Recensione control regia di Anton Corbijn USA 2007
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione control (2007)

Voto Visitatori:   7,91 / 10 (69 voti)7,91Grafico
Voto Recensore:   8,50 / 10  8,50
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film CONTROL

Immagine tratta dal film CONTROL

Immagine tratta dal film CONTROL

Immagine tratta dal film CONTROL

Immagine tratta dal film CONTROL

Immagine tratta dal film CONTROL
 

Existence-well what does it matter
I exist on the best terms I can
The past is now part of my future
The present is well out of hand

L'esistenza allora che importanza ha?
Io esisto meglio che posso
Il passato fa parte ora del mio futuro
Il presente è inafferrabile

Questo era Ian Curtis.
I toccanti versi con cui si apre il film sul mai troppo compianto cantante dei Joy Division esprimono con una disarmante lucidità tutta la sua angoscia e consapevole inadeguatezza verso la vita.
Un grido di dolore, una dichiarazione di resa di fronte a qualcosa di insormontabile come era per lui l'esistenza stessa.

Control racconta la storia della band che alla fine degli anni '70, con due soli album all'attivo, influenzò profondamente non solo la musica della successiva decade ma l'intero panorama rock ed elettronico degli anni a venire.
Vita breve quella dei Joy Division, costretti a terminare anzitempo la loro storia per la prematura scomparsa del frontman, morto suicida a 24 anni non ancora compiuti nella sua casa di Macclessfield, nei dintorni di Manchester.

Cosa rende cosi speciale una band come i Joy Division?
Una risposta possono darla solo coloro che son riusciti a percepire l'autentica disperazione che emerge dai testi del loro carismatico leader. Una voce greve ma allo stesso tempo calda, unita simbioticamente alla glaciale batteria di Stephen Morris,all'ipnotico basso di Peter Hook e alla malinconica chitarra di Bernard Albrecht, in grado di avvolgere empaticamente l'ascoltatore.

La storia inizia proprio nella grigia Macclessfield nel 1973 con un Ian studente, sognatore e apparentemente non tanto diverso dai ragazzi della sua stessa generazione. Musica, poesia, sperimentazioni allucinogene per sfuggire alla monotonia della provincia e l'amore per Debbie, colei che diventerà a breve sua moglie: tutto apparentemente normale, quasi come se niente lasciasse presagire cosa sarebbe successo nella sua mente da li a poco.
Deborah Curtis è stata la persona che assieme a Anton Corbijn, regista di questo film e intimo amico della band inglese sin dai tempi del video di "Atmosphere" da lui girato, ha reso possibile la conoscenza di diversi aspetti ed episodi della vita del marito.
La biografia da lei scritta, "Touching from a distance", fu il punto di partenza per questo lavoro del regista olandese, al suo primo lungometraggio dopo una lunga serie di videoclip per diversi artisti come Metallica, Depeche Mode e U2.

Artisticamente la band di Manchester nasce nel '77 come Warsaw ma cambierà presto il nome iniziale con quello che li ha passati alla storia della musica: il termine "Joy Division" definiva i reparti dei campi di concentramento nazisti dove le prigioniere erano dedite a soddisfare le richieste sessuali degli ufficiali tedeschi.
Le diverse tappe della loro ascesa artistica sono ripercorse fedelmente nel lavoro di Corbijn: dagli esordi al contratto con la major, soffermandosi sul momento che si potrebbe considerare lo spartiacque nella loro carriera.
L'episodio in questione è il ritorno da un deludente concerto a Londra dove Ian Curtis capisce di avere una malattia che sconvolgerà la sua esistenza: l'epilessia.
La consapevolezza del suo male, assieme alle crescenti difficoltà nel soddisfare le aspettative su se stesso e la delusione per un mondo che non desiderava costituisce un combinazione difficile da sopportare: molti anni dopo colpirà un altro grande della musica, Kurt Cobain dei Nirvana (il quale definì il brano "Love will tear us apart" dei Joy Division come una delle più belle canzoni di sempre).

Mother, I tried, please believe me
I'm doing the best that I can
I'm ashamed of the things
I've been put through
I'm ashamed of the person I am

Madre ci ho provato credimi ti prego
Faccio il meglio che posso
Mi vergogno delle situazioni
In cui mi sono cacciato
Mi vergogno di come sono

La regia di Corbijn è semplice, essenziale, quasi distaccata, come potrebbe apparire la musica dei Joy Division. Un malinconico bianco nero fa da sfondo alle spirale di dolore che porterà il cantante a impiccarsi nel maggio del 1980 a Macclesefield, li dove era tutto era iniziato.
Se la scelta registica di Corbijn convince e risulta decisamente indovinata, altrettanto lodevole è il cast, ad iniziare da uno strepitoso Sam Riley che "vive" Ian Curtis fisicamente ed emotivamente.
Il giovane attore britannico offre un performance da incorniciare e di fronte al carisma dimostrato dal suo personaggio gli altri membri dei Joy Division svolgono il loro compito da discreti comprimari. Il resto del cast è rappresentato da diversi persone che hanno ruotato intorno all'universo del cantante, come la forte e paziente moglie Debbie, interpretata da Samantha Morton, l'affascinante amante belga Annick e il genuino manager Rob Gretton.
Il film si conclude con le struggenti note di "Atmosphere", anche se forse sarebbe stato più giusto chiudere con "The eternal", vero e proprio epitaffio di Ian Kevin Curtis.

No words could explain,
no actions determine
Just watching the trees
and the leaves as they fall

Non c'è parola che possa spiegare
Nessuna azione è decisiva
Nient'altro che osservare gli alberi
e le foglie che cadono

Commenta la recensione di CONTROL sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di quadruplo - aggiornata al 20/05/2008

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

3/197 donne e un misteroa house on the bayouainbo: spirito dell'amazzonia
 NEW
aline - la voce dell'amorealtri padriamerica latinaannetteantigoneatlantidebelli ciaocaro evan hansencaterina caselli - una vita, 100 vitechi e' senza peccato - the drychi ha incastrato babbo natale?clifford - il grande cane rossocompetencia oficialcry macho - ritorno a casadiabolik (2021)digimon adventure: last evolution kizunadjango & django - sergio corbucci unchaineddon't look up (2021)dovlatov - i libri invisibili
 T
dune (2021)e' andato tutto benee' stata la mano di dioencantoeternals
 NEW
fellini e l'ombrafino ad essere felicifreaks outfrida kahloghostbusters: legacygli stati uniti contro billie holidayhotel transylvania 4 - uno scambio mostruosohouse of guccii molti santi del new jerseyil bambino nascostoil canto del cigno (2021)il capo perfetto (2021)il colore della liberta'
 NEW
il lupo e il leoneil potere del cane
 NEW
il tempo rimastoillusioni perduteinsidious: the dark realmio sono babbo natalel’acqua, l’insegna la sete - storia di classela befana vien di notte 2 - le originila crociatala festa silenziosala legge del terremotola mia fantastica vita da canela persona peggiore del mondola scelta di anne - l'evenementla signora delle roselaurent garnier: off the recordlawrenceles choses humainesl'incontro
 NEW
l'ultimo giorno sulla terral'uomo dei ghiacci - the ice roadl'uomo nel buio - man in the darkmarina cicogna - la vita e tutto il restomatrix resurrectionsme contro te: il film - persi nel tempomixtape - una cassetta per temollo tutto e apro un chiringuitomy hero academia the movie: the two heroesmy sonnimby – not in my backyardno time to dienon cadra' piu' la nevenowhere special - una storia d'amoreone secondper tutta la vitapromisesquerido fidelre granchiored noticeresident evil: welcome to racoon cityscompartimento n.6scream (2022)sing 2 - sempre piu' fortesotto le stelle di parigispace jam - new legendsspider-man: no way homesupereroi
 NEW
takeawaythe beatles: get backthe curse of humpty dumptythe expanse - stagione 6the feastthe french dispatchthe girl in the fountainthe harder they fallthe king's man - le originithe scary of sixty-firstthe tender barthe tragedy of macbeththe truffle huntersthe unforgivabletiepide acque di primaveratrafficante di virustrue mothersultima notte a sohoun anno con salingerun bambino chiamato nataleun eroeuna famiglia mostruosauna famiglia vincente - king richardunderwater - federica pellegrini
 NEW
van gogh - i girasoliverso la nottevita da carlo - stagione 1vivi - la filosofia del sorrisowest side story (2021)yaya e lennie - the walking libertyzappazlatan

1025329 commenti su 46967 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

AL LUPO AL LUPO FALSO ALLARME!BARTKOWIAKBRAZENC'E' UN SOFFIO DI VITA SOLTANTOCRUMB - LA STRADA VERSO CASADEATH VALLEYDON'T FORGET TO BREATHEDON'T SAY ITS NAMEDR. ALIEN - DALLO SPAZIO PER AMOREFLESH CONTAGIUMGLI AMICI DI GESU' - GIUDAGLI AMICI DI GESU' - GIUSEPPE DI NAZARETHGLI AMICI DI GESU' - MARIA MADDALENAGLI AMICI DI GESU' - TOMMASOGLI STRANI AMORI DI QUELLE SIGNOREGREED - FAME DI SOLDIHIDEOUTHOW I FELL IN LOVE WITH A GANGSTERI GIARDINI DELL'EDENIL LUPO DELLA SILAINCUBI (2001)LA SPIA DELLA RESISTENZAL'AMORE SBAGLIATOLUPI NELL'ABISSOMARIA DI NAZARETMEGALODON RISINGOMICIDIO AL TELEFONO (1989)RED PENGUINS - HOCKEY SENZA FRONTIERESOLIS - TRAPPOLA NELLO SPAZIOSURVIVAL FAMILYTHE LIGHTTHE LIGHTHOUSE (2016)THE PIZZAGATE MASSACRETHE SONG OF NAMESTHE SPORE

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net