Recensione deliver us from evil regia di Ole Bornedal Danimarca, Svezia 2009
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
Ciao Paul!
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione deliver us from evil (2009)

Voto Visitatori:   5,00 / 10 (1 voti)5,00Grafico
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film DELIVER US FROM EVIL

Immagine tratta dal film DELIVER US FROM EVIL

Immagine tratta dal film DELIVER US FROM EVIL

Immagine tratta dal film DELIVER US FROM EVIL

Immagine tratta dal film DELIVER US FROM EVIL

Immagine tratta dal film DELIVER US FROM EVIL
 

Johannes e sua moglie Pernille lasciano la cittÓ per traslocare con i loro due bambini nel villaggio natale di lui. Lars, fratello di Johannes, investe col suo camion Anna, una donna piuttosto in vista nel paese e, per sfuggire alle conseguenze della sua azione coinvolge un immigrato bosniaco, amico di suo fratello. Le cose precipiteranno immediatamente dopo il ritrovamento del corpo. E Johannes si troverÓ in una situazione disperata.

Immaginate di camminare sul ghiaccio. A un primo passo sembrerÓ di essere su un suolo normale. Ma avanzando ci si potrebbe accorgere del fatto che il terreno non Ŕ poi cosý compatto. Che sotto di esso nuotano cose, e che queste potrebbero addirittura ingoiarci nel malaugurato caso di una rottura della superficie. Esattamente la stessa sensazione che si prova a guardare questo film.

Ole Bornedal, famoso per la trasposizione americana del suo lavoro "Nightwatch ("Nattevagten", 1994) ci porta faccia a faccia con l'ipocrisia di cui pare siano avvolti in realtÓ molti dei sentimenti ostentati dai pi¨.

Johannes e Pernille sono una coppia normalissima che sceglie di tornare in provincia. I rapporti di lui col fratello Lars, uno squinternato che guida un tir, sono superficiali e poco amichevoli. Johannes ha un amico, Alain, un immigrato bosniaco che ha perso la famiglia in Serbia e cerca solo un po' di pace.
Ma a quanto pare ha scelto il luogo sbagliato.
La superficialitÓ, l'ignoranza e la cattiveria, che nuotano silenziose sotto la patina neanche tanto lucente di educazione e cameratismo che pare la norma in situazioni sociali di disagio, verranno immediatamente alla ribalta alla morte di Anna, una donna molto amata dalla comunitÓ.
Lars, che Ŕ stato la causa di tutto, non troverÓ niente di meglio da fare che coinvolgere Alain nella sua rete, e appioppargli il crimine. Ma questo sarÓ solo l'inizio. La banda degli amici di Lars, capeggiata dal vedovo inconsolabile e pure un pochino criminale, assedierÓ la casa di Johannes per pareggiare i conti alla vecchia maniera.

Difficile davvero non riconoscere il debito nei confronti di Cane di paglia che a suo tempo fece inarcare pi¨ di un sopracciglio col suo sottotesto politico e con la sua impietosa occhiata nel cuore umano.
Ma Bornedal non si ferma qui. Inzuppa letteralmente la scena di razzismo e di stupiditÓ, accentuando un tratto giÓ presente nel celebre lavoro di Peckinpah del 1971, e confeziona un thriller disturbante e senza speranza da cui si esce con l'acquisita conferma del fatto che in certe situazioni di strada da fare ce n'Ŕ ancora parecchia prima di definirsi umani.

Johannes paga caro il suo anticonformismo, come a suo tempo lo sfortunato David di Peckinpah, e si trova di fronte al dilemma se diventare anche lui un animale, o continuare a combattere contro il parere di sua moglie e del poliziotto che tenta di soccorrerlo. In realtÓ la scelta Ŕ obbligata, dal momento che non sempre si riesce a diventare delle bestie, pure volendo e anche sotto l'effetto dell'alcol.

La regia limpida e accurata Ŕ totalmente complice del regista, nella misura in cui non solo non nasconde nulla, ma induce in alcuni agghiaccianti momenti, la sensazione di non poter comunque girare lo sguardo di fronte al degenerare cui si sta assistendo e, cosa assai peggiore, l'idea che certe derive possano solo portare ad altre pi¨ pericolose cadute.
Bornedal approfitta di ogni sequenza per inorridire lo spettatore, presentandogli senza pietÓ il conto effettivo dell'ipocrisia di fronte al diverso. I terroristi sono un nemico recente, ma "l'altro" in contrapposizione al "noi" ha sempre fatto le spese della nostra paura della diversitÓ. In questo senso l'intero film urla le intenzioni del regista di non nascondersi di fronte alla realtÓ e di raccontare senza mezzi termini cosa coltiviamo dietro l'apparenza di normalitÓ di cui spesso ci vestiamo.
Bornedal, come Peckinpah e molti altri prima di lui, induce lo spettatore a fare direttamente i conti con le illusioni che animano i pi¨ idealisti e col brusco risveglio dato dal semplice confronto tra le dichiarazioni e le azioni di chi non ha contatto con la sua vera natura. Il razzismo, l'ignoranza e la cattiveria nuotano silenziose sotto tutti i prati ben rasati che ci piace ostentare. E niente di quello che nascondiamo potrÓ realmente restare nascosto a lungo.

Commenta la recensione di DELIVER US FROM EVIL sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di Anna Maria Pelella - aggiornata al 28/04/2010

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico


1049697 commenti su 50672 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

BLACK SUMMER - STAGIONE 2FABBRICANTE DI LACRIMEFALLOUT - STAGIONE 1FARSCAPE - STAGIONE 1FARSCAPE - STAGIONE 2FARSCAPE - STAGIONE 3FARSCAPE - STAGIONE 4FOR ALL MANKIND - STAGIONE 1FOR ALL MANKIND - STAGIONE 2FOR ALL MANKIND - STAGIONE 3FOR ALL MANKIND - STAGIONE 4INVASION - STAGIONE 1LA CREATURA DI GYEONGSEONG - STAGIONE 1SNOWFALL - STAGIONE 1SNOWFALL - STAGIONE 2SNOWFALL - STAGIONE 3SNOWFALL - STAGIONE 4SNOWFALL - STAGIONE 5SNOWFALL - STAGIONE 6THE CHOSEN - STAGIONE 1THE CHOSEN - STAGIONE 2THE CHOSEN - STAGIONE 3THE WALKING DEAD: THE ONES WHO LIVE - STAGIONE 1V - STAGIONE 1V - STAGIONE 2WILLOW - STAGIONE 1

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net