quell'incerto sentimento regia di Ernst Lubitsch USA 1941
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

quell'incerto sentimento (1941)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film QUELL'INCERTO SENTIMENTO

Titolo Originale: THAT UNCERTAIN FEELING

RegiaErnst Lubitsch

InterpretiMerle Oberon, Melvyn Douglas, Burgess Meredith

Durata: h 1.24
NazionalitàUSA 1941
Generecommedia
Al cinema nell'Agosto 1941

•  Altri film di Ernst Lubitsch

Trama del film Quell'incerto sentimento

Jill, giovane moglie del brillante uomo d'affari Larry Baker, si sente trascurata dal marito al punto tale da avere disturbi psicosomatici (il singhiozzo) per i quali ricorre alle cure di uno psicoanalista. Presso lo studio del dottore ella conosce Sebastian, un pianista nevrotico che non riesce ad esibirsi in pubblico, ma che riesce a sedurre la signora attraverso il suo fascino non poco narcisista d'artista e uomo di cultura. Invaghita per Sebastian, Jill chiede il divorzio a suo marito il quale si mostra accondiscendente e deciso a non compromettere la reputazione della donna, assumendosi la responsabilitÓ del divorzio e adottando come causa fasulla una relazione con la sua segretaria.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   6,25 / 10 (2 voti)6,25Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Quell'incerto sentimento, 2 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

topsecret  @  24/11/2020 18:59:44
   6½ / 10
Una commedia semplice, di base, che ironizza sul matrimonio e le piccole /grandi incomprensioni tra marito e moglie che portano all'allontanamento ma che poi riescono a trovare il modo, quasi psicanalitico, di ritornare nei giusti binari.
Semplice, quindi, ma divertente quanto basta per strappare sorrisi e consensi grazie a un buon cast abile e delle scenette simpatiche, costruite ad arte per intrattenere con brio e humor.

Invia una mail all'autore del commento wega  @  14/01/2010 18:28:23
   6 / 10
Tra due vertici lubitschiani come "Scrivimi Fermo Posta" e "Vogliamo Vivere" c' è questo fiascotto di film che sembra un po' il "Il Sig. e la Sig.ra Smith" di Hitchcock, tra l' altro usciti nello stesso anno. Una commedia semplice, un po' banale con un finale scontato: un Lubitsch decisamente sottotono. L' incipit palesa ancora una volta l' influenza del regista su Billy Wilder ("Quando la Moglie è in Vacanza"), c' è da dire che, anche se il regista di "Viale del Tramonto" ha fatto molti più capolavori, in ogni singolo film di Lubitsch c' è un minuto - e spesso uno solo - che Wilder però non è riuscito mai a eguagliare.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico


1013404 commenti su 44801 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net