate.
Quando l'uomo con la bambina sono in macchina per cercare l'indirizzo dove abita la figlia pi¨ grande, la bambina suggerisce di chiedere indicazioni a dei poliziotti, visto il loro continuo girare a vuoto. Ma l'uomo preferisce non farlo motivandolo con il fatto che avrebbero fatto troppe domande. Un piccolo segno di sfiducia in una scena all'apparenza banale che diventerÓ per˛, proprio per l'effetto di questa scelta, il vero motore dell'intera storia. Il successivo omicidio della bambina, una delle scene pi¨ agghiaccianti dell'intero cinema carpenteriano costruita peraltro in maniera superba con continue attese e disattese in modo da far aumentare la tensione a livelli altissimi, scatenerÓ una reazione a catena in cui l'uomo (individuo che dovrebbe rappresentare la cosidetta societÓ civile) si abbandonerÓ alla sete di vendetta nei confronti degli assassini.
In definitiva non esiste quindi alcun contesto di civile convivenza nel ghetto di Los Angeles, solo la legge dell'occhio per occhio e dente per dente. L'ordine morale sopravvive solo nei componenti che si ergono a difesa del distretto, un ordine per˛ dettato da singole scelte, fondato sul proprio eroismo individuale e sulle macerie delle autoritÓ istituzionali.

"Assault on precinct 13" rappresenta quindi per Carpenter la fase embrionale del suo capolavoro successivo "1997: Fuga da New York", sia nei singoli personaggi (Napoleone Wilson-Snake Plissken) senza un apparente passato come gli eroi di Sergio Leone, sia per il fallimento di ogni istituzione che rende perfettamente equidistanti una societÓ brutale e autoritaria come il governo degli Stati Uniti sia la legge della giungla che domina la societÓ criminale di New York.

Forse proprio per questo pessimismo che permea tutta la pellicola, molto pi¨ vicino di quanto si pensi alla vita reale, che Distretto 13 non sarÓ accolto da un grande successo di pubblico e verrÓ colpevolmente sottovalutato dalla critica, per poi essere giustamente rivalutato anni dopo la sua uscita. Lo stesso film di Walter Hill "I guerrieri della notte", sotto alcuni aspetti come la violenza delle metropoli americane, Ŕ debitore della pellicola di John Carpenter.

"Distretto 13" pu˛ essere considerato quindi, anche per la sua collocazione temporale, il 1976, un film collante tra due periodi distinti: il grande cinema classico americano che si riverbera soprattutto nei suoi personaggi principali e la rifioritura di generi cinematografici che negli anni '70 ha avuto un notevole impulso riguardo il poliziesco ("French Connection") e specialmente l'horror che, grazie a pellicole come "La notte dei morti viventi" di Romero, sta vivendo una delle sue stagioni pi¨ feconde dal punto di vista creativo e qualitativo.

Carpenter inserisce all'interno della pellicola molte citazioni e omaggi al cinema passato e contemporaneo sia nei nomi dei personaggi (il tenente si chiama Ethan Bishop, incrocio fra l'Ethan di "Sentieri Selvaggi" e il Pike Bishop de "Il Mucchio selvaggio" di Peckinpah, lo stesso Carpenter usa lo pseudomino di John T. Chance, il nome del protagonista di "Un dollaro d'onore", come autore del montaggio), sia nelle caratteristiche peculiari degli assedianti che ricordano gli zombi di Romero e sia nella costruzione di alcune scene: il lancio del fucile da parte di Bishop a Napoleone Wilson ricalca fedelmente quello di "Un dollaro d'onore" tra Colorado e lo sceriffo Chance, mentre la sparatoria a colpi di silenziatore che frantuma vetri e oggetti del distretto richiama la sequenza finale di "Cane di paglia" di Peckinpah.

Una menzione particolare merita senza dubbio la colonna sonora firmata dallo stesso Carpenter, una delle pi¨ riuscite della sua filmografia, al pari di "Halloween" e "Fuga da New York". L'apporto della sua musica Ŕ decisivo per la riuscita della pellicola, grazie alla capacitÓ di rendere ancora pi¨ angosciante e tesa l'intera ambientazione notturna. Un connubio, la notte e la musica, che sarÓ uno dei tratti distintivi dell'intero cinema di John Carpenter, perfettamente a suo agio quando calano le tenebre ed entra in scena l'incubo.

"Nothing happened?" "Where's the bodies?"

Commenta la recensione di DISTRETTO 13: LE BRIGATE DELLA MORTE sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di The Gaunt - aggiornata al 10/04/2009

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

#annefrank - vite parallele18 regali
 NEW
19171968 gli uccellia proposito di rosea spasso col pandaa tor bella monaca non piove maiad astra
 NEW
adoration (2019)ailo - un'avventura tra i ghiacci
 NEW
andrej tarkovskij. il cinema come preghieraangry birds 2 - nemici amici per sempreantropocene - l'epoca umanaapollo 11appena un minutoaquile randagieaspromonte - la terra degli ultimiattraverso i miei occhiblack christmas
 NEW
boterobrave ragazzebrittany non si ferma piu'burning - l'amore bruciacena con delitto - knives out
 HOT
c'era una volta a... hollywoodcetto c'e', senzadubbiamenteche fine ha fatto bernadette?chiara ferragni - unpostedcitizen rosicity of crime
 NEW
color out of spacecountdown (2019)daniel isn't realdeep - un'avventura in fondo al maredepeche mode: spirits in the forestdiego maradonadio e' donna e si chiama petrunyadoctor sleepdora e la citta' perdutadownton abbeydrive me homee poi c'e' katherineeat local - a cena con i vampiriermitage - il potere dell'arteescher - viaggio nell'infinito
 NEW
figli (2020)figli del setfinche' morte non ci separi (2019)frozen ii - il segreto di arendellegemini manghiaiegli angeli nascosti di luchino viscontigli uomini d'orogood boys - quei cattivi ragazzigrandi bugie tra amicigrazie a diohammamet
 NEW
herzog incontra gorbaciovhole - l'abissoi figli del marei migliori anni della nostra vita (2019)i passi leggerii racconti di parvana - the breadwinneril bambino e' il maestro - il metodo montessoriil colpo del caneil giorno pi¨ bello del mondoil mio profilo miglioreil mistero henri pickil paradiso probabilmenteil peccato - il furore di michelangeloil pianeta in mareil piccolo yetiil primo nataleil segreto della minierail sindaco del rione sanita' (2019)il terzo omicidioil varcoio, leonardoit: capitolo 2jesus rolls - quintana e' tornato!jojo rabbit
 HOT R
jokerjumanji - the next level
 NEW
just charlie - diventa chi seila belle epoquela dea fortunala famiglia addams (2019)la famosa invasione degli orsi in siciliala mafia non e' piu' quella di una voltala ragazza d'autunnola scomparsa di mia madrela verita' (2019)la voce del marelast christmasle mans '66 - la grande sfidale ragazze di wall streetleonardo. le operel'eta' giovanelight of my lifel'immortale (2019)l'inganno perfettolou von salome'l'ufficiale e la spial'uomo che volle vivere 120 annil'uomo del labirintol'uomo senza gravita'maleficent 2: signora del malemanta raymarco polo - un anno tra i banchi di scuolame contro te: il film - la vendetta del signor smetallica and san francisco symphony: s&m2midwaymio fratello rincorre i dinosaurimisereremotherless brooklyn - i segreti di una citta'nancynati 2 voltenato a xibetnell'erba altanon si puo' morire ballandonon succede, ma se succede...of fathers and sonsoltre la buferaone piece: stampede - il filmpanama papersparasite (2019)pavarottipaw patrol mighty pups - il film dei super cucciolipiccole donne (2019)pinocchio (2019)playmobil: the movieploipupazzi alla riscossa - uglydollsqualcosa di meravigliosorambo: last bloodrichard jewellritratto della giovane in fiammeroger waters us + themrosa (2019)santa subitoscary stories to tell in the darkscherza con i fantischool of the damnedse mi vuoi benesearching evaselfie di famigliashaun, vita da pecora - farmageddonshow me the picture: the story of jim marshallsolesono solo fantasmisorry we missed youspie sotto coperturastar wars - l'ascesa di skywalkerstoria di un matrimoniostrange but truesulle ali dell'avventura
 NEW
tappo - cucciolo in un mare di guaiterminator - destino oscurothanks!the bra - il reggipettothe farewell - una bugia buonathe gallows act iithe grudge (2020)the informer - tre secondi per sopravvivere
 HOT
the irishmanthe kill teamthe lodgethe new popethe reporttolkien
 HOT
tolo tolotorino nera (2019)tutta un'altra vitatuttappostotutti i ricordi di clairetutto il mio folle amoreun giorno di pioggia a new yorkun sogno per papa'una canzone per mio padre
 NEW
underwatervasco nonstop livevicino all'orizzontevivere (2019)vivere, che rischiovox luxweathering with you - la ragazza del tempowestern starsyesterday (2019)

997033 commenti su 42705 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net