doom generation regia di Gregg Araki USA 1995
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
Ciao Paul!
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

doom generation (1995)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

Dove puoi vederlo?

locandina del film DOOM GENERATION

Titolo Originale: THE DOOM GENERATION

RegiaGregg Araki

InterpretiCress Williams, Johnathon Schaech, Rose McGowan, James Duval

Durata: h 1.40
NazionalitàUSA 1995
Generedrammatico
Al cinema nel Novembre 1995

•  Altri film di Gregg Araki

Trama del film Doom generation

Amy Blue Ŕ una "speed princess" diciassettenne e Jordan Ŕ il suo boy friend, dolce e ingenuo. I due sono soggiogati da Xavier, enigmatico e pericoloso, che li trascina in avventure sempre pi¨ violente viaggiando attraverso l'America. Da quando Xavier li ha costretti a fuggire con lui (dopo aver ucciso un commesso), ogni volta che fanno una sosta da qualche parte, qualcuno viene ucciso barbaramente. E' uno strano triangolo di sesso, sangue e disperazione che li tiene fuori dalla realtÓ.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   6,92 / 10 (31 voti)6,92Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Doom generation, 31 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR wicker  @  02/01/2022 17:27:34
   6 / 10
Il messaggio di Araki nel rappresentare questa generazione x non è sempre chiaro e coerente in questo film , da una parte l'annullamento dei valori , la noia e la superficialità dei ragazzi , dall'altra dove eccessive di violenza e sesso delle quali forse non c'era bisogna .
Per me sarebbe bastata una visione più minimalista (tipo un "Assassini nati") per farne comunque un buon film .
Resta un prodotto di nicchia e del genere in quel periodo ce n'era parecchia simili , non che mi abbia impressionato granchè . Attori così così poi , soprattutto la McGowan mi lascia perplesso come attrice.

VincVega  @  18/06/2020 12:55:57
   6 / 10
Efficace ma eccessiva rappresentazione di una generazione allo sbando. L'intento di Araki è palesemente quello di oltre passare il limite, ma talvolta il giochino risulta ripetitivo, anche se come raffigurazione sproporzionata ed esagerata di alcuni ragazzi degli anni '90 ci può anche stare.

Neurotico  @  23/08/2016 18:26:52
   6 / 10
E' un pulp trasgressivo e folle, in alcuni frangenti pure divertente, ma non c'è stata empatia con i personaggi, che grossomodo risultano tutti troppo fuori dagli schemi, quasi odiosi. Il fascino del film on the road, tuttavia non può mancargli, ma alla fine resta poco, forse perchè l'enfasi surreale e l'andamento frastagliato e superficiale hanno fatto poca presa. Sarà un film sulla generazione X che parla del nichilismo e della sessualità promiscua dei giovani, ma non ingrana mai, non conquista.

MonkeyIsland  @  21/04/2015 01:51:30
   5½ / 10
Pulp frizzante ma anche modaiolo e inutilmente trasgressivo..
Bravissima la McGowan meno il resto del cast, in sostanza si guarda ma non lascia niente ed è un peccato perché Araki nonostante le indubbie qualità secondo me ha girato solo un grande film (o capolavoro per quanto mi riguarda) ovvero Mysterious Skin.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR ferro84  @  02/08/2014 18:58:58
   7½ / 10
Un pulp dai toni trasgressivi e provocatori, girato con grande maestria e un pizzico di follia.
Araki se ispirato sa giocare molto bene con i generi, sempre in bilico tra il trash e il grottesco, Doom Generation è un film pienamente riuscito.

Peccato che con il tempo, a parte quel capolavoro di Mysterious Skin, altro genere e stile, non abbia saputo più ripetersi.

BlueBlaster  @  28/04/2014 02:26:52
   3 / 10
Questa media alta mi aveva illuso di aver ripescato un gioiellino figlio degli anni 90 ed invece sono stato gabbato alla grande!
Un film volutamente estremo e visionario che ostenta sesso e volgarità dal primo all'ultimo minuto in modo gratuito ed inconsistente...di mio non faccio il puritano ma vedere uno che si masturba e poi si mangia lo sperma mentre guarda due che fanno sesso l'ho trovato alquanto disgustoso in questo contesto!
E' un agglomerato di eccessi in una storia senza capo ne coda...ho un'idea del messaggio proposto dal regista ma il suo modo di narrarlo l'ho trovato osceno ma non perché saturo di violenza grottesca o sesso senza censure...osceno proprio perché la pellicola ha dialoghi pessimi, recitazione farsesca, sequenze scollegate tra loro, regia e fotografia allucinate e concetti poco concreti anche per questa "Doom Generation".
Salvo solo la bella e brava, oltre che nuda, Rose McGowan e qualche pezzo della colonna sonora.
Per i miei gusti pessimo e da evitare, poi se piace non so che dire...

7219415  @  11/12/2012 22:19:27
   4 / 10
Veramente pessimo, attori dialoghi...uno schifo

Oskarsson88  @  11/12/2012 18:11:45
   5 / 10
Francamente speravo in molto meglio, dialoghi pessimi e pieni di parolacce per adolescenti, stile troppo scopiazzante traente spunto da pellicole superiori, recitazione scarsa e storia molto stravagante e trash senza però essere di qualità. Di positivo le atmosfere cupe e dark, e un paio di tratti in cui si ride (se poi fosse voluto o meno non si sa), e Xavier che è forse il personaggio più azzeccato. Comunque un b-movie trash adolescenziale che potreste anche non vedere, nonostante un paio di spunti li abbia.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  16/07/2012 23:20:09
   8 / 10
Doom generation è un film molto borderline come le esistenze dei giovani protagonisti, vissute ai margini della società fatti di brevi e rapidi spostamenti come per ogni road movie, solo che è un viaggio senza una meta precisa, una ricerca di un qualcosa ma non si sa bene cosa. Lo stile di Araki è debordante, giocato molto sull'eccesso visivo con punti quasi eccezionali come nella sequenza finale del magazzino a suon di luci stroboscopiche. Certamente sulla linea di pellicole di quel periodo come Cuore selvaggio o Assassini nati, però con la netta sensazione che a livello tematico Strada a doppia corsia di Hellman posa aver influito in parte. Possono apparire didascalici i dialoghi, magari poco curati però tali derive quasi fumettistiche mi fanno pensare anche al Russ Meyer del periodo migliore.

pinhead88  @  19/05/2012 13:39:23
   8 / 10
Uno dei tanti viaggi allucinogeni sulla generazione X che tanto andavano in voga negli anni '90, ma carino e divertente. Una visione che inebria e fa gioire per chi ama le atmosfere buie e metropolitane degli anni '90.
All'epoca sarà stato qualcosa di 'fashion' ma al giorno d'oggi è sicuramente un cult.

phemt  @  05/04/2011 14:38:41
   6½ / 10
Surreale viaggio on the road incentrato sulla generazione X, a conti fatti il film più noto di Araki o comunuque il film che segnò il successo underground del regista statunitense...

Araki mischia genere e situazioni, splatter e sesso, violenza e amore (a tre)... Ne esce fuori un pulp che in parte segue lo schema tarantiniano e in parte brilla di luce propria grazie ad una galleria di personaggi (per quanto tutti o quasi irremediabilmente odiosi) stravaganti e divertenti fino ad arrivare a vere e proprie scorribande in ambito weird...

Doom Generation pecca purtroppo di ingenuità clamorose (l'ossessiva ripetezione del 666 per esempio) e in qualche situazione gestita in maniera frettolosa (il pre-finale) ma diverte il giusto e la fortuna della pellicola è che Araki decide fin da subito di non prendersi troppo sul serio...
Buono per una serata caxxona da trip allucinogeno, meno come film di denuncia sulla generazione X (per quello meglio vedersi il coevo L'Odio)...
Uno di quei film che visto da adolescente grossomodo in quegli anni esalta ma che ad una visione successiva di anni comincia a mostrare tutti i suoi limiti...

Nel cast brilla di luce proprio una bravissima Rose McGowan prima che diventasse la donna di Marylin Manson e di Rodriguez e lasciasse il segno in Planet Terror... Bene Schaech, così così Duval il cui top della carriera fino a questo momento è il Frank (poi coniglio) di Donnie Darko...
Molto interessante la colonna sonora!

Guy Picciotto  @  28/02/2011 10:30:52
   8 / 10
Non potevano che essere caricaturali questi stereotipi di giovani allo sbando, ma fotografandoli così Araki ha raccontato perfettamente (proprio perchè intenzionalmente banale) un epoca,
Doom Generation è un pastiche generazionale programmaticamente eccessivo e sgradevole, ma anche divertente da quanto la demenza è esibita senza pudore e freni, Araki palesa veramente sotto gli occhi di tutti il vuoto di una generazione condannata tra programmi televisivi dementi, AIDS e sale da videogames, disoccupazione e perdita dei valori, non esiste davvero più nessun futuro come cantavano i sex pistols, a colpi di umorismo dissacrante, Araki scodella un mix tra Tarantino, effettacci ultra splatter, il David Lynch di Cuore Selvaggio, sequenze erotiche risibili ai limiti del trash- soft-porno e colonna sonora martellante in stile rock alternativo anni 90 da lollapaalooza generation, sequenza finale ai limiti del pulp più sanguinario, in uno scontro omicida tra i 3 protagonisti (accusati di essere omosessuali) e dei giovani nazisti in una Los Angeles periferica e allucinata, dalle rifrangenze psichedeliche: popolata di "mostri" prodotti da un immaginario televisivo e cinematografico di serie Z, esteticamente vicino agli "assassini "nati" di Oliver Stone, tra l'op-art in MTV's style e le colate vandaliche di colore pop, è questo trovarsi di fronte ad uno spettacolo selvaggio che solo apparentemente è avulso e distante dalla realtà di quei giovani negletti e alienati cresciuti davanti ai bagliori del tubo catodico e dei video Mtv.
Momento più cult: la testa staccata del filippino alla cassa che parla affogando nella salsa da ketchup.

Invia una mail all'autore del commento Andre82  @  04/12/2010 16:52:56
   5½ / 10
Filmetto trash adolescenziale senza grandi pretese.

0Vall  @  03/12/2010 17:31:55
   6 / 10
A mio avviso un Araki deludente,non basta un linguaggio scurrile,sesso e violenza per un pretenzioso stile tarantiniano,manca qualcosa.
Se non fosse per i personaggi ben definiti,e l'ingenuità quasi "ritardata" di jordan e il crudo finale alienato e vaneggiante,darei anche meno di sufficiente.

Invia una mail all'autore del commento s0usuke  @  18/10/2010 16:11:35
   7 / 10
Araki studia da Lynch e da Tarantino e personalizza questa cavalcata "on the road" verso l'inferno mescolando filosofia giovanile spicciola, peregrinare nichilista e coito libidinoso. A "parolottare" è la generazione dei disadattati senza valori ai quali il futuro non appare mai così accattivante per essere motivati a corrergli contro con famelico interesse.

DarkRareMirko  @  25/12/2009 14:43:32
   10 / 10
Il capolavoro di Araki, in assoluto il migliore tra i 10, per ora, lungometraggi da esso realizzati; seconda parte della Teenage apocalypse trilogy, nonchè il film più tematicamente politically uncorrect sinora realizzato dal regista (che via via, nella sua carriera, pur non rinunciando ad intenti di denuncia, alla stregua di un John Waters, si calmerà abbastanza, c'è da dirlo).

Elementi splatter, pulp, trash, sangue, violenza, sesso, nudi integrali son alla base di questo liberissimo viaggio a tre, che purtroppo per uno di loro si trasformerà in tragedia.

Visivamente impareggiabile, con forti e trasgressivi colori, stili di ripresa originalissimi e regia inconfondibile, è tra i migliori film degli anni 90.

Rose McGowan formidabile, riesce sempre a far lievitare qualitivamente i film dove lei è presente; formosissima e bellissima inoltre; bene anche Duvall e Schaech, che lavoreranno più volte con Araki.

Presente anche la Parker Posey di Clock watchers e Scream 3.

Ottime anche le musiche.

DA NON PERDERE.

TheLegend  @  23/12/2009 05:14:10
   7 / 10
Un mix di pazzia,sangue,sesso,violenza,il tutto mischiato con un pò di sano trash.
Esprime molta voglia di libertà.

Invia una mail all'autore del commento INAMOTO89  @  13/09/2009 12:39:00
   7 / 10
Carino ma nulla di esaltante, piu' comico che shokkante e condito da momenti trash che gli fanno perdere punti ulteriormente.... per fortuna il buon gregg si rifara' anni dopo con lo splendido Mysterious skin.

Detto questo il 7 se lo merita, Rose è stupenda cosi come le colonne sonore sulle quali spicca Allison degli slowdive ( grazie a dio quasi sempre presenti nei film di araki :) )

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento Silly  @  13/07/2009 16:14:10
   8 / 10
Visto una decina di anni fa, se non di più, nel pieno della mia adolescenza.
Qui ho conosciuto Rose McGowan edo ho immediatamente pensato che il rossetto rosso fuoco fosse super. Pallidissima e bellissima.
Ho un ricordo strano di questo film, l'ho visto un sacco di volte con gli amici di un tempo perchè lo si trovava macabro e a tratti veramente divertente.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Non so cosa ne penserei riguardandolo adesso, ma al tempo mi piacque tantissimo. Questo viaggio allucinato dello strano trio è una fuga trash da una società nella quale i giovani non si riconoscono. Il tutto è condito da una grande colonna sonora. Psichedelico e pazzo, completamente disinibito e privo di quei meccanismi hollywoodiani da renderlo un minimo digeribile, Doom generation è un simbolo di libertà d'espressione. Io ha 17 anni l'avevo percepito così.

paride_86  @  01/03/2009 16:24:07
   3½ / 10
Terribile esempio di visio-trash, con personaggi e situazioni copiati da "Cuore Selvaggio" e "Pulp Fiction" (i capelli di Rose McGowan sono identici a quelli di Uma Thurman); una storia iniqua e senza alcun senso si trascina per un'ora e venti di inutile pellicola in cui si raggiungono picchi inaspettati di spazzatura:

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Si salvano solo le scenografie surreali e suggestive.

Mordecai Chase  @  24/02/2009 15:11:05
   7 / 10
Un film molto coraggioso, purtroppo non mi è piaciuto tanto o più probabilmente non l'ho saputo capire ed apprezzare.
A dispetto di una trama non complicatissima secondo me (cioè senza flash-back o eccessivo affollamento di protagonisti), è un film da guardare prestandogli la massima attenzione.
È un lavoro molto originale, non so dare motivazioni sensate sul perchè non l'abbia trovato di mio gradimento.
L' avrei preferito meno "psichedelico", mi ha ricordato in alcuni tratti "Natural Born Killers" di O. Stone. (Ad esempio per l'uso dei colori o per il fatto che i protagonisti hanno lo sguardo e la voce spesso "trasognati").
O meglio, per quanto riguarda le voci mi riferisco ai doppiatori, io l'ho visto in italiano. Anche in versione originale le voci sono trasognate?
é questo che non mi è piaciuto, (opinione mia), cioè il film mi sembra un po’ troppo "irreale", immerso in una atmosfera da sogno (o da incubo?). Però penso che questa sia una caratteristica positiva e che io non l’abbia saputa cogliere.
Poi la pellicola, come dicevo prima, è molto originale: i cognomi dei tre protagonisti sono colori; alcune scene richiamano i loro cognomi (e il loro stato d'animo secondo me) e sono illustrate utilizzando solo un colore.
Poi c'è un pò di "violenza stile pulp o splatter" e anche questa secondo me è una buona idea.
Poi c'é questo particolare del 6,66 che ritroviamo spesso nel corso del film ed infine una colonna sonora che non passa inosservata.
La violenza che mi ha impressionato di più però è stata quella del finale, davvero una scena molto forte.
(Ho letto su una recensione che il modo con cui è stata realizzata questa scena, con l'uso delle luci lampeggianti stroboscopiche, è una citazione del finale del film "In cerca di Mr Goodbar". Anche questa secondo me era una pellicola interessante). Avendo visto quel film anche io avevo notato questa somiglianza. Secondo voi è vero?
Poi secondo me questa scena SPOILER è anche un po’ iconoclasta,dunque maggiormente forte; (e poi qualcuno,anni dopo ha avuto la faccia di bronzo di gridare allo scandalo per “La mala educaciòn”).
Questo film l’ho riguardato diverse volte, infatti la prima volta non avevo capito che tutte (o quasi) le persone incontrate lungo il viaggio erano degli ex di Amy.
Comunque gli interpreti non sono male secondo me, molto tenero James Duval, che poi ho ritrovato nei panni o meglio sotto la maschera di Frank in “Donnie Darko”.
Mi è risultato un po’ difficile capire questo film, ho dovuto leggere vari commenti e recensioni prima di poter tirare una mia conclusione che andasse al di là di un “non mi è piaciuto” o “non si capisce l’intento del regista”.
Spero di non aver scritto stupidaggini, o quantomeno di non averne scritte troppe.

PS Qualcuno ha visto il primo film di questo regista ”The living end” o “Totally fucked up”? Vi sono piaciuti? ( Ho intenzione di procurarmeli e mi piacerebbe avere un parere di chi li ha già visti)

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

7HateHeaven  @  29/06/2008 14:00:58
   9 / 10
Da tempo non provavo tante emozioni nel guardare un film...
Questo Doom Generation è stupendo, per la dose di trash, pazzia, sadismo, allucinazioi...
Risulta immediato paragonarlo a Natural Born Killers, questo è forse ancora più cinico e cattivo, senza però critiche alla società attuale ma solo constatazioni .
Grandissima la McGowan..

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

sweetyy  @  21/05/2008 21:04:17
   8 / 10
Uno spasso questo film, stranuccio e particolare

lupin 3  @  19/05/2008 14:23:59
   7½ / 10
Bel fim...
Allucinogeno e tetro...

lesaripresa  @  04/05/2008 11:18:48
   8 / 10
Adoro questo genere di Film.
Adoro perchè mi ricorda Miky e Mallory in Natural Born Killer!
Lo adoro perchè ne sono rimasta affascinata da tutte e tre i protagonisti.....!

Gruppo COLLABORATORI SENIOR foxycleo  @  16/10/2007 14:01:53
   7½ / 10
La generazione X, quella senza valori è la doom generation qui raccontata, quella anche di Micky e Mallory in Natural Born Killer, quella delle anime perse.
Negli anni novanta e forse ancora oggi i giovani maledetti erano la tendenza e forse lo saranno sempre, perchè rappresentano il lato oscuro, quello che si fa domande e poi fa qualsiasi altra cosa anzichè cercare risposte, perché le risposte non ci sono e perchè il fascino dark morirebbe.
Un film forte, di impatto, direi il migliore della trilogia di Araki.

Gruppo COLLABORATORI matteoscarface  @  04/08/2007 20:39:27
   7½ / 10
film ultraindipendente molto interessante, particolarmente anarchico, crudo, ben diretto e molto libero nel presentare le situazioni al limite del grottesco e del surreale. I personaggi sono quanto di più strampalato ci possa essere e per questo sono simpatici. Ha una messa in scena sporca, grezza, lontana da hollywood e perciò bella, pecca però nell'essere un pò ripetitivo. E' un film coraggioso a suo modo e almeno diverso, Greg Araki è sicuramente un regista da tenere sempre d'occhio. La McGowan sembra uscita da un fumetto di Daniel Clowes, gli altri due protagonisti da uno di Joe Sacco

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento goat  @  30/05/2007 18:10:31
   7 / 10
fra baise moi e il trip di un erotomane, doom generation è ameno e molto scorrevole, ma pecca a parer mio di una certa ingenuità di fondo... e nei dialoghi, e nelle caratterizzazioni.
molto originale però, e per questo da premiare.

statididiso  @  17/05/2007 11:00:20
   10 / 10
non una semplice storia on the road, questo "Doom Generation", capostipite della trilogia filmica di Araki (seguito, in ordine, da "The Living End" e da "Extasy Generation"), ma un "affascinante" e, nel contempo, "disturbante" viaggio nei meandri della sessualità; una sessualità in fase di "sperimentazione", in cui l'ambiente circostante rispecchia in pieno lo stato d'animo dei protagonisti (Amy, Jordan e Xavier). la scelta del regista, sicuramente debitore della filmografia lynchiana, di concentrarsi sugli interni e la volontaria incongruenza della trama, conferisce al film un clima claustrofobico e di assurdità. ma è soprattutto con la forza delle immagini che il regista vuole "demolire" tutte quelle visioni "parziali" e "relativistiche" che "ingabbiano" la sessualità. alcune scene, poi, sono trash allo stato puro (vedi la testa mozzata che continua a parlare mentre vomita il cibo sul quale è poggiata; X che si lecca il suo sperma; la fibia della cinta su cui è raffigurato un cowboy in movimento; il dito nel..; e l'aggressione del naziskin con il pendolo rivestito da un calzino, in stile "Arancia Meccanica" etc.). insomma un film che non lascia indifferenti e che non deluderà (almeno gli estimatori di Lynch e Miike). VOTO 10!! L

3 risposte al commento
Ultima risposta 08/07/2007 15.32.27
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Andre85  @  15/05/2007 22:20:41
   7½ / 10
un film particolare, violento, trash drammatico e visionario, il tutto incentrato sul rapporto sessuale.
interessante xavier, o X che arriva dal nulla e ha quasi il ruolo di del visitor q nel celeberrimo film di miike.

da segnalare la bellissima colonna sonora

2 risposte al commento
Ultima risposta 16/05/2007 00.30.01
Visualizza / Rispondi al commento
Invia una mail all'autore del commento angel__  @  20/02/2007 21:39:08
   8 / 10
mi ricordo che mi colpì molto per la sua crudezza e spietatezza,oltre che per la bellezza della giovane rose mcgowan.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

amleto e' mio fratelloanatomy of a fallanimali selvaticiassassinio a veneziaasteroid cityavanzers - italian superheroesbarbieblackbitsblue beetlebugiardo serialecattiva coscienzacoma (2022)comandante (2023)come le tartarughecome pecore in mezzo ai lupiconversazioni con altre donnedemeter: il risveglio di draculadoggy styledouble souldue fratelli (2023)enzo jannacci vengo anch'iofatello e sorellafelicita'gli oceani sono i veri continentigran turismo - la storia di un sogno impossibilehai mai avuto paura?hanno clonato tyronehypnotic (2023)i mercen4ri - expendablesi peggiori giorniil castello invisibileil confine verdeil faraone, il selvaggio e la principessail giuramento di pamfiril grande carroil mio amico tempestail mistero del profumo verdeil pi¨ bel secolo della mia vitail sapore della felicitail supplente (2023)in the fireindiana jones e il quadrante del destinoinsidious - la porta rossaio capitanoio sono tuo padrejeanne du barry - la favorita del rekurskla bella estatela casa dei fantasmi (2023)la lunga corsa - una commedia stralunatala maledizione della queen maryla stanza delle meraviglie (2023)last film showle mie ragazze di cartal'invenzione della nevel'ordine del tempomamma qui comando iomanodoperamission: impossible - dead reckoning - parte unonina dei lupinoi anni luceoppenheimerpapa' scatenatopassagespatagoniapiggy (2022)priscillaraffarheingoldrido perche' ti amoritratto di famigliarodeorossosperanzaruby gillman - la ragazza con i tentacoli
 NEW
saw xshark 2 - l'abissotartarughe ninja - caos mutantethe equalizer 3 - senza treguathe nun 2
 NEW
the palacethe storetitinauna commedia pericolosauna donna chiamata maixabeluna stanza tutta per se'una sterminata domenicauomini da marciapiedewolfkin

1043293 commenti su 49758 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

BUGIS STREETL'ARMONICALE CREATURELIFE OF A SHOCK FORCE WORKERLUMBRENSUENOMOVINGTHE WORKING GIRLS

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net