la selva dei dannati regia di Luis Bu˝uel Francia, Messico 1956
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

la selva dei dannati (1956)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film LA SELVA DEI DANNATI

Titolo Originale: LA MORT DANS CE JARDIN

RegiaLuis Bu˝uel

InterpretiSimone Signoret, Georges Marchal, Charles Vanel, Michel Piccoli

Durata: h 1.44
NazionalitàFrancia, Messico 1956
Genereavventura
Al cinema nel Settembre 1956

•  Altri film di Luis Bu˝uel

Trama del film La selva dei dannati

Una cittadina brasiliana ingaggia una lotta contro la societÓ mineraria che vuole nazionalizzare i giacimenti. Un prete, una prostituta, un avventuriero e un minatore si rifugiano nella giungla per fuggire alla polizia. La violenza tra i membri del gruppo esplode incontrollata: si uccideranno a vicenda.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   7,83 / 10 (3 voti)7,83Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su La selva dei dannati, 3 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  22/11/2010 19:21:38
   8 / 10
Questo film di Bunuel è considerato fra i cosidetti "minori" con un plot in apparenza semplice e lineare, lontano dallo stile surrealista di altre sue pellicole, ma in realtà più sottile di quanto si pensi.
La sopravvivenza nella giungla forma un solido patto tra individui così tanto distanti da annullare le differenze sociali, che si sfalderà quando il miraggio di una ricchezza insperata farà riemergere le proprie meschinità. Finale poco consolatorio che lascia un certo amaro in bocca come in Vite vendute di Clouzot, di cui ho avvertito una certa assonanza pur nella differenza di stile tra i due registi. Ottimo Charles Vanel ideale trait d'union fra questi due film.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR elio91  @  11/09/2010 16:03:36
   7½ / 10
Un mirabile affresco bunueliano,con il solito sguardo lucido e ironico del regista più dissacrante della storia del cinema. Pur essendo non accostabile ai migliori lavori di Bunuel le vicende di questa combriccola di personaggi maledetti è sia spietata che illuminante.
Parte con una prima parte molto ortodossa,La selva dei dannati,per poi arrivare ad evolversi come film politico,d'avventura e per finire,cambiando ancora registro,in una maniera di certo inaspettata e violenta.
Ci vengono mostrati dei personaggi diversi tra loro,ognuno con un proprio scopo e che si trovano costretti a fuggire. Esplorando la foresta,costretti a collaborare insieme,questi uomini si rivelano in tutta la loro umanità uccidendosi tra di loro,senza fidarsi l'uno dell'altro e gettando all'aria ogni convenzione che si erano ripromessi di rispettare e il tutto solo per dei beni effimeri. Una ecatombe finale che arriva all'improvviso quando tutto sembra andare per il meglio.
Ci sono momenti surrealisti ma manca di mordente in più parti risultando un'opera tutt'altro che perfetta per gli standard di Bunuel,però merita una visione certamente poiché ogni personaggio è caratterizzato ed interpretato in maniera mirabile e come al solito per la lucida esaminazione di ogni aspetto della vita umana. Ancora una volta ciò che poteva o doveva rivelarsi come una semplice storia d'avventura con questo regista tocca tutt'altri argomenti elevandosi dal semplice prodotto avventuriero.

Ho visionato la versione da circa 100 minuti e mi è sembrata abbastanza completa,non sembrano esserci momenti "saltati",però la versione messicana è lunga 150 minuti e quindi è inevitabile che il mio voto si sia adeguato a ciò che ho visto. Comunque buonissimo.

Invia una mail all'autore del commento wega  @  24/12/2008 13:30:40
   8 / 10
Molto bello, sembrerebbe un Bunuel atipico, ma è proprio l' ambiguità (tema sempre presente in tutte le opere bunuelliane) a fare da cardine a questo film, soprattutto l' ambiguita -manco farlo apposta- del prete, interpretato da Michel Piccoli. Il vero Bunuel arriva nella seconda parte, la prima ora è un lunghissimo preambolo di tafferugli urbani, ed il referente potrebbe essere benissimo "I Figli della Violenza" di cinque anni prima. I film di questo regista vanno sempre al di là della realtà, surrealismo per l' appunto, con un solido legame al cinema in quanto forma di spettacolo, la seconda parte, infatti, è una fuga attraverso la selva, dove il bisogno di solidarietà rompe gli equilibri tra l' essere e l' apparire, le persone sembrano cambiare ma in realtà si riveleranno, appena cessata il pericolo di non farcela, esattamente come erano prima. La putt.ana resta una putt.ana, il prete si rivelererà come non si penserebbe mai potesse essere, lo sguaiato rimane lo sguaiato che era. Ferme restando nella seconda parte come evento spettacolare, Bunuel non sembra interessato a mostrare completamente la dinamica degli eventi, ma solo ciò che succede in quel luogo, che si trasforma, per lo spettatore, in un teatro di posa e niente più, dove sono mostrati solo gli effetti delle circostanze (vengono trovati e portati i viveri ma non si sa da dove, gli spari hanno luogo, ma sono "off", etc). Finale alla Bunuel, restano ancora più interrogativi. Un gran bel film a colori, e i limiti cromatici del Technicolor a tre pellicole di allora, che Renoir riteneva "affidabile" solo per i colori dell' India (vedi "Il Fiume"), per il surrealismo di "La Selva dei Dannati" è perfetto, un vero "spettacolo". E mo m' aspetta "L' Angelo Sterminatore" e "Viridiana". Bellissimo aver scoperto Luis Bunuel.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

 NEW
47 meters down: uncageda mano disarmataalla corte di ruth - rgbamerican animalsannabelle 3aquaslasharrivederci professorebaby gang (2019)beautiful boy (2018)birba - micio combinaguaiblue my mind - il segreto dei miei annibring the soul: the moviecarmen y lolachristo - walking on waterclimax (2018)
 NEW
crawl - intrappolatidaitonadi tutti i colori
 NEW
diamantino - il calciatore piu' forte del mondodicktatorship - fallo e basta!dolcissimedomino (2019)due amici (2019)edison - l'uomo che illumino' il mondoescape plan 3 - l'ultima sfidafast & furious - hobbs & shawfiore gemellogodzilla ii - king of the monstersgoldstonehotel artemisi morti non muoionoil flauto magico di piazza vittorioil grande salto
 NEW
in fabricjuliet, naked
 NEW
kinla bambola assassina (2019)la mia vita con john f. donovanla piccola bossla prima vacanza non si scorda mail'angelo del criminelucania - terra sangue e magial'ultima orama (2019)maryam of tsyon - cap 1 escape to ephesusmen in black: internationalmidsommar - il villaggio dei dannatinevermindpallottole in liberta'passpartu': operazione doppiozeropets 2: vita da animalipolaroidpowidoki - il ritratto negatoprimula rossaquel giorno d'estateraccolto amarorapina a stoccolmarealmsred sea divingrestiamo amicirocketmanselfieserenity (2019)shelter: addio all'edensir - cenerentola a mumbaiskate kitchensoledadspider-man: far from hometesnotathe boy 2the deepthe elevatorthe mirror and the rascal
 NEW
the nest (il nido)the quake - il terremoto del secoloti presento patricktoy story 4una famiglia al tappetovita segreta di maria capasso
 NEW
wake up - il risvegliowelcome home (2019)wolf call - minaccia in alto marex-men: dark phoenix

990890 commenti su 41757 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net