la pelle sotto gli artigli regia di Alessandro Santini Italia 1975
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitā NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

la pelle sotto gli artigli (1975)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film LA PELLE SOTTO GLI ARTIGLI

Titolo Originale: LA PELLE SOTTO GLI ARTIGLI

RegiaAlessandro Santini

InterpretiGordon Mitchell, Genevičve Audry, Tino Boriani, Ettore Ribotta, Renzo Borelli, Agostino De Simone

Durata: h 1.16
NazionalitàItalia 1975
Generegiallo
Al cinema nel Maggio 1975

•  Altri film di Alessandro Santini

Trama del film La pelle sotto gli artigli

Alcuni cadaveri di giovani donne portano con loro un insolita traccia: tra le unghie č presente pelle umana decomposta. Dietro alla catena di delitti si cela la contorta personalitā di un mad-doctor impegnato a condurre esperimenti su cavie umane per rida

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   1,75 / 10 (2 voti)1,75Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su La pelle sotto gli artigli, 2 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

moonlightrosso  @  04/08/2020 13:26:43
   2 / 10
I produttori del sottobosco cinematografico nostrano degli anni settanta, in gran parte improvvisati, avevano sviluppato l'ineguagliabile talento di raschiare il cosiddetto fondo del barile per ogni film che andavano a realizzare.
Lungi dallo sperimentare nuovi generi, nuove tecniche o nuovi modi di fare cinema, erano piuttosto inclini a sfruttare un filone o addirittura un minifilone nato da un singolo film di successo sino alle sue estreme conseguenze.
Dovendo sopperire alla povertà di mezzi ed attanagliati dal principale assillo che affliggeva gli operatori del cinema minore dell'epoca, ovverosia la cronica mancanza di soldi, occorreva soddisfare l'esigenza, ancor presente in un certo tipo di spettatore sprovveduto ed ingenuo, di scioccare e sorprendere a tutti i costi. Così facendo, ogni film veniva portato ad un tale livello di parossismo e di inverosimiglianza da far deflagrare completamente l'intero genere di appartenenza, rendendo pressochè impossibile ogni suo futuro sfruttamento.
Il film in esame vorrebbe arricchire un giallo all'italiana, che dopo i fasti argentiani stava comprensibilmente iniziando a mostrare la corda, commistionandolo con tematiche che meglio si attagliavano, a detta degli autori, ai gusti di quel pubblico di bocca buona delle terze visioni che costituiva ancora il cosiddetto zoccolo duro dei fruitori delle pellicole di genere.
La centralità dell'indagine sulla scoperta di un assassino seriale nerovestito e squartatore di donne non solo transita per la classica figura del commissario nevrotico, disincantato e stakanovista, circondato da ottusi assistenti, ma anche attraverso atmosfere e stilemi di certi horror del decennio precedente non ancora del tutto sopiti.
A controcanto della tensione e dell'orrore si inframmezzano, come di consuetudine, sentimentalismo a buon mercato, una spruzzata di erotismo e qualche nudo integrale.
Alessandro Santini, classe 1922 e scomparso nel 1993 nell'indifferenza generale, da addetto alla produzione a vario titolo di films minori, venne promosso regista alla soglia della cinquantina con la complicità della factory di Renato Polselli & Co. (gente come Bruno Vani o Vincenzo Matassi figurano infatti sovente nei credits dei suoi lavori). Il compianto regista frusinate scrisse inoltre per lui il soggetto dell'ormai irrecuperabile suo film d'esordio "Questa libertà di avere le ali bagnate" (1971) e dell'altrettanto introvabile tardo western "Una forca per sette bastardi" (1979), pellicole che rappresentano l'alfa e l'omega di questo assai poco significativo cineasta.
Non disponendo nè del talento, nè tantomeno dei mezzi necessari alla realizzazione di un film dalla confezione anche semplicemente dignitosa e lavorando frettolosamente sotto l'egida del "...buona la prima", non c'è da meravigliarsi se pauperismo e squallore estetico facciano letteralmente da padroni e se maldestrìa e dilettantismo trasfigurino situazioni potenzialmente paurose ed inquietanti in momenti ora imbarazzanti, ora di irresistibile comicità involontaria.
E' dunque comprensibile come l'assassino nerovestito, pur volendosi ispirare alla terrorizzante sagoma argentiana o baviana, risulti piuttosto una sorta di caricatura di uno Zorro di terza lega, stile Giorgio Ardisson, tanto per intenderci.
I delitti di donne, a parte il primo che termina con una coltellata alla malcapitata di turno in grado di farle fuoriuscire non ben inquadrate viscere, sono risolti in urla fuori campo, stante l'assai probabile insipienza dall'addetto agli effetti speciali. Impagabile rimane invece l'aggressione in un'imprecisata ambientazione agreste ai danni di una procace adolescente; questa, dopo essersi trastullata con le sue coetanee con giochi talmente demenziali da risultare perfino inadeguati ad infanti ritardati, subisce un goffissimo tentativo di strangolamento da parte del nostro misterioso (si fa per dire) serial killer, messo peraltro prontamente in fuga dal padre della ragazza che accorre in suo aiuto con un forcone urlando ed inveendo in dialetto ciociaro.
Per il resto, primi piani di sirene della polizia (mancavano evidentemente le necessarie autorizzazioni ad utilizzare le relative autombili), commissariati relegati negli scantinati e sale operatorie arrangiate in tinelli di casa (unici ambienti messi a disposizione dalla sgangherata produzione (tal "San Giorgio Cinematografica"!!)).
In un panorama attoriale che sarebbe un eufemismo definire deprimente, campeggia l'incontrastato monarca della serie Z Gordon Mitchell nei panni del Prof. Helmut, che ci regala nel finale una risata sconclusionata e idiota alla "Jimmy il Fenomeno" degna di uno dei peggiori mad-doctor della storia del cinema.
Nota di demerito anche per i suoi due assistenti: il Dottor Gianni Dani, interpretato da uno scialbo e sconosciuto Tino Boriani, accanito sostenitore delle deliranti scoperte scientifiche del Prof. Helmut tendenti a regalare all'umanità la vita eterna (sic!) e la D.ssa Silvia Pieri, impersonata dalla tal Geneviève Audry, portatrice, invece, di una visione più umana della scienza medica. Attrice dalla presenza scenica a dir poco insignificante (non sappiamo dirvi se sia effettivamente francese ovvero si tratti di un'autoctona sotto pseudonimo) e con tanto di escrescenza pelosa sul viso, è stata vista, in qualità di comprimaria, nel capolavoro trash "La valle dell'eco tonante" (1964) del mitico Tanio Boccia e sarà futura coprotagonista dell'altrettanto scult "Gli uccisori" (1977) del tal Fabrizio Taglioni.
Dialoghi stucchevoli da fotoromanzo, conditi da perle di filosofia spicciola e siparietti sentimentali da far cadere le braccia, procedono lungo una storia nella quale il tedio e lo sbadiglio sono destinati a prendere inevitabilmente il sopravvento. Tutto ciò sino all'inaspettato colpo di scena finale, vero e proprio capolavoro di delirio assoluto del quale preferisco non anticiparvi nulla (davvero vedere per credere!!!).
Assai migliore il gineceo delle prostitute vittime del killer, come le polpose Ada Pometti, caratterista di lungo corso di provenienza c.s.c. e Mirella Rossi, abituale musa polselliana. Le espressioni decisamente trash dalle stesse utilizzate per sedurre il mad-doctor del calibro di "...fammi vedere il colore dei tuoi occhi che io ti faccio vedere il colore delle mie mutande", non possono non rimanere avvinghiate come solide ragnatele nelle nostre memorie di esteti del brutto.
Quasi passabile il commissario interpretato dal modesto caratterista Ettore Ribotta, che qui vediamo in uno dei ruoli più corposi della sua non eccelsa carriera e che non si sottrae di certo alla logica trash della pellicola. Alla rivelazione del medico legale che rinviene pelle di cadaveri in decomposizione sotto le unghie delle prostitute uccise, inveisce dicendo: "Non posso credere che un cadavere, per giunta un cadavere putrefatto, vada a ******* e poi le ammazzi!!".

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  10/04/2013 18:29:42
   1½ / 10
A metà strada fra il giallo e l'horror con il classico mad doctor, questo film vorrebbe coniugare questi due aspetti riuscendo pienamente a fare schifo in entrambi. Compito sulla carta non facile, ma l'abnegazione ed il senso del ridicolo di tutta questa operazione è pienamente visibile in una sceneggiatura formato groviera, recitazione approssimativa e una povertà tecnica che il budget ridotto all'osso possono giustificare fino ad un certo punto. Certo negli anni 70 il film di genere italiano sfornava una grande quantità titoli, ma pure str0nzate col botto come questa. Vedere per credere.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

200 metersadaalcarras - l'ultimo raccoltoall the streets are silentalla vitaamanda (2022)amanti (2020)
 NEW
argentina, 1985beast (2022)bentublack parthenopebodies bodies bodiesbrian e charlesbullet traincarter (2022)casablanca beatscome prima (2021)crimes of the future (2022)dashcamday shift - a caccia di vampiridc league of super-pets
 NEW
don't worry darlingelvis (2022)emergencyevangelion: 3.0+1.01 thrice upon a timefallfassbinderfire of lovefly - vola verso i tuoi sognifreedom (2021)giorni d'estategold (2022)goodnight mommy (2022)hill of visionhouse of darknesshustlei giovani amantii tuttofareil fronte internoil giorno piu' belloil paradiso del pavoneil pataffioil signore delle formicheil viaggio degli eroiinvito al viaggio. concerto per franco battiatoio e spottyjane by charlottejurassic world - il dominiokarate manla doppia vita di madeleine collinsla mia ombra e' tuala ragazza ha volatol'altra lunal'angelo dei murilas leonas
 NEW
le buone stellele favolosele voci solel'eta' dell'innocenza (2022)lettera a francolightyear - la vera storia di buzzl'immensita'liz e l'uccellino azzurrol'origine del malemad godmaigretmarcel!marginimemoriamemory (2022)men (2022)mindemicminions 2 - come gru diventa cattivissimomistero a saint-tropeznel mio nomenido di viperenon sarai solanopenostalgiaorphan: first killpaolo rossi - l'uomo. il campione. la leggenda.pearl (2022)per niente al mondopeter va sulla lunapleasureprey (2022)queensquel che conta e' il pensierorevolution of our timesriminirise - la vera storia di antetokounmposamaritansecret love (2021)secret team 355shark baitspiderheadsposa in rossostudio 666tenebrathe black phonethe deer king - il re dei cervithe forgiventhe gray manthe hanging sun - sole di mezzanottethe invitation (2022)the man from torontothe other side (2020)the slaughter - la mattanzathe twin - l'altro volto del malethor: love and thunderthree nights a weektoilettop gun: maverickun mondo sotto socialuna boccata d'ariaun'ombra sulla verita'viaggio a sorpresavieni come seiwild nights with emily dickinsonx - a sexy horror story

1032893 commenti su 48267 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

ALTA MODACENTO COLPI DI PISTOLACLOWN MOTEL 2DETTORI - SEGNI PARTICOLARI: FANTINODO NOT DISTURB (2022)DUELLO TRA LE ROCCEEARWIGGLI SPARVIERI DELLO STRETTOGLORIOUSJERRY SCHATZBERG, PORTRAIT PAYSAGELA FINE DI UN TIRANNOLA MANO VENDICATRICELA PISTOLA SEPOLTALA VALLE DEI BRUTIL'ARMA CHE CONQUISTO' IL WESTLE 22 SPIE DELL'UNIONEMADRE AD OGNI COSTOMANEATER (2022)MEDUSAMEZZOGIORNO… DI FIFAPER AMORE DI VALERIEROCK DOG 2SHRIEKSHOWSOPHIA!SPEAK NO EVIL (2022)SQUILLI AL TRAMONTOTHE DEBUSSY FILMTHE LEGEND OF THE UNDERGROUND - LA LIBERTA' E' UN DIRITTOTHEY WAIT IN THE DARKUN MARZIANO SULLA TERRAUN'ESTATE A MIKONOSWHAT JOSIAH SAWWINTER LAKE - IL SEGRETO DEL LAGO

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net