Recensione defiance - i giorni del coraggio regia di Edward Zwick USA 2008
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione defiance - i giorni del coraggio (2008)

Voto Visitatori:   6,90 / 10 (85 voti)6,90Grafico
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film DEFIANCE - I GIORNI DEL CORAGGIO

Immagine tratta dal film DEFIANCE - I GIORNI DEL CORAGGIO

Immagine tratta dal film DEFIANCE - I GIORNI DEL CORAGGIO

Immagine tratta dal film DEFIANCE - I GIORNI DEL CORAGGIO

Immagine tratta dal film DEFIANCE - I GIORNI DEL CORAGGIO

Immagine tratta dal film DEFIANCE - I GIORNI DEL CORAGGIO
 

"Bisogna diventare un mostro per combatterne un altro?"
"Si deve sacrificare la propria umanitÓ per salvare chi amiamo e chi va salvato?"

Questo il dilemma che turba la sensibilitÓ di Tuvia Bielski e dei suoi fratelli Zus e Asael, ebrei perseguitati ed eroi misconosciuti al tempo della 2a guerra mondiale, anime di una imponente operazione di salvataggio armato di ebrei da parte di altri ebrei.
Non pi¨ dunque ebrei visti solo come vittime passive, ma indomiti combattenti che seppero tenere testa alle preponderanti forze naziste, impugnando le armi e approntando una fiera resistenza alla minaccia e all'odio di Hitler e dei soldati della Wehrmacht.

Una pagina di storia semisconosciuta della 2a guerra mondiale, che tale sarebbe rimasta se, nel 1993, Nechama Tec, sopravvissuta all'Olocausto, docente di sociologia alla Stanford University nel Connecticut, dopo annose ricerche, non avesse pubblicato il saggio storico, "Defiance - The Bielski Partisan", per raccontare la straordinaria impresa dei tre fratelli che osarono sfidare Hitler, e dei 1200 ebrei che con loro sopravvissero, in condizioni difficilissime, nella foresta di Nabiloki, sfuggendo ai rastrellamenti e alle deportazioni dei soldati nazisti.
A guidarli Tuvia e Zus Bielski e con loro il minore di fratelli, Asael, costretto ad una traumatica maturazione per mediare tra i due, nell'eterno rapporto conflittuale che li divise a causa della differente visione sulla strategia da seguire per fronteggiare l'aggressione e la persecuzione delle S.S.: la spietatezza di Zus, pi¨ istintivo e assetato di sangue nazista opposta alla pi¨ pacata concezione di Tuvia, pi¨ saggio e compassato.

Il film di Edward Zwick (regista che ha visitato il Giappone antico con "L'ultimo samurai" e l'Africa depredata dagli europei con "Blood Diamond"), che ha potuto contare sull'ottima collaborazione dello sceneggiatore Clayton Frohman (ebreo come lui), racconta nel suo coinvolgente dramma la straordinaria epopea di questi tre eroi senza paura anche se, come sostengono alcuni, non senza macchia, fatta di coraggio, sofferenza, crudeltÓ e amore.
A prestare il volto e il suo fascino ruvido a Tuvia Bielski Ŕ Daniel Craig, il quale, riposti i panni (e i Martini) dell'agente 007, si cala nel ruolo dell'eroe della resistenza polacca con veridicitÓ e giusta partecipazione, regalandoci, col suo sguardo di ghiaccio, lampi espressivi di forte intensitÓ dai quali traspaiono i dubbi e le determinazioni, le riluttanze e gli slanci che travagliano il suo personaggio.
Accanto a lui non sfigurano l'ottimo Liev Schreiber (giÓ visto come interprete in "The Manchiurian Candidate" e come regista di "Ogni cosa Ŕ illuminata"), che conferisce veridicitÓ tragica al suo ruolo del fratello Zus, e il giovane Jamie Bell ("Billy Elliot", "Flags of Our Fathers") che interpreta il personaggio del fratello minore Asael.

La storia era cominciata quando, con l'Operazione Barbarossa del 22 giugno del 1941, Hitler aveva aperto ad oriente un nuovo fronte di guerra, attaccando l'Unione Sovietica di Stalin e iniziando una feroce e massiccia opera di deportazione e sterminio degli ebrei dell'est.
I fratelli Bielski, contadini ebrei polacchi, cresciuti in un villaggio che oggi fa parte della Bielorussia ma che allora era sotto l'influenza sovietica, erano considerati ribelli e allergici ad ogni tipo di autoritÓ, e quindi presi subito di mira dalle S.S. naziste e rinchiusi nel ghetto di Novogrudok.
Molti membri della loro famiglia, compresi i genitori, la moglie e la figlioletta neonata di Tuvia vennero trucidati durante il rastrellamento del loro villaggio da parte delle S.S. e della polizia locale collaborazionista.
Ricercati dai nazisti i tre fratelli, insieme ad altri 13 compatriotti si trovarono costretti a darsi alla macchia e rifugiarsi nei boschi dell'entroterra polacco, che conoscevano fin dalla loro infanzia, dove si organizzarono in un gruppo di partigiani.
Determinati a salvare le loro vite per i fratelli Bielski, che erano di alta statura, biondi e di aspetto molto simile ai loro vicini polacchi e russi, fu molto facile nascondere le loro origini ebraiche, iniziare una sistematica opera di sabotaggio e tenere in scacco i potenti mezzi del Reich.

All'inizio lo scopo sostanzialmente egoistico di pura sopravvivenza della loro opera li port˛ ad attaccare solo i villaggi che cooperavano con i nazisti, permettendo la fuga di diversi ebrei rinchiusi nei campi di concentramento, ma poi una serie di eventi li indusse a prendere un insieme di decisioni che li costrinsero ad agire per vendetta e desiderio di giustizia.
Diventati capipopolo, cominciano cosý ad accogliere attorno a loro tutti coloro che avevano bisogno di aiuto e di protezione e tutti quelli che come loro avevano perso tutto quello che avevano di pi¨ caro, ma erano disposti a morire pur di mantenere un barlume di libertÓ e la consapevoleza di avere un'identitÓ personale.
Progressivamente il loro rifugio divenne meta di tutti coloro che riuscivano a sfuggire ai rastrellamenti delle S.S. e ai campi di concentramento nazisti.
Grazie all'aiuto e sotto la guida di Tuvia e dei suoi fratelli, l'incredibile comunitÓ riuscý a sopravvivere per tre lunghi anni alla fame (mangeranno cosa riuscivano a razziare nelle fattorie vicine), al terribile inverno bielorusso e alla caccia nazista, mentre cominciano ad organizzare una sorta di resistenza armata e a dare appoggio contrastato alla "resistenza ufficiale" dell'Armata Rossa.

L'accresciuta presenza di rifugiati port˛ il gruppo a creare nella foresta una forma di rudimentale societÓ autosufficiente, chiamata la "Gerusalemme dei boschi".
Costruirono baracche di fortuna, misero su una cucina, un mulino, una panetteria, dei bagni, un negozio di ferramenta, un ospedale da campo con annesso luogo di isolamento per affetti da malattie infettive. C'erano persino una sinagoga e officine per artigiani, mentre nelle loro fila c'era gente di ogni estrazione sociale, dall'avvocato al dottore, dall'agricoltore all'artigiano e al carpentiere.

Un atto di sfida (la defiance del titolo) che fu anche un atto di ricerca del senso della vita e dell'essenza del coraggio di essere uomini, che passerÓ anche attraverso la riscoperta di emozioni che credevano placati.
╚ cosý il sentimento, combattuto e incerto, che nasce tra Tuvia e Lieka, una ragazza dell'accampamento, fatto di sguardi e cullato dal suono di un violino, intessuto di slanci e di passione, di incertezze e di inibizioni, ma che comunque alimenta la linfa per vivere, attimo dopo attimo, giorno dopo giorno, perchŔ "ogni giorno di libertÓ Ŕ un atto di fede, e se moriremo cercando di vivere, almeno moriremo come esseri umani".
Poi quando l'offensiva nazista si fa pi¨ pressante e virulenta, nascono i primi contrasti tra Tuvia e Zus (rivali ma uniti dalla condivisione assoluta della missione di salvare pi¨ ebrei possibili dalla morte), in attesa di trovare il giusto equilibrio di cui mancavano (Zus non esita a giustiziare con un colpo di pistola alla testa un tedesco catturato, ed anche Tuvia non indugia ad usare il pugno di ferro per sedare i tentativi di insubordinazione all'interno della comunitÓ).
Fra storie d'amore, matrimoni, morti improvvise, nuove vite e tante rappresaglie sanguinose, compiute con i fucili, alla ricerca di cibo, armi e di una vendetta cieca contro i nazisti, ôla Gerusalemme dei boschiö and˛ avanti nella sua vita nascosta fino al 1944, quando la guerra finý e dal bosco riemersero circa 1.200 ebrei.

Una pagina di storia straordinaria e un film onesto ma non eccezionale e con qualche stereotipo di troppo (i collaborazionisti bielorussi sono tutti volgari, i russi tutta vodka e fucile facile, Tuvia Ŕ il cavaliere errante che si inoltra per il "Bosco Oscuro" sul suo cavallo bianco), che fa leva sul sentimento della commozione facile in una storia giÓ emozionante di suo.
Ma Ŕ una storia con la S maiuscola, che bisognava assolutamente raccontare per trarla dall'oblio cui sembrava destinata e a cui l'aveva relegata la volontÓ dei fratelli Bielski, restii a parlare del loro passato persino con i loro familiari, e per far conoscere la storia di una resistenza ad opera di ebrei, altrimenti oscurata dal buco nero dell'Olocausto.
Qualcuno Ŕ arrivato ad accusare i fratelli Bielski di violenze gratuite e di aver partecipato al massacro di villaggi di collaborazionisti polacchi, tanto da porli sullo stesso piano dei loro stessi aguzzini; solo dopo la guerra si venne a sapere che il gruppo dei Bielski all'epoca si trovava lontano dal luogo del massacro, e comunque sono stati ampiamente riabilitati dai compagni sopravvissuti ("Non erano perfetti ma ci salvarono la vita").

Il film, al di lÓ del valore storico e documentaristico, ha un andamento veloce ed Ŕ arricchito da appassionanti scene di combattimento: il modo migliore per parlare di "coloro che ebbero la forza di dire basta e di reagire".
"Defiance" Ŕ in sostanza la storia di eroi non convenzionali che seppero sfatare il mito di ebrei biblicamente destinati e rassegnati a subire.
Il film evidenzia la fuga del popolo ebraico che allude alla diaspora biblica e mette in risalto le fratture ideologiche ed etiche tra Tuvia e Zus che sottintendono alla discordia tra MosŔ e il fratello Aronne; Tuvia, poi, Ŕ il MosŔ che fa attraversare il mar Rosso al suo popolo per salvarlo dall'esercito faraoniche.
Il dramma del popolo ebraico pu˛, inoltre, essere messo in parallelo con le sciagure odierne che colpiscono intere popolazioni, costretti a fuggire dalle loro case e dalle loro terre, mentre si cerca di annientare la loro storia e la loro cultura.

Un film che racconta l'altro lato degli avvenimenti, quasi a privileggiare il valore storico e di documentazione sul mezzo narrativo, che pur non manca, con sequenze cariche di contenuti volte ad esortare il pubblico a riflettere e pensare come tutto ci˛ che Ŕ successo sia collegabile al momento e alla realtÓ attuale.

Commenta la recensione di DEFIANCE - I GIORNI DEL CORAGGIO sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di Mimmot - aggiornata al 28/01/2009

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

1899 - stagione 1a spasso col panda - missione bebe'acqua e aniceamanda (2022)amsterdamanna frank e il diario segretoargentina, 1985astolfobelle & sebastien - next generationbentublack adamblack panther: wakanda forever
 R
blondeboiling point - il disastro e' servitobones and allboris - stagione 4bradobroscoldplay: music of the spheres - live broadcast from buenos airesconfess fletchcut! zombi contro zombidampyrdantedeinfluencerdiabolik - ginko all'attacco!do revengedon't worry darlingdragon ball super: super heroen los margenesevangelion: 3.0+1.01 thrice upon a timeeverything everywhere all at oncefallfalla girarefortuna grandafranco zeffirelli, conformista ribelleglass onion - knives outgli occhi del diavologli orsi non esistonogoodnight mommy (2022)halloween endshatching - la forma del malehellholehocus pocus 2house of darknessi racconti della domenicail colibri'il mio vicino adolfil mondo in camerail piacere e' tutto mioil principe di romail prodigioil signore delle formicheil talento di mr. crocodilein viaggioincroci sentimentaliio sono l'abissola californiala notte del 12la pantera delle nevila ragazza della paludela ragazza piu' fortunata del mondola signora harris va a parigila stranezzala timidezza delle chiomela vita e' una danzalas leonasle buone stellele favoloseleaveliam gallagher: knebworth 22licantropusl'immensita'lo schiaccianoci e il flauto magicol'ombra di caravaggioluminamahmoodmaigretmarcia su romamarginimaria e l'amoremasking thresoldmemory (2022)miracle - storia di destini incrociatimona lisa and the blood moonmoonage daydreammr bachmann e la sua classemr. harrigan's phonemunch - amori, fantasmi e donne vampiromy soul summernel nostro cielo un rombo di tuononido di vipereniente di nuovo sul fronte occidentale (2022)notte fantasmaomicidio nel west end
 R
pearl (2022)per niente al mondopiovepoker faceprincess (2022)quasi orfanoqueensquesta notte parlami dell'africaragazzacciorapiniamo il duceritratto di reginasanta luciascare package ii: rad chad's revengesergio leone - l'italiano che invento' l'americasiccita'significant othersmilespaccaossaspirit halloweenstrange world - un mondo misteriosotango con putinthe christmas showthe fearwaythe good nursethe great busterthe hanging sun - sole di mezzanottethe land of dreamsthe menuthe munstersthe retaliatorsticket to paradisetiziano. l'impero del coloretori e lokitatriangle of sadnesstutti a bordoun anno, una notteun mondo sotto socialuna birra al fronteuna mamma contro g. w. bushuna voce fuori dal coroutama - le terre dimenticate
 NEW
violent nightwar - la guerra desideratawild men - fuga dalla civilta'

1034656 commenti su 48559 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

BRING IT ON: CHEER OR DIECHAIN OF EVENTSCHRISTMAS BLOODY CHRISTMASCROC!DEBRIS DOCUMENTARDEMONIC CHRISTMAS TREEFEED MEGIRL AT THE WINDOWHIGH SCHOOL SPIRITSHOLLYBLOODHOUSE OF CLOWNSI DIAVOLI N░ 2IL NATALE DI CHRISIL SEGRETO DEI SOLDATI DI ARGILLALA BATTAGLIA DELLE MIDWAYLOTTA PER LA SOPRAVVIVENZALUCIFERINAMIAMI COPSMOONCHILDMOONCHILD, IL FIGLIO DELLA LUNANIGHTMARE COUNTRYNIXPICCOLO VAMPIROSATANIC HISPANICSSINPHONYTARTU, LO STREGONE MALEDETTOTHE ACCURSED (2022)THE LAIRTHE LOST KINGTHE MORNING MANWOLF DEVIL WOMENZONA PERICOLO

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net