Recensione 21 jump street regia di Phil Lord, Chris Miller USA 2012
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione 21 jump street (2012)

Voto Visitatori:   6,81 / 10 (49 voti)6,81Grafico
Voto Recensore:   2,00 / 10  2,00
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film 21 JUMP STREET

Immagine tratta dal film 21 JUMP STREET

Immagine tratta dal film 21 JUMP STREET

Immagine tratta dal film 21 JUMP STREET

Immagine tratta dal film 21 JUMP STREET

Immagine tratta dal film 21 JUMP STREET
 

A volte esistono film indifendibili. Rigurgiti che progressivamente vengono su dall'esofago dei testi stupidi "made in USA", e che vengono rigettati in pasto ai soloni estivi chiusisi dentro un cinema perché non avevano niente di meglio da fare. Nell'ultima decade la produzione adolescenziale americana ha sempre faticato a interfacciarsi con l'enigmatica e volubile società che ha tentato di descrivere. E visto l'impegno che una tale complessità antropologica richiederebbe, spesso ha scelto la via più corta e irritante del turpiloquio programmatico.

La storia di "21 Jump Street" appartiene a quest'ultimo gruppo, e prende le mosse nel 2005 (per poi ritornarvi con uno dei più classici e avvilenti escamotage): Morton Schmidt (Jonah Hill) cerca di rimorchiare Melodie, vicina di casa, nonché figa stratosferica, per condurla al ballo della scuola, ormai a solo quattro giorni di distanza, e come risposta ottiene un "No" gigantesco. Greg Jenko (Channing Tatum) frequenta lo stesso istituto. È uno che a scuola ci va per spassarsela grazie all'uso della forza, rimedia solo delle grosse "F", e poi viene minacciato (ma le è consentito?) dalla preside in persona di non poter andare al ballo. Entrambi i "rifiutati" si ritrovano seduti sulle panchine di fronte all'ingresso, si scambiano un'occhiata, e scatta la scintilla. Quella che mette d'accordo l'istinto e i bisogni dei nerd uniti da un legame covalente debole.

Giorni d'oggi, Accademia di Polizia. La situazione si ripete: Schmidt rimedia una "A" dopo l'altra, mentre il simpaticone muscolato lo stende negli esercizi di combattimento. Un altro sorriso e la frase magica: "Ehi, diventiamo amici?". Inebetiti, si diplomano tra corsette in mezzo ai copertoni d'auto ed esercitazioni di tiro alle sagome. Una volta ottenuto il riconoscimento, si ritrovano a lavorare pericolosamente: li attendono frisbee da recuperare caduti nel laghetto e mocciosi che li sfidano dando da mangiare alle anatre nonostante la loro opposizione.

Poi ecco arrivare l'occasione per un avanzamento: otto uomini barbuti, robusti e vestiti in pelle si attardano in un cannabis break. Parte un inseguimento goffo con tanto di espressioni tipo: "Figa moscia!", "Hai diritto di succhiarmi il cazzo, e adesso te lo metto un po' nel culo", "Beccati le palle sulla tua faccia da cazzo", "S.F.M., ovvero Santa Fottuta Merda", (andavano scritte perché sono educative, in quanto raccontano dei livelli di tolleranza raggiunti dalla censura odierna e del buongusto evidentemente affogato nel laghetto insieme all'anatra congestionata) che dovrebbero far risaltare l'inadeguatezza fisica del grassone e la brutalità del bulletto privo di cervello. Vi risparmio le battute a sfondo scatologico semplicemente perché sono riuscito a dimenticarle.

Tra una sequenza e l'altra non tira un alito di vento: calma piatta e vela ammainata, la macchina da presa indugia sui volti dei "ripetenti" liceali (sì, la sorte riserverà loro un'ennesima visita ai banchi di scuola) disconoscendo lo scritto. Regia e sceneggiatura viaggiano ognuno per la propria strada, in un trip rocambolesco e vergognoso di battute stantie, con tanto di pernacchie innovative come le sigle stenografiche.

Il ritmo è debole, le gag mancano costantemente il bersaglio e si risolvono nella peggiore raccolta di storielle da caserma. L'amicizia tra i due protagonisti è utile come un culo senza buco (ah, quando si dice l'influenza del linguaggio!), nella pretesa di voler essere elemento di confronto tra gli scolari di ieri e quelli di oggi (alla base dell'idea c'è anche una serie televisiva interpretata da un giovane Johnny Depp) ed è inserita in una trama prevedibile con tanto di lenita voglia di riscatto dopo le umiliazioni del passato.

Hill avrebbe buone qualità recitative (vedetevi "Cyrus" e "L'arte di vincere", film nei quali si è espresso al suo meglio), peccato che le butti al vento in un progetto come questo (tra l'altro da lui fortissimamente voluto) o in altre opere disgraziate come "In viaggio con una rock star". Qui aggiunge addirittura una trama poliziesca/action buona per allenare le mandibole grazie a frequenti e strazianti sbadigli.

Il risultato è un cinema perdente, che non può essere salvato nemmeno dalla polvere di fata. Un cinema senza alcuna possibilità di redenzione e comprensione. Anche il Gesù Coreano non sarebbe disposto ad assolvere questa sciocca lungaggine, e la manderebbe a puttane con ragione. Il seguito prenderà il via dai giardini di un College.

Commenta la recensione di 21 JUMP STREET sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di pompiere - aggiornata al 20/06/2012 14.42.00

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

18 regali1917adoration (2019)alla mia piccola samaandrej tarkovskij. il cinema come preghiera
 NEW
bad boys for lifebirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinnboterocaterina
 NEW
cats (2019)
 NEW
cattive acquecena con delitto - knives outcercando valentina - il mondo di guido crepaxche fine ha fatto bernadette?city of crimecolor out of space
 NEW
criminali come noidiamanti grezzidio e' donna e si chiama petrunyadolittle
 NEW
fabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovatofantasy islandfigli (2020)gli anni piu' belligood boys - quei cattivi ragazzigrandi bugie tra amicihammametherzog incontra gorbaciovil diritto di opporsiil drago di romagnail ladro di giorniil lago delle oche selvaticheil mistero henri pickil primo natale
 NEW
il richiamo della foresta (2020)il terzo omicidioimpressionisti segretijojo rabbitjudy (2019)jumanji - the next leveljust charlie - diventa chi seila dea fortuna
 NEW
la mia banda suona il popla ragazza d'autunnolast christmasleonardo. le opere
 NEW
l'hotel degli amori smarritil'immortale (2019)l'inganno perfetto
 NEW
lontano lontano
 NEW
lunar citymarco polo - un anno tra i banchi di scuolame contro te: il film - la vendetta del signor s
 HOT R
memorie di un assassinonancyodio l'estatepiccole donne (2019)pinocchio (2019)playmobil: the moviepromarerichard jewellritratto della giovane in fiammescherza con i fantischool of the damnedshow me the picture: the story of jim marshallsonic - il filmsorry we missed youspie sotto coperturastar wars - l'ascesa di skywalkersulle ali dell'avventuratappo - cucciolo in un mare di guaithe farewell - una bugia buonathe grudge (2020)the lodge
 HOT
tolo tolouna storia d’arteunderwatervilletta con ospiti

998839 commenti su 42900 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net