Recensione burying the ex regia di Joe Dante USA 2014
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione burying the ex (2014Film Novità

Voto Visitatori:   7,14 / 10 (11 voti)7,14Grafico
Voto Recensore:   7,50 / 10  7,50
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film BURYING THE EX

Immagine tratta dal film BURYING THE EX

Immagine tratta dal film BURYING THE EX

Immagine tratta dal film BURYING THE EX

Immagine tratta dal film BURYING THE EX
 

La 71° Mostra del cinema di Venezia non si può dire che sia stata particolarmente generosa, a livello quantitativo, con i film di genere. Poche pellicole "rigidamente" fuori dal concorso e confinate in sezioni collaterali. Perdonatemi la digressione personale, però ai curatori del festival del cinema consiglierei nel mio piccolo una maggiore attenzione a questi film in considerazione del fatto che Cannes, tanto per fare un esempio, dimostra una maggior cura verso le pellicole di genere.
Aldilà della piccola digressione occorre dire che fra i maggiori successi della mostra, sia per quanto riguarda il pubblico, sia per la critica ci sono proprio due pellicole di genere: la commedia brillante di Bogdanovic "She's funny that way" e appunto "Burying the ex" di Joe Dante, commedia nera in salsa horror.

Max è un bravo ragazzo che convive con Evelyn, la sua bellissima ragazza. La loro relazione però diventa complicata quando Evelyn si rivela un incubo, maniaca del controllo e manipolativa, fanatica ambientalista e vegana. Max vuole troncare al più presto la storia, ma ha paura di dirlo a lei. Il caso gli viene in soccorso quando Evelyn è coinvolta in un incidente e muore. Max incontra dopo non molto tempo Olivia, una ragazza carina che potrebbe essere la sua anima gemella. Scopre presto che Evelyn è risorta dalla tomba e determinata a riprendersi il suo fidanzato, che potrebbe a sua volta diventare uno zombie.

Joe Dante ha bisogno di poche presentazioni. Autore di pellicole di successo del calibro di "Gremlins", "Pirana" e "L'ululato", è passato tuttavia attraverso alcuni fiaschi commerciali che lo hanno confinato molto ai margini, per non dire escluso, dalla grande macchina hollywoodiana. Può essere accostato senza troppi problemi di smentita in una ristretta cerchia di registi "reietti" al pari di altri suoi colleghi come John Carpenter e John Landis, se non altro perchè accomunati dall'enorme fortuna commerciale a cavallo dei decenni 70 e 80 delle loro pellicole e gradualmente smarriti per vicissitudini differenti negli anni successivi. A loro parziale consolazione, essi si sono creati numerose schiere di fan che perlomeno contribuiscono a non farli cadere nel dimenticatoio.

Occorre dire in primo luogo che "Burying the ex", pur essendo una commedia nera horror di zombies, non pesca, al contrario di "Shaun of the dead" di Edgar Wright, dall'immaginario romeriano del genere. L'immaginario di Joe Dante è differente ed ha origine dalla passione sempre affermata dal regista stesso verso le pellicole che vedeva fin da ragazzo. Quella cinematografia fanta horror degli anni 50 e 60 che sono il bagaglio culturale del regista e rafforzato dalla sua esperienza lavorativa nella factory di Roger Corman, uno dei numi tutelari della carriera di Dante stesso.
Una cinematografia che ha permesso a Dante di crescere professionalmente e svilupparsi negli anni 80, altro decennio che è sempre più di moda e che in "Burying the ex", a livello soprattutto fotografico dalle tonalità pastello, é l'altro riferimento importante di questo film.
"Burying the ex" è un film che possiede delle coordinate precise e definite dallo stesso regista in un immaginario molto vasto a livello temporale, ma altrettanto riconoscibile dallo spettatore.
Le citazioni in questo film di Dante si sprecano a piene mani. Basta soltanto vedere il lavoro di Max, impiegato in un negozio di memorabilia ed oggestica di film horror, in aggiunta al suo appartamento di pieno di poster di pellicole passate (anche e molte italiane), per osservare il sapore retrò del film di Dante. Tacciare tuttavia di pura accumulazione di citazioni questo lavoro sarebbe un errore.

Tali citazioni sono ben inserite nel contesto della storia stessa, che non ha tratti particolari di originalità, ma proprio per questo è immediatamente riconoscibile per lo spettatore e consente a Dante di giocare con i clichè rovesciandoli in chiave comica. Per citare un esempio le apparizioni post mortem di Evelyn, scene classiche di ogni film horror che si rispetti, sono anticipate dal ronzio delle mosche, il cui rumore aumenterà di pari passo con la decomposizione progressiva del cadavere vivente della ragazza di Max perchè nel frattempo le mosche sono aumentate. L'effetto comico è immediato e percepibile.
Altro grande pregio di questa pellicola sono i dialoghi, molto curati da Dante ed estremanente brillanti per verve comica, dove anche i giochi di parole hanno la loro importanza anche se, come contrindicazione, sono potenzialmente stravolgibili con un eventuale doppiaggio in italiano che diminuirebbe la loro effficacia.

Una nota di merito va anche agli attori del film. Anton Yelchin è bravissimo nella parte di Max, ragazzo sensibile ed innamorato del cinema horror, ma completamente soggiogato dalla personalità di Evelyn. Al contrario delle figure femminili, molto forti a livello caratteriale, il personaggio si trova in mezzo a due fuochi e si fa notare, detto in gergo, per la mancanza della necessaria spina dorsale. Il passato rappresentato da Evelyn che torna a tormentarlo anche dopo morta e il futuro amore rappresentato da Olivia, sorta di anima gemella di Max stesso (stessi gusti in fatto di letteratura e cinema horror), lo pongono in una costante indecisione ed al tempo stesso incapacità di operare un taglio netto con il passato.
Anche l'altra figura maschile del film, Travis, il fratello Max, non si distingue certo per assennatezza. Caratterialmente è esattamente l'opposto di Max, tanto razionale e sensibile quest'ultimo, quanto superficiale e godereccio Travis. E' un ruolo leggermente secondario rispetto ai tre personaggi principali di questo strano triangolo d'amore, ma ha comunque il merito di essere nei momenti migliori e più comici del film.
Ashley Green forse è la sorpresa più lieta di questo film. Attrice che, al pari dei suoi colleghi della saga Twilight, ha intrapreso un percorso diverso dal genere della saga dei vampiri. Già in "Kristy" si è fatta notare per la sanguinaria Violet, mentre nel film di Dante è un odiosissima e irritante vegana ed ambientalista che riesce completamente a dominare psicologicamente Max, il quale non ha quasi mai la forza di opporsi. Come la stessa Green ha dichiarato in conferenza stampa a Venezia, il personaggio di Evelyn non è totalmente malvagio, anzi è più caratterizzato dalla paura folle di rimanere sola, che esprime in scenate di gelosia fin da quando lo sguardo Max incrocia per la prima volta quello di Olivia, intepretato dalla D'Addario.
Olivia è il sogno di Max dopo la momentanea dipartita di Evelyn. Carattere forte quanto quello di Evelyn ma improntato ad una positività che Max nota subito, come anche l'identità di gusti in fatto di gusti cinematografici e letterari. Ha un carattere molto più dolce di Evelyn ma che non nasconde la propria decisione nei confronti Max, stimolandolo a dare un netto taglio al passato.

Buryin the ex non è uno di quei film che rivoluzionano il genere di riferimento, al contrario tende più ad assecondare il genere stesso. Un piccolo film che meriterebbe una chance di distribuzione cinematografica, in considerazione di tante, troppe pellicole di scarsa qualità su grande schermo e delle caratteristiche positive di questo film di Dante che possiede tanti elementi per poter piacere al pubblico, cosa che a Venezia è successo.

Commenta la recensione di BURYING THE EX sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di The Gaunt - aggiornata al 22/06/2015 17.40.00

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

150 milligrammi - una donna dorte come la verita'
 T
4021a german lifea good americana united kingdom - l'amore che ha cambiato la storiaabsolutely fabulous: il filmaeffetto dominoalla ricerca di un sensoallied - un'ombra nascosta
 HOT
arrivalausterlitz
 T
autobahn - fuori controllo
 T
ballerina
 T
bandidos e balentes - il codice non scritto
 T
barriere
 T
beata ignoranzabilly lynn - un giorno da eroebleed - piu' forte del destinocaro lucio ti scrivochi salvera' le rose?
 T
cinquanta sfumature di nero
 T
crazy for footballdavid lynch: the art lifedoraemon il film - nobita e la nascita del giappone
 NEW
ellefalchifallen
 T
gimme dangergod's not dead 2 - dio non e' morto 2gomorroideheadshotho amici in paradiso
 NEW
i am not your negroil diritto di contareil padre d'italia
 NEW
il pugile del duceil viaggio di fanny
 NEW
in viaggio con jacquelineincarnate
 R T
jackiejohn wick capitolo 2kong: skull islandla battaglia di hacksaw ridgela bella e la bestia (2017)
 NEW
la cura dal benessere
 HOT
la la landla legge della nottela luce sugli oceani
 T
la marcia dei pinguini: il richiamole concoursle spie della porta accanto
 T
lego batman - il film (2017)les ogres
 NEW
life - non oltrepassare il limitelife, animatedlogan - the wolverinel'ora legaleloving - l'amore deve nascere liberomaestro
 T
mamma o papa'?
 T
manchester by the seamister universo
 NEW
moda mia
 T
moonlight - tre storie di una vitanebbia in agosto
 NEW
non e' un paese per giovaniomicidio all'italianaozzy - cucciolo coraggiosopasseriphantom boypiena di grazia
 NEW
pino daniele - il tempo restera'proprio lui?qua la zampa!questione di karma
 T
resident evil: the final chapterriparare i viventirosso istanbul
 NEW
sfashionsilence
 NEW
slam - tutto per una ragazzasleepless - il giustizieresmetto quando voglio 2 - masterclass
 HOT
splitstrane stranierethe belko experiment
 T
the founder
 T
the great wallthe ring 3
 T
trainspotting 2
 T
un re allo sbandoun tirchio quasi perfettovarichina - la vera storia della finta vita di lorenzo de santisvedete, sono uno di voivi presento toni erdmann
 NEW
victoria
 NEW
vieni a vivere a napoli!vista marexxx: il ritorno di xander cageyour name

952736 commenti su 36801 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net