naissance et maternite' regia di Naomi Kawase Giappone 2006
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

naissance et maternite' (2006)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

Titolo Originale: TARACHIME

RegiaNaomi Kawase

InterpretiUno Kawase, Mitsuki, Naomi Kawase

Durata: h 0.32
NazionalitàGiappone 2006
Generedrammatico
Al cinema nell'Aprile 2006

•  Altri film di Naomi Kawase

Trama del film Naissance et maternite'

Continua la saga filmata, come fosse un diario, dellĺartista e cineasta giapponese Naomi Kawase. In questi film lĺartista filma un momento particolare della sua vita. La morte della nonnna e la contemporanea nascita di sua figlia.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   10,00 / 10 (1 voti)10,00Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Naissance et maternite', 1 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Ciaby  @  03/10/2009 07:56:29
   10 / 10
Naomi Kawase continua a sfruttare l'arte del cinema come se fosse il suo stesso destino, fotografando ogni film some se fosse una diapositiva, un frammento della sua vita. Naomi in ogni suo film parla di sè, quasi come se il cinema fosse il suo stesso cuore e, anche nelle sue opere con una trama che si discosta dalla realtà per addentrarsi nell'invenzione (Mourning Forest, Nanayo, Shara) emerge l'anima di una regista che pare ispirarsi a caposaldi come Ozu o Hou Hsiao Hsien, ma sempre in grado di offrire una sua panoramica nella settima arte.

LA DONNA. L'OCCHIO. IL CINEMA.

Fulcro di questo film è senza dubbio l'amore verso la nonna (prozia) della regista, un punto di riferimento per una donna che ha sempre sofferto la mancanza di genitori e di una famiglia, tant'è che il film inizia proprio con uno scontro tra generazioni.
Parole dimenticate che feriscono e vengono riportate a galla solo dopo decadi di assoluto silenzio.

La Kawase filma tutto. Anche ciò che non dovrebbe (un parto materno ben in vista), ma non affonda mai nel vertice del disgusto riuscendo a creare un'opera estremamente coinvolgente, in grado di creare un abbraccio attorno allo spettatore.

Per ora è il suo miglior film che vedo, diretto, spettrale e così tremendamente intimo e realistico da pervadere il cuore.
Così come tutto il cinema di Naomi, anche qui più che star di fronte ad uno schermo, ad una barriera si ha la netta sensazione di conoscere quella gente in scena, di stare con loro.

Per loro si prova affetto. Uno strano affetto, perchè il cinema di Naomi è "casalingo", riprende la vita quotidiana e ne fa arte, incutendo malessere, timidezza, romanticismo, inquietudine, dolcezza, disperazione, amore, tutto insieme.

E il risultato è eccezionale.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico


1014892 commenti su 44988 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net