un padre, una figlia regia di Cristian Mungiu Romania, Francia, Belgio 2016
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

un padre, una figlia (2016)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film UN PADRE, UNA FIGLIA

Titolo Originale: BACALAUREAT

RegiaCristian Mungiu

InterpretiVlad Ivanov, Maria-Victoria Dragus, Ioachim Ciobanu, Adrian Titieni

Durata: h 2.08
NazionalitàRomania, Francia, Belgio 2016
Generedrammatico
Al cinema nell'Agosto 2016

•  Altri film di Cristian Mungiu

Trama del film Un padre, una figlia

Romeo Aldea (49), un medico che vive in una piccola città di montagna in Transilvania, ha cresciuto la figlia Eliza con l'idea che al compimento del diciottesimo anno di età lascerà la Romania per andare a studiare e a vivere all'estero. Il suo progetto sta per giungere a compimento: Eliza ha ottenuto una borsa di studio per studiare psicologia in Gran Bretagna. Le resta solo da superare l'esame di diploma degli studi superiori, una mera formalità per una studentessa modello come lei. Ma il giorno precedente la prima prova scritta degli esami, Eliza subisce un'aggressione che mette a repentaglio la sua partenza. Adesso Romeo è costretto a prendere una decisione. Ci sono diversi modi per risolvere il problema, ma nessuno di questi contempla l'applicazione di quei principi che in quanto padre ha impartito a sua figlia.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   5,92 / 10 (6 voti)5,92Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Un padre, una figlia, 6 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  03/02/2017 23:52:21
   7 / 10
Per essere corretti c'è un prezzo da pagare. E' questa frase pronunciata nel film che sintetizza la pellicola di Mungiu. Un uomo che cerca di agire secondo le regole, che faticosamente cerca di costruire un futuro per la figlia fuori da un paese corrotto e preda della pratica clientelare ad ogni livello. Un progetto che sembra solido, ma che una serie di misteriosi imprevisti mette in piena crisi e costringe Romeo ad entrare in quel mondo che tanto disprezza per il bene della figlia, fatto di favori, del "dai una cosa a me che io faccio una cosa per te". La tenue trama poliziesca serve solo da pretesto per pedinare questo personaggio in un'odissea che lo porterà a delle scelte sofferte che vanno completamente contro i propri principi, cercando di proteggere a tutti i costi la figlia dalla parte oscura di un paese privo di morale. Il racconto di Mungiu è incalzante. Partendo dai travagli del singolo individuo, mostra le crepe di un paese diverso da quello sognato dopo la dittatura di Ceausescu. La paura di un padre che di fronte al fallimento della propria generazione, non accetta che si trasmetta anche ai figli.

Invia una mail all'autore del commento NotoriousNiki  @  01/02/2017 19:02:29
   8 / 10
Opera pregna di molti temi che sotto il suo taglio documentaristico risulta rilevante passarci sopra, innanzitutto Mungiu già palma d'oro 10 anni fa, non soprassiede al terribile novecento trascorso nel suo paese, la Romania.
In passato raccontò il dramma dell'aborto e tutte le implicazioni per eludere il reato (celebre e contestata la scena del feto), stavolta approfondisce alla Cassavetes un rapporto intrafamiliare tra un padre fedifrago che predica severe discipline alla figlia imponendogli quel percorso di vita a cui lui in passato si è sottratto al che pentitosi in futuro, Romania che non garantisce sbocchi per il futuro.
Mungiu con una regia acritica si pone una serie di legittime questioni, pullulando la narrazione di simbologie sibilline come il clacson o il vetro rotto, uno stupro sullo sfondo utilizzato come macguffin, non è importante sapere chi è stato, se lo farà di nuovo, o ancora peggio mostrarcelo (come il feto), lo scopo è porre l'accento sul codice morale rigidissimo su cui fondiamo la disciplina dei nostri figli usato ad uso e consumo oppure lecitamente va riposto alla temporanea cessazione in determinate eccezioni, barare nell'ultimo esame per garantirsi la meta sognata (dal padre) l'Inghilterra, testimoniare il falso per togliere un disgraziato dalla strada.
Insomma un Mungiu in splendida forma, come l'iraniano Farhadi abile anch'esso nell'unire critica nazionalista, alle tradizioni, al cinema umano esistenziale, premiato giustamente anche stavolta a Cannes (regia).


wicker  @  30/01/2017 19:32:56
   5 / 10
Film molto lento e dalla sceneggiatura debole che vorrebbe mettere in risalto l'apparato burocratico e il suo riflesso sulle persone ..
Ben recitato ma decisamente troppo lungo per quello che in realtà vuole trasmettere, anche la regia di Mungiu sembra stanca e non brillante come in altre occasioni.

JOKER1926  @  25/10/2016 22:00:24
   4½ / 10
Cristian Mungiu nel contesto Cinema non è affatto una firma comune e soprattutto commerciale; si tratta, sotto tutti gli aspetti, di una regia particolare, i film di Mungiu sono definibili produzioni d'autore.

Esempio chiaro è "Un padre, una figlia", film ambientato in Romania, non è l'unico film di Mungiu ambientato in questa terra; nella rappresentazione cinematografica, a più riprese, traspaiono pesanti critiche "sociali" per quanto concerne la stessa Romania. Mungiu la descrive, o meglio, la illustra come un recinto di corruzioni e desolazione, tutto ciò accade con forza repentina in "Un padre, una figlia".

La storia impostata dal regista gravita intorno ad un uomo intrappolato in un tessuto stratificato (e paradossale) di rapporti umani, insomma il titolo, a nostro avviso, è pure riduttivo; il protagonista principale, quello incontrastato è Romeo Aldea, il rapporto con la sola figlia, non renderebbe l'idea. Il film va ben oltre il "semplice" rapporto/legame del padre con la figlia.
Emerge dal plot, dunque, un qualcosa di valente, anche se il tutto resta a distanza siderale dall'originalità; film incentrati su queste dinamiche sono all'ordine del giorno, non sempre, poi, i risultati sono sbalorditivi.

"Un padre, una figlia" sembrerebbe iscriversi quindi al partito delle opere non riuscite. Manca davvero tanto qui; difficile apprezzare il disegno filmico.
Lo stile, fin troppo realista, a nostro avviso non aiuta. Questa trovata di render quanto mai realistico il prodotto toglie quella sana artificialità che un po' tutti chiedono (o pretendono). A parte la forma, troppo ardua ed elefantiaca, traspare una scarsissima voglia della regia di badare alla sostanza delle cose, si cerca di sorvolare la linea narrativa e si va incontro ad un finale aperto. Stucchevole in ogni senso.

Lo spettatore è avvisato; dovrà sorbirsi due ore di mastodontica lentezza e dovrà, dulcis in fundo, accettare un epilogo dei fatti che lascia aperta qualsiasi strada di pensiero. Meglio di cosi…

JOKER1926

Kitiara31  @  15/09/2016 17:17:17
   4½ / 10
Anch'io ho inaugurato la stagione cinematografica, pensando di andare sul sicuro, con Mungiu. Tragico errore. Un film lento e poco coinvolgente, con un finale aperto che lascia insoddisfatti. Una storia che viene stiracchiata per farla durare troppo a lungo.
Bocciatissimo.

Allen90  @  06/09/2016 12:49:25
   6½ / 10
Ieri ho deciso di inaugurare la stagione cinematografica 2016/2017 con "Una padre, una figlia". Pur avendo da molti anni in "wishlist" "4 mesi, 4 settimane e 2 giorni" dello stesso regista, non avevo mai visto un suo film.
Ho apprezzato alcuni aspetti di contenuto del film, come il tema della trasmissione dei valori tra genitore e figlio, il tema dell'onestà e dell'integrità, così difficile da mantenere in un mondo che richiede quotidianamente di scendere a compromessi che anche le persone senza macchia sembrano dover accettare.
Per quanto riguarda lo stile, la narrazione mi è sembrata da un lato molto realistica, dall'altro però questa "vicinanza" quasi documentaristica con i personaggi non mi ha coinvolto quanto avrei voluto e mi sono ritrovato ad apprezzarlo più cognitivamente che emotivamente. Questa parte viscerale, che reputo altrettanto importante nella settima arte, è rimasta un po' insoddisfatta.
Vedrò sicuramente altri lavori dell'autore, partendo proprio dal film del 2007 sopracitato, che da allora mi propongo di vedere senza averlo mai effettivamente fatto.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

a quiet place iia riveder le stelleafter midnight (2019)alice e il sindacoalla mia piccola samaantebellumantlersbad boys for lifebirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinnbombshell - la voce dello scandalobunuel - nel labirinto delle tartarughecambio tutto!candymancaterinacats (2019)cattive acquecercando valentina - il mondo di guido crepaxcharlie's angels (2019)criminali come noida 5 bloods - come fratellidoll housedoppio sospettodreamkatchereasy living - la vita facileera mio figliofabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovatofamosafantasy islandgamberetti per tuttighostbusters: legacygli anni piu' belligretel e hanselgreyhound: il nemico invisibileil lago delle oche selvaticheil meglio deve ancora venireil principe dimenticatoil re di staten islandil richiamo della foresta (2020)impressionisti segretiin the trap - nella trappolala gomera - l'isola dei fischila mia banda suona il popla partita (2020)la sfida delle moglila vita nascosta - hidden lifel'agnellol'anno che verràl'apprendistatol'hotel degli amori smarritilontano lontanolourdes (2019)lunar cityl'uomo invisibile (2020)marianne e leonard. parole d'amoremarie curie
 HOT R
memorie di un assassinomorbiusnel nome della terranon si scherza col fuocoonward - oltre la magiaoutbackpicciridda - con i piedi nella sabbiaqua la zampa 2 - un amico e' per semprequeen & slimrun sweetheart runsaint maudshow me the picture: the story of jim marshallsola al mio matrimoniosonic - il filmsono innamorato di pippa baccaspiral - l'eredita' di sawstar lightstay stillthe boy - la maledizione di brahmsthe gentlementhe grudge (2020)the new mutantsthe old guardthe other lambthey shall not grow oldun figlio di nome erasmusun lungo viaggio nella notteuna intima convinzionevivariumvolevo nascondermivulnerabiliwaves

1007305 commenti su 43880 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net