Recensione w. regia di Oliver Stone USA 2008
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione w. (2008)

Voto Visitatori:   6,12 / 10 (64 voti)6,12Grafico
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film W.

Immagine tratta dal film W.

Immagine tratta dal film W.

Immagine tratta dal film W.

Immagine tratta dal film W.

Immagine tratta dal film W.
 

Il sottotitolo di "W." è "a life misunderestimated", da uno dei celebri e sgrammaticati nelogismi coniati da George W. Bush durante il suo mandato. E tanto basta a capire che Oliver Stone non è certo un fan dell'uscente Presidente USA.

"W." ripercorre le tappe che hanno portato George W. Bush da una giovinezza problematica e vissuta all’ombra della carriera del padre e del talento del fratello Jeb ad un riscatto personale e sociale fino all’elezione a Presidente degli Stati Uniti ed alle controverse decisioni riguardo la guerra in Iraq.

Quello che Oliver Stone sceglie di raccontare, in un'alternanza di piani temporali che conferisce un buon ritmo al film, è un insieme di momenti significativi, ma quasi mai pubblici, della vita di George W. Bush, dagli anni disimpegnati del college agli inizi della guerra in Iraq. Impietosamente, assistiamo all'ascesa di un uomo mediocre ma determinato, ottusamente granitico, complessato, alla ricerca di un'approvazione paterna che nemmeno con la presidenza degli Stati Uniti sembra definitivamente essere concessa. Josh Brolin è bravissimo nel caratterizzare la difficoltà di una persona sempre al limite delle proprie capacità intellettuali, costretto a rinunciare alle proprie modeste ambizioni da americano medio per sobbarcarsi il peso del nome Bush.
Niente di nuovo sotto il sole: che Bush non sia acutissimo è risaputo, e infatti Stone non calca la mano, lasciando agli epigoni di Michael Moore e alla memoria di Youtube la testimonianza delle varie assurdità dette e fatte in otto anni di presidenza, e si concentra piuttosto su un tortuoso percorso umano fatto di problemi caratteriali, problemi di alcolismo e redenzione religiosa; tanto da mostrare in una scena piuttosto inquietante un Bush convinto che sia Dio stesso a chiedergli di candidarsi per la Presidenza. Una sorta di Forrest Gump tristemente reale, la vittoria della volontà e della mediocrità sull'intelligenza e la cultura, la vita di un uomo che senza il cognome Bush sulle spalle sarebbe certamente finito... A votare qualcun altro con il nome Bush sulle spalle.

Al fianco di Brolin, Elizabeth Banks ("Zack and Miri make a porno", "Spider-Man") nei convincenti panni di una devota Laura Bush e James Cromwell (di recente visto in "Spider-Man 3") in quelli dell’austero George Senior spiccano in un cast di prim’ordine ma forse troppo incerto sui toni da scegliere per le varie interpretazioni. Così accanto a convincenti interpetazioni ne troviamo alcune un pò più macchiettistiche (Thandie Newton nei panni della Rice e Toby Jones in quelli di Karl Rove, ad esempio).

Le riunioni del governo americano, sperando che non siano davvero così, mostrano un Bush attaccato agli ideali Dio-Patria-Famiglia, ottimo strumento di mass-distraction per le pragmatiche macchinazioni dei falchi Cheney-Rumsfeld alla conquista dei pozzi di petrolio del medio oriente. E anche in questo caso, al di là delle varie prove d'attore più o meno buone, non è che ci sia molto da dire. Si sa già tutto, Oliver Stone fa il minimo sindacale inserendo qualche canzoncina popolare americana in versione grottesca e divertente, in modo da infarcire di ridicolo, o di tragico, il tutto, ed anche per ricordare che in ogni caso si tratta di fiction.
E il problema di "W." forse è proprio questo, che il tono del film oscilla in continuazione tra il necessariamente grottesco e il realmente tragico, due facce della stessa medaglia, quando a prendere le decisioni del Paese più importante del mondo è chiamato un uomo che non ha le capacità di farlo. Non c'è attacco, non c'è apologia, sembra solo uno sconcertato "guardate in mano a chi siamo in grado di metterci, meno male che è finita".
Per ora.

"W." non è un capolavoro, ma visto l'argomento scelto, forse era difficile fare di meglio.

Commenta la recensione di W. sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di JackR - aggiornata al 16/01/2009

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

18 regali1917a quiet place iia riveder le stelleadoration (2019)alice e il sindacoalla mia piccola samaandrej tarkovskij. il cinema come preghierabad boys for lifebirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinnbombshell - la voce dello scandaloboterobunuel - nel labirinto delle tartarughecaterinacats (2019)cattive acquecena con delitto - knives outcercando valentina - il mondo di guido crepaxche fine ha fatto bernadette?city of crimecolor out of spacecriminali come noidiamanti grezzidio e' donna e si chiama petrunyadolittledoll housedoppio sospettoeasy living - la vita facileera mio figliofabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovatofantasy islandfigli (2020)gli anni piu' belligood boys - quei cattivi ragazzigrandi bugie tra amicigretel e hanselhammametherzog incontra gorbaciovil diritto di opporsiil drago di romagnail ladro di giorniil lago delle oche selvaticheil meglio deve ancora venireil mistero henri pickil primo nataleil richiamo della foresta (2020)il terzo omicidioimpressionisti segretiin the trap - nella trappolajojo rabbitjudy (2019)jumanji - the next leveljust charlie - diventa chi seila dea fortunala gomera - l'isola dei fischila mia banda suona il popla partita (2020)la ragazza d'autunno
 NEW
la vita nascosta - hidden lifel'agnellol'apprendistatolast christmasleonardo. le operel'hotel degli amori smarritil'inganno perfettolontano lontanolourdes (2019)lunar cityl'uomo invisibile (2020)marco polo - un anno tra i banchi di scuolamarianne e leonard. parole d'amoremarie curieme contro te: il film - la vendetta del signor s
 HOT R
memorie di un assassinonancynon si scherza col fuocoodio l'estatepicciridda - con i piedi nella sabbiapiccole donne (2019)pinocchio (2019)playmobil: the moviepromarequeen & slimrichard jewellritratto della giovane in fiammescherza con i fantischool of the damnedshow me the picture: the story of jim marshallsola al mio matrimoniosonic - il filmsono innamorato di pippa baccasorry we missed youspie sotto coperturastar wars - l'ascesa di skywalkersulle ali dell'avventuratappo - cucciolo in un mare di guaithe boy - la maledizione di brahmsthe farewell - una bugia buonathe grudge (2020)the lodgethe new mutants
 NEW
the other lambthey shall not grow old
 HOT
tolo tolouna storia d’arteunderwatervilletta con ospitivolevo nascondermi

1001615 commenti su 43203 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net