Recensione benvenuti a cedar rapids regia di Miguel Arteta USA 2011
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione benvenuti a cedar rapids (2011)

Voto Visitatori:   5,96 / 10 (13 voti)5,96Grafico
Voto Recensore:   6,50 / 10  6,50
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film BENVENUTI A CEDAR RAPIDS

Immagine tratta dal film BENVENUTI A CEDAR RAPIDS

Immagine tratta dal film BENVENUTI A CEDAR RAPIDS

Immagine tratta dal film BENVENUTI A CEDAR RAPIDS

Immagine tratta dal film BENVENUTI A CEDAR RAPIDS

Immagine tratta dal film BENVENUTI A CEDAR RAPIDS
 

Completamente snobbato dalla distribuzione di casa nostra (che ha favorito i giocattoloni di Michael Bay) e pressoché ignorato da gran parte della stampa specializzata (anche se oggi trovare del genuino giornalismo cinematografico è difficile come bere un bicchiere di maraschino in presenza di Amy Winehouse), "Cedar Rapids" ha bussato alle porte chiuse dei cinema(tografari). E nessuno gli ha aperto. In perfetta corrispondenza col personaggio principale, quell'imbranato di Tim Lippe (Ed Helms), sincero assicuratore che ha costruito una clientela tutta sua nella provincia americana. Anche lui ha a che fare con una moltitudine di porte chiuse: quelle precluse dagli altri e quelle interdette dai suoi limiti.

Superati i trent'anni è ancora un ragazzo, cresciuto senza particolari qualità. Nessuna speranza, sogno o aspirazione all'orizzonte. Lippe non ha mai fatto una vacanza. Si è accontentato di un rapporto (per lui amoroso, per lei sessuale) periodico con Macy, una vecchia maestra delle medie (Sigourney Weaver), ed è cresciuto in un mondo a parte, fatto di gingilli e peluche. Solo il garbo che mostra nel lavoro lo tiene a galla, in questa realtà del tutto distorta e insana.

La compagnia assicurativa di Brown Valley, dove si guadagna il pane, è attaccatissima alle tradizioni. Vince da tre anni consecutivi il Two Diamonds Award, premio considerato tanto nobile che dovrebbe gratificare chi offre soluzioni assicurative di alta qualità, mantenendo l'impegno nei confronti della comunità, della nazione e di Dio. Solo che il mister che di solito seguiva annualmente la convention rimane vittima di un brutto incidente, tanto che il capo della filiale decide di inviare Tim al suo posto.

Tutti gli altri assicuratori sono a Cedar Rapids per evadere dalla realtà, vedono il soggiorno come un'occasione per una pausa ricreativa dal lavoro. Ma Tim no. Lui ha come unico intento quello di vincere il "Due Diamanti". Alla riunione però partecipano ben cinquanta nuove agenzie e cercare di imporsi sarà un vero massacro...

Apostrofato nei modi più disparati, "Supercasco" dall'attraente agente assicurativa Joan (Anne Heche), "Tim Ball" dal rivoluzionario e curioso compagno di stanza Dean (John C. Reilly) e "Rabarbaro" da una prostituta dal cuore d'oro, Lippe è ben reso sullo schermo dalla faccia stranita di Helms. Uno che di stravaganze se ne intende, avendo interpretato entrambi gli episodi di "Una notte da leoni". Qui si parla di animali simili, tanto che il protagonista si trasforma da gattino a puma, per finire a identificarsi in una tigre che graffia la schiena della corruzione. Tim ha inizialmente un andamento vitale molto basso, non conoscendo altre donne all'infuori della sua insegnante, essendo astemio e non avendo mai preso un aereo. Custodito come un infante immaturo, mite e contento della sua condizione sociale, è inconsapevole di ciò che sta per riservargli il soggiorno a Cedar Rapids. Una volta giunto a destinazione, la sensazione di entusiasmo che lo circonda trascina anche lo spettatore.

Tutta colpa (o merito) dell'immane spensieratezza di Dean, nel cui personaggio Reilly si cala benissimo, con un atteggiamento brillante e farsesco; scheggia impazzita che sfugge alle ortodossie di un incontro di lavoro fin troppo plastificato. Mentre la Weaver, pur stando poco in scena, non suscita quella simpatia e ammirazione che ci si attenderebbe da una grande attrice.

Il regista portoricano Miguel Arteta tira su un filmetto da un'ora e mezza scarsa, con una buona dose di compassione e con un imprevisto e non banalissimo brio esistenziale. Percorso di formazione e maturazione nel breve lasso di un week-end molto sbilenco, squilibrato nel contenuto e nella rappresentazione, spesso troppo sopra le righe, a volte distratto e di bassa lega, lo spettacolo passa da un Wes Anderson quasi d'annata a un rimasticamento triviale dei fratelli Farrelly: tratti altruisti, sinceri e piacevoli si alternano ad altri eccessivamente ricchi di banalità.

Per fortuna che la sceneggiatura non liquida mai i suoi personaggi; qualche volta appesi a un filo sottile, tuttavia soccorsi da uno spirito mordace e da concreti stock passionali.

Commenta la recensione di BENVENUTI A CEDAR RAPIDS sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di pompiere - aggiornata al 06/07/2011 13.31.00

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

#unfit - la psicologia di donald trumpabout endlessnessafter 2after midnight (2019)alessandra - un grande amore e niente piu'alpsantebellumbalto e togo - la leggendabombshell - la voce dello scandaloburraco fatalecambio tutto!charlie's angels (2019)cosa resta della rivoluzione
 NEW
cosa saràcreators: the pastcrescendo - #makemusicnotwarda 5 bloods - come fratellidivorzio a las vegaseasy living - la vita facileel practicanteemaendlessenola holmesfamosafellini degli spiritigenesis 2.0ghostbusters: legacygreenlandgreyhound: il nemico invisibileguida romantica a posti perdutihoneylandi predatoriil caso pantani - l'omicidio di un campioneil condominio inclinatoil giorno sbagliatoil meglio deve ancora venireil primo annoil principe dimenticatoil processo ai chicago 7il re di staten islandimprevisti digitalijack in the boxla piazza della mia citta' - bologna e lo stato socialela prima donnala ruota del khadi - l'ordito e la trama dell'indiala vacanza (2020)la vita straordinaria di david copperfieldlaccil'anno che verràlasciami andarele sorelle macalusolockdown all'italianal'uomo delfinomai per sempremaledetto modiglianimi chiamo francesco tottimiss marxmister linkmolecolemorbiusmurdershownel nome della terranomad: in cammino con bruce chatwinnon conosci papichanotturnoonward - oltre la magiaoutbackpadrenostropalazzo di giustiziapalm springs - vivi come se non ci fosse un domanipaolo conte, via con meparadise - una nuova vitaparadise hillsproject powerqua la zampa 2 - un amico e' per semprequattro viterosa pietra stellaroubaix, una lucerun sweetheart runsemina il ventosola al mio matrimoniostar lightstay stillsul piu' bello
 HOT
tenetthe book of visionthe gentlementhe new mutantsthe old guardthe secret - le verita' nascostetrash - la leggenda della piramide magicatutto il mondo e' paleseun divano a tunisiun lungo viaggio nella notteuna classe per i ribelliuna intima convinzioneuna notte al louvre: leonardo da vinciundine - un amore per semprevivariumvulnerabiliwaiting for the barbarianswaves
 NEW
we are the thousand - l'incredibile storia di rockin'1000

1009723 commenti su 44248 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net