la dama rossa uccide sette volte regia di Emilio P. Miraglia Italia 1972
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
Ciao Paul!
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

la dama rossa uccide sette volte (1972)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

Dove puoi vederlo?

locandina del film LA DAMA ROSSA UCCIDE SETTE VOLTE

Titolo Originale: LA DAMA ROSSA UCCIDE SETTE VOLTE

RegiaEmilio P. Miraglia

InterpretiBarbara Bouchet, Ugo Pagliai, Marina Malfatti, Marino Masé

Durata: h 1.38
NazionalitàItalia 1972
Generethriller
Al cinema nell'Aprile 1972

•  Altri film di Emilio P. Miraglia

Trama del film La dama rossa uccide sette volte

Tobias Wildenbruch, il proprietario di un castello maledetto in cui periodicamente la " Dama Rossa" torna sotto mentite spoglie a mietere vittime, crede di individuarne la "reincarnazione" nella nipote Eveline, e la scambia con una contadinella. Ciò non impedisce che i delitti annunciati vengano compiuti. Qualche anno dopo, però, la vera assassina viene finalmente neutralizzata.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   5,72 / 10 (16 voti)5,72Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su La dama rossa uccide sette volte, 16 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Italo Disco  @  10/02/2023 10:42:05
   6 / 10
Non il massimo della visione ma sufficientemente godibile. Verso la fine la storia mi ha fatto intrippare il cervello, per fortuna la resa dei conti nei sotterranei del lugubre maniero è decente.

daniele64  @  19/10/2021 16:19:38
   6 / 10
Una sanguinosa maledizione grava da secoli su di un' antica famiglia tedesca ed anche ai giorni nostri pare ripetersi ... Una insolita co-produzione italo-germanica , ambientata nella tetra Wurzburg , in cui una stravagante assassina vestita con una sgargiante mantella rossa ammazza ferocemente un bel po' di gente nell' entourage di una casa di alta moda . Il regista è il pugliese Emilio Miraglia , che prova ad inserirsi nel filone del thriller alla Dario Argento ed in quello degli sceneggiati gotici della RAI , produzioni che all' epoca facevano furore . Gli ingredienti principali naturalmente sono il mistero , la violenza ed il sesso , peccato però che la vicenda risulti parecchio ingarbugliata e che si faccia fatica a seguirla bene , oltre a mostrare qualche ingenuità di troppo ( prima fra tutte la ridicola risata dell' assassina ! ) . Il cast maschile fa perno essenzialmente su di un Ugo Pagliai all' apice della fama , mentre quello femminile fa sfoggio di un' ampia rosa di notevoli bellezze , alcune delle quali non fanno troppa fatica a mostrare le loro doti fisiche . In questo si distinguono la procace Sybil Danning e l' inquieta Barbara Bouchet , mentre più caste si dimostrano le comunque belle Marina Malfatti e Maria Pia Giancaro . Belle le locations del tenebroso castello e carina la soundtrack di Bruno Nicolai , specialmente l' orecchiabile maintheme basato su quella che pare una semplice filastrocca infantile suonata al clavicembalo . Insomma , non sarà certo uno dei pi+ù riusciti esempi del suo genere ma qualcosa da salvare c' è . Da 6- .

Colibry88  @  09/12/2017 22:05:04
   5 / 10
Dopo un inizio più che intrigante e discreto, purtroppo la pellicola è vittima di un lento ma inesorabile declino verso la noia più totale. La trama, inutilmente contorta, si districa tra ovvietà imbarazzanti e lunghi momenti di stallo fini a se stessi. Altro neo sono gli stessi personaggi, specialmente quelli femminili, troppo simili tra loro e mal caratterizzati. Faticosamente si giunge quindi al finale, deludente e assolutamente poco originale, oltre che poco credibile.
Unica buona idea è forse il costume dell'assassino e la raggelante risata. Nel complesso, un evitabile minestrone di luoghi comuni e banalità.

GianniArshavin  @  27/02/2016 22:02:45
   6 / 10
Classico giallo di inizio 70 diretto da Miraglia ,colmo di tutti gli stilemi tipici del genere e di conseguenza anche dei difetti e dei pregi che questa scelta comporta.
Il film parte quasi come un gotico per poi diventare un giallo all'italiana puro fino al finale rivelatore. La parte iniziale e quella conclusiva sono le migliori , mentre nel mezzo il titolo soffre di un po di noia vista la ripetitività delle situazioni.
La dama rossa del titolo è il punto di forza della storia,un killer misterioso e affascinante dalla malefica risata. Il modus operandi di questo villain varia da omicidio a omicidio e alcune sequenze sono ben fatte mentre altre risultano invece piatte, aspetto penalizzato da una tensione non sempre sostenuta. Sufficiente il finale,non facilmente intuibile in tutti i suoi risvolti.
Tecnicamente il prodotto è nella norma e spiccano, più che regia e sonoro ,una bella ambientazione molto curata. Gli attori si comportano discretamente,fra cui svetta la richiestissima Barbara Bouchet.
Dunque un giallo non perfetto ,non particolarmente teso e in certi passaggi confusionario e ripetitivo. Tuttavia i pregi elencati sopra consentono all'opera di raggiungere la sufficienza.

alex94  @  10/10/2014 16:59:19
   5½ / 10
Thriller dalla trama abbastanza assurda e confusa che purtroppo dopo un buon inizio si rivela poco coinvolgente e soprattutto priva di interesse,finendo così per annoiare.
Sufficiente la regia e la recitazione,piuttosto mediocre la fotografia.
Mi aspettavo molto di più,una buona occasione sprecata.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  14/05/2011 18:49:43
   4½ / 10
Direi che mi sono rimasti impressi più i difetti che i pregi di questa pellicola dalla trama fin troppo complessa e dalla regia scadente che non riesce a dare nè tensione, nè il classico colpo ad effetto. Delirante pure il finale con un susseguirsi di colpi di scena che rendono la storia ancora più confusa di quello che è.

pinhead88  @  24/06/2010 15:36:59
   4 / 10
D'accordissimo su ogni singola parola col commento di Joker.
Un inizio coi fiocchi che introduce da subito in un'atmosfera macabra e spettrale,poi purtroppo diventa banale e poco appassionante nel proseguire della vicenda,da alcune situazioni sciocche e inutili a prolissità varie.zero tensione,zero suspance,regia piatta e monotona.il risultato è un film parecchio noioso che inizia a stufare già dopo mezz'ora

2 risposte al commento
Ultima risposta 08/08/2010 23.07.49
Visualizza / Rispondi al commento
Invia una mail all'autore del commento wega  @  14/02/2010 16:33:10
   4 / 10
Un film pieno di clichè del periodo e del genere con una regia del tutto anonima (a parte la prima randellata che mi ha ricordato la particolare tecnica dei maledettini di "Brood"). Durasse almeno 20 minuti di meno, "La Dama Rossa etc" sarebbe anche passabile.

JOKER1926  @  29/11/2009 18:26:50
   3 / 10
Fra le pellicole italiane di genere Thriller "La dama rossa uccide sette volte" è con pochi dubbi uno dei lavori più irritanti di sempre, la pellicola del 1972 di Emilio P. Miraglia è quasi un trash, quasi perché a salvare in modo parziale tale prodotto ci pensano gli attori (su tutti Barbara Bouchet) e il grazioso lavoro musicale.

"La dama rossa uccide sette volte" inizia alla grande e avvolge lo spettatore in un alone molto macabro accompagnato da musichette e scene suggestive, il quadro, ad esempio, è affascinante e dunque per alcuni attimi il pubblico è ipnotizzato da questo inizio sicuramente veemente che inoltre introduce un po' il succo della storia.
Purtroppo, dopo un inizio sicuramente discreto, subentrano in modo imperiale una valanga di pecche che intaccano in modo perentorio l'egemonia del film.
Insomma troviamo una sceneggiatura sgangherata con mastodontici buchi e una narrazione squallida, inoltre da declassare l'introduzione in scena dei personaggi prolissa, confusionaria e molto improbabile.
Il ritmo poi è molto basso e la noia è quasi sempre presente; da criticare la regia anche per gli scenari davvero poco "dark" e quindi fin troppo comuni, ad accompagnare il tutto troviamo una fotografia di seconda fascia.

"La dama rossa uccide sette volte" seppur presentando un bellissimo soggetto (l'icona del killer è fantastica, la movenza, l'abito rosso, quasi spettrale della dama e la sua "risatina" sono enti importanti che, purtroppo, perdono enfasi e risonanza nel corso del film a causa di tanti fattori.) Miraglia non riesce a confezionare nel complesso un film convincente, da segnalare anche l'assenza di tensione che non dovrebbe mancare in pellicole del genere. A incorniciare il pessimo quadro di questo film ci sono anche i dialoghi effettivamente approssimativi e screanzati che irritano il pubblico su tutti troviamo il "ti spacco la gola"..!
Il film è fatto molto male, a tratti davvero arduo da seguire e con un finale che schianta la descrizione.

Dal titolo e dalla copertina era lecito aspettarsi un "gioiello" del genere Thriller, insomma il film gode di una ottima confezione, ma badando alla concretezza tale "corteccia" si consuma in fretta regalando un "orrore" cinematografico che, menomale, gode di scarsissima fama ed è ovviamente da tempo nello "stanzino" delle dimenticanze…

4 risposte al commento
Ultima risposta 14/02/2010 16.36.33
Visualizza / Rispondi al commento
outsider  @  04/11/2009 18:33:29
   9½ / 10
Musica, recitazioni, attori, Bouchet da super sogno bellissima, trama, mistero!
WoW!
Non metto proprio dieci poichè vi sono alcune cose datate, grandi e piccole e qualche momento da telefilom italiano anni '70...

GodzillaZ  @  04/08/2009 11:20:49
   6 / 10
Poteva essere molto migliore questo thriller.
Il soggetto è esiguo ma potenzialmente interessante, la sceneggiatura non è granchè con dialoghi a volte ridicoli. Molte situazioni assurde.
Però, belle musiche, belli gli ambienti e le attrici, omicidi "originali" ed efferati.
Carino ma nulla più.

HGWells  @  04/01/2008 17:37:23
   9 / 10
Con i gialli me la passo abbastanza bene, amo molto il cinema thriller italiano, da Profondo Rosso a Mio Caro Assassino, e sicuramente La Dama Rossa... non è tra i meno preferiti. Ammetto, certo, che svariati difetti e incongruenze lo rendono incomprensibile a molti, e soprattutto il finale è caratterizzato da troppi colpi di scena che confondono ancora di più le idee. Me prendendo in considerazione i momenti migliori si avrà a che fare con un piccolo cult-movie. Non si può dire nemmeno che sia privo di violenza, anzi, l'assassino usa dei metodi alquanto brutali per ammazzare le sue vittime. La musica di Nicolai è bellissima, forse uno dei punti più forti del film. In definitiva lo consiglio a chi ama i gialli argentiani anni '70.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento emans  @  25/09/2007 10:58:07
   5½ / 10
in effetti la prima mezz'ora e la migliore...poi comincia a ripetersi e non trova spunti di originalita' fino ad arrivare al colpo di scena finale...
sicuramente ho visto di peggio!

Invia una mail all'autore del commento Mormegil Darkbl  @  09/08/2006 12:42:57
   7½ / 10
Buon film a metà tra l'horror soprannaturale alla Dario Argento e il tipico giallo all'Italiano. La trama, non brillante per originalità e forse un po' macchinosa nel finale, è ben sviluppata e coadiuvata da una regia quasi ottima e da buone interpretazioni. Fantastiche le musiche e le ambientazioni. Un cult imperdibile per gli appassionati e sicuramente un film fin troppo sottovalutato insieme a "La notte in cui Velyn uscì dalla tomba" sempre di Miraglia.

Invia una mail all'autore del commento Andre82  @  10/06/2006 16:59:41
   5 / 10
L'inizio promette ben, poi però si perde in una serie di omicidi senza senso. Per il finale, sarebbe stato meglio andare in un'altra direzione...

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Mpo1  @  25/04/2006 01:52:30
   5 / 10
Tipico giallo all'italiana di inizio anni '70, non uno dei migliori. Il soggetto è interessante, ma la sceneggiatura è davvero scarsa. Anche la regia è piuttosto piatta.
Cmq guardabile per gli appassionati del genere.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

abigail (2024)accattaromaancora un'estateanna (2023)another endanselmarcadianarrivederci berlinguer!augure - ritorno alle originiautobiography - il ragazzo e il generaleback to blackbad boys: ride or diebrigitte bardot forevercattiverie a domicilioc'era una volta in bhutanchallengerscivil warcoincidenze d'amorecome fratelli - abang e adikconfidenzadall'alto di una fredda torredamseldicono di tedrive-away dollsdune - parte duee la festa continua!eileenel paraisoennio doris - c'e' anche domanieravamo bambinifantastic machinefino alla fine della musicaflaminiaforce of nature - oltre l'inganno
 NEW
fuga in normandiafuriosa: a mad max sagagarfield - una missione gustosa
 NEW
ghost: rite here rite nowghostbusters - minaccia glacialegirasoligli agnelli possono pascolare in pace
 NEW
gli immortaligodzilla e kong - il nuovo imperohotspot - amore senza retei dannatii delinquentii misteri del bar etoileif - gli amici immaginariil caso goldmanil caso josetteil cassetto segretoil coraggio di blancheil diavolo e' dragan cyganil gusto delle coseil mio amico robotil mio posto e' quiil mio regno per una farfallail posto (2024)il regno del pianeta delle scimmieil segreto di liberatoil teorema di margheritaimaginaryinshallah a boy
 NEW
inside out 2io e il seccoio, il tubo e le pizzejago into the whitekina e yuk alla scoperta del mondokinds of kindnesskung fu panda 4
 NEW
l’amante dell'astronautala moglie del presidentela profezia del malela seconda vitala stanza degli omicidila tartarugala terra promessa
 NEW
la trecciala zona d'interessel'esorcismo - ultimo attol'estate di cleol'imperolos colonosmade in dreams - l'italiano che ha costruito l'americamarcello miomay decemberme contro te: il film - operazione spiememory (2023)metamorphosis (2024)monkey manmothers' instinctneve (2024)niente da perdere (2024)noir casablancanon volere volareomen - l'origine del presagio
 HOT R
povere creature!prima della fine - gli ultimi giorni di enrico berlinguerpriscillaquell'estate con irene
 NEW
racconto di due stagionirace for glory - audi vs lanciarebel moon - parte 2: la sfregiatricered (2022)ricchi a tutti i costiricky stanicky - l'amico immaginarioritratto di un amoreroad house (2024)robo puffinroma bluessamadsaro' con tese solo fossi un orsosei fratellishirley: in corsa per la casa biancasolo per mesopravvissuti (2022)spy x family code: whitesull'adamant - dove l'impossibile diventa possibilesuperlunatatami - una donna in lotta per la liberta'the animal kingdom
 NEW
the bikeridersthe fall guythe ministry of ungentlemanly warfarethe penitent - a rational manthe rapture - le ravissementthe tunnel to summer, the exit of goodbyesthe watchers - loro ti guardanoti mangio il cuoretito e vinni - a tutto ritmototem - il mio soletroppo azzurroun mondo a parte (2024)una spiegazione per tuttouna storia neraunder parisunfrosted: storia di uno snack americanovangelo secondo mariavincent deve morirevita da gattovite vendute (2024)zafira, l'ultima reginazamora

1051616 commenti su 50864 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

ANTHRACITE - STAGIONE 1CANI RANDAGICICLOCIRCONDATODALLA MIA FINESTRADALLA MIA FINESTRA - GUARDANDO TEEL CORREOFLASHFORWARD - STAGIONE 1IL BODYGUARD E LA PRINCIPESSAIL GUSTO DELL'ESTATEIL PROBLEMA DEI 3 CORPI - STAGIONE 1LA RAGAZZA D'ACCIAIOL'AMORE DIMENTICATOLASSIE - UNA NUOVA AVVENTURAL'UOMO INVISIBILE ATTRAVERSO LA CITTA'MARE FUORI - STAGIONE 1MARE FUORI - STAGIONE 2MARE FUORI - STAGIONE 3MARE FUORI - STAGIONE 4NOTTE DI MEZZA ESTATE - STAGIONE 1POIROT - TESTIMONE SILENZIOSORECENSIONE D'AMORERESIDENT ALIEN - STAGIONE 1RESIDENT ALIEN - STAGIONE 2RESIDENT ALIEN - STAGIONE 3SIMONE E MATTEO UN GIOCO DA RAGAZZITENERE CUGINETHE COLLECTIVETHE IDEA OF YOUUN SOLO ERRORE. BOLOGNA 2 AGOSTO 1980VACANZE SULLA NEVEVIOLA COME IL MARE - STAGIONE 1VIOLA COME IL MARE - STAGIONE 2ZERO IN CONDOTTA (1983)

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

in sala


HIT MAN - KILLER PER CASO
Locandina del film HIT MAN - KILLER PER CASO Regia: Richard Linklater
Interpreti: Glen Powell, Adria Arjona, Austin Amelio, Retta, Sanjay Rao, Molly Bernard, Evan Holtzman, Gralen Bryant Banks, Mike Markoff, Bryant Carroll, Enrique Bush, Bri Myles, Kate Adair, Martin Bats Bradford, Morgana Shaw, Ritchie Montgomery, Richard Robichaux, Jo-Ann Robinson, Jonas Lerway, Kim Baptiste, Sara Osi Scott, Anthony Michael Frederick, Duffy Austin, Jordan Joseph, Garrison Allen, Beth Bartley, Jordan Salloum, John Raley, Tre Styles, Donna DuPlantier, Michele Jang, Stephanie Hong
Genere: azione

Recensione a cura di The Gaunt

POVERE CREATURE!
Locandina del film POVERE CREATURE! Regia: Yorgos Lanthimos
Interpreti: Emma Stone, Mark Ruffalo, Willem Dafoe, Ramy Youssef, Jerrod Carmichael, Christopher Abbott, Margaret Qualley, Suzy Bemba, Kathryn Hunter, Hanna Schygulla, Vicki Pepperdine, Jack Barton, Charlie Hiscock, Attila Dobai, Emma Hindle, Anders Grundberg, Attila Kecskeméthy, Jucimar Barbosa, Carminho, Angela Paula Stander, Gustavo Gomes, Kate Handford, Owen Good, Zen Joshua Poisson, Vivienne Soan, Jerskin Fendrix, István Göz, Bruna Asdorian, Tamás Szabó Sipos, Tom Stourton, Mascuud Dahir, Miles Jovian
Genere: fantascienza

Recensione a cura di The Gaunt

archivio


THE DEVIL IN MISS JONES
Locandina del film THE DEVIL IN MISS JONES Regia: Gerard Damiano
Interpreti: Georgina Spelvin, John Clemens, Harry Reems
Genere: erotico

Recensione a cura di The Gaunt

MERCOLEDI' - STAGIONE 1
Locandina del film MERCOLEDI' - STAGIONE 1 Regia: Tim Burton, Gandja Monteiro, James Marshall
Interpreti: Jenna Ortega, Gwendoline Christie, Riki Lindhome, Jamie McShane, Hunter Doohan, Percy Hynes White, Emma Myers, Joy Sunday, Georgie Farmer
Genere: fantasy

Recensione a cura di Gabriele Nasisi

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net