cadaveri eccellenti regia di Francesco Rosi Italia 1976
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

cadaveri eccellenti (1976)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli! Condividi su Facebook

Seleziona un'opzione

locandina del film CADAVERI ECCELLENTI

Titolo Originale: CADAVERI ECCELLENTI

RegiaFrancesco Rosi

InterpretiLino Ventura, Tino Carraro, Marcel Bozzuffi, Max von Sydow

Durata: h 1.43
NazionalitàItalia 1976
Generedrammatico
Al cinema nel Novembre 1976

•  Altri film di Francesco Rosi

Trama del film Cadaveri eccellenti

Un ispettore di polizia, indagando sull'omicidio di tre giudici, trova una pista che lo porta a Roma, tra i palazzi del potere. Qui scopre un disegno eversivo organizzato da alcuni esponenti politici con la collaborazione di funzionari dello Stato. Riesce a comunicare con il segretario del Pci, ma qualcuno lo ferma prima che faccia giustizia.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   8,00 / 10 (19 voti)8,00Grafico
Miglior filmMigliore regia
VINCITORE DI 2 PREMI DAVID DI DONATELLO:
Miglior film, Migliore regia
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Cadaveri eccellenti, 19 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Gruppo REDAZIONE amterme63  @  12/04/2014 23:09:22
   8 / 10
Francesco Rosi, dopo avere descritto nei propri film avvenimenti e personaggi socio-politici attinenti alla realtà, si cimenta con il thriller politico di creazione fantastica. I risultati sono molto buoni.
"Cadaveri eccellenti" è un film profondamente legato alla realtà politica italiana della metà degli anni '70: gli anni della strategia della tensione, delle turbolenze sociali (scioperi e manifestazioni a raffica), dell'insorgere di gruppuscoli più o meno rivoluzionari e terroristici. C'era all'epoca un profondo sentimento collettivo di inquietudine e preoccupazione, si stava insomma sempre sul chi-va-là, a parare da un lato eventuali putsch da parte di organi istituzionali impazziti (i famosi servizi segreti deviati e le irrequietudini dei generali) e dall'altro lato a sgominare i gruppi terroristici che spuntavano come funghi.
Se non si ha cognizione di quell'epoca è inevitabile che il film "annoi" e sia percepito come "pesante".
Rosi fa sua un'ipotesi comune all'epoca all'interno dell'influente (allora) comunità intellettuale di sinistra, cioè che i gruppuscoli terroristici fossero solo uno strumento volente o nolente dell'intento destabilizzatore di alte cariche statali con con le loro trame segrete. L'impressione allora (e anche adesso) era che il futuro politico e istituzionale italiano venisse deciso con mezzi e vie non democratiche, senza coinvolgere la gente comune.
A ciò si aggiunge la sfiducia diffusissima allora nei confronti della magistratura (erano i tempi degli insabbiamenti, della severità nei confronti del cittadino comune e della relativa impunità nei confronti dei potenti), riflessa benissimo anche in questo film.
Inoltre allora si aveva ancora fiducia nella drittura morale e democratica del massimo partito di opposizione, anche se si metteva già allora in rilievo i tentativi di accomodamento (di inciucio si direbbe oggi) con la parte al governo e la sostanziale passività e tacito accordo nel mantenere coperti i segreti di stato.
In tutti i film politici precedenti di Rosi (Giuliano, Mattei) erano esposti casi reali non risolti, ambigui, in cui non si conosceva né si sarebbe mai conosciuta la verità. Adesso utilizza questo principio anche nella fantasia. "Cadaveri eccellenti" è un thriller fantapolitico (ma neanche tanto "fanta") in cui i numerosi delitti di persone di alto rango non avranno mai una spiegazione, né il movente, né l'esecutore, né il mandante. Si insinua chi possa essere il responsabile, ma non se ne dà volutamente la prova certa.
Lo spettatore si deve quindi fare una ragione che l'oggetto del film non è sapere chi ha ucciso, ma penetrare e conoscere l'ambiente e le trame che stanno dietro i personaggi uccisi e/o coinvolti. Rogas, il protagonista (un bravissimo Lino Ventura), è un uomo onesto delle istituzioni, il suo dovere va sopra tutto, anche sopra la famiglia. Più si addentra nei meandri del potere e più se ne distacca mentalmente. Si trova in mezzo a un verminaio, a giochi pericolosi che finiscono per travolgerlo.
Il finale è amaro e pessimista (come divenne di uso comune dagli anni '70 in poi): l'unica salvezza sta in pochi integerrimi uomini delle istituzioni e in alcuni giornalisti, i quali sacrificano la loro vita per degli ideali democratici.
"Cadaveri eccellenti" ha una struttura a thriller veramente efficace. Le scene si succedono in maniera staccata e sincopata, ma sempre con tensione crescente. All'interno delle scene il ritmo è lento e quindi invita a guardare i particolari (scenografie molto curate e ambientazioni "suggestive") creando una sottile suspense. Nel finale poi la lentezza crea ancora più tensione, la quale travolge pure l'equilibrio psichico del compassato Rogas.
Ottimo thriller che vale la pena di vedere anche oggi.

7219415  @  12/01/2013 21:00:00
   5 / 10
Noia mortale...dopo un po' non ce l'ho fatta e l'ho visto in dormiveglia...troppo pesante...

Oskarsson88  @  12/01/2013 15:13:13
   5 / 10
non mi è piaciuto, troppo complesso negli intrecci ideologici e troppo statico nei fatti che avvengono. Apprezzabili come sempre le idee di denuncia, ma come film all'atto pratico mi trovo costretto a bocciarlo.

baskettaro00  @  09/04/2012 15:53:29
   8 / 10
altra denuncia targata rosi,che la unisce al giallo all'italiana tipica di quegli anni,riuscendo a convincere anche in questo campo poco esplorato dal regista,convincendo con belle sequenze mute e atmosfere azzeccate.
bravo ventura nel personaggio dell'ispettore.

Invia una mail all'autore del commento anthonyf  @  29/03/2012 16:44:04
   8½ / 10
Amarissimo e spietato film di Rosi, un ritratto nudo e realistico dell'Italia al tempo degli 'anni di piombo', realizzato con un ottimo dispiego di mezzi e con un cast di gran classe, il cui protagonista è un sempre sensazionale Lino Ventura, dal volto rabbuiato e meditabondo, che veste con molta accuratezza i panni dell'Ispettore Rogas, poliziotto serio e disincantato, che crede ancora nella Giustizia, in un'epoca in cui il Terrorismo e la Lotta Armata dilaniavano violentemente il nostro Paese. Partendo dai canoni del giallo classico, con un triplice omicidio di giudici della Procura, il film acquista rapidamente punti forza, sia nella storia gradevole e lineare, sia nell'ambientazione ben ricostruita ed interessante, avvalendosi oltre a Ventura di un cast molto fornito, con attori come Max Von Sydow, Renato Salvatori, Paolo Graziosi e lo stesso Renato Turi in un cameo di pochi secondi. Molto suggestiva è la sequenza iniziale nel convento, così come strepitosa è la scena tra Ventura e Sydow, in cui entra gioco la filosofia pessimista 'sciasciana', che caratterizza impeccabilmente ogni film tratto da un suo libro: in "Una Storia Semplice" Volontè diceva a Favilla "L'italiano non è l'italiano... é il Ragionare!", qui Sydow dice a Ventura che per combattere il Terrorismo non bisogna avere pietà (e di conseguenza, non si può mettere in discussione la Giustizia: quando il prete dice la messa, si crea il mistero perché il sacerdote è tale; quando viene decretata una sentenza, essa è sempre giusta, in quanto il giudice è giudice... concetto complicato e forse sbagliato, ma reso magistralmente dai due interpreti e da Rosi).
In conclusione, un gran film, da vedere.

Febby  @  12/02/2012 22:37:25
   5½ / 10
Dai voti che ha qui su filmscoop mi aspettavo un gran bel film e invece... noiosissimo fino all'inverosimile, Lino Ventura scialbo e moscio, si salvano solo un come sempre grande Sydow e alcuni personaggi secondari. Buonissima la regia, buona la fotografia e la sceneggiatura, ma con mezz'ora in meno forse sarebbe stato meno pesante. Il finale mi ha colpito, davvero azzeccato, il dialogo finale poi è inquietante, specialmente la frase:

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  27/03/2011 14:35:52
   8½ / 10
Cadaveri eccellenti riprende le tematiche di Lucky Luciano, ma se nel film precedente presentava come un dato di fatto l'impenetrabilità del boss mafioso, in questo film si ha un'escalation da un probabile colpevole o comunque una pista sicura da seguire (tutta l'ambientazione siciliana), fino ad arrivare al punto in cui non vi è alcuna certezza. Tutto diviene più indefinito, "chi comanda chi", "chi manovra chi", in cui lo stesso protagonista (e lo spettatore con lui) viene messo sotto scacco. Più si sale di livello, più il potere diventa indefinito.
Il film di Rosi senza dubbio è molto ancorato alla realtà del periodo e ne riproduce perfettamente quel clima angosciante in cui la svolta autoritaria (sul modello cileno o greco) era un pericolo tangibile e il processo di compromesso storico era in fase avanzata. Proprio considerando il contesto dell'epoca che la frase finale "La verità non è sempre rivoluzionaria" scatenò un mare di polemiche.

Invia una mail all'autore del commento shantaram  @  08/01/2011 01:03:13
   8 / 10
Film vero che lascia trasparire la condizione italiana di sempre. Corruzione, complotti. Cose che non ci lasciano mai. Bellissima opera di Rosi.

Invia una mail all'autore del commento marco986  @  29/11/2010 15:22:31
   10 / 10
ROSI CONFEZIONA UN ALTRO BEL FILM (ANCORA ATTUALE)SUGLI SCANDALI E LE MANOVRE SEGRETE CHE IMPERVERSANO NELLO STATO ITALIANO(PARTI DEVIATE)OTTIMO VENTURA COME PROTAGONISTA SEMPRE BELLE LE MUSICHE DI PICCIONI

Sulla regia di Francesco Rosi
GRANDE COME SEMPRE

Sull'interpretazione di Lino Ventura
OTTIMO VENTURA COME PROTAGONISTA ALTRO ATTORE POCO RICORDATO

Sulla colonna sonora
SEMPRE BELLE LE MUSICHE DI PICCIONI

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento emans  @  26/09/2010 11:28:40
   8 / 10
Rosi maestro dei film di denuncia fa centro un'altra volta con questo gioello di film!
In particolare sono splendide le sequenze in cui viene "preparato" l'omicidio...ricordo la prima dopo minuti di silenzio all'interno delle catacombe,o quella finale!
Nel cast anche Max Von Sydow che ha il merito di intrattenere lo spettatore con un monologo davvero interessante!
Un film sicuramente triste,che lascia un forte pessimismo al termine della visione...ma con Rosi ci siamo abituati...
Ottimo

JOKER1926  @  15/09/2010 16:31:40
   7 / 10
Laborioso e raffinato "Cadaveri eccellenti" Ŕ un film di grande impatto visivo e mediatico che cerca di rappresentare con una metafora snodante in un'astrusitÓ poetica di fondo il clima dell'Italia di un tempo e di oggi , o meglio "Cadaveri eccellenti" Ŕ il gioco voluminoso e volubile dello stato, del potere con complessi e infami giri di marionette, intrighi e colpi bassi.

Rosi, regista coraggioso con film impegnativi a sfondo politico, con "Cadaveri eccellenti" regala allo spettatore una storia sopraffina imperniata su incresciosi "fattacci" che coinvolgono la vita di magistrati, il tutto attraverso una serie di dialoghi penetranti, profondi e a tratti molto filosofici.
La sceneggiatura ideata da Rosi Ŕ satura di pregi, piena di colpi di scena; moltissime le scene da ricordare che, scandite da una fotografia sublime, offrono al pubblico momenti inquietanti e artistici di grosso spessore.
La vittoria sul piano tecnico Ŕ grande, con un cast di primo livello con Lino Ventura in una prova impeccabile, infatti l'ispettore Ŕ un'icona nella pellicola di una grazia oggettiva.
Buona la musica e complimenti per il lavoro circa la fotografia, gli scenari; insomma svariate le scenografie tetre, cupe, pittoresche che sublimano ulteriormente "Cadaveri eccellenti" rendendolo un film di prima fascia sia per il messaggio che per il lavoro tecnico con palesi spunti alla cognizione letteraria e filosofica.
Il finale oscuro e cinico riconferma e tonifica maggiormente la denuncia della regia verso un potere "vago" ma presente, non definito ma stagnante.

"Cadaveri eccellenti" Ŕ un film che non sente il peso dell'etÓ, dei suoi decenni; ma ricalca a voce alta ancora l'imbroglio e le manipolazioni politiche, sempre attuali.
Film da visionare, enigmatico e ricolmo di spunti importanti che fanno riflettere.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR foxycleo  @  12/12/2009 14:19:59
   8½ / 10
Tratto dal "Contesto" di Sciascia il film di Rosi è un incubo sulla realtà italiana. Un film tortuoso, in cui la verità sembra perdersi lungo la strada percorsa dall'ispettore Rogas. Un film sull'omertà, sul mistero, sulla violenza e sul silenzio. Tutti concetti espressi nella forte raffigurazione di Cres, personaggio chiave del film.
Lino Ventura offre una prova davvero notevole.

harold  @  09/06/2008 14:31:25
   9½ / 10
Da un romanzo di Sciascia,Rosi trae un film eccellente,condotto con un ritmo
esemplare e un cast d'attori oggi irripetibile.Domina saldamente la scena,nei
panni dell'ispettore Rogas,un Lino Ventura eccezzionale come suo solito.Al
suo fianco,ottimi Von Sydow e Pistilli.Alcune scene sono da antologia nel
genere.Questo film rimane probabilmente,l'ultimo capolavoro diretto dal
regista,che non raggiungerà piu'simili vertici. Efficace la colonna sonora.

Gruppo COLLABORATORI Terry Malloy  @  14/11/2007 15:49:57
   8½ / 10
ispirato a "Il Contesto" di Sciascia, Cadaveri Eccellenti è un'apocalittico e geniale studio sulla regione più controversa d'Italia, 'a Sicilia.
"La Sicilia è una realtà fantastica, se non sei fantasioso sei finito" diceva il grande scrittore si**** e Rosi è il suo alter-ego cinematografico.
Un bellissimo viaggio in cui sovrannaturale (si pensi alla scena iniziale!! molto suggestiva) e enigma sembrano intrecciarsi a tal punto da formare la convinzione che è impossibile ricostruire la realtà dei fatti (si pensi alla scena in cui la prostituta e il postino dicono due cose distinte).
Grande talento, grande uso del simbolismo, Rosi mette molta passione e dirige un cast perfetto (simpatica la presenza di Salvatori), tuttavia si scorge una solennità statuaria nei personaggi che rendono pesante una narrazione solitamente veloce dato il genere semi-poliziesco. Non a caso stonano (ed è voluto) i movimenti bruschi del giudice maniaco della pulizia durante la visita di Rogas e appena prima della sua morte.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Giordano Biagio  @  05/08/2007 12:35:59
   8½ / 10
Film di denuncia politica di grande coraggio e bravura tecnica.

Rosi mostra delle realtà credibili e di grande portata politica. Il coraggio e la lucidità del regista fanno dei suoi film dei capolavori ineguagliabili.

Rosi rimane un personaggio chiave del cinema italiano, indubbiamente di risonanza e prestigio internazionale grazie alla denuncia di fatti estremamente gravi che nella vita politica italiana non mancano mai.

dgarofalo  @  29/06/2007 09:27:43
   9 / 10
bellissimo film di rosi che mostra la corruzione ke ce nella politica a quei tempi e tutt'ora
lino ventura bravissimo
film da vedere

Il Messere  @  16/05/2007 19:22:14
   7½ / 10
Film impegnato e soprattutto impegnativo di Francesco Rosi che annuncia la carica negativa dell'epoca, come "Tre fratelli".

quaker  @  14/06/2006 23:46:41
   9 / 10
Ottima trasposizione cinematografica de Il contesto di Leonardo Sciascia. Ambientazione siciliana che "sfrutta" una serie di luogi, dai circoli, alle ville (mi pare), agli ossari, per un film con alcune scene memorabili, come l'incontro fra l'ispettore e il Presidente della Cassazione.
Meraviglia che simili film siano del tutto dimenticati, anche se, naturalmente, risentono dell'epoca, ormai lontana in tutti i sensi, in cui sono stati girati. Però questo Cadaveri Ecellenti, almeno, è profetico e meriterebbe per ciò solo di essere rivisto, anhe se non passa quasi mai in Tv e credo sia di non troppo facile reperibilità.

Gra'75  @  22/01/2006 18:50:55
   10 / 10
Film meritatamente incluso fra i 100 migliori film di tutti i tempi.
Girato nel 1975 ed uscito l'anno successivo è tutt'ora di GRANDE ATTUALITA'. La corruzione politica dell'epoca si verifica puntualmente anche oggi.
UN FILM CAPOLAVORO. Lino Ventura eccezionale.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico


859276 commenti su 30183 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net
Division: Workless