Recensione chocolat regia di Lasse Hallström USA 2000
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
Ciao Paul!
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione chocolat (2000)

Voto Visitatori:   7,08 / 10 (215 voti)7,08Grafico
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film CHOCOLAT

Immagine tratta dal film CHOCOLAT

Immagine tratta dal film CHOCOLAT

Immagine tratta dal film CHOCOLAT

Immagine tratta dal film CHOCOLAT

Immagine tratta dal film CHOCOLAT

Immagine tratta dal film CHOCOLAT

Immagine tratta dal film CHOCOLAT
 

L'uomo è intimamente dilaniato da profonde dicotomie. Ad un tempo buono e cattivo, onesto e furfante, vigliacco e coraggioso è attratto unitamente dal sacro e dal profano, dallo spirito e dalla carne. Ogni scelta "manichea" tra gli estremi opposti, tra il bene e il male, rappresenta comunque una diminutio, per il destino del singolo, che lo fa soffrire di carenze. E anche quando, come nel caso di mistici, profeti od eremiti, la spiritualità dovrebbe fornire le più elevate e sublimi gratificazioni, il patimento della carne, il flagellamento e l'auto punizione diventano causa di inibizioni e di indicibili sofferenze, anche se non riconosciute.
Non tutte le scuole di pensiero, però, inneggiano alla sofferenza come valore in sé, predicando invece un sereno distacco dalle passioni, come nel pensiero stoico ed epicureo, provenienti dal lontano Oriente; o come nel pensiero del Tao e nelle filosofie "laiche" confuciane e buddiste.
C'è poi ancora un'altra impostazione, di taglio più edonistico, che, lungi dal cercare di allontanarci dalle passioni, ci inclinerebbe al godimento dei vari piaceri, se pure in proporzioni variabili e diverse. Purtroppo per noi, invece, in Occidente siamo stati allevati ad una scuola di rigido moralismo, fondata sulla mortificazione della carne, sul rinvio della gratificazione e sul senso di colpa, classici del pensiero cristiano; con possibilità di redenzione attraverso la confessione, per i cattolici, ma, ancor peggio, con una severissima etica di autoresponsabilizzazione sempre immanente nel mondo protestante.
Da cui i segni evidenti di gravissime nevrosi, che inseguono tutti noi dall'alba al tramonto della nostra vita: dove godere è peccato, e il piacere cede sempre il passo al dovere, con una perenne mortificazione dei sensi e della nostra stessa fisiologia, soprattutto in chiave erotico-sessuale.
Il grande merito di aver cercato di ridare all'uomo l'originale integrità "fisico-sensuale", va, in Occidente, alla psicologia, soprattutto freudiana; laica e pragmatica, nel portare l'individuo a ritrovare e ad accettare le pulsioni profonde del suo inconscio, recuperando genericamente il diritto a "stare bene" e senza sensi di colpa.

Questo tipo di vicenda potrebbe raccontarsi in vari modi, dal dramma borghese alla commedia, dalla tragedia alla farsa. O magari anche in chiave favolistica e simbolica, come nel caso del film anglo-americano "Chocolat", dove una coppia madre-figlia arriva inopinatamente a seminare scompiglio in un piccolo paese arretrato e bigotto, aprendo un negozietto di dolciumi. Gli abitanti, abituati da sempre a mortificanti rinunce, scoprono un po' per volta le delizie del palato, ma, ancor più, a degustarne senza provare rimorsi e sensi di colpa. Mamma e figlia, emblematicamente in viaggio da sempre, e incapaci di mettere radici, choccano il paese con le loro dolci proposte, destando negli abitanti una superiore consapevolezza del loro diritto al piacere. Ciò facendo, ovviamente, incontrano pesanti ostilità presso il potere costituito delle istituzioni, Sindaco e Chiesa locale; che dovranno però capitolare dopo avere personalmente sperimentato le lusinghe del piacere. Per estensione, poi, la vicenda si allarga, nel caso della splendida mamma (Juliette Binoche) anche ad incontri sessuali ed amorosi, con un giovane nomade vocazionale (Johnny Depp), che incarna per l'appunto l'anelito di libertà insito in tutti noi, di fronte alle costrizioni moralistiche.

Il tutto a lieto fine, come in una favola bella, dove, volendo, potremmo dire che la figura della Binoche rappresenti la metafora della nuova morale laica della psicologia, vincente sull'oscurantismo del pensiero religioso tradizionale. Il che, in effetti, finisce per risultare fin troppo didascalico e un po'semplicistico, come in tante fiabe da bambini. Peccato per un film dove, invece, non mancano momenti di toccante poeticità nel tratteggio dei personaggi, e nella pittorica di insieme dell'affascinante negozietto, coi suoi prelibatissimi dolci.

Manca forse al film un tocco di maggiore realismo e di garbata ironia, del tipo impiegato, ad esempio, nella produzione più leggera del maestro Bergman, conterraneo del regista di Chocolat, Lasse Halstrom.

Commenta la recensione di CHOCOLAT sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di GiorgioVillosio - aggiornata al 22/03/2005

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

a quiet place: giorno 1abigail (2024)accattaromaacidamen (2024)animale umanoanimali randagianna (2023)arrivederci berlinguer!bad boys: ride or die
 NEW
banel e adama
 NEW
cuckoocult killer - la vendetta prima di tuttodall'alto di una fredda torreeileenel paraiso
 NEW
era mio figlio (2024)fantastic machinefederer: gli ultimi dodici giornifly me to the moon - le due facce della lunafremontfuga in normandiafuriosa: a mad max sagagarfield - una missione gustosaghost: rite here rite nowgirasoligli immortaligli indesiderabili (2023)
 NEW
glory hole
 R
hit man - killer per casoholy shoeshorizon: an american saga - capitolo 1hotspot - amore senza retei dannatiif - gli amici immaginariil caso goldmanil coraggio di blancheil gusto delle coseil mio posto e' quiil mio regno per una farfallail mistero scorre sul fiumeil regno del pianeta delle scimmieil segreto di liberatoin a violent nature
 NEW
indagine su una storia d'amoreinside out 2io & sissiio e il seccoio, il tubo e le pizzejago into the whitekinds of kindnessl’amante dell'astronautala memoria dell’assassinola morte e' un problema dei vivila profezia del malela stanza degli omicidila tartarugala treccial'esorcismo - ultimo attol'impero
 NEW
l'invenzione di noi duelonglegs
 NEW
l'ultima vendetta
 NEW
madame lunamade in dreams - l'italiano che ha costruito l'americamarcello miomatrimonio con sorpresa (2024)me contro te: il film - operazione spiemetamorphosis (2024)mothers' instinctnew lifeniente da perdere (2024)noir casablancanon riattaccareprima della fine - gli ultimi giorni di enrico berlinguerquattro figlie (2023)quell'estate con ireneracconto di due stagioniricchi a tutti i costiritratto di un amorerobo puffinroma bluessamadsaro' con tesei fratellishoshanashukransuperlunathe animal kingdomthe bikeridersthe boys - stagione 4the fall guythe penitent - a rational manthe rapture - le ravissementthe strangers: capitolo 1the tunnel to summer, the exit of goodbyesthe watchers - loro ti guardanoti mangio il cuoretroppo azzurro
 NEW
twisters
 NEW
un messicano sulla lunaun piedipiatti a beverly hills: axel funa spiegazione per tuttouna storia neraunder parisunfrosted: storia di uno snack americanovangelo secondo mariavincent deve morirewindlesswoken - nulla e' come sembra

1052540 commenti su 50961 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

AYKAMA' ROSA

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

in sala


HIT MAN - KILLER PER CASO
Locandina del film HIT MAN - KILLER PER CASO Regia: Richard Linklater
Interpreti: Glen Powell, Adria Arjona, Austin Amelio, Retta, Sanjay Rao, Molly Bernard, Evan Holtzman, Gralen Bryant Banks, Mike Markoff, Bryant Carroll, Enrique Bush, Bri Myles, Kate Adair, Martin Bats Bradford, Morgana Shaw, Ritchie Montgomery, Richard Robichaux, Jo-Ann Robinson, Jonas Lerway, Kim Baptiste, Sara Osi Scott, Anthony Michael Frederick, Duffy Austin, Jordan Joseph, Garrison Allen, Beth Bartley, Jordan Salloum, John Raley, Tre Styles, Donna DuPlantier, Michele Jang, Stephanie Hong
Genere: azione

Recensione a cura di The Gaunt

ON THE JOB: THE MISSING 8
Locandina del film ON THE JOB: THE MISSING 8 Regia: Erik Matti
Interpreti: John Arcilla, Dennis Trillo, Dante Rivero, Joel Torre, Christopher De Leon, William Martinez, Lotlot De Leon, Ina Feleo, Ricky Davao, Vandolph, Isabelle De Leon, Rayver Cruz, Soliman Cruz, Andrea Brillantes
Genere: poliziesco

Recensione a cura di The Gaunt

archivio


LA ZONA D'INTERESSE
Locandina del film LA ZONA D'INTERESSE Regia: Jonathan Glazer
Interpreti: Christian Friedel, Sandra Hüller, Medusa Knopf, Daniel Holzberg, Ralph Herforth, Maximilian Beck, Sascha Maaz, Wolfgang Lampl, Johann Karthaus, Freya Kreutzkam, Lilli Falk, Nele Ahrensmeier, Stephanie Petrowitz, Marie Rosa Tietjen, Ralf Zillmann, Imogen Kogge, Zuzanna Kobiela, Julia Polaczek, Luis Noah Witte, Christopher Manavi, Kalman Wilson, Martyna Poznanski, Anastazja Drobniak, Cecylia Pekala, Andrey Isaev
Genere: drammatico

Recensione a cura di Gabriele Nasisi

MARILYN HA GLI OCCHI NERI
Locandina del film MARILYN HA GLI OCCHI NERI Regia: Simone Godano
Interpreti: Miriam Leone, Stefano Accorsi, Thomas Trabacchi, Mario Pirrello, Orietta Notari, Marco Messeri, Andrea Di Casa, Valentina Oteri, Ariella Reggio, Astrid Meloni, Giulia Patrignani, Vanessa Compagnucci, Lucio Patané, Agnese Brighittini
Genere: commedia

Recensione a cura di Severino Faccin

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net