Recensione breve incontro regia di David Lean Gran Bretagna 1945
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione breve incontro (1945)

Voto Visitatori:   8,65 / 10 (17 voti)8,65Grafico
Voto Recensore:   10,00 / 10  10,00
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film BREVE INCONTRO

Immagine tratta dal film BREVE INCONTRO

Immagine tratta dal film BREVE INCONTRO

Immagine tratta dal film BREVE INCONTRO

Immagine tratta dal film BREVE INCONTRO

Immagine tratta dal film BREVE INCONTRO
 

"Sei stata lontana cosý a lungo... grazie per essere ritornata da me"
Dal film

"Breve incontro" Ŕ la cronaca intimista di un amore comune. Quel sentimento vinto da "una tipologia di persone incapace di affrontare emozioni al di fuori della normale gamma d'esperienza", come scrissero i critici dell'epoca. Un sentimento tanto naturale quanto sofferto e, per quei tempi, scandaloso.

Per quanto il film sia rimasto un esempio tra i pi¨ illustri nella storia del cinema romantico, Ŕ facile che possa essere fuorviante, per le aspettative concilianti e tradizionali dello spettatore appassionato del genere, un manifesto, di ispirazione quasi Magrittiana, che riassume i contenuti, la trama e l'ambientazione del film.
Su un cartellone enorme, esposto sulla pensilina di una stazione ferroviaria, campeggia il titolo del film e i nomi degli interpreti. Sotto di esso, un lampione illumina due figure sfumate, quasi stilizzate, sicuramente un uomo e una donna mentre, da lontano, un treno sta raggiungendo la stazione nel buio della sera.
In effetti il film, sospeso tra sogno e realtÓ, fa del realismo una sorta di immaginario cinematografico, sovrastando anche per questo un amore casuale, per certi versi irrealizzabile, attraverso il percorso narrativo della voce fuori-campo di Laura, la protagonista, che rievoca con straziante intensitÓ le ultime settimane della sua vita.

Celia Johnson Ŕ Laura, moglie del tedioso Fred, che vive la sua grigia vita coniugale con distaccato fatalismo (o rassegnazione). La donna, preoccupata per la salute del figlio, Ŕ insoddisfatta del marito, un uomo carente di partecipazione affettiva, lontano dalle problematiche familiari e coniugali.
L'incontro della donna con un medico, Alec, cerca di colmare la sua carenza affettiva, finendo per˛ con l'esprimere la sua apparente impossibilitÓ di amare ed essere a sua volta amata.

Come nei precedenti film di Lean, anche "Breve incontro"Ŕ tratto da una piŔce teatrale del grande Noel Coward ("Still life"), ed Ŕ lo spaccato di una certa societÓ borghese britannica, anche se la sua forza sta altrove.
Prima di tutto, Ŕ la grande capacitÓ di raccontare l'amore, anche l'adulterio, dove la forza della passione viene repressa dai circoscritti codici morali dei due protagonisti, e della donna in particolare.
Secondo Noel Coward, e lo stesso Lean, il nostro desiderio Ŕ sempre vincolato nei tempi dal rapporto con le imposizioni sociali, con la nostra educazione e con il rapporto spesso frustante e complesso che abbiamo con le nostre scelte. Ovviamente stiamo parlando di un'opera del 1945, inizialmente passata sotto silenzio per la sua insolita capacitÓ di mettere a nudo l'unico baluardo protettivo - le coppie e la famiglia - in un'epoca dominata dall'imminente fine del secondo conflitto mondiale.
E proprio per questo non Ŕ difficile assecondare le reticenze di Laura verso Alec, e il suo comportamento rispetto all'uomo che riesce a conquistarla. E' come se il film raccontasse il bisogno di una donna di uscire, senza riuscirci, dai suoi vincoli morali, mentre l'uomo finisce per frenarla, sottraendosi ad ogni responsabilitÓ.
In un certo senso Ŕ un'altra innovazione del film, quando tende, come fa spesso, a trasmettere la ludicitÓ del pudore, proprio quando riesce a tradire l'unica strada possibile per la felicitÓ.

Lo scenario della storia, tra strade bagnate di pioggia e stazioni ferroviarie, tra metropolitane e sale cinematografiche, tra buffet e ristoranti, Ŕ peculiare di una storia d'amore vissuta in una sorta di clandestinitÓ indotta.
Agli spettatori di oggi la catena di eventi che coinvolgono Laura nella sua inutile fuga extraconiugale appare esattamente come sembrava allora, una storia dove nessuno riesce a liberarsi dai propri limiti (auto)imposti, affettivi e culturali.

Per l'epoca la storia di due amanti "nŔ giovani nŔ belli" - come scrivevano i giornali - non rassicura affatto nella trasmigrazione impulsiva di desideri "proibiti". E tutto in un dopoguerra ferito, dilaniato, profondamente affamato di ben altre rassicurazioni.
Non c'Ŕ alcuna tenerezza rassicurante per Laura e il suo "giovane" medico (nonostante quanto scritto dai giornali dell'epoca Trevor Howard aveva soltanto 29 anni), solo il precoce rimpianto per un amore senza un lieto fine, o l'incapacitÓ della donna di vivere con serenitÓ questo sentimento.
Infatti mentre Alec, per quanto sensibile e cortese, si muove con una certa libertÓ il pudore di Laura, quel suo bisogno di essere sempre rassicurata dal medico nelle sue azioni, diventa in certi casi un'esperienza degradante.

Emblematiche, in particolare, due situazioni diverse in due diverse sequenze, ambientate l'una in un luogo aperto, e l'altra in un ambiente chiuso.
Nella prima, Laura e Alec si trovano a un ristorante ed Ŕ proprio lý che Laura incontra dei vecchi amici indisponenti e irritanti. Nel secondo, Alec la porta a casa di un amico momentaneamente assente. Purtroppo l'inquilino arriva prima del previsto, facendo scappare la donna in preda a una forte sensazione di vergogna e disagio.
Nei rispettivi casi Laura si sente scoperta (come davanti agli amici di famiglia) o giudicata (quando l'amico di Alec irrompe bruscamente nella sua casa).

A quei tempi, "Breve incontro" non ebbe un successo immediato, ma la stampa arriv˛ a sottolineare quanto l'epilogo del film sia la pi¨ classica rappresentazione della "morale coniugale salva" nella societÓ inglese pi¨ puritana.
Oggi invece possiamo ritrovare la dignitÓ di Laura alla ricerca di una serenitÓ forse vana, forse fragile, ma in grado di compensare il conformismo dilagante delle sue aspettative mancate, di moglie e "femmina".

"La gente incapace di affrontare emozioni al di fuori delle loro esperienze" vive riflessa nei volti di Celia Johnson e Trevor Howard, nel minimalismo di piccoli eventi, mentre si abbracciano ridendo come bambini davanti a Mickey Mouse, o si vergognano entrambi dopo aver assistito a un brutto film, quando si raccontano le loro vuote esistenze - per quanto pretestuosa il transfert improvviso di Alec Ŕ il segno anche di un disagio interiore - o si ritrovano in un buffet.

Il racconto di Laura Ŕ circoscritto in un arco temporale minimo, sempre sospeso, come in una dimensione rarefatta, tra la realtÓ e l'illusoria - Ŕ il caso di dirlo - fonte del Sogno.
Prima il film scardina una serie di flash atti alla coppia per conoscersi e via via a relazionarsi sempre pi¨, poi finisce per dissolverli, all'ombra di nuovi eventi e all'unico momento di debolezza di Laura, che i pi¨ troveranno superiore emotivamente alle aspettative (nostre?!)

"Breve incontro" Ŕ uno dei pochissimi film della storia del cinema in grado di raccontare il sentimento riuscendo ad apparire anticonvenzionale e poetico - non a caso qualcuno ha sottolineato uno squisito "gusto francese" nel rievocare la vicenda - capace di esprimere compiutamente quanto un sentimento, per quanto breve, possa essere anche definitivo.

Lo struggente tema musicale - ovvero il "II concerto per pianoforte" di Rachmaninov, rievoca tutto questo bisogno eterno di amarsi, con la malinconia di un rimpianto da miraggi perduti.

Commenta la recensione di BREVE INCONTRO sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di kowalsky - aggiornata al 16/11/2010 12.07.00

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

#unfit - la psicologia di donald trump10 giorni con babbo nataleabout endlessnessaddio al nubilatoalessandra - un grande amore e niente piu'all my friends are deadamore al quadratobaby yaga: incubo nella foresta oscurabastardi a mano armatabliss (2021)burraco fatalecentigradecherry - innocenza perdutacome truecosa sarÓcreators: the pastcrisiselegia americanafino all'ultimo indiziogirl power - la rivoluzione comincia a scuolagodzilla vs. konggovernance - il prezzo del poteregreenlandhoneylandi am greta - una forza della naturai predatoriil cammino di xicoil caso pantani - l'omicidio di un campioneil mio corpo vi seppellira'il principe cerca figlioil talento del calabroneimprevisti digitali
 NEW
jakob's wifejudas and the black messiahla nave sepoltala prima donnala ruota del khadi - l'ordito e la trama dell'indiala stanzala vita straordinaria di david copperfieldl'amico del cuore (2021)lasciami andarel'incredibile storia dell'isola delle roselockdown all'italianal'ultimo paradiso (2021)ma rainey's black bottommadame claudemankminarimurdershownomad: in cammino con bruce chatwin
 NEW
non mi ucciderenotizie dal mondooperazione celestinaoperazione varsity blues: scandalo al collegepalazzo di giustiziapalm springs - vivi come se non ci fosse un domaniparadise - una nuova vitaparadise hillspele' - il re del calcioqualcuno salvi il natale 2quello che non ti ucciderange runnersrebeccaroubaix, una lucesacrifice (2020)sola al mio matrimoniosonsotto lo zerosoul (2020)sul piu' belloten minutes to midnight
 HOT
tenetthe fatherthe mauritanianthe midnight skythe nights before christmasthe secret - le verita' nascostethe unholythe united states vs. billie holidaythunder forcetua per sempretutto il mondo e' palesetutto normale il prossimo nataleun divano a tunisiuna classe per i ribelliuna donna promettentewe are the thousand - l'incredibile storia di rockin'1000we can be heroeswhy did you kill me?wonder woman 1984wrong turnyes dayzack snyder's justice league

1016728 commenti su 45326 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net