Recensione departures regia di Yojiro Takita Giappone 2008
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione departures (2008)

Voto Visitatori:   7,61 / 10 (71 voti)7,61Grafico
Miglior film straniero
VINCITORE DI 1 PREMIO OSCAR:
Miglior film straniero
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film DEPARTURES

Immagine tratta dal film DEPARTURES

Immagine tratta dal film DEPARTURES

Immagine tratta dal film DEPARTURES

Immagine tratta dal film DEPARTURES

Immagine tratta dal film DEPARTURES
 

Daigo Kobayashi suona il violoncello in un'orchestra di Tokyo. Quando questa viene sciolta decide, con sua moglie Mika, di tornare nella sua cittÓ natale. LÓ accetta, all'insaputa di Mika, un lavoro come cerimoniere funebre. Il contatto con la morte e la ritualizzazione dell'ultimo saluto ai defunti, se dapprima lo avevano spaventato, in seguito gli offriranno l'occasione di guardare alla vita da una prospettiva differente.
Daigo ha appena perso il lavoro, e questo prelude sempre ad un cambiamento della propria vita. Nel suo caso il tutto si traduce con la decisione di tornare al paese dei suoi genitori e lÓ ricominciare accettando un lavoro del tutto nuovo. Venduto il violoncello e accantonato cosý il suo passato, Daigo si trova di fronte alla scelta se accettare un lavoro come cerimoniere funebre, ben retribuito e di cui in parte teme l'impatto, o rimanere in attesa di qualcosa di diverso. Decide, soprattutto perchÚ travolto dal fervore del suo nuovo datore di lavoro, di cimentarsi nella composizione e nella vestizione rituale dei corpi prima della cremazione, ma senza avere il coraggio di parlarne con la moglie. Quello che per˛ Daigo aveva sottovalutato Ŕ l'effettivo impatto di un rapporto cosý ravvicinato con la morte.

La vasta filmografia di Yojiro Takita comprende titoli che sono giunti anche in Europa, come il fantasioso "The Yin Yang Master" ("Onmyoji", 2001) e il suggestivo "Ashura" ("Ashura-j˘ no hitomi", 2005). Ma con questo "Departures" ("Okuribito") il regista supera di molto i suoi lavori precedenti, rivelando una sensibilitÓ stilistica di rara intensitÓ e, collocandosi tra i pi¨ poetici cantori dell'ultimo cinema giapponese, vince un meritatissimo Oscar come miglior film straniero.

L'intero racconto non Ŕ altro che la rappresentazione rituale dell'accettazione del destino ultimo, che se Ŕ pur vero che Ŕ condiviso da tutta l'umanitÓ, viene comunque celebrato in modi radicalmente diversi in ogni cultura. In Asia, e in particolare in Giappone, dove la cremazione Ŕ la pratica pi¨ diffusa, la vestizione e l'estremo saluto assumono connotati assai ritualizzati, dal momento che venendo meno l'inumazione e il successivo rituale della visita al sepolcro, si tratta dell'ultima occasione per i parenti di omaggiare il defunto e di salutarlo per sempre. Il corpo verrÓ successivamente cremato e le ceneri conservate sull'altare di famiglia insieme alla foto davanti alla quale verrÓ tenuto costantemente acceso un incenso.

Se giÓ nel capolavoro "Vital", del maestro Tsukamoto Shinya, avevamo avuto modo di sbirciare attraverso il velo dell'universo sospeso tra il mondo attuale e quello fantasmatico di un Oltre che non conosce definizioni religiose sia pure di valenza consolatoria, in questo Departures ci troviamo davanti al passaggio come segno e simbolo di quello che Ŕ stato e del significato che ciascuno di noi assume nella propria vita agli occhi dei propri cari.
Daigo rappresenta in parte lo spettatore che viene accompagnato nell'universo dell'ultimo saluto da un maestro cerimoniere, il quale attraverso la celebrazione dell'antico rito della vestizione rende solenne il passaggio e tollerabile la separazione dai defunti. Il rituale della vestizione Ŕ uno dei momenti pi¨ poetici del racconto, e se dapprima sia lo spettatore che il protagonista si avvicineranno con certo timore alla pratica rituale che rivela la caducitÓ dell'esistenza, sarÓ con un certo sollievo che, successivamente entrambi scopriranno il valore catartico di un processo teso a rendere solenne l'inevitabile saluto.

Attraverso l'acquisizione della tecnica e la padronanza del rituale Daigo imparerÓ a guardare alla vita da una prospettiva nuova e questa capacitÓ gli tornerÓ utile nel momento del recupero del suo passato e della storia familiare interrotta e perduta lungo il cammino.
L'incontro con il padre che lo aveva abbandonato, e che da morto lui non riconoscerÓ, sarÓ segnato dall'acquisita capacitÓ di perdonare e di decidere a partire da sÚ stessi e non pi¨ dal rancore accumulato negli anni.

La bellissima fotografia e la regia sobria suggeriscono una dimensione altra, alternativa al mondo degli affanni quotidiani e del continuo inseguimento dei propri obiettivi. E la misurata intepretazione di Masahiro Motoki stabilisce quella complicitÓ con lo spettatore che sola rende comprensibili le scelte esistenziali di un uomo semplice e l'infinita capacitÓ di trasformazione dell'animo umano.

Commenta la recensione di DEPARTURES sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di Anna Maria Pelella - aggiornata al 16/04/2009

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

#unfit - la psicologia di donald trump10 giorni con babbo nataleabout endlessnessaddio al nubilatoalessandra - un grande amore e niente piu'all my friends are deadamore al quadratobaby yaga: incubo nella foresta oscurabastardi a mano armatabliss (2021)burraco fatalecentigradecherry - innocenza perdutacome truecosa sarÓcreators: the pastcrisiselegia americanafino all'ultimo indiziogirl power - la rivoluzione comincia a scuolagodzilla vs. konggovernance - il prezzo del poteregreenlandhoneylandi am greta - una forza della naturai predatoriil cammino di xicoil caso pantani - l'omicidio di un campioneil mio corpo vi seppellira'il principe cerca figlioil talento del calabroneimprevisti digitali
 NEW
jakob's wifejudas and the black messiahla nave sepoltala prima donnala ruota del khadi - l'ordito e la trama dell'indiala stanzala vita straordinaria di david copperfieldl'amico del cuore (2021)lasciami andarel'incredibile storia dell'isola delle roselockdown all'italianal'ultimo paradiso (2021)ma rainey's black bottommadame claudemankminarimurdershownomad: in cammino con bruce chatwin
 NEW
non mi ucciderenotizie dal mondooperazione celestinaoperazione varsity blues: scandalo al collegepalazzo di giustiziapalm springs - vivi come se non ci fosse un domaniparadise - una nuova vitaparadise hillspele' - il re del calcioqualcuno salvi il natale 2quello che non ti ucciderange runnersrebeccaroubaix, una lucesacrifice (2020)sola al mio matrimoniosonsotto lo zerosoul (2020)sul piu' belloten minutes to midnight
 HOT
tenetthe fatherthe mauritanianthe midnight skythe nights before christmasthe secret - le verita' nascostethe unholythe united states vs. billie holidaythunder forcetua per sempretutto il mondo e' palesetutto normale il prossimo nataleun divano a tunisiuna classe per i ribelliuna donna promettentewe are the thousand - l'incredibile storia di rockin'1000we can be heroeswhy did you kill me?wonder woman 1984wrong turnyes dayzack snyder's justice league

1016695 commenti su 45326 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net