madre! regia di Darren Aronofsky USA 2017
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

madre! (2017)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film MADRE!

Titolo Originale: MOTHER!

RegiaDarren Aronofsky

InterpretiJennifer Lawrence, Domhnall Gleeson, Michelle Pfeiffer, Javier Bardem, Ed Harris, Jovan Adepo, Cristina Rosato, Brian Gleeson, Stephen McHattie, Kristen Wiig, Stefan Simchowitz.

Durata: h 1.55
NazionalitàUSA 2017
Generedrammatico
Al cinema nel Settembre 2017

•  Altri film di Darren Aronofsky

Trama del film Madre!

Madre!, il nuovo film di Darren Aronofsky, racconta di un poeta in crisi creativa che vive con la giovane moglie in una casa isolata che era quella della sua infanzia. Lei si occupa di lui in tutto e per tutto, e ha rimesso in sesto la villa con le sue mani dopo che un incendio l'aveva distrutta quasi completamente. Ma la devozione della ragazza e l'idillio del loro isolamento vacillano quando suo marito accoglie in casa uno sconosciuto, e quando poi questi fa arrivare lý prima la moglie, poi i due figli perennemente in lite. Fino a quando un evento traumatico sembra sbloccare la situazione, con conseguenze impensabili e apocalittiche.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   6,80 / 10 (56 voti)6,80Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Madre!, 56 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Filman  @  09/05/2018 13:45:21
   8 / 10
Lodi e ammirazioni andrebbero dovute ad alcuni registi anche solo per il loro tentativo di battere una strada amabilmente controcorrente, forse anche controproducente, giustificata solo ed esclusivamente dalla loro volontà artistica, meglio se non relegata al semplice addobbo tanto chic quanto inutile ma con il compito di essere la stessa spinta intenzionale del film. Darren Aronofsky espone un esercizio anarchico di questo tipo sotto i riflettori più luminosi dei palcoscenici più in vista, e tanto basterebbe per rendere MOTHER! un film estremamente interessante, vista anche la tenacia necessaria a concludere un progetto ermeneutico in un periodo in cui la stessa piazza d'avanguardia preferisce non avvicinarsi ad un surrealismo concettuale. La dipendenza dai passati maestri è sinonimo di maturità e l'indeterminabilità degli intenti, compresa ma non precisamente posizionata tra una stravolgente rielaborazione filologica (quella dell'Antico Testamento), un'ambigua disamina morale (sulla noncuranza dell'essere umano) e una speculazione professionale (sulla crisi artistica), non è una criticità: tutt'al più una debolezza messa in scena con una follia tale da vanificare ogni tipo d'equilibrio. La bravura del regista nel provocare sensazioni di malessere è dimostrata dalla continua esplorazione di nuovi percorsi per arrivare allo spettatore, così come la sperimentazione più macroscopica, un testa coda stilistico che arriva quasi improvvisamente, renderà questa pellicola un modello narrativo quasi a sé.

jek93  @  16/04/2018 10:57:48
   9 / 10
Dal mio punto di vista sono possibili 3 tipologie di atteggiamento verso questo film:
1)O non lo si vede perché si è consapevoli di non avere lo stomaco e il gusto da cinefilo per vederlo;
2)O lo si odia per scene esageratamente grottesche, apparentemente senza senso, e per il generale grosso punto di domanda che sorge spontaneo alla fine del film;
3)Oppure lo si ama per quello che è: un film unico, con analogie teologiche mai viste trattate con queste tecniche cinematografiche, un gigante puzzle le cui risposte non sono poi così difficili, e con recitazioni superbe.

Io, personalmente, mi trovo nell'ultima categoria: un capolavoro, nel suo, unico, genere, anche se non penso sia un film adatto al mainstream

Invia una mail all'autore del commento mistress999  @  02/04/2018 19:39:14
   8½ / 10
La follia di Aronofsky raggiunge l'apice in quest'opera estrema, violenta, cruenta, paradossale, ansiogena, claustrofobica. E' una pellicola che ti tiene incollato allo schermo dall'inizio alla fine, ricco di interpretazioni possibili (oltre a quelle già date). Ce ne fossero di più di film coraggiosi come questo, invece siamo fin troppo abituati a film ''comodi'' ed ad un modo di fare cinema standard e classico.
In definitiva: bello nel suo totale e meraviglioso squilibrio.

kosŔ82  @  02/04/2018 09:14:15
   6 / 10
Film troppo pretenzioso. Due ore e una miriade di tematiche affrontate, non sempre al meglio. Bardem non mi è piaciuto, meglio la Lawrence. Forse il meno riuscito dell'ottimo Aronofsky.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  01/04/2018 03:46:40
   7 / 10
Anorofsky tiene incollato lo spettatore alla sedia fino all seconda parte quando subentra, diciamo, troppa carne al fuoco. Non si puo' dire certo che giochi di sottrazione anzi... Tra Polanski e lo Yuzna di Society un thriller blandamente horror che si arrampica tra gli specchi edipico-biblici di un raffazzonatissimo finale.
Eppure "Mother!" e' un film sconvolgente e coinvolgente nel suo Delirio e la rediviva Pfeiffer e' davvero da antologia.
Pur essendo un film "contro" finisce per inglobare parametri o trucchi da mainstream movie. Difetti? Oh tanti ma va visto. E la Lawrence in pericolo di dimora stile Cane di paglia e' assolutamente perfetta

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR 1819  @  31/03/2018 14:14:32
   6½ / 10
Rinchiudete Aronofsky, dopodiché godetevi la follia pura del suo cinema.

KINGLIZARD  @  26/03/2018 10:26:02
   6½ / 10
Film ben interpretato e diretto egregiamente..cast di prim'ordine.
è un film molto duro da digerire, Aronofsky dopo una serie di film normali torna al genere allegorico stile "L'albero della vita",ecco, se avete apprezzato tipo, quest'ultimo film, ve lo potrei consigliare..altrimenti statevene alla larga..
Nel complesso posso dire che mi è piaciuto...a qualcuno può risultare sconvolgente..anche se sono genitore io non l'ho trovato poi cosi sconvolgente..ormai ero entrato nell'allegoria "seppur fastidiosa" e avevo capito dove voleva andar a parare..
Non credo sia un capolavoro..certo dopo i primi 60 minuti il film ha cominciato secondo me ad essere eccessivamente ridondante ed andava a mio parere risolto prima..come minimo 20 minuti potevano essere tagliati ed al limite aggiunti ad una versione "UNCUT"

antoeboli  @  17/03/2018 16:19:35
   6 / 10
Film di difficile comprensione ,a meno che non si vada a spulciare la sua chiave di lettura profondamente religiosa . in caso contrario rimane un film che emana un'atmosfera malata ,dove il personaggio della Lawrence sembra scritto per far arrabbiare lo spettatore per via di quel suo comportamento troppo buonista fino alle battute finali .
Tra i fattori positivi va citata la regia e la fotografia che offre scenari anche surreali , dove non capiremo mai in che anno ci troviamo , ma soprattutto in un film che tende la sua corda a svolgersi sempre in questa grossa villa di campagna .
Bardem invece un pò così così che poi hanno fatto la coraggiosa scelta di optare su due attori con grosse differenze di età , cosa che si nota anche in un dialogo del film .

werther  @  14/03/2018 09:28:16
   5 / 10
Il film è apparentemente incomprensibile, gli accadimenti non hanno un senso logico se non quello che ciò che si sta vedendo ha un significato che va oltre,detto questo se si sviluppa un film di questo genere si deve anche far capire in qualche modo cosa si sta vedendo, cosa che non gli riesce affatto. La sceneggiatura è coraggiosa ma necessita di una lettura e una spiegazione post film per poterla apprendere, cosa alla quale lo spettatore non dovrebbe essere tenuto. La regia è ben fatta e l'interpretazione dei personaggi è ottima. Nel complesso un film coraggioso con ottime interpretazioni ma una trama assolutamente insensata.

76mm  @  13/03/2018 10:21:12
   4½ / 10
E' tutto metaforico, vous voyez.
Al giorno d'oggi artisticamente parlando non sei nessuno se non hai fatto anche tu il tuo bravo film fotti-cervello (volgare traduzione del 'mindfuck movie' anglosassone).
Anche il prode Aronofsky, dopo il flop biblico di Noah, ha pertanto deciso di aggiungere il suo nome alla lista dei registi che contano con questo nuovo progetto.
Ma il cervello, in misura ancora maggiore rispetto al resto del corpo, per raggiungere il pieno godimento ha bisogno di essere fot.tuto con una certa maestria e questa purtroppo per il mio cervello è stata davvero una brutta scopata.
L'impressione che mi è rimasta è quella della barzelletta tirata troppo per le lunghe.
Dopo un breve ed enigmatico incipit di cui ci si dimentica in fretta c'è una prima parte che si lascia seguire grazie soprattutto alla bravura del cast…si capisce subito che qualcosa non quadra ma si tende a pensare più ad un complotto in stile polanskiano ai danni della povera Lawrence che a dare un valore simbolico e metaforico a tutto quello che passa sullo schermo…nella seconda parte (che è praticamente uguale alla prima solo con più gente, più casino e più situazioni insensate) si avverte un fastidioso senso di saturazione (dura il quadruplo di quello che dovrebbe) e si ha l'impressione che il regista non sappia bene dove andare a parare…impressione palesata dal finale criptico e indigesto con tanto di chiusura e riapertura del ciclo (alla Shining, giusto per far capire che di idee originali ce ne sono poche).
Certo quando puoi contare su un budget consistente, un reparto tecnico di prim'ordine, un cast che darebbe dignità anche ad un cinepanettone di Neri Parenti e una schiera di critici pronti a farsi un mazzo tanto per trovare il senso che tu regista non sei stato capace di dare (o comunque di rendere intellegibile al pubblico) allora il rischio è relativo…è un po' come lanciarsi da uno scaleo col paracadute.
Un certo David Lynch ha fatto uno dei più straordinari film fotticervello di tutti i tempi praticamente senza budget, senza attori, rischiando di passare il resto dei suoi giorni a friggere patatine da McDonald e dormendo sul pavimento fra una ripresa e l'altra…il buon Darren fra una ripresa e l'altra "dormiva" con Jennifer Lawrence e purtroppo per lui la differenza nel risultato si vede.
Io ho un mio metro personale per valutare un film fotti-cervello: se passo almeno due notti insonni e due giorni in stato catatonico per cercare di dare una mia interpretazione personale senza leggere o sentire niente sull'argomento allora vuol dire che mi ha preso bene…se due minuti dopo i titoli di coda vado in rete a cercare materiale per capire cosa cavolo ho visto, come in questo caso, allora non ci siamo.
Non escludo di rivederlo e non posso neanche escludere che rivedendolo potrebbe piacermi di più…la prima impressione a caldo è però quella della presa per i fondelli.

markos  @  11/03/2018 12:55:26
   8 / 10
E' un film strano, difficile e complicato. Jennifer Lawrence attrice del momento, bella e brava. Ottima interpretazione. Ci si immedesima in lei con una facilità impressionante ( io sarei sclerato subito).
Dopo aver letto tutti i commenti positivi che negativi in questo sito sono arrivato ad avere un voto.

wicker  @  06/03/2018 17:45:00
   8 / 10
Film coraggioso,potente a tratti invasivo e disturbante ,dalla trama complessa dalle diverse sfacettature e interpretazioni ..merita sicuramente un aseconda visione .
Molto bene la Lawrence , anche Bardem che all'inizio mi sembrava la solita statua di cera poi cresce nella sua sottile follie ..
Benissimo la regia , con la scena dell'invasione veramente claustrofobica e angosciante.

The BluBus  @  25/02/2018 22:02:49
   8 / 10
Avercene di film così, non esente da difetti ma ambizioso ben girato e fuori dagli schemi.

camifilm  @  16/02/2018 17:23:44
   5 / 10
Prima parte noiosa.
Poi non di capisce nulla.
Scene su scene, metafore, confusione...film disturbato.
Non lo riguarderò.
Forse non l'ho compreso. Boh.

maxi82  @  11/02/2018 20:19:07
   5 / 10
Salvo le interpretazioni dei vari protagonisti...poi x come si svolge la metafora non mi e piaciuta...questo film o e da 1 o da 8...io metterei "non giudicabile" però capisco a chi può piacere...

benzo24  @  11/02/2018 14:42:24
   1 / 10
Ormai è chiaro che questo regista è tutto fuffa. Allegorie scolastiche e banali come poche e gusto trash su tutto che nemmeno nei peggio cinepanettoni si trovanoi

4 risposte al commento
Ultima risposta 19/02/2018 13.35.15
Visualizza / Rispondi al commento
LucaT  @  03/02/2018 15:48:28
   3 / 10
a parte l'interpretazione di j.lorence e di m.pfeiffer
non mi è piaciuto per niente tutto il resto del film
il -poeta- con il sorrisetto da bill cosby è antipatico come pochi

il film in sè è un'opera particolare e piace o non piace
io personalmente sono della seconda opinione
compreso il paradigma l'idea era interessante
ma trovo l'evoluzione del film fatta veramente male
difficile esprimesi meglio senza spolier-

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Gruppo REDAZIONE VincentVega1  @  31/01/2018 12:06:01
   6 / 10
Sono molto in difficoltà a valutare un film del genere. Fra due o dieci anni, quando lo rivedrò, magari lo considererò un film da 10 o un film da 2. Poco Importa.

Ad oggi, per me, è un film da 6.

Perché un metaforone così urlato e compiaciuto è davvero difficile da apprezzare in toto.

Però una cosa me l'ha insegnata: non dare in pasto alla folla le proprie idee. E' per questo che non scriverò una recensione dettagliatissima, utile e ispirata. Ma solo 'ste quattro righe del catzo.

2 risposte al commento
Ultima risposta 01/02/2018 08.53.39
Visualizza / Rispondi al commento
Invia una mail all'autore del commento tnx_hitman  @  31/01/2018 02:08:31
   10 / 10
Segue SPOILER.

Di tutte le interpretazioni che ho potuto scovare nei meandri del web, sono giunto ad una mia conclusione.

Jennifer Lawrence, intesa come ******* Vergine e Addolorata.
Una domanda viene posta, secondo me, da Aronosfky ad ognuno di noi: saremmo in grado di ricoprire il suo ruolo? Veniamo messi nei panni di LEI.
Lei viene raffigurata come musa astrale, sotto esame, pronta ad assorbire il dolore di Cristo Redentore, consapevole di dover sopportare tutta quella sofferenza.
Il cuore dell'essere umano poi, che si inasprisce con il passare del tempo, fra pigrizia, indifferenza, insulti, sevizie, barbarie e mancata forza di volontà. La ******* non è riuscita a mantenersi pura, viene spogliata dell'aura mistica, e si fa donna come Gesù si è fatto uomo. Sotto gli strati di cenere, in un cuore marcio però...rimane il cristallo, ovvero l'amore che Dio ha infuso in noi. Bardem interpreta un Dio misericordioso, inattaccabile, l'opposto di ciò che caratterizza la sua musa.
Abbiamo già appurato all'inizio che lei è la *******... quindi perché cede senza combattere, se nelle sacre Scritture è sempre stata un modello di figura femminile solida e di incontrastata purezza?
Ecco che entra in gioco la nostra contemporaneità. Una reinterpretazione della Bibbia, però ai nostri tempi, inglobata in una casa/non luogo sospeso nel tempo e lo spazio...dove bisogna ancora riscoprire un'anima innocente, ma tenace, infallibile, in un presente ricolmo di massacri, calamità e barbarie in crescente aumento, che non si spiegano. In verità i protagonisti siamo noi.

Madre! è un concentrato di delirio ottimamente orchestrato. Rappresenta la prova definitiva per la donna moderna (come può essere l'uomo in generale, però i riflettori sono puntati sulla Lawrence), abituata al lusso e alla vita agiata, attaccata ai beni materiali, che non si degna di sacrificarsi per un bene superiore. Noi Potremmo sopportare tutto ciò che ha subìto la *******? Riusciremmo a ricoprire il suo ruolo? Molto probabilmente no. Allora subiremo, ancora. Un ciclo continuo, una casa che si ricostruisce, riparte la sfida ultima per la nostra generazione. Dio intanto sarà pronto ad accoglierci ogni volta, la sua infinita pazienza può essere un'arma a doppio taglio: porta alla redenzione, o all'esasperazione.

E si ricomincia da capo. Si resetta il test, avanti un'altra cavia. Questa volta sarai vittima degli eventi, o contribuirai a rinnovare l'umanità cosi come la conosciamo?

Aronosfky firma il suo Magnum Opus. Uno straordinario viaggio, frastornante per i nostri sensi, e devastante per la nostra sensibilità. Un film come questo ne esce in media uno ogni trent'anni. Non vi è alcun dubbio.
Corrano ai ripari coloro che lo hanno disprezzato senza ritegno. Il capolavoro è servito, secondo i miei gusti ricercati.

daaani  @  22/01/2018 16:34:24
   5½ / 10
Mi ha messo un'angoscia!

jason13  @  18/01/2018 20:11:36
   7½ / 10
Uno dei miei registi preferiti. Un'attrice da una bellezza travolgente. CI sono tutte le premesse per godermi lo spettacolo...conoscendo a meraviglia Aronofsky so' gia' cosa aspettarmi. Il film affascina coinvolge in una serie di avvenimenti che ti lasciano perplesso confuso ma soprattutto infastidito perche' si e' inermi alla situazione che si viene a creare. Alla fine l'interpretazione e' nota, gia' scritta da molti in questo forum...Molto bello.

TheLegend  @  13/01/2018 22:44:19
   8 / 10
Darren Aronofsky torna a fare il cinema a cui ci aveva abituati; lo fa creando un film capace di far pensare,di dividere e di metterci nella condizione di trovare delle risposte.
Possibile che a fine visione si resti un attimo senza parole se non si sono colte tutte le metafore presenti,ma pian piano,informandosi e ragionandoci su, si riusciranno a mettere assieme tutti i pezzi(o quasi) e la sensazione sarà di aver visto un film come se ne vedono pochi.

the saint  @  04/01/2018 17:49:38
   3½ / 10
troppe tematiche tutte insieme... (guardare video nello spoiler per capirlo)

anche se la prima parte è notevole (forse per la bravura degli attori),
nella seconda già ti perdi e ti cominci a fare 2000 pippe mentali..


parallelismi con la bibbia, metafore, allegorie, DIO, Madre Natura, il Poeta, il rapporto con la scrittura, la Musa ispiratrice, La nascita, La morte , Caino e Abele, le guerre, i fedeli, i seguaci, i Fan, il perdono....
un casino, non ce se capisce più na mazza!!
eh c.h.e. c.a.z.z.o!!!!
Ah Aronofosky , ma visto che c'eri potevi buttare anche Maria Teresa de Calcutta, Ghandi , la Povertà, i 7 peccati capitali, Buddha, il Papa, se c'è vita su Marte, Totti, Berlusca, gli alieni, i 10 comandamenti!!!!!!!!!!!!


ecco questi film così, alla tree of life, anche se questo gli è superiore, non mi sanno di niente e li odio profondamente!

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento tylerdurden73  @  20/12/2017 11:08:46
   8 / 10
Allegorico e tracotante Darren Aronofsky torna a livelli di eccellenza dopo quell'obbrobrio di "Noah".
"Madre!" è lavoro violentemente simbolico destinato a dividere, utilizza la crisi di coppia come metafora drammatica, surreale ed eccessiva. Alfa ed omega, creazione e inevitabile apocalisse riflesse nella figura di un dio che crea a sua immagine e somiglianza, di conseguenza destinato a fallire nella sua opera suprema.
Un'opera che sarebbe poi l'uomo, destinato come nel più nichilista dei prospetti futuri all'estinzione messa in atto da una Natura stremata dai continui oltraggi. Sbagliato tuttavia ridurre ad una sola lettura questo stratificato ed enigmatico script, altre situazioni di complicità e rapporto intimistico potrebbero essere ascrivibili, anche se poi indubbiamente ad ergersi a protagonista sono la voluttuosa bellezza della Natura interpretata dall'intensa Jennifer Lawrence, e un dio compiaciuto (l'altrettanto convincente Bardem) incapace, narciso, ma anche pronto a perdonare come solo un'entità suprema può fare.
Le scenografie in interni respingenti e il senso di spaesamento si sposano alla perfezione, regalando sprazzi di grande cinema allergico a qualsiasi rigidità logica. Coordinate grottesche ed oscure utilizzano il non luogo per definire il pensiero dell'autore capace di cogliere attraverso un'idea bizzarra e trascinante le origini del mito sino a sfociare nel fatto storico per poi spingersi oltre fino al futuro, dove la ciclicità è dettata da una volontà che si rinnova: se contrassegnata dagli stessi errori non ci è dato sapere.

2 risposte al commento
Ultima risposta 21/12/2017 10.13.53
Visualizza / Rispondi al commento
Mattealus  @  15/12/2017 19:42:41
   8 / 10
Non capisco cosa ci sia di caotico e incomprensibile in questo film quando ovviamente la messa in scena ha valenza metaforica... un mistero siete. Il film è potentissimo e interpretato come meglio non si potrebbe.
Per me davvero imperdibile

7219415  @  14/12/2017 22:01:02
   7 / 10
Beh abbastanza pazzo ma non mi è dispiaciuto

VincVega  @  09/12/2017 09:26:23
   7½ / 10
L'allegoria filmica di Darren Aronofsky, che è stata bistratta al Festival di Venezia. Bisognerebbe avere l'idea di cosa si va a vedere, se non si ha la minima idea si può pensare che questo film sia una c****a. Mai pensiero più sbagliato.
Una pellicola non per tutti, forse eccessivo, ma che vuole proporre qualcosa di nuovo e solo per questo va assolutamente premiato. Denso di particolari e di simbolismi, da vedere e rivedere a più riprese per capirne il significato, non sempre intuibile. Si, forse molto pretenzioso, ma anche inquietante e disturbante.

Sorprendente Jennifer Lawrence, che ho sempre reputato un'attrice sopravvalutata. Qui da una bella prova. Ottimo anche il resto del cast.

Dopo il passo falso di "Noah", sono curioso di vedere se negli anni, "Madre!" sarà rivalutato dal pubblico e diventerà un cult. Certamente ha avuto coraggio a fare un film del genere, destinato a dividere il pubblico in questo momento. Chissà nel futuro.

SWEET VIRGINIA  @  09/12/2017 07:35:22
   3 / 10
Uno dei film più caotici e senza senso che abbia mai visto. Prima parte noiosissima e seconda parte incapibile anche per un'intelligenza superiore (vedere la scena del bambino divorato,...no comment!)
Se andavo in bagno avrei fatto sicuramente qualcosa di più "solido" strutturalmente.
Voto 3 ....solo per il lato B della Lawrence e il ghigno di Bardem.
Ah e dimenticavo.....onore alla Pfeiffer che nonstante i suoi 60 anni non è da buttare via.
Per il resto del film.....meglio tirare lo Sciacquone.

Morgana983  @  08/12/2017 00:57:56
   3 / 10
Gruppo REDAZIONE Cagliostro  @  07/12/2017 02:10:50
   4 / 10
Potrei scrivere molto su questo film, come ero solito fare nelle mie analisi, ma francamente non ne vale la pena. Fregarsene degli schemi narrativi è una pratica che a volte porta al successo, infatti in tanti, a mio parere in troppi, gridano al capolavoro, ma è anche una pratica che personalmente mi infastidisce assai.
Mi è sempre piaciuto molto il cinema di Aronofsky, ma qui mi ha irritato per la sua lungaggine, del tutto evitabile, che scivola nel tedio, per un autocompiacimento e un'inaccettabile discrasia narrativa volta alla messa in scena di un'allegoria blanda e già (ab)usata per cui non vale neppure la pena di scendere nel dettaglio.
Mi ha ricordato molto, troppo, "Begotten" che già mi aveva fatto ragionevolmente schifo. Inoltre, non ho apprezzato neppure la qualità della messa in scena, poiché spesso eccessivamente svincolata dal contesto narrativo. Molto brava la Lawrence, ma nulla di più. Per alcuni sarà Cinema con la C maiuscola, per me solo una perdita di tempo.

suspirio  @  01/11/2017 00:22:18
   9½ / 10
Mi ha coinvolto e destabilizzato molto. Ha molti significati, tra cui spicca quello riferito al narcisismo a volte malato delle persone che prese eccessivamente da se stesse, finiscono per non vedere ciò che di bello hanno vicino a loro.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR ferro84  @  28/10/2017 01:50:12
   7 / 10
Se c'è un regista ambizioso quello è Aronofsky ed ogni tanto cerca di raccontare pure idee che gli frullano per la testa. Stavolta ha osato di più ha deciso di mostrare il suo processo creativo mettendolo in paragone a quello del Padre Eterno per poi raccontarcelo sotto forma di una doppia metafora....un delirio. Un delirio perfettamente riuscito se non fosse che il pubblico si perde ed una volta perso difficilmente si riesce a portarlo in salvo. Si resta prima incuriositi, poi divertiti per arrivare ad uno stato di straniamento che diventa infine profonda irritazione. Madre è una vera esperienza cinematografica che non lascerà indifferenti.

Invia una mail all'autore del commento marlamarlad  @  26/10/2017 05:56:22
   10 / 10
Ci ho messo due giorni per pensare, e mi restera' in mente per ancora. E' la prima volta che assisto a qualcosa cosi'. Ad un certo punto, ho avuto l'impressione che il film descrivesse una mia tipica giornata di lavoro. Questo film con me ha centrato il segno. Il film racconta di amore donato per intero, e di amore preso senza essere ricambiato, di odio e invasione. Non ho trovato difetti. Personalmente, mi ha destabilizzato, dovro' lavorarci ancora.

Veppe96  @  25/10/2017 16:09:23
   8 / 10
"Madre!", più che guardare una pellicola cinematografica mi è sembrato di osservare un quadro. Un bellissimo quadro. Intenso, caratteristico, che racconta una storia. Una grande storia sotto forma di una grande metafora che dura circa 2 h.

Assolutamente non consigliato a chi non sopporta viaggiare con la mente/interrogarsi/fare introspezione e che si aspetta che un Film debba raccontare per filo e per segno tutto quello che vuole esprimere. Non è assolutamente un horror, nè tantomeno un thriller o un film d'azione. È la trasposizione di un quadro/di una storia in ambito cinematografico. Forse non è il mezzo adatto? Secondo me il risultato è invece notevole, ma sicuramente non adatto a molti. Il tema religioso e quello del rapporto Uomo-Terra è poi impegnativo anche per i più sensibili.

Jennifer Lawrence intensa e adeguata. Piccolo gioiellino contemporaneo sottovalutato, in mia opinione. Promosso.
Forse starò esagerando, ma questo è quello che definisco ARTE.

gringo80pt  @  23/10/2017 07:58:25
   7 / 10
A metà del film avrei dato un 6, ma nella parte finale si migliora (e meno male!!!). Guardabile, ma senza pretese; spaventoso, ma senza sconvolgersi.
Buon colpo di scena finale.

FUMANTE

Crabbe  @  14/10/2017 19:06:48
   8 / 10
Il vertice cinematografico di Darren Aronofsky.

JOKER1926  @  10/10/2017 01:04:41
   8 / 10
Prima di prendere la visione di alcuni film, specie quelli di regie strane, bisognerebbe prendere informazioni in merito.

Darren Aronofsky , ad esempio, Ŕ una regia che va presa con le molle. Ha prodotto diversi film con risultati variegati; Aronofsky non sempre ha incantato, ma ha stoffa da vendere.
Si tratta, generalmente, di proiezioni spinte ove la trama si ferma a favore di un processo pazzoide ed imprevedibile.

"madre!" Ŕ l'ultimo lavoro in ordine cronologico di questa particolarissima regia.
L'analisi circa questo prodotto non Ŕ semplice, questo film Ŕ un miscuglio di generi, o meglio di sfumature. In effetti classificare "madre!" in un filone e sigillarlo in uno specifico quadro diventa impossibile e pure inappropriato. Per una chiara analisi, in questi casi, bisognerebbe, andare immediatamente oltre i crismi della regolaritÓ. Oltre la convenzionalitÓ.
Le regole, in questo spaccato orfano di regolaritÓ, sono quelle di accettare il disegno registico e di immergersi in una visione senza preconcetti. Su questo Aronofsky non deluderÓ. Infatti , "madre!" , inizia subito alla grande, la tensione e la curiositÓ, giÓ dalle prime battute, saranno i perni del gioco.
La storia, come spesso capita con il regista, non Ŕ altro che una maschera fuorviante, qui le mansioni importanti sono svolte da una sceneggiatura tracotante. Le situazioni palesano prontamente una certa distanza dalla verosimiglianza, molti passaggi sono forzati e assurdi, ma in questo risiede il succo della questione.
Il film basandosi anche su due grandi attori, Jennifer Lawrence e Javier Bardem, fa trasparire una grande completezza anche sul piano tecnico; la fotografia, le inquadrature (spesse volte fastidiose) sono gli altri strumenti che veicolano "madre!" verso i massimi apprezzamenti.

La visione tortuosa e spasmodica porterÓ sconcerto e sensazioni strane nella mente del pubblico. Dopo la visione Ŕ importante far passare qualche minuto, utile per riordinare il caos che Ŕ nella mente, lo spettatore pu˛ trarre le sue considerazioni e carpire, a mente fredda, le tante simbologie adoperate dal regista.

"madre!" oltre la visione

Sicuramente questo di Aronofsky Ŕ quel classico prodotto cinematografico da vedere solo a compimento di un personale percorso cinematografico. Essendo questo un film , non solo ricco di simbologie e metafore, ma anche un grande e prodigioso richiamo ad altri film (e soprattutto a specifiche regie) , Ŕ legato ad una corrispondenza (costruita nel tempo magari) con lo spettatore. Prima di "madre!" , in teoria , il pubblico dovrebbe essere a conoscenza degli stili cinematografici di Bergman, Polanski e Lars Von Trier.
Tutte le tre regie sono citate , in qualche modo, in questo ambaradan scenico . Senza queste solide basi, parlare circa "madre!" risulterebbe essere un fisiologico eccesso, se ne potrebbe parlare malissimo , o ancor peggio, si potrebbe credere che Aronofsky sia l'iniziatore di determinati schemi. Per vedere e commentare film squilibrati occorre avere un devoto equilibrio.
"madre!" ha la forza di catturare la mente e ha quel cinismo di impaurire lo spettatore; i silenzi e le inquadrature sono da antologia, la scena si ferma e cala un mistico silenzio. : Jennifer Lawrence incarna perfettamente l'icona del dramma metafisico.

Il viaggio di Aronofsky non conosce sosta , la storia si sviluppa su un manico di personaggi principali e va a scagliarsi in circuiti addomesticabili; nel frangente la tracotanza della scena , specie gli ultimi 20 minuti, offre un qualcosa di spettacolare e solo apparentemente di no sense.
Si ha la sensazione, alla fine, di aver visto qualcosa di pi¨ di un film. Il corpus delle simbologie perfeziona e modella un qualcosa che giÓ solo sul suo procedimento artistico, meriterebbe lodi infinite.

"madre!" Ŕ quell'opera che riesce una volta nella vita. Al di la della stessa regia.

Spera  @  09/10/2017 09:30:40
   7½ / 10
Mettiamo subito in chiaro che questo non è un horror e non ha gli elementi per esserlo.
Spoiler inevitabilmente presenti.

Il poeta "creatore".
Madre natura.
Un' allegoria allucinatoria e blasfema sull'umanità.
Un film difficile, criptico e pieno di simbolismi a cui potrebbe giovare una buona conoscenza della religione in generale e della bibbia, cosa che io non possiedo, anche se certi riferimenti sono molto chiari (i primi uomini sulla terra, il fratello che uccide il fratello, il perdono, la "ferita", il figlio del "creatore" divorato, il divieto di entrare dove vi è l'oggetto proibito, eccetera).
Puntualizzo che queste sono solo mie idee ed interpretazioni, molti elementi sono difficili da riconoscere e incastrare nel puzzle se non si hanno certe conoscenze (tra l'altro mi sembra che questo regista che apprezzo tanto sia di origine Ebrea e anche in lungometraggi come "Pi Greco" è presente la componente religiosa).

Basta poco tempo per capire che ciò che stiamo vedendo non è reale ed è una enorme allegoria sull'umanità, la sua pazzia, il suo fanatismo e soprattutto sulla vanità di un "creatore" maligno e compiaciuto che commette per primo gli errori dei suoi stessi discendenti.
Sotto questo punto di vista ho trovato il film molto blasfemo ma la vera bravura di Aronofsky sta nel far sentire questo senso di oppressione, spesso presente nei suoi film, e capace di far venire il mal di stomaco: vedi "Requiem for a dream" e "the Wrestler".

Un altro elemento che mi ha fatto godere è come viene dipinto il nostro "poeta creatore" (è chiara dalla prima comparse all'inizio del film alle spalle di lei che siamo davanti a un personaggio ambiguo e pericoloso), un essere vanitoso, compiaciuto del suo operato e bisognoso di sentirsi adorato, che crea mostri al suo cospetto: l'umanità che fa le peggio cose in nome di un "padre" che in fondo è come loro, se non peggio.
Guerra, violenza, fanatismo, ignoranza e chi più ne ha più ne metta per descrivere ciò in cui dovremmo riconoscerci, Aronofsky ci va giù pesante e molto.

L'unico appunto che gli faccio è, nella parte centrale, di essere stato forse un pò sbrigativo e superficiale nella messa in scena, anche se certe scene sono stupende per come sono costruite e ho trovato la regia molto efficace.
Questo film ha anche il merito di non svelare molto nella prima parte facendoti fare un sacco di ipotesi su quello che sta accadendo; all'inizio mi ha ricordato altri film che in fondo non c'entrano niente con lo sviluppo della seconda parte di quest'opera, quindi riesce a rimanere anche originale e unico.

Attori bravi, soprattutto la Lawrence che si conferma un'ottima attrice ma anche Bardem non è da meno.

Che dire in conclusione, un film atipico e a livello concettuale molto potente e violento.
Un film che non mi aspettavo di vedere nelle sale italiane e che mi fa uscire soddisfatto.

Lo sconsiglio vivamente a chi ricerca sul grande schermo una trama lineare e realistica, se capitate al cinema, andate a vedere "Dunkirk"... ma anche no.

atreides  @  08/10/2017 12:40:09
   6 / 10
Capisco chi lo boccia come capisco a chi grida al capolavoro, personalmente l'ho trovato eccessivo, in tutto, ho amato The wrestler e il cigno nero, questo a mio parere è nettamente inferiore, un loop che collassa su se stesso.

Silvia888  @  08/10/2017 11:57:11
   10 / 10
Parto col dire che in sala a film concluso quasi tutte le persone intorno a me erano critiche, disgustate, ironiche e persino arrabbiate per aver buttato i soldi del biglietto. Io però ho apprezzato moltissimo questo capolavoro, anche perché mi ero informata un minimo prima di vederlo e sapevo che si sarebbe trattato di un'allegoria. Si tratta di un viaggio intenso

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

airpix84  @  08/10/2017 01:13:10
   7½ / 10
Ho preferito aspettare un paio di settimane prima di approcciarmi a questo commento ed informarmi un po' meglio sulle analisi e sui TANTI contenuti.
Non l'ho fatto tanto prima in quanto temevo di potermi spoilerare qualcosa e di conseguenza falsare la mia visione.

La spiegazione definitiva per cui

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER funziona.
Certamente non è un film per tutti e bisogna essere almeno un minimo documentati prima di approcciarne la visione altrimenti si potrebbe rimanere completamente spaesati e disgustati (se ce la fate evitando spoiler meglio per voi).

Non siamo di fronte ad un film complesso dove basta non distrarsi ed usare il cervello, siamo davanti a qualcosa di più anche se non arriva agli estremismi alla Malick.

Per questo alla fine il mio giudizio è sicuramente positivo ma non eccellente.
Ottima la prova da parte di tutti gli attori, regista e fotografia. Il pacchetto funziona, ha ritmo, tensione, curiosità ed anche un po' di disgusto.
È una visione che lascia il segno.

Le spiegazioni però sono a parte.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  07/10/2017 18:55:45
   8 / 10
Alla fine della proiezione per la stampa c'è stata una divisione netta tra applausi e fischi. Più i secondi che i primi. Una cosa certa è che un film come Mother! è nato per dividere e non solo. Mother! è un film che non lascia indifferenti e ti entra inconsciamente come pochi. Un film da vedere, poi poco importa se lo si ama o lo si detesta perchè è difficile rimanere indifferenti di fronte ad una visione del genere.
un film che perde gradualmente la sua linearità, dapprima legata alla quasi soggettiva dello sguardo della Lawrence che ci guida nei meandri di questa magione che sembra sconfinata e da cui non si esce per almeno un terzo del film quando c'è la prima panoramica dall'esterno della casa.
Una casa che richiede continui lavori di rifacimento e dalle cui fenditure scaturisce sangue. Continue cure richiede lo scrittore intepretato da Bardem, alle prese con una nuova opera che non vuole nascere e davanti a lui la pagina bianca. Sembra una situazione equilibrata, ma in realtà è uno stallo. Uno stallo tranquillo, ma improduttivo di cui la casa in qualche modo rappresenta il barometro che ne registra gli umori.
Quando l'esterno (Harris/Pfeiffer) inizia a penetrare all'interno della casa inizia quel processo che dallo stallo porterà il film ad un delirio visionario fino a scene apocalittiche e caotiche. Il parto letterario e umano viene smembrato e cannibalizzato da una folla in mille pezzi. La follia pura che porta alla distruzione e poi alla rinascita.
Tuttavia è un errore, secondo me, puntare su un'unica chiave interpretativa: allegoria della creazione di un'opera, chiave biblica, rapporto marito/moglie, uomo/donna, musa/scrittore. Ci può stare tanto di questo come di altro ancora. Forse persino citazioni su Polanski o anche il Von Trier di Antichrist, anche se Aranowski non mi è mai sembrato un gran citazionista. Lui ha una visione precisa di quello che vuole e quindi le citazioni o presunte tali, possono essere incidentali.
Ciò che è importante è il fatto di un film che fa discutere, nel bene o nel male.

InvictuSteele  @  05/10/2017 12:19:50
   7½ / 10
Il classico film destinato a dividere il pubblico. Aronosky osa, e molto, raccontandoci sotto forma di metafora il processo creativo, la ciclicità della vita, la parabola religiosa di Adamo ed Eva e l'arte in generale, cioè il mezzo che eleva a divinità l'artista. Un film difficile, a tratto horror, molto spinto, suddiviso in due parti: la prima inquietante e ricca di mistero, la seconda delirante e folle. Epilogo meraviglioso. Per me un film bellissimo, girato da dio.

Larry Filmaiolo  @  03/10/2017 22:53:01
   5 / 10
rimane sconosciuto il motivo per cui si dovrebbero apprezzare le solipsistiche sedute masturbatorie di autori che utilizzano simbologie fin troppo altisonanti, preparano marketing fuorvianti e accampano pretese castranti nel solito bieco, mogio e tremendamente auto referenziale pamphlet sulla difficolta' e sulle controversie dell'essere artisti e partorire opere. mother! con tutte le sue didascaliche (terribilmente didascaliche) e dozzinali allusioni, la sua spocchia e il suo spreco di Harris e Pfeiffer (geniale invece l utilizzo della deficiente Lawrence~Bardem gigioneggia come vuole il personaggio) e' solamente questo, una specie di sfoghino manifesto di crisi di mezza eta' artistica di Aronofsky, un'andropausa hollywoodiana che per lo meno gli e' servito a penetrare nella conoscienza della Jenniferona sua attuale partner e insomma a penetrarla sonoramente anche fisicamente si presume. poi sia chiaro,chi fischia e cestina e grida alla m erdata dell'anno lo fa perche' non ha ugualmente capito un c azzo. il film non e' affatto cosi' terribile, e' solo vagamente mediocre, pretenzioso ed inutile, inesistente come i (poverini...) crucci degli artistini.

5 risposte al commento
Ultima risposta 28/10/2017 02.11.22
Visualizza / Rispondi al commento
codino18  @  03/10/2017 15:50:51
   4½ / 10
Onestamente mi spiace rovinare una media così alta, ma a me proprio non è paiciuto. Un casino pazzesco ma ammetto che probabilmente non l'ho capito io quindi prendete questo voto con beneficio di inventario..

ADreamer  @  03/10/2017 11:41:18
   10 / 10
E' un capolavoro.
L'ansia che esce dalla camera e attanaglia con gentilezza, si contrappone al naturale scorrimento di eventi apparentemente astratti. Lawrence e Bardem sublimi, interpretazioni infinite. Era da tempo che non dovevo andare a ricercare un filo dietro a delle immagini e ho adorato tornare a casa e fermarmi a pensare. Bentornato Darren!

Theo  @  03/10/2017 11:07:45
   7 / 10
Film disturbante, terribile, intenso, profondo e commovente.
Purtroppo non risulta immediato cogliere l'elemento allegorico (elemento principale) su cui si basa questo film, anche perchÚ, da un punto di vista prettamente estetico e narrativo, questa pellicola si presenta come un horror psicologico girato in maniera piuttosto mediocre (una nausea di primi piani per quasi tutto il film, scene che toccano il ridicolo, montaggio dozzinale).
Fischiata al Festival di Venezia 74, l'opera non risulta nulla di nuovo per ci˛ che riguarda il messaggio finale rivolto allo spettatore, ma bisogna riconoscere che, una volta compresa la profonda allegoria che sta dietro a questo film, ci troviamo di fronte a qualcosa che vale davvero la pena di vedere, forse anche pi¨ volte.

Strix  @  03/10/2017 02:03:22
   9½ / 10
CA-PO-LA-VO-RO

Uno dei film più disturbanti dell'ultima decade. Regia impetuosa e storia impietosa.

L'allegoria, una volta compresa (perchè c'è il rischio che la si comprenda non subito, o addirittura solo dopo la visione) mi ha lasciato esterrefatto.

Invia una mail all'autore del commento Tempesta  @  02/10/2017 20:27:59
   3 / 10
Non voglio mettere in dubbio che gli utenti che hanno commentato il film l'abbiamo capito, si perché mi dovete spiegare cosa ce da capire in una pellicola senza senso e senza una via di uscita. Un film assurdo non per la chiarezza e bellezza ma per la sua inutilità nel svolgersi. Riesce soltanto a renderti nervoso e incredulo per tutto il caos , inutile e di cattivo gusto.

4 risposte al commento
Ultima risposta 26/10/2017 15.45.51
Visualizza / Rispondi al commento
Invia una mail all'autore del commento dollydolly  @  02/10/2017 12:18:55
   8 / 10
Vabbè, prima guardatelo, fatevi un'opinione, poi leggetevi le spiegazioni confermate dal regista. È tutta una grossa allegoria.
Fate attenzione al fatto che potreste effettivamente odiarlo all'inizio, sia perché "insensato", sia perché "angosciante".

Manticora  @  01/10/2017 16:48:17
   9 / 10
Dopo tre anni di asenza Aronofsky torna con un film che può essere definito in molti modi, ma sicuramente non come l'ha definito la critica(vuoto e pretenzioso). Il pubblico americano non ha provato neanche a introiettare le molteplici metafore e riferimenti biblici che costituiscono l'ossatura e la struttura portante della pellicola. Detto ciò, il film è eccezionale nella sua interezza, sarebbe da vedere più volte, soltanto per apprezzare e comprendere il lavoro di incastro che il regista ha costruito con un opera non certo facile, ma soprattutto un ritorno alle origini, parliamo di Requiem for a dream e soprattutto il cigno nero. Come in quest'ultimo Aronofsky parte da un concetto quasi sempre presente nel suo cinema L'OSSESSIONE. Nel cigno nero era per essere scelta e interpretare la prima ballerina, in Requiem era l'ossessione della droga e per la madre del protagonista di partecipare al programma in tv. Qui c'è l'ossessione femminile per la casa della madre, e l'ossessione della CREAZIONE per l'uomo. Parliamo di questo, se Bardem oltre ad essere il poeta-creatore e anche in cerca di ispirazione Jennifer Lawrence

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
E se nella prima parte l'ossessione si manifesta in una casa, che è anche l'unica location del film non è un caso. Il luogo in cui la madre si è rifugiata

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Scomodare Rosemary Baby mi sembra un pochino azzardato, comunque la coppia viene visitata e come ha scritto qualcuno più sotto gli sconosciuti che la madre guarda con sospetto effettivamente rappresentano

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
E qui che la storia diventa un allegoria della bibbia, ma non solo anche della società umana, e dell'uomo

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Dio ha sempre perdonato l'uomo e la donna, perchè sono stati creati a sua immagine e somiglianza. Infatti le primissime immagini del film sono anche la sua fine, forse quella era la parte più scontata, ma Aronofscky non si ferma è dopo

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Assistiamo alla parabola della storia umana, perchè la creazione non si ferma

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
il poeta scrive qualcosa di sublime, e i suoi ammiratori l'umanità intera accorre per vederlo, fotografarlo, ascoltarlo, e infine ADORARLO. IL LIVELLO DI SCRITTURA DEL REGISTA AUMENTA A QUESTO PUNTO. Non possiamo capire tutto perchè Aronofsky costruisce un vero flusso di coscienza, il poeta vuole CONDIVIDERE, ma così facendo l'umanità diventa preda delle sue passioni ed egoismi: violenza, invidia, lussuria,follia, e anche

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Il tutto continua fino alla guerra

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Questo è il culmine, la madre non vuole che il creatore mostri il bambino(Gesù) all'umanità, ma ovviamente

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Il corpo è il sangue di cristo, condiviso tra i peccatori, così l'umanità ne è sazia, e la madre

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
La catarsi finale si compie, ma la fine non è che l'inizio, perchè tutto rinasce, per sempre.....(forse).
Penso che almeno qualche candidatura agli oscar Madre! possa e debba ottenerla, ma ovviamente non sarà così, Javier Bardem è perfetto, ma su tutti primeggia Jennifer Lawrence, ormai la ragazza è un GIGANTE, la candidatura per lei sarebbe il minimo, il resto dei personaggi sono dei comprimari ma di lusso, ed Harris e Michelle Pfeiffer, oltre alla breve parte di Kristen Wing. La regia è solida, matura, gli effetti speciali sono un pò invasivi

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
ma comunque funzionali, la colonna sonora quasi assente, delinea bene certi momenti, col tempo il film verrà rivalutato e diventerà l'ennesimo capolavoro incompreso, non adatto ad un pubblico superficiale.

5 risposte al commento
Ultima risposta 10/03/2018 21.27.19
Visualizza / Rispondi al commento
farfy  @  30/09/2017 02:00:16
   8 / 10
Credo che questo film sia interpretabile a livello metaforico, con una connessione molto religiosa e mistica sulla vita e l'essere umano. È una continua nascita, lotta estrema e fine, Che non è mai conclusiva. È una pellicola disturbante, il sangue e la carne delle pareti mi hanno ricordato un racconto di King che ho letto da piccola. Mi fa pensare a quanto sia corrosivo e corrotto il mondo per le anime pure e quanto l'amore possa far miracoli.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

4 risposte al commento
Ultima risposta 02/10/2017 10.12.38
Visualizza / Rispondi al commento
Vax87  @  29/09/2017 23:28:17
   7 / 10
Assolutamente visionario, appena visto al cinema e devo dire che è un film non per tutti, l'ho trovato a tratti disturbante e lascia parecchie domande, voglio dare la mia chiave interpretativa personale e a caldo ripesando a tutti i simbolismi presenti in diverse scene, innanzitutto la chiave di lettura per recepire il messaggio di fondo è in salsa prettamente religiosa-cristiana, la madre, ovvero il personaggio principale altri non è che la *******. Negli spoiler i dettagli.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

6 risposte al commento
Ultima risposta 05/10/2017 19.38.11
Visualizza / Rispondi al commento
melop  @  29/09/2017 09:19:48
   4½ / 10
Fim completamente assurdo!!! non si capisce se sia un thriller che vuole confluire in un horror o se sia solamente un simil horror assurdo e basta.

Invia una mail all'autore del commento kampai  @  28/09/2017 09:27:26
   7½ / 10
Premetto che mi è piaciuto molto. Iniziamo col dire che non è un film per tutti, ci vuole un certo bagaglio culturale per vederlo e capirlo. Non è assolutamente un film da guardare staccando il cervello, andrebbe visto anche più di una volta altrimenti non lo si capisce e lo si valuta come un horror confusionario. Questo film ti parla x simbolismi. Detto ciò, è la rappresentazione del processo creativo di uno scrittore in crisi,della messa in scena dei suoi demoni e delle certezze del suo io.visivamente la prima parte è sublime mentre dopo un pò troppo pasticciato. Bravo l'intero cast. Diciamo che si avvicina di più a requiem e the fountain che al resto della sua filmografia.da vedere ma solo per pubblico esigente

wuwazz  @  24/09/2017 21:33:48
   8 / 10
Aronofsky in stato di grazia ci regala questo lavoro (horror?) visionario e surreale.
Inquietante, violento, ben diretto e per niente banale.

Notevole metaforone.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

10x102030 - fuga per il futuro
 NEW
77 giorni8 minutia beautiful daya quiet place - un posto tranquillo
 NEW
abracadabraarrivano i prof
 HOT
avengers: infinity warbad samaritanbenvenuto in germania!bob & marys - criminali a domiciliocharley thompsonci vuole un fisicocontromanocosa dira' la gente
 NEW
deadpool 2
 NEW
dogmandopo la guerradoppio amoreearth - un giorno straordinarioera giovane e aveva gli occhi chiariescobar - il fascino del maleeva (2018)ex libris: new york public library
 NEW
famiglia allargatafixeurfoxtrot - la danza del destinogame night - indovina chi muore stasera?garden partyghost stories
 NEW
giu' le mani dalle nostre figliegualtiero marchesi - the great italianhappy winterhostiles - ostilii segreti di wind riveri, tonyaicaros: a vision
 NEW
il codice del babbuinoil cratereil dubbio - un caso di coscienzail giovane karl marxil mio nome e' thomasil mio uomo perfettoil mistero di donald c.il prigioniero coreanoil sole a mezzanotte (2018)il tuttofareil viaggio delle ragazzeillegittimoinsyriatedio c'e'io sono tempestala banalitÓ del criminela casa sul marela melodiela stanza delle meravigliel'amore secondo isabellele grida del silenzio
 NEW
le meraviglie del marel'isola dei caniloro 1loro 2lovers (2018)l'ultimo viaggio (2018)manuelmaria by callasmaria maddalenametti la nonna in freezermolly monstermolly's gamenato a casal di principenella tana dei lupinelle pieghe del temponick cave - distant sky - live in copenhagenoh mio dio!oltre la nottepacific rim 2 - la rivolta
 NEW
parigi a piedi nudiparlami di lucypertini il combattentepeter rabbitpetit paysan - un eroe singolarequando arriva l'amorequanto bastarabbit school - i guardiani dell'uovo d'ororachelrampage - furia animaleready player onerimetti a noi i nostri debitirudolf alla ricerca della felicita'rumble: il grande spirito del rocksea sorrow - il dolore del malesherlock gnomesshow dogs - entriamo in scenasi muore tutti democristiani
 NEW
slender mansotto il segno della vittoriasuccedesurbilesterra bruciata! il laboratorio italiano della ferocia nazistathe constitution - due insolite storie d'amorethe happy prince - l'ultimo ritratto di oscar wildethe silent manthe titanthe wicked gift
 NEW
theytomb raider (2018)tonno spiaggiatotremors 6: a cold day in helltu mi nascondi qualcosaun amore sopra le righeun sogno chiamato floridauna festa esageratauntitledvan gogh - tra il grano e il cielovisages, villageswajib - invito al matrimonioyoutopiazerovskij - solo per amore

973730 commenti su 39399 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net