Recensione black christmas - un natale rosso sangue (1974) regia di Bob Clark Canada 1974
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione black christmas - un natale rosso sangue (1974)

Voto Visitatori:   7,37 / 10 (59 voti)7,37Grafico
Voto Recensore:   8,00 / 10  8,00
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film BLACK CHRISTMAS - UN NATALE ROSSO SANGUE (1974)

Immagine tratta dal film BLACK CHRISTMAS - UN NATALE ROSSO SANGUE (1974)

Immagine tratta dal film BLACK CHRISTMAS - UN NATALE ROSSO SANGUE (1974)

Immagine tratta dal film BLACK CHRISTMAS - UN NATALE ROSSO SANGUE (1974)

Immagine tratta dal film BLACK CHRISTMAS - UN NATALE ROSSO SANGUE (1974)

Immagine tratta dal film BLACK CHRISTMAS - UN NATALE ROSSO SANGUE (1974)
 

Gli anni '70 si contraddistinguono come un periodo molto fecondo riguardo molti generi cinematografici: l'horror, con "La notte dei morti viventi" di Romero, Ŕ in una fase di piena rinascita e rinnovamento attraverso la ristrutturazione dei modelli narrativi che si discostano nettamente dai precedenti, dominati dalle figure gotiche dei mostri "classici" di origine letteraria che avevano fatto la fortuna durante il decennio degli anni '30 ("Dracula", "Frankenstein", "L'uomo invisibile") e la loro successiva rielaborazione negli anni '50 da parte della Hammer Film.

Questi nuovi modelli non guardavano pi¨ al passato ma erano pi¨ ancorati alla realtÓ quotidiana. Un approccio completamente diverso, che non deriva dalla paura ancestrale verso un qualcosa appartenente ad un altro mondo, ma scaturisce anche da situazioni di forte contrasto fra due o pi¨ modi di vedere o concepire la realtÓ. "Non aprite quella porta" di Tobe Hooper rappresenta un esempio tipico, in cui abbiamo un gruppo di giovani con un sistema di valori pi¨ moderno (fra l'altro era l'epoca hippie) scontrarsi con quell'America rurale ancora arroccata su posizioni ultraconservatrici.

Oltre all'horror bisogna tenere conto anche dell'evoluzione del thriller che, dagli inizi degli anni '60 con pellicole come "Psyco" di Hitchcock e "L'occhio che uccide" di Powell, aveva posto al centro la controversa figura del serial killer, le cui prede preferite sono giovani donne.
Una tendenza, questa, ripresa anche nel cinema italiano a partire da Mario Bava ("Il telefono", episodio de "I tre volti della paura", e "Sei donne per l'assassino") per finire a Dario Argento con "L'uccello dalle piume di cristallo". Riguardo il versante italico si opera una codifica anche nella figura dell'assassino seriale, vestito di un lungo impermeabile, guanti in pelle e cappello che si diverte sadicamente a torturare le proprie vittime per poi ucciderle anche nei modi pi¨ fantasiosi.

La trama: mentre si preparano a festeggiare il Natale, le ragazze di una confraternita studentesca sono prese di mira da un maniaco che le perseguita con telefonate oscene. Non visto, il mostro si installa nella soffitta e miete la sua prima vittima. Le ricerche da parte di polizia e volontari hanno inizio, mentre la giovane Jess deve confrontarsi con una gravidanza indesiderata e un fidanzato che intende imporle le sue decisioni.

In "Black Christmas" di Bob Clark, giÓ autore di due horror indipendenti a basso costo ("Children Shouldn't Play with Dead Things" e "Dead of night"), si riesce a notare la presenza di questa eterogeneitÓ di elementi che costituiscono l'ossatura principale di questa pellicola, certamente da considerare pi¨ un thriller che un horror, ma che presenta caratteristiche piuttosto originali e innovative, "scoperte" Ŕ il caso di dirlo, solo diverso tempo dopo la sua uscita in sala e specialmente con l'uscita di "Halloween" di John Carpenter, pellicola che ha molti punti in comune con il film di Clark.

Rispetto all'ambientazione tipicamente rurale del film di Hooper, Clark mantiene questo forte contrasto nella definizione nei personaggi, trasferendo per˛ l'azione in un ambito cittadino. Infatti ci troviamo di fronte a due gruppi ben distinti fra di loro: da una parte una compagnia abbastanza omogenea di ragazze che parlano con facilitÓ di sesso e di aborto e dall'altra un universo maschile che, pur non mostrando particolari caratteri di grettezza, si dimostra tuttavia molto disorientato di fronte a questa sorta di emancipazione femminile rispetto a modelli precostituiti, cogliendo di sorpresa personaggi come Mr. Harrison o del fidanzato di Jess, Peter. Un sottottesto ben evidenziato, che tiene debitamente conto di un forte cambiamento all'interno della societÓ civile, con risvolti persino ironici, come si nota nella scena del gioco di parole della "fellatio", quando le ragazze si recano alla stazione della polizia per denunciare le molestie telefoniche di un maniaco che si diverte a tormentarle.

Uno humour nero, elemento costante della pellicola, che ben si sposa con l'atmosfera natalizia in cui Ŕ collocata la vicenda, che presenta un contesto sociale disaggregato con studentesse indisciplinate, cameriere alcolizzate e uomini sull'orlo di una crisi nervi. Viene smascherato quindi quel velo di ipocrisia tipico dell'iconografia della festa natalizia in cui tutte le persone sono (o dovrebbero essere) felici e contenti. Se poi consideriamo che Olivia Hussey, la Madonna del "Ges¨ di Nazareth"di Zeffirelli da lý a qualche anno, manifesta la propria volontÓ ad abortire, la pellicola assume a posteriori persino un tono involontariamente dissacrante.

La struttura narrativa di "Black Christmas" non mostra particolari caratteristiche di complessitÓ o compattezza, anzi si pu˛ affermare che Ŕ assai frammentata e che fonda la sua tensione nell'intromissione dell'assassino nella casa delle studentesse, appropriandosi senza essere visto di un proprio spazio personale all'interno della casa stessa (la soffitta per la precisione) ed attuando le proprie scorribande verso le sue vittime senza che le altre componenti della casa si accorgano minimamente di ci˛ che sta succedendo. Lo stato di costante tensione nasce quindi dalla vicinanza stessa del killer che pu˛ colpire da un momento all'altro e soprattutto dalla mancanza assoluta sul modus operandi e di un qualsiasi indizio sulla personalitÓ deviata dell'assassino, ripreso quasi sempre in soggettiva dal regista. Inoltre a rendere ancora pi¨ inquietante la figura di questo serial killer Ŕ l'incredibile cacofonia di voci che riesce a riprodurre durante le sue telefonate minatorie. Diverse tonalitÓ e stati d'animo che in realtÓ Ŕ stato possibile ottenere elaborando le voci di cinque fra attori ed attrici, riuscendo non solo ad aumentare l'effetto disturbante in chi lo ascolta, ma di conferire, in mancanza di una sua precisa visibilitÓ, la personalitÓ stessa del killer.
Killer che rimarrÓ senza un volto fino alla fine e che deluderÓ probabilmente gli amanti del whodonit: non sapremo mai chi si nasconde dietro quell'occhio spiritato che si intravede per pochi istanti, nÚ tantomeno si saprÓ del movente che lo spinge ad uccidere le ragazze della casa o se l'uccisione della bambina nel parco Ŕ ascrivibile alla sua mano omicida.

Altro grande merito di "Black Christmas" Ŕ l'abilitÓ tecnica della regia di Clark, capace di sfruttare in maniera eccellente gli spazi stretti della casa in cui la camera si insinua con notevole fluiditÓ. Tutta la sequenza iniziale dell'intrusione dell'assassino nell'abitazione Ŕ un pezzo di bravura considerato l'anno in cui Ŕ stato fatto il film, oltre alle capacitÓ acrobatiche dell'operatore nella sua esecuzione. Da ricordare inoltre altre due sequenze degne di nota: l'omicidio di Barbara (Margot Kidder) con un unicorno di cristallo in montaggio alternato al coro di voci bianche dei bambini che intonano canzoni di Natale davanti a Jess (Olivia Hussey) e tutto il lungo e inquietante piano sequenza finale.

Buona anche la prova collettiva del cast, che pur non annoverando star di prima grandezza, riesce anche grazie a dialoghi ben curati, a delineare i personaggi in maniera abbastanza approfondita e lineare senza eccessivi fronzoli ed al servizio di una storia che, come giÓ detto, ha lo scopo principale di creare tensione e paura.

Un film che ancora oggi, a distanza di oltre trent'anni, mostra la sua freschezza, che ha vinto la sua scommessa nello sfuggire al pi¨ facile effetto gore per una messa in scena che privilegia l'atmosfera, che "sottrae" piuttosto che "aggiungere" e che nel suo piccolo pu˛ essere inserito senza problemi nella categoria (a volte abusata) dei cult-movie se non altro per quella ragazza morta con la testa ricoperta di celophan, vera immagine icona di "Black Christmas".

"Billy! Billy! Where' the baby?"

Commenta la recensione di BLACK CHRISTMAS - UN NATALE ROSSO SANGUE (1974) sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di The Gaunt - aggiornata al 05/05/2009

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

2028: la ragazza trovata nella spazzaturaa letto con sartreacqua alle cordeanataranche ioannie ernaux - i miei anni super 8ant-man and the wasp: quantumaniaargentina, 1985argonuts - missione olimpoassassin clubasterix & obelix - il regno di mezzoavatar - la via dell'acquababylon (2022)benedettabigger than us - un mondo insiemebillie eilish: live at the o2bussano alla portac'era una volta in italia - giacarta sta arrivandocharlotte m.: il film - flamingo partychiaracocainorsocreed iiidecision to leave
 NEW
diario di speziedisco boydomino 23 - gli ultimi non saranno i primi
 NEW
educazione fisicaemancipation - oltre la liberta'empire of lighteoernest e celestine - l'avventura delle 7 noteeverything everywhere all at once - la vita, il multiverso e tutto quantofairytale - una fiabagigi la legge
 NEW
gli occhi del diavologli spiriti dell'isolagodland - nella terra di diograzie ragazzihidden - verita' sepolteholy spiderhometown - la strada dei ricordii migliori giornii nostri ieriil boemoil cacio con le pere
 NEW
il capofamigliail corsetto dell'imperatriceil gatto con gli stivali 2 - l'ultimo desiderioil grande giornoil mio amico massimoil primo giorno della mia vitail ritorno (2022)io vivo altrove!jung_ekill me if you cankiller her goatsklondikela fata combinaguaila ligne - la linea invisibilela memoria del mondola primavera della mia vitala seconda vialadri di natalelaggiu' qualcuno mi amale otto montagnele vele scarlattel'innocente (2023)l'ispettore ottozampe e il mistero dei misteril'ombra di goyal'ultima notte di amorel'uomo che disegno' diol'uomo sulla stradam3ganma nuitma tu, mi vuoi bene?magic mike - the last dancemarcel the shellmasquerade - ladri d'amoreme contro te: il film - missione giunglamissing (2023)mixed by errymummie - a spasso nel temponannynapoli magicanarvik: hitler's first defeatnatale a tutti i costinezouh - il buco nel cielonon cosi' vicinopamela, a love storyparlate a bassa voceperfetta illusionepinocchio di guillermo del toropreparativi per stare insieme per un periodo indefinito di tempoprimadonnaprofetiromantichesaint omersbagliando s'imparascream visharper
 NEW
shazam! furia degli deisi', chef! - la brigadetarterezinthe fabelmans
 NEW
the honeymoon - come ti rovino il viaggio di nozzethe leechthe mean onethe offering (2022)the pale blue eye - i delitti di west pointthe planethe quiet girlthe sonthe straysthe whaletill - il coraggio di una madretramite amiciziatre di troppotre minutitrieste e' bella di nottetutto in un giornoun bel mattinoun matrimonio esplosivoun uomo feliceun vizio di famigliauna relazione passeggera
 NEW
what's love?whitney - una voce diventata leggendawomanwomen talking - il diritto di scegliereyakari: un viaggio spettacolare

1038175 commenti su 49011 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

BETTER CALL SAUL - STAGIONE 6BILLY THE KID - STAGIONE 1IL DIAVOLO IN OHIO - STAGIONE 1INCASTRATI - STAGIONE 2LOCKE & KEY - STAGIONE 3NIENTE DI SOSPETTO - STAGIONE 1ONLY MURDERS IN THE BUILDING - STAGIONE 2OUTER BANKS - STAGIONE 1OUTER BANKS - STAGIONE 2OUTER BANKS - STAGIONE 3SHINING VALE - STAGIONE 1THAI CAVE RESCUE - SALVATI DALLA GROTTATHE LAST OF US - STAGIONE 1THE OFFERVIS A VIS: L'OASIS

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net