Recensione buffalo '66 regia di Vincent Gallo USA 1998
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione buffalo '66 (1998)

Voto Visitatori:   7,76 / 10 (48 voti)7,76Grafico
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film BUFFALO '66

Immagine tratta dal film BUFFALO '66

Immagine tratta dal film BUFFALO '66

Immagine tratta dal film BUFFALO '66

Immagine tratta dal film BUFFALO '66

Immagine tratta dal film BUFFALO '66
 

Billy Brown esce di prigione con l'intento di togliere la vita all'ex giocatore dei Buffalo Bills che, truccando una partita su cui lui aveva scommesso, l'aveva costretto ad autoaccusarsi di un crimine non commesso perché impossibilitato a pagare la cifra che doveva all'allibratore.

Un film veramente molto particolare questo primo parto registico del grandissimo Vincent Gallo, attore ed autore davvero talentuoso e unico nel panorama cinematografico odierno. Allontanandosi anche con fare polemico dagli stilemi hollywoodiani, Gallo costruisce un film che fa dell'indipendentismo formale e tematico il suo stendardo. Traendo spunto da molte delle sue vicende personali, soprattutto quelle familiari, Gallo si concentra sul ritratto di questo straordinario personaggio, da lui stesso magistralmente interpretato, che attraverso le sue nevrosi, la sua incapacità a comunicare con le persone che ama, oltre ad amare in primis (perché in realtà mai veramente amato), ci offre un percorso formativo di forte presa emotiva e intellettiva che permette allo spettatore di intrattenersi piacevolmente non solo con l'evoluzione del personaggio e della storia che lo vede come protagonista, ma anche con lo stile con la quale questi due aspetti prendono vita sullo schermo.

Ecco che allora i vari split-screen, che quasi sempre partono proprio dal viso del ragazzo come dei piccoli quadratini sullo schermo per poi diventare sempre più grandi, mostrandoci i ricordi più o meno dolorosi oltre che l'immaginazione di Billy, costituiscono il tratto distintivo di questa pellicola, arricchita anche da un'ottima regia che scruta perfettamente non solo i personaggi ma anche gli asfissianti e stretti ambienti che li circondano.
Di notevole interesse anche la colonna sonora composta e ideata dallo stesso Gallo, che tra l'altro si è occupato anche della sceneggiatura.

Un film, "Buffalo '66", quasi interamente poggiante sulle spalle di Gallo, che offre un'impareggiabile opportunità di saziarsi di buon cinema senza assistere a facili espedienti narrativi o abusati orpelli stilistici, estetici e formali. Seguendo le orme di quest'uomo che si ritrova ad affrontare tutti i rapporti irrisolti della sua vita, facciamo la conoscenza di una serie di personaggi molto suggestivi oltre che emblematici, a partire dai due strambi e quasi deprecabili genitori (interpretati dai bravissimi e adeguatissimi Ben Gazzara e Anjelica Huston), che accolgono il figlio dopo cinque anni di assenza come se niente fosse, continuando ad ignorarlo e addirittura incolpandolo inconsciamente di un avvenimento assurdo come il fatto di essere nato proprio il giorno in cui i Buffalo hanno vinto una partita dopo anni e anni di sconfitte.

Completano il quadro l'amico "tonto" ma di buon cuore e seriamente affezionato a lui e una giovane ragazza incontrata per caso che scombussolerà tutti i suoi già precari e labili equilibri (una burrosa e dolce Christina Ricci), conducendolo inconsapevolmente a fare i conti con la sua esistenza e con l'inesistenza all'interno di essa di veri e genuini rapporti interpersonali.
Emblematiche a riguardo, oltre che singolarmente e straordinariamente girate e montate, due sequenze come quella a tavola coi genitori di Billy (la ragazza infatti deve fingere di essere la moglie del protagonista, perché questi ha sempre mentito circa la sua permanenza in carcere, facendo credere loro di avere un ottimo lavoro e una bella famiglia) e quella nella stanza d'albergo in cui il ragazzo prova timore e quasi "repulsione" a qualsiasi forma di contatto umano (in questo caso della ragazza che palesemente si è innamorata di lui), che sia uno sguardo, una carezza, un bacio, una tenera stretta di mano. A concludere questo percorso che, pur in maniera molto originale e apprezzabile, non fa altro che comunicare l'importanza dei sentimenti, in primis dell'amore per vivere appieno una vita felice e tranquilla, arriva la geniale sequenza all'interno del locale di spogliarelliste gestito dall'ex-giocatore dei Buffalo Bills, colui che per Billy è metafora del fallimento della sua vita (una sequenza che toglie letteralmente il fiato).

Impreziosito anche da camei di classe come quelli di Mickey Rourke (nel ruolo dell'allibratore) e Rosanna Arquette (in quello di una ex- compagna di scuola di Billy di cui lui è sempre stato innamorato ma mai ricambiato, anzi deriso), "Buffalo '66" rimane impresso perché riesce ad emozionare e a coinvolgere pur nella sua rigorosa e fiera posizione di allontanamento dagli stilemi del genere drammatico-biografico (che indubbiamente è composto da rappresentanti degni e in alcuni casi degnissimi di nota), dimostrazione apprezzabilissima del talento naturale e geniale del giovane cineasta Vincent Gallo.

Ecco che allora, grazie al suo stile inusuale e raro, può permettersi di concludere la pellicola con un happy-ending sancito da un idilliaco, semplice, emozionante e romantico fotogramma, dove tutti i succitati aggettivi sono utilizzati nella loro accezione positiva.

Commenta la recensione di BUFFALO '66 sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di A. Cavisi - aggiornata al 03/03/2010

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

18 regali1917adoration (2019)alla mia piccola samaandrej tarkovskij. il cinema come preghiera
 NEW
bad boys for lifebirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinnboterocaterina
 NEW
cats (2019)
 NEW
cattive acquecena con delitto - knives outcercando valentina - il mondo di guido crepaxche fine ha fatto bernadette?city of crimecolor out of space
 NEW
criminali come noidiamanti grezzidio e' donna e si chiama petrunyadolittlefabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovatofantasy islandfigli (2020)gli anni piu' belligood boys - quei cattivi ragazzigrandi bugie tra amicihammametherzog incontra gorbaciovil diritto di opporsiil drago di romagnail ladro di giorniil lago delle oche selvaticheil mistero henri pickil primo natale
 NEW
il richiamo della foresta (2020)il terzo omicidioimpressionisti segretijojo rabbitjudy (2019)jumanji - the next leveljust charlie - diventa chi seila dea fortuna
 NEW
la mia banda suona il popla ragazza d'autunnolast christmasleonardo. le opere
 NEW
l'hotel degli amori smarritil'immortale (2019)l'inganno perfetto
 NEW
lontano lontanolunar citymarco polo - un anno tra i banchi di scuolame contro te: il film - la vendetta del signor s
 HOT R
memorie di un assassinonancyodio l'estatepiccole donne (2019)pinocchio (2019)playmobil: the moviepromarerichard jewellritratto della giovane in fiammescherza con i fantischool of the damnedshow me the picture: the story of jim marshallsonic - il filmsorry we missed youspie sotto coperturastar wars - l'ascesa di skywalkersulle ali dell'avventuratappo - cucciolo in un mare di guaithe farewell - una bugia buonathe grudge (2020)the lodge
 HOT
tolo tolouna storia d’arteunderwatervilletta con ospiti

998922 commenti su 42948 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net