Recensione 28 giorni dopo regia di Danny Boyle Gran Bretagna, Olanda, USA 2002
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione 28 giorni dopo (2002)

Voto Visitatori:   6,80 / 10 (539 voti)6,80Grafico
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film 28 GIORNI DOPO

Immagine tratta dal film 28 GIORNI DOPO

Immagine tratta dal film 28 GIORNI DOPO

Immagine tratta dal film 28 GIORNI DOPO
 

Il film riprende molto dai classici horror impegnati più o meno politicamente e socialmente di George A. Romero e nella prima parte in cui il protagonista, spaesato, scopre che gran parte della popolazione è stata contagiata da un virus e che sono rimasti in pochi uomini ad essere "sani".
La forza del film, però sta nella critica sociale, la critica alla "razza umana" che fa attraverso questo film il sempre più allucinato Danny Boyle.
Nella visione di Boyle l'uomo non è altro che un lupo che ha l'istinto di ammazzarsi con i suoi simili (HOMO HOMINI LUPUS). Inoltre nel film ad un certo punto ci si accorge che non vi è poi così tanta differenza tra gli "zombie" come vengono chiamati impropriamente (in quanto questa è una storia di uomini e non di creature improbabili) e gli uomini veri e propri.

Il film è comunque in alcuni momenti contraddittorio e incompleto, in alcuni punti addirittura superficiale. Così mi sono fatto l'dea che Danny Boyle usa il cinema come arte figurativa e fa un uso massiccio (se non eccessivo) di simbolismi. E per godersi a pieno i suoi film (ad eccezion fatta del capolavoro Trainspotting e del pessimo e non degno di interesse The Beach) non bisogna badare più di tanto alla coerenza, perchè da un certo punto di vista i suoi film sono una presa in giro. Un esempio può essere il fatto che quando il bravissimo protagonista Cillian Murphy si trova per l'autostrada che porta a Manchester e anche quando all'inizio si aggira per Londra non si vede neanche un cadavere o nemmeno una macchina, cosa impossibile visto che in uno stato di emergenza tale le città erano state evacuate e di conseguenza si sarebbero dovute vedere perlomeno alcune macchine sottosopra.

Invece Boyle ci fa vedere corpi ammassati ai margini di una strada e all'interno di una chiesa in cui è molto suggestiva la figura di un prete contagiato dal virus. A mio parere Boyle è uno dei pochi registi che non dà molta importanza alla coerenza narrativa della storia ma usa molto nel suo cinema il simbolo. L'unico problema è che molto spesso lo spettatore non riesce a stare al suo gioco visto che a mio avviso certe cosa sono veramente personali e le capisce solo lui. Comunque da notare il finale a La 25a ora, ovvero la presa in giro del sogno americano e dell'happy-end americano (anche se in Danny Boyle è tutto molto più rozzo rispetto a Spike Lee).

In conclusione un film buono, ma bisogna stare al gioco di Boyle ed accettare le sue imprecisioni narrative cercando di cogliere i suoi virtuosismi simbolici. Anche perchè per quale motivo bisogna fare film coerenti dove tutto sempre torna e dove non ci sono mai sviste e imprecisioni se poi il nostro mondo non è per nulla coerente?
A mio avviso è stato questo l'obiettivo di Boyle in 28 Giorni Dopo, fotografare la "razza umana" attraverso tutto il film, una razza dove regna l'odio, l'incoerenza e l'eterna speranza di un lieto fine che assai difficilmente può verificarsi.
Una importante chiave di lettura per il finale è rappresentata dalla scritta HELLO fatta di lenzuola che cuciono i protagonisti per farsi riconoscere da un aereo che inizialmente viene inquadrata priva della O. Chi vuole intendere intenda.

Commenta la recensione di 28 GIORNI DOPO sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di Lucamax - aggiornata al 09/07/2003 18.19.00

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

#ops - l'evento1938 diversi7 sconosciuti a el royalea private warachille taralloalmost nothing - cern: la scoperta del futuroalpha - un'amicizia forte come la vitaanatomia del miracoloangel faceanimali fantastici: i crimini di grindelwaldarrivederci saigona-x-l: un'amicizia extraordinariabaffo & biscotto - missione spazialeberniniblack tidebohemian rhapsodycalcutta - tutti in piedichesil beach - il segreto di una nottecoldplay: a head full of dreamscolette (2018)conta su di me (2018)conversazione su tiresia. di e con andrea camilleri
 NEW
conversazioni atomichecosa fai a capodanno?dinosaurs (2018)disobediencee' nata una stella (2018)euforiafriedkin uncut - un diavolo di registafuoricampoghostland - la casa delle bamboleguarda in alto
 HOT
halloweenhell fest
 NEW
hepta. sette stadi d'amorehunter killer - caccia negli abissii spit on your grave: deja vui villaniil banchiere anarchicoil castello di vetroil complicato mondo di nathalieil destino degli uominiil grinch (2018)il mistero della casa del tempoil presidente (2018)il primo uomo (2018)il ragazzo piu' felice del mondoil salutoil sindaco - italian politics 4 dummies
 NEW
il testimone invisibileil verdetto - the children actil vizio della speranzaimagine (2018)in guerrain viaggio con adeleisabellejohnny english colpisce ancoraklimt & schiele - eros e psichela diseducazione di cameron postla donna dello scrittore
 NEW
la donna elettricala fuitina sbagliatala morte legalela prima pietrala scuola seralela strada dei samounil'albero dei frutti selvaticil'ape maia - le olimpiadi di mielel'apparizionele ereditierele ninfee di monet: un incantesimo di acqua e lucelo schiaccianoci e i quattro regni
 NEW
lo sguardo di orson welles
 NEW
lontano da quilook away
 NEW
l'uomo che rubo' banksy
 NEW
macchine mortalimalerbamenocchiomillennium - quello che non uccideminicuccioli - le quattro stagionimiraimorto tra una settimana... o ti ridiamo i soldimuseo - folle rapina a città del messiconessuno come noinon ci resta che vincerenon dimenticarmi - don't forget menon e' vero ma ci credonotti magicheoltre la nebbia - il mistero di rainer merzopera senza autoreotzi e il mistero del tempoovunque proteggimipapa francesco - un uomo di parolapiccoli brividi 2 - i fantasmi di halloweenpupazzi senza gloriaquasi nemici - l'importante e' avere ragionered land (rosso istria)red zone - 22 miglia di fuocorenzo piano: l'architetto della luceride (2018)robin hood - l'origine della leggendaroma (2018)santiago, italiase son rosesearchingseguimisenza lasciare traccia (2018)sick for toysslaughterhouse rulezsmallfoot - il mio amico delle nevisogno di una notte di mezza eta'soldadostyxsulle sue spallesummer (leto)terror take awaythe barge peoplethe domesticsthe other side of the windthe predatorthe reunionthe wife - vivere nell'ombrathis is maneskinti presento sofiatre voltitroppa graziatutti lo sannoun giorno all'improvvisoun nemico che ti vuole beneun peuple et son roi
 NEW
un piccolo favoreuno di famigliaup&down - un film normaleupgradevenom (2018)widows: eredita' criminalezanna bianca (2018)zen sul ghiaccio sottilezombie contro zombie - one cut of the dead

981994 commenti su 40571 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net