mia famiglia regia di Eduardo De Filippo Italia 1964
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

mia famiglia (1964)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film MIA FAMIGLIA

Titolo Originale: MIA FAMIGLIA

RegiaEduardo De Filippo

InterpretiOrazio Orlando, Antonio Casagrande, Eduardo De Filippo, Lilly Tirinnanzi, Luisa Conte

Durata: h 1.56
NazionalitàItalia 1964
Generecommedia
Al cinema nell'Aprile 1964

•  Altri film di Eduardo De Filippo

Trama del film Mia famiglia

Tutto Ŕ moderno in casa Stigliano: Alberto Ŕ uno speaker radiofonico; sua moglie Elena gioca d'azzardo e trascura il menage domestico; il figlio vuole fare l'attore di cinema; la figlia ha atteggiamenti disinibiti. Ma al benessere economico e all'emancipa

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   8,33 / 10 (3 voti)8,33Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Mia famiglia, 3 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

topsecret  @  05/10/2016 15:19:00
   7½ / 10
Una delle commedie più amare scritte da Eduardo, in cui il pessimismo e la perduta speranza echeggiano forti nei tre atti che la compongono.
Eduardo parla ancora di famiglia, ma questa volta è mancante del tutto di ironia e leggerezza, palesando tutto lo sfaldamento di un nucleo che si perde nel tempo e per strada, senza avere la forza del dialogo e della comprensione, puntando i piedi sulla voglia di emancipazione, di distacco dalle imposizioni e consigli paterni e dove ognuno assume comportamenti personali che portano a danneggiare anche gli altri.
La prova degli attori è discreta, Eduardo su tutti primeggia con grande acume e umanità, il ritmo del racconto è fluido e la linearità sembra mantenersi bene fino alla fine. Il messaggio critico e disincantato sulla famiglia e le relazioni che vi si intrecciano sono costruiti bene e mantengono lo spettatore in costante attenzione, ed anche il finale che può apparire un po' troppo votato alla ricerca dell'etica ma che palesa una vena di speranza, mi è sembrato convincente e capace di rendere questa commedia drammatica di Eduardo un'esperienza degna di considerazione positiva.
Di risate neanche l'ombra, in compenso tanta umanità ed emozioni al servizio del pubblico.

bucho  @  14/03/2013 02:35:06
   10 / 10
Gruppo COLLABORATORI SENIOR elio91  @  03/03/2012 21:55:03
   7½ / 10
ALBERTO- ... Quando sposai tua madre… lei sta qua, lo può dire… ne parlavamo da fidanzati, anzi, io ne parlavo sempre, lei meno… Volevo dei figli. E infatti venisti tu: il maschio! Mi sentii un Dio. E pensai: "Nun moro cchiù". Non vedevo più nessuno; non mi occupavo più di tante cose che mi erano sembrate indispensabili fino a quel momento. Dicevo: "Tengo nu figlio… che me mporta d' 'o riesto!" Mi sentivo felice perché capivo che, finalmente, potevo riversare su me stesso… perché un figlio è parte di te stesso… tutto l'affetto che mio padre e mia madre avevano riversato su di me, evidentemente con lo stesso sentimento mio. E faticavo, faticavo cu' na forza e na capacità di resistenza che facevano meraviglia a me stesso. "Nun moro cchiu". Cammenavo p' 'a strada, e parlando solo dicevo: "Nun moro cchiu". Poi venne il periodo delle malattie; sciocchezze, si capisce, malattie che tutti i bambini devono avere; ma ogni volta avevo l'impressione di tornare a casa e di non trovarti più. E vuoi sapere quali erano i pensieri che mi venivano in mente in quei momenti? Uno dei pensieri che più mi torturava era quello che mi faceva credere che se tu morivi la colpa sarebbe stata mia. Non perché ti avevo fatto mancare qualche cura o qualche specialista; ma perché pensavo: "L'ho messo io al mondo, la colpa è mia!" Tu capisci, allora, che un padre, di fronte a un figlio, la responsabilità se la sente; per quello che deve fare, per come deve vivere quando sarà grande. Che Iddio mi fulmini se una sola volta pensai di fare qualche cosa per costringerti a farti prendere la mia stessa strada, e farti avere il mio stesso avvenire. Perché tu lo devi sapere, questo: nemmeno io sono contento di quello che sono! Io pure, da ragazzo, avevo delle aspirazioni superiori alle mie possibilità. Tua madre lo sa. Scrivevo poesie! Ma poi uno si piega, uno capisce che a certe altezze non ci può arrivare; e, secondo te, non sarebbe stata una gioia per me, di vederti emergere, come non era stato possibile a me? Ecco perché quando venisti al mondo, io dicevo: "Nun moro cchiu". Poi venne la seconda: la femmina. Coppia perfetta: maschio e femmina. "Che fortuna! Bene! Bravo! Il maschio e la femmina! Auguri, auguri…" Ma io già mi ero disamorato; già l'entusiasmo non era più quello del primo figlio; già non intervenivo più quando vedevo una cosa sbagliata; già sentivo da molto tempo mia moglie che diceva: "Albe', ma ti sembra il momento?" come ha detto poco fa. E invece voglio parla'. Può darsi che sono ancora in tempo. Voglio parla'! E voglio dire tutti i luoghi comuni, le frasi più vecchie; non mi vergogno! Voglio citare i proverbi più antichi. L'arta 'e tata è meza mparata. Chi va per questi mari questi pesci piglia. Chi te ne fa una te ne fa mille. Chi pratica con lo zoppo impara a zoppicare. Dimmi con chi vai e ti dirò chi sei. Meglio l'uovo oggi che la gallina domani. E non ridete? Perché non ridete? Io sto dicendo le cose più antiche, e non ridete? Come vedete un passo lo abbiamo fatto: voi mi sentite dire queste cose rancide e non ridete. E io le dico e non mi vergogno… È importante… è importante assai. Questo significa che voi avete tentato di farmi diventare una cosa inutile; ma che non ci siete riusciti; e che io ho creduto di trovarmi di fronte a gente che vedeva con un occhio più aggiornato del mio e non era vero. È importante… è un miracolo!




Messa in scena nel 1955, Mia famiglia fa parte di quello che secondo il sottoscritto è stato uno dei momenti peggiori del teatro eduardiano. O perlomeno di un periodo in cui le sue commedie, rivelando uno sguardo attento sulla famiglia, assumono uno sguardo moraleggiante di cui il suo teatro non è mai stato privo, ma che assume una pesantezza spesso insopportabile dopo tanti anni. Il che non significa che non ci sia qualcosa di buono da ricavare anche in queste commedie...
Nello specifico, sia "Mia Famiglia" che "La paura numero uno" hanno dalla loro personaggi meno incisivi, situazioni meno umoristiche e via via più drammatiche (non aiutate da un pessimismo dilagante), moltissima carne al fuoco. Eppure non funzionano come altre commedie passate e future del grande autore napoletano. Scricchiolano e non poco.
Non mancano momenti da incorniciare (lo sfogo di Alberto sul finale del secondo atto, che ti tiene incollato alla sedia per tutta la sua durata), non mancano neanche lati controversi come quello sul personaggio omosessuale (e per la verità Eduardo è stato uno dei primi a scriverne in maniera esplicita); un personaggio negativo, su cui il protagonista si affretta con un giudizio abbastanza pesante e prevedendo una sorta di setta di omosessuali nel futuro. Oggi sarebbe facile contraddire e addirittura disprezzare l'autore per questa scelta, senza tenere conto di due fattori fondamentali: i tempi erano differenti ma soprattutto l'errore madornale che si commette con Eduardo, il confondere la morale del protagonista dell'opera (in questo caso conservatrice) con quella dell'autore.
Il problema non è questo; non è neanche il finale aperto e poco chiaro, come il miglior De Filippo sa fare. è proprio il moraleggiare del terzo atto ad infastidire, stesso problema de "La paura numero uno"... Cosa strana questa, difetti che è raro riscontrare nel teatro di Eduardo successivamente.
Commedie sempre moralistiche ma mai in senso negativo (anzi) che di lì a poco torneranno ad essere capolavori; pensiamo subito a "Sabato,Domenica e Lunedi" (che non esiste in versione televisiva, se non nell'ottima versione di Toni Servillo), una perfetta sintesi dell'Eduardo "familiare" in cui la disgregazione del nucleo famiglia è invece mostrato con molta più verve dei risultati precedenti tanto da farne uno dei suoi più grandi capolavori.
Ci si può accontentare in questo caso nel vedere De Filippo alle prese con una commedia moderna per i suoi tempi, non riuscita in tutti i suoi lati ma che ha dalla sua un pò di cinismo e pessimismo che oggi più che allora colpiscono in positivo. Con tutto che la famiglia è sempre stata uno dei temi cardine delle scritture di Eduardo, dalla prima fino all'ultima commedia. Il periodo dal '50 al '55 non è felicissimo sotto questo senso...

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

 NEW
2028: la ragazza trovata nella spazzaturaa letto con sartreacqua alle cordeanataranche ioannie ernaux - i miei anni super 8ant-man and the wasp: quantumaniaargentina, 1985argonuts - missione olimpo
 NEW
armageddon time - il tempo dell'apocalisseassassin clubasterix & obelix - il regno di mezzoavatar - la via dell'acquababylon (2022)benedettabigger than us - un mondo insiemebillie eilish: live at the o2bussano alla portac'era una volta in italia - giacarta sta arrivandocharlotte m.: il film - flamingo partychiaracocainorsocreed iiidecision to leave
 NEW
delta (2023)diario di speziedisco boydomino 23 - gli ultimi non saranno i primieducazione fisicaemancipation - oltre la liberta'empire of lighteoera oraernest e celestine - l'avventura delle 7 noteeverything everywhere all at once - la vita, il multiverso e tutto quantofairytale - una fiabagigi la leggegli occhi del diavologli spiriti dell'isolagodland - nella terra di diograzie ragazzi
 NEW
headshot (2023)hidden - verita' sepolteholy spiderhometown - la strada dei ricordii migliori giornii nostri ieriil boemoil cacio con le pereil capofamigliail corsetto dell'imperatrice
 NEW
il frutto della tarda estateil gatto con gli stivali 2 - l'ultimo desiderioil grande giornoil mio amico massimoil primo giorno della mia vitail ritorno (2022)
 NEW
il viaggio leggendarioio vivo altrove!
 NEW
john wick 4jung_ekill me if you cankiller her goatsklondikela fata combinaguaila ligne - la linea invisibilela memoria del mondola primavera della mia vitala seconda vialadri di natalelaggiu' qualcuno mi amale otto montagnele vele scarlattel'innocente (2023)l'ispettore ottozampe e il mistero dei misteril'ombra di goyal'ultima notte di amorel'uomo che disegno' diol'uomo sulla stradam3ganma nuitma tu, mi vuoi bene?magic mike - the last dancemarcel the shellmasquerade - ladri d'amoreme contro te: il film - missione giungla
 NEW
miracle (2023)missing (2023)mixed by errymoney shot: la storia di pornhubmummie - a spasso nel temponannynapoli magicanarvik: hitler's first defeatnatale a tutti i costi
 NEW
navalnynezouh - il buco nel cielonon cosi' vicinopamela, a love storyparlate a bassa voceperfetta illusionepinocchio di guillermo del toropreparativi per stare insieme per un periodo indefinito di tempoprimadonnaprofetiromantichesaint omersbagliando s'imparascream visharpershazam! furia degli deisi', chef! - la brigade
 NEW
stranizza d'amuritarterezinthe fabelmansthe honeymoon - come ti rovino il viaggio di nozzethe leechthe mean onethe offering (2022)the pale blue eye - i delitti di west pointthe planethe quiet girlthe sonthe straysthe whaletill - il coraggio di una madretramite amiciziatre di troppotre minutitrieste e' bella di nottetutto in un giornoun bel mattinoun matrimonio esplosivoun uomo feliceun vizio di famigliauna relazione passeggera
 NEW
verawhat's love?whitney - una voce diventata leggendawomanwomen talking - il diritto di scegliereyakari: un viaggio spettacolare

1038318 commenti su 49066 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

10 PASSI DELL'AMOREA CHRISTMAS PRINCESSAGENT GAMEALONE AT NIGHTAMITYVILLE THANKSGIVINGASSASSINO AMERICANOCALL JANECHRISTUSE' STATO TUTTO BELLO - STORIA DI PAOLINO E PABLITOFEAR (2023)FIRE - NESSUNA VIA D'USCITAI CACCIATORI DEL CIELOINFIESTOLA MIA VERSIONE DELL'AMORELA SIGNORA DEI TROPICILANDLOCKEDLEGENDARY - LA TOMBA DEL DRAGONELEGIONSLO STRANGOLATORE DI BOSTON (2023)MALEDICTION - LA MALEDIZIONE DI ARTHURNIGHT OF THE BASTARDNON MOLLARE MAIPLAY DEAD (2022)PRINCIPESSA PER CASOR.M.N.SFORTUNATA IN AMORESHADOW (2018)SILENZIO: SI UCCIDETADDEO L'ESPLORATORE E IL SEGRETO DI RE MIDATADDEO L'ESPLORATORE E LA TAVOLA DI SMERALDOTEN TIGERS FROM KWANGTUNGTHE DEVIL CONSPIRACYTHE LAST EXECUTIONTHE SILENT FORESTTHE UNTOLDTRUE SPIRITUNA STORIA AMBIGUA

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net