Recensione l'uomo nell'ombra regia di Roman Polanski Germania, USA 2009
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione l'uomo nell'ombra (2009)

Voto Visitatori:   6,84 / 10 (138 voti)6,84Grafico
Migliore regiaMigliore sceneggiatura non originaleMiglior montaggioMiglior colonna sonora
VINCITORE DI 4 PREMI CÉSAR:
Migliore regia, Migliore sceneggiatura non originale, Miglior montaggio, Miglior colonna sonora
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film L'UOMO NELL'OMBRA

Immagine tratta dal film L'UOMO NELL'OMBRA

Immagine tratta dal film L'UOMO NELL'OMBRA

Immagine tratta dal film L'UOMO NELL'OMBRA

Immagine tratta dal film L'UOMO NELL'OMBRA

Immagine tratta dal film L'UOMO NELL'OMBRA
 

Prima di essere stato chiamato a fare i conti con i fantasmi del suo passato, il regista Roman Polanski ha fatto in tempo a dirigere questo suo nuovo e forse ultimo film, "L'uomo nell'ombra", un thriller fantapolitico totalmente e compiutamente polanskiano fin dalla prima inquadratura: complesso, teso, claustrofobico, paranoico, dalle atmosfere inquietanti e il ritmo serrato. Un po' come tutta la sua vita: dall'infanzia pervasa dagli incubi nazisti, alla giovinezza segnata dalla tragedia della bellissima moglie in attesa di un bambino, massacrata dal folle capo di una setta satanica; dalla maturitÓ macchiata dall'accusa di violenza sessuale nei confronti di una minorenne fino all'arresto, arrivato inaspettato lo scorso settembre nell'aeroporto di Zurigo, 32 anni dopo quella terribile accusa che lo ha portato a fuggire il pi¨ lontano possibile dall'America, un po' ovunque, fino in Francia, dove ha ritrovato le sue lontane radici e un nuovo amore che ha lenito i suoi incubi e che adesso lo assiste nella prigionia dorata del suo chalet sulle montagne elvetiche (dove Ŕ detenuto agli arresti domiciliari), forse una ritorsione per questa denuncia sui crimini di Stato.
Ed Ŕ in Francia che Polanski ha ritrovato la voglia di vivere e a liberarsi dalle ossessioni e dalle paranoie della sua vita, riversandole nei suoi film, dal cupissimo "Chinatown" all'angosciante "Rosemary's Baby", fino quell'affresco insuperato sulla barbarie nazista di "Il pianista".

Ma Ŕ con L'uomo nell'ombra che Polanski, dopo un ventennio, torna ad occuparsi in maniera evidente ed efficace, di temi legati alla contemporaneitÓ, quali i loschi affari della politica e la fine delle ideologie, sostituiti dalla forza dei media con la loro capacitÓ di manipolare la realtÓ e condizionare scelte e comportamenti.

╚ questa la caratteristica della filmografia di Roman Polaski: un cinema complesso e diseguale, capace di grandi picchi e di inspiegabili cadute, mai uguale a se stesso, che si intreccia e si dispiega con la sua vita, in cui il filo conduttore si dipana insieme al motivo ricorrente della solitudine dei protagonisti. Come quella che avvolge il ghost writer di "L'uomo nell'ombra": un uomo qualunque la cui pacata quotidianitÓ viene sconvolta dalle macchinazioni della politica, dalle ostilitÓ della natura, dalla paura e dall'angoscia.

A lui, scrittore fantasma, viene offerta l'opportunitÓ di continuare a scrivere le memorie biografiche dell'ex primo ministro britannico, Adam Lang, interrotte a causa della misteriosa morte del predecessore, deceduto in seguito alla caduta (non si sa quanto accidentale) da un traghetto, in circostanze rimaste tuttora oscure.
Sembra l'occasione della sua vita (almeno cosý gli assicura il suo agente), anche se il progetto pare frutto della maledizione che ha colpito il predecessore.
Allettato dal "quarto di milione" che gli viene offerto, lo scrittore fantasma (non ne sapremo mai il nome nel corso dell'intero film) si imbarca, in pieno inverno, alla volta di un non luogo, una sperduta isola al largo delle coste americane dell'Atlantico, dove l'ex Premier risiede, quasi in esilio, in compagnia della bellissima moglie, Ruth, e della segretaria/amante, Amelia.
Appena messo piede nella lussuosa e tetra residenza americana e aver ricevuto in consegna, dalla segretaria, la bozza originale delle memorie, da lei gelosamente custodite, il ghost writer finisce, pian piano, con lo scoprire ci˛ che non avrebbe dovuto scoprire e capisce che l'uomo politico e il suo staff (moglie e segretaria comprese) hanno parecchi scheletri nell'armadio (costituiti da intrighi, segreti, scandali politici, tradimenti e ovviamente i servizi segreti, onnipresenti, complottisti, manipolatori anche a costo di lasciarsi dietro una lunga scia di cadaveri), e di essersi cosý cacciato in una situazione estremamente pericolosa, dalla quale farÓ bene a guardarsi se non vuol correre il rischio di finire nello stesso ingranaggio che ha giÓ stritolato il suo predecessore.
La situazione si fa insostenibile quando un ministro del Governo britannico accusa pubblicamente Lang di essersi "venduto" agli americani e di aver, nel corso del suo mandato, autorizzato illegalmente la cattura in Pakistan di sospetti terroristi e di averli consegnati alle torture della CIA. Uno scandalo di proporzioni enormi che porta sull'isola giornalisti e pacifisti che intralciano il lavoro dello scrittore e lo portano a rinchiudersi nella lussuosa residenza, insieme al manoscritto del predecessore, in cui non tarda a scoprire oscuri e scottanti segreti che riguardano l'uomo politico, e probabilmente il movente che lo ha portato alla morte e che ora rischia di mettere a repentaglio la sua stessa vita. In un epilogo bellissimo e a sorpresa, ma anche enigmatico e criptico, in cui nulla Ŕ come sembra e la veritÓ Ŕ un anagramma indecifrabile.

Roman Polanski ha girato un thriller intenso e inquietante nel suo rileggere l'attualitÓ e gli intrighi dei potenti, che deve molto dei classici del genere, senza per questo rinunciare a una sua personale originalitÓ, che si evidenzia nel sarcastico uso di un sense of humour sapientemente dosato, assolutamente non consueto nella cinematografia noir, eccezion fatta per quella hitchockiana, a cui la pellicola apertamente si ispira nei meccanismi narrativi e negli stilemi visivi.
L'astrattismo geografico, quasi fantastico, contribuisce a rendere la storia un dramma sfuggente e ambiguo, per raccontare il grande tema contemporaneo della condizione umana che ha attraversato tutto lo spettro della possibile immoralitÓ.

Il film pur essendo molto aderente al libro da cui Ŕ tratto ("Il Ghost Writer" di Robert Harris, ex giornalista della Bbc ed ex grande amico e collaboratore di Tony e Cherie Blair, che ora non gli rivolgono pi¨ la parola, sulla cui falsariga pare abbia costruito le figure dei coniugi Lang) mescola sapientemente gli elementi del thriller e la tensione specifica del genere spy-story, coinvolgendo lo spettatore nella psicologia che anima il protagonista e lo porta a vivere con lui il senso di spaesamento, di paura, di isolamento e mistero, in un percorso dark che lo accompagna per tutta la durata del film e lo porta a percepire ma non a decifrare il pericolo cui sta andando incontro a mano a mano che si svelano segreti top secret, che ambizioni umane e cinismo politico cercano di proteggere e tenere nascosti.
Ma le cose che colpiscono maggiormente sono la forza comunicativa delle inquadrature, in perfetto stile polanskiano, che connotano il film attraverso immagini "sporche", oltre ad una luce costantemente funerea che ci fa dubitare di tutto e trasmette inquietudine e disagio: sensazioni che si sedimentano nella memoria e contribuiscono a creare quel clima di suspense paranoica e avvincente, senza peraltro far ricorso a clamorosi colpi di scena o ad effetti eccessivamente efferati e violenti.

Per questo "L'uomo nell'ombra" rimane un thriller politico atipico e inconsueto, che fonda il suo coinvolgimento in poche ma precisi elementi, come quella straordinaria villa postmoderna in riva all'oceano burrascoso dove si Ŕ rifugiato l'ex premier mentre Ŕ indagato per presunti crimini di guerra; quell'inizio intriso di mistero e quel cadavere affiorante sulla spiaggia dell'isola, battuta dal vento; e poi la solitudine interiore che avvolge lo scrittore fin dal suo arrivo sull'isola, sottolineata dalla impudente consapevolezza che la storia la scrive chi riesce a restare vivo, ma che l'impresa si fa sempre pi¨ del pericolosa a mano a mano che la sua sete di veritÓ lo avvicina al muro di bugie, all'ombra del quale si Ŕ scritta la storia pi¨ recente del proprio paese, impegnato insieme agli altri "paesi volenterosi" (come li chiamava Bush jr.) ad esportare la democrazia con la potenza delle armi e la forza dell'inganno.

Troppo facile pensare all'ex premier laburista per il personaggio di Lang, e alla sua parabola politica, cominciata sotto il segno della speranza di cambiamento, che il suo paese aspettava dopo 18 anni di governi conservatori, e conclusa con l'ingiuria di essersi venduto a Bush, quando decise di appoggiare incondizionatamente la "sua" guerra all'Iraq, adducendo come scusa che lÓ si nascondevano armi di distruzione di massa.

Ad interpretare il ruolo principale dello scrittore, Polanski ha voluto il sempre pi¨ stropicciato Ewan McGregory, sempre molto convincente e poliedrico, in grado di imprimere al suo personaggio quell'aria sperduta e incredula di bravo ragazzo, un po' ingenuo e un po' incosciente, alle prese con un "affaire" pi¨ grande di lui, un antieroe intrappolato in una spirale di intrighi e tradimenti, che cercherÓ di scoprire anche a rischio della sua incolumitÓ personale.
Adam Lang ha il volto raffinato di Pierce Brosnan, un interprete che pi¨ invecchia e pi¨ diventa bravo, qui alle prese con un ruolo difficile e ambiguo, affascinante e carismatico, affrontato con sicurezza e grande padronanza delle sue capacitÓ espressive.
Nel cast figurano anche Olivia William (bravissima e a suo agio come ex first lady, e Kim Cattral, reduce da "Six Feet Under".
Completano il cast, in ruoli di contorno, Thimoty Hutton, Tom Wilkinson, Eli Wallach e un quasi irriconoscibile James Belushi.

La pellicola di Polanski che ha vinto l'Orso d'argento per la miglior regia (premio che l'autore di "Frantic" non ha potuto ritirare personalmente, a causa delle note vicende giudiziarie che l'hanno colpito) a Berlino 2010, contiene un finale da non perdere assolutamente, e offre un'istantanea della societÓ di oggi, dove riaffiorano vecchie paure e mondi piene di ombre.
Un po' come tutta la sua vita.

Commenta la recensione di L'UOMO NELL'OMBRA sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di Mimmot - aggiornata al 14/04/2010

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

800 eroia cena con il lupoa classic horror storya dayagente speciale 117 al servizio della repubblica - missione rioagente speciale 117 al servizio della repubblica: missione cairoagnesall my lifeamazing grace (2018)
 NEW
ancora piu' belloatlasbaphometbeckettblack widow (2021)blood brothers: malcolm x & muhammad aliblood red sky
 NEW
blue bayoubon joviboys (2021)candymancapitan sciabola e il diamante magicocensorcodacome un gatto in tangenziale - ritorno a coccia di mortocomediansdau, natashademonic (2021)
 NEW
dune (2021)earwig e la stregaennio: the maestroescape room 2: gioco mortaleextraliscio - punk da balerafalling - storia di un padrefast & furious 9 - the fast sagafear street parte 1: 1994fear street parte 2: 1978fear street parte 3: 1666fellinopolisfigli del soleframmenti dal passato - reminiscencefree guy - eroe per giocofuturahasta la vista!i croods 2 - una nuova erai profumi di madame walberg
 NEW
il cieco che non voleva vedere titanicil collezionista di carteil gioco del destino e della fantasia
 NEW
il giro del mondo in 80 giorni (2021)
 NEW
il matrimonio di rosail mostro della cripta
 NEW
il ragazzo piu' bello del mondo
 NEW
il silenzio grande
 NEW
il viaggio del principein prima lineain the earthin the heights - sognando a new yorkio sono nessunoio, lui, lei e l'asinojodorowsky's dunejosepjungle cruisekatekufidla brava mogliela casa in fondo al lagola cordigliera dei sognila felicita' degli altri...la grande staffettala guerra a cubala guerra di domani (2021)la nostra storiala notte del giudizio per semprela ragazza con il braccialettola ragazza di stillwaterla terra dei figlila vita che verra'l'amante russol'amore non si salet us inlucal'uomo nel buio - man in the darkmadres paralelasmalignant (2021)mandibules - due uomini e una moscamarx puo' aspettareme contro te: il film - il mistero della scuola incantatamedusa: queen of the serpentmi chiedo quando ti manchero'mondocane (2021)monster hunterno sudden movenowhere specialocchi bluoldpenguin bloomper luciopeter rabbit 2 - un birbante in fugapigpossession - l'appartamento del diavolopunta sacraquello che non so di tequi rido ioreflectionritorno in apnearoom 9run (2020)school of mafia
 NEW
schumachershang-chi e la leggenda dei dieci anellisibyl - labirinti di donnasnake eyes: g.i. joe - le originisongbird
 NEW
spin time, che fatica la democrazia!spiral - l'eredita' di sawspirit - il ribellestate a casastorm boy - il ragazzo che sapeva volare
 NEW
supernova (2021)the book of visionthe boy behind the doorthe green knightthe ice roadthe lockdown hauntingsthe nest (2021)
 NEW
the night house - la casa oscurathe protege'the sparks brothersthe suicide squad - missione suicidathe voyeursthey talktigerstoo late (2021)toothfairy 3triumphuna donna promettente
 NEW
una relazioneuno di noiuntitled horror movie (umh)volami viavoyagerswelcome venicex&y - nella mente di anna

1020867 commenti su 46284 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net