equus regia di Sidney Lumet USA 1977
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
Ciao Paul!
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

equus (1977)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

Dove puoi vederlo?

locandina del film EQUUS

Titolo Originale: EQUUS

RegiaSidney Lumet

InterpretiRichard Burton, Peter Firth, Joan Plowright, Harry Andrews, Colin Blakely, Eileen Atkins, Jenny Agutter, Kate Reid, John Wyman, Elva Mai Hoover, Elva Mai Hoover, Patrick Brymer

Durata: h 2.18
NazionalitàUSA 1977
Generedrammatico
Al cinema nell'Agosto 1977

•  Altri film di Sidney Lumet

Trama del film Equus

Dall'omonimo dramma (1972) di Peter Shaffer, anche sceneggiatore. PerchÚ, pur amante dei cavalli, il giovane Alan ne ha accecati sei? Uno psichiatra l'aiuta a scoprire dentro sÚ stesso le origini del malessere, sebbene anch'egli abbia le sue angosce.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   7,25 / 10 (6 voti)7,25Grafico
Miglior attore in un film drammatico (Richard Burton)Miglior attore non protagonista (Peter Firth)
VINCITORE DI 2 PREMI GOLDEN GLOBE:
Miglior attore in un film drammatico (Richard Burton), Miglior attore non protagonista (Peter Firth)
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Equus, 6 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Filman  @  24/10/2021 11:20:07
   7 / 10
EQUUS va persino contro alla libertà di cui il nuovo cinema americano godeva, artisticamente parlando, per inabissarsi in una sorta di surrealismo europeo. Forse era impossibile rendere questo mix di esoterismo e subconscio un film funzionante a tutti gli effetti, proprio per la sua natura disfunzionale, o probabilmente l'unica soluzione sarebbe stata quella di osare, scrivendo e dirigendo questa folle pellicola con un pizzico di follia in più. Per Sidney Lumet rimane comunque una delle cose più insolite che abbia mai girato.

DarkRareMirko  @  21/05/2018 22:48:58
   9½ / 10
Imho il miglior Lumet di sempre, forte di un soggetto coraggiosissimo, un ritmo avvincente (130 minuti che volano), attori notevoli (perfetto anche Burton) ed un senso della regia inimitabile.

Nonostante tutto, non si scende mai nello scabroso, restando sempre in biblico tra sogno ed atmosfera morbosa.

Meriterebbe moooolta più risonanza; è una perfetta trasposizione filmica.

Lumet, maestro indiscusso in un film sottovalutato e non troppo famoso.

Woodman  @  27/07/2014 15:00:26
   7 / 10
Non ho mai considerato la famosa opera teatrale di Shaffer (che qui ha scritto la sceneggiatura), e il film di Lumet è il mio unico incontro con questo dramma angosciante.
I già confidenziali Burton e Firth duettano grandiosamente assecondando una messa in scena atipica per Lumet, di fiammeggiante e intensa tinta visionaria.
Purtroppo pare che sia proprio l'adattamento il danno più grave, a quanto pare Lumet ha tradito diversi punti, magari razionalizzandoli o snaturandoli volendo dire troppo o non dicendo affatto, appiattito la vicenda in qualche modo, chissà. Domande lecite ma a cui non so darmi risposta, essendo completamente ignorante nei confronti dell'opera di Shaffer, di cui conosco soltanto meri dati storiografici legati alle rappresentazioni teatrali, alle trasposizioni in film e musica e gli attori che hanno dato corpo ai due protagonisti.

Provando -per forza, poi, c'è poco da fare- a tralasciare i confronti e valutando il film in sè e per sè, si può certamente dire che è sostenuto da una regia ammaliante, che ben asseconda la vicenda, fotografato benissimo (colori ora sbiaditi ora plumbei, sempre sui toni del grigio e del celeste, un effetto perfetto per rendere il lato terrorizzante della tristezza) e ricco di dialoghi che danno un po' la strana e fastidiosa impressione di essere dei copia-incolla affettati dal copione originale.
Inoltre sembra essere abbastanza diseguale, in alcuni punti è sublimamente inquietante, in altri banalmente annacquato e insapore.

Nonostante Lumet non sia un regista adatto a queste cose e troppo spesso scada nel didascalismo, il mestiere solido è l'amore per i primi piani, gli sprazzi di incanto, l'orchestrazione complessiva riescono a rendere fascinoso l'esperimento, seppur visibilmente non pienamente riuscito.

Doveroso infine confessare che mi ha portato a conoscenza dell'opera il brano "Equus" dei Blonde Redhead. Vergogne segrete.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  07/08/2013 19:39:05
   7½ / 10
Molto complesso questo film di Lumet, ricco di simbologie in cui è facile perdersi. Lumet comunque riesce a risaltare nella giusta luce quella che probabilmente la tematica centrale del film e che si collega in qualche elemento e con un'estrema diversità di stile, molto teatrale, nel Family life di Loach. Rispetto al film del cineasta inglese che punta molto sul contesto sociale, Lumet si concentra maggiormente sugli effetti sulla psiche di un ragazzo schiacciato da genitori iperprotettivi, dall'autotitarismo paterno e l'ossessione religiosa della madre. Un ragazzo solo che costruisce un mondo parallelo al reale dove riesce a raggiungere vere estasi dionisiache, dove riesce ad avere quello sprazzo di libertà negato. In questo contesto si capisce la frustrazione di un medico curante costretto suo malgrado a ricondurlo verso quella normalità piccolo borghese del mondo reale, castrandolo a sua volta e consapevole di guarirlo più per il bene della società civile, rispetto ai bisogni del ragazzo stesso. Una coppia di attori formidabili (Burton e Firth), per un film complesso ma affascinante, che a tratti riesce a liberarsi della sua struttura molto teatrale per offrire squarci onirici di suggestiva bellezza.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento emans  @  11/09/2012 00:34:14
   7½ / 10
Splendido sconosciuto film sulla psicanalisi del maestro Lumet!
Uno psichiatra prende in cura un ragazzo che ha unificato il suo amore per i cavalli con il bigottismo religioso della Madre!
Nel momento in cui l'icona del cavallo viene sostituita da un Cristo sanguinante sulla via del Golgota ecco che scatta la follia,una confusione piena di misticismo che il dottor Burton cerca di diramare senza rendersi conto che anche lui sta per entrare nella trappola di Equus...
Emozionante!

Goldust  @  07/11/2011 12:21:24
   5 / 10
Adoro Lumet, ma questo lentissimo film a sfondo psicanalitico è stato per me una grossa delusione. Si salvano la regia mai invasiva e gli interpreti certamente in parte, lodevoli nel trasmettere una sofferenza d'animo tangibile, ma due ore abbondanti di ininterrotte dissertazioni psicanalitiche non le augurerei neanche al mio peggior nemico..

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

 NEW
abigail (2024)accattaromaancora un'estateanother endanselmarcadianaugure - ritorno alle originiautobiography - il ragazzo e il generaleback to blackbrigitte bardot forevercattiverie a domicilioc'era una volta in bhutanchallengerscivil warcoincidenze d'amorecome fratelli - abang e adikconfidenzadamseldicono di tedrive-away dollsdune - parte duee la festa continua!ennio doris - c'e' anche domanieravamo bambinifantastic machinefino alla fine della musicaflaminiaforce of nature - oltre l'ingannogarfield - una missione gustosaghostbusters - minaccia glacialegli agnelli possono pascolare in pacegodzilla e kong - il nuovo impero
 NEW
i dannatii delinquentii misteri del bar etoile
 NEW
if - gli amici immaginariil caso josetteil cassetto segretoil coraggio di blancheil diavolo e' dragan cyganil gusto delle coseil mio amico robotil mio posto e' quiil posto (2024)il regno del pianeta delle scimmieil segreto di liberatoil teorema di margheritaimaginaryinshallah a boykina e yuk alla scoperta del mondokung fu panda 4la moglie del presidentela profezia del malela seconda vitala terra promessala zona d'interessel'estate di cleolos colonosmay decembermemory (2023)
 NEW
metamorphosis (2024)monkey manmothers' instinctneve (2024)
 NEW
niente da perdere (2024)non volere volareomen - l'origine del presagio
 HOT R
povere creature!priscillarace for glory - audi vs lanciarebel moon - parte 2: la sfregiatricered (2022)ricky stanicky - l'amico immaginario
 NEW
ritratto di un amoreroad house (2024)
 NEW
samadsaro' con tese solo fossi un orsosei fratellishirley: in corsa per la casa biancasolo per mesopravvissuti (2022)spy x family code: whitesull'adamant - dove l'impossibile diventa possibile
 NEW
superlunatatami - una donna in lotta per la liberta'the animal kingdomthe fall guythe rapture - le ravissementtito e vinni - a tutto ritmototem - il mio soletroppo azzurroun altro ferragostoun mondo a parte (2024)una spiegazione per tutto
 NEW
una storia neravita da gattovite vendute (2024)zafira, l'ultima reginazamora

1050617 commenti su 50771 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

BLACKOUT (2023)BURNING DAYSCABRINICURSE OF HUMPTY DUMPTY 3GORATHHUMANEIL CLAN DEL QUARTIERE LATINOIL MOSTRUOSO DOTTOR CRIMENIL PRINCIPE DEL MIO CUOREIL SENSO DELLA VERTIGINELA NOTTE DEGLI AMANTILEDALISA FRANKENSTEINMAGGIE MOORE(S) - UN OMICIDIO DI TROPPOMORBOSITA'ONCE WITHIN A TIMEPENSIVEQUESTA VOLTA PARLIAMO DI UOMINISONG OF THE FLYTERRORE SULL'ISOLA DELL'AMORETHE AFTERTHE CURSE OF THE CLOWN MOTELTHE DEEP DARKTHE JACK IN THE BOX RISESTHE PHANTOM FROM 10.000 LEAGUES

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net