Recensione il muro di gomma regia di Marco Risi Italia 1991
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione il muro di gomma (1991)

Voto Visitatori:   7,33 / 10 (21 voti)7,33Grafico
Miglior sonoro
VINCITORE DI 1 PREMIO DAVID DI DONATELLO:
Miglior sonoro
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film IL MURO DI GOMMA

Immagine tratta dal film IL MURO DI GOMMA

Immagine tratta dal film IL MURO DI GOMMA

Immagine tratta dal film IL MURO DI GOMMA

Immagine tratta dal film IL MURO DI GOMMA

Immagine tratta dal film IL MURO DI GOMMA
 

Il 27 giugno del 1980 alle ore 20,59, l'aereo DC-9-Itavia, con la sigla di volo HI 870 impiegato nella tratta di linea Bologna-Palermo, precipita tra Ustica e Ponza, nel mar Tirreno, con 81 persone a bordo. Nessuno sopravvivrà al terribile impatto.
A 31 anni dall'evento le cause della tragedia rimangono in buona parte misteriose. Il lavoro delle varie commissioni d'indagine e della magistratura, svolto dal 1980 in poi, non è approdato ad alcuna certezza. Non si è andati oltre qualche ipotesi, a volte sostanziosa, in altri casi labile. Le congetture più fantasiose sono state frutto dei numerosi depistamenti delle indagini messi in atto da personaggi oscuri legati a poteri politici e militari di origini anche internazionale.

Le ipotesi più note sono tre:
1) cedimento strutturale dell'aereo per probabile corrosione della struttura di base, causata da sale marino: un logoramento dei metalli di sostegno principale dell'aereo avvenuto presumibilmente quando il DC 9 veniva usato per il trasporto di prodotti ittici.
2) Una battaglia in cielo tra caccia di diverse nazioni, Libia, Francia, Stati Uniti, con possibile lancio per errore di un missile aria-aria nella direzione sbagliata che impatta casualmente sul DC 9, transitante in quel momento nelle vicinanze della zona di combattimento.
3) Uno scontro accidentale ma fatale tra l'aereo dell'Itavia e un caccia straniero.
L'ultima sentenza della magistratura è recente, del 10 Settembre 2011, competente la Procura di Palermo: riguarda il processo per una causa civile.
Il verdetto dei giudici è sorprendente, essi decidono la condanna del Ministero dei Trasporti e della Difesa a un risarcimento alle vittime di 100 milioni di Euro, con la motivazione che i due organi di governo si sono dimostrati negligenti nella prevenzione del disastro. Il cielo, che quella sera aveva un intenso traffico aereo, non era stato controllato a dovere dai radar italiani, sia civili che militari, in parte spenti o mal funzionanti. Inoltre i due ministeri, così come viene scritto nella sentenza, risultano colpevoli di aver ostacolato, in diverse occasioni, le indagini della magistratura.

Il film, di Marco Risi, racconta le vicende di Rocco Ferrante (Corso Salani), un giornalista del Corriere della Sera che si interessò (nella realtà si riferisce ad Andrea Purgatori) per dieci anni agli sviluppi delle indagini sul DC9 cogliendone di volta in volta i paradossi e le contraddizioni rispetto sia agli indirizzi di ricerca presi dalle varie commissioni d'inchiesta in modo affrettato e ambiguo che agli esiti finali, del tutto insoddisfacenti, del loro lungo lavoro.
La pellicola ipotizza, con dettagli visivi molto significativi e acuti dialoghi lampo che si pongono tra le pieghe di quella parte della narrazione più legata allo spettacolo, una credibile soluzione al mistero, mettendo insieme testimonianze, eventi, che portano diritti a supporre che la sera del disastro in cielo vi fosse una vera e propria battaglia aerea, probabilmente tra un caccia della nato e un aereo con Gheddafi a bordo o un'altra autorità libica; a sostegno di ciò il film sottolinea come l'aeroporto di Palermo possedesse il piano di volo dell'aereo libico, che comprendeva informazioni sul percorso aereo tra Varsavia a Tripoli.

Ma il finale del film si concentra su un altro aspetto della vicenda, forse un po' trascurato dai nostri ricordi riuscendo ad essere una sorpresa.
Il film, pur ricercando con forza i necessari ingredienti tipici di uno spettacolo rigorosamente cinematografico, brilla soprattutto per l'effetto documentario che riesce a trasmettere, cioè per l'attendibilità dei contenuti, sia per quelli legati alla cronaca che per le indagini periziali, finendo per gettare una pallida luce, inaspettatamente per un film, sugli aspetti più scabrosi ma decisivi della vicenda, cosa che consente di elaborare una valida ipotesi, reale e a tratti originale, su quanto accaduto.
La pellicola si basa sull'esperienza del giornalista Andrea Purgatori, impegnatosi per lungo tempo a far luce sul caso di Ustica. Il giornalista partecipa anche alla sceneggiatura, in collaborazione con Sandro Petraglia e Stefano Rulli, trasmettendo, in modo convincente, il proprio pensiero sui fatti tanto da incrementare notevolmente lo spessore documentaristico del film.
Andrea Purgatori appare anche in una scena del film, di pochi secondi, dove vengono mostrati alcuni interrogatori della commissione d'inchiesta sul disastro: egli è uno dei membri della commissione.

Marco Risi, noto per "Ragazzi fuori" (1989), "Soldati - 365 all'alba" (1987), realizza con "Il muro di gomma" un'altra pellicola di qualità, dimostrando il suo valore sia nella regia degli attori che della fotografia. Il film si aggiudicherà un premio di David Donatello per il miglior sonoro.
I fatti narrati nel film si dispongono in un'armonia dal sapore logico, favorendo un giudizio coerente, invitando lo spettatore a partecipare di più alle scene, a seguire le indagini al meglio per poter esprimere una propria valutazione.
Il facile, leggero scorrere del film, ricco di emozioni, dimostra le grandi capacità documentaristiche e comunicative di Marco Risi. I numerosi eventi salienti, rigorosamente selezionati in base alla loro credibilità, che costituiscono l'intelaiatura della pellicola nel loro rapido alternarsi, non annoiano mai perché inseriti in una trama, in un metodo narrativo efficace, che esalta drammaticamente i particolari rendendoli emozionalmente ben contestuali a un discorso di fondo, caratterizzato dall'indignazione popolare per le omertà di alcuni organi istituzionali sulla tragedia: reticenze vergognose che risulteranno le vere protagoniste, in negativo, del film.

Nel racconto filmico il gioco "impossibile" della verità, voluto da qualcuno, su fatti che non ammettevano per forza di cose diversivi di sorta, diventerà via via spaventoso dando l'idea di come ancora una volta il nostro paese, a distanza di un mese dalla strage di Bologna, dovesse tornare a rivivere forme di tormento e sgomento, di insicurezze e paure, accentuate da una sempre maggiore incredulità dei cittadini verso le principali istituzioni.
Anche la parte spettacolare del film regge bene, non prende mai il sopravvento emotivo sulla struttura documentaristica, essa è costituita da forme di tensioni e suspense ben sincronizzate con l'importanza delle scoperte che via via il giornalista Rocco mette a disposizione del giornale. Le liti violente tra colleghi, le gelosie nello staff giornalistico, la bella convivente di Rocco che - stanca di essere trascurata dal suo uomo che lavora troppo - decide di abbandonarlo, gli scontri diretti ad alta voce tra Rocco e i generali della aereonautica, le incomprensioni di forte impatto emotivo tra Rocco e la direzione del suo giornale, ravvivano il film senza togliere attenzione ai fatti rilevanti ma congiungendosi con essi in una felice combinazione tra livello della tensione e importanza degli eventi.

La scena in cui il maresciallo Luciano Caroli (Luciano Buzzurro) interrogato dal Giudice, svela dopo tanti silenzi una verità sconvolgente, affermando di aver visto quella sera l'aereo cadere perché le tracce radar del DC 9, che stava osservando sullo schermo, scadevano di qualità passando da livello 7 a livello 2 per poi sparire, è una sequenza da antologia del cinema, sia per la situazione drammatica del momento, ben rappresentata dalla recitazione straordinaria di Paolo Buzzurro che appare timoroso, insicuro, pauroso, in un crescendo tormentoso ben sincronizzato con l'effetto che la sua rivelazione avrà sui giornalisti presenti e la parte civile, sia per l'insieme della composizione scenica che racchiude l'emotività dei parenti delle vittime, quella dei giornalisti ormai stremati dai fatti, dei giudici sempre più coinvolti anche loro sul piano emotivo perché presi dall'indignazione, dei generali dell'aereonautica, spaventati, prossimi a subire uno scacco.
La scena annuncia e poi sfocia in una situazione nuova, radiosa e quasi purificatrice del male, in un'atmosfera catartica, di colpa redentrice che sembra preannunciare una imminente vittoria della verità.

Commenta la recensione di IL MURO DI GOMMA sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di Giordano Biagio - aggiornata al 28/11/2011 16.36.00

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

 HOT
1917a quiet place iia riveder le stelleadoration (2019)after midnight (2019)alice e il sindacoalla mia piccola samaandrej tarkovskij. il cinema come preghieraantebellumantlersbad boys for lifebirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinnbombshell - la voce dello scandaloboterobunuel - nel labirinto delle tartarughecambio tutto!candymancaterinacats (2019)cattive acquecena con delitto - knives outcercando valentina - il mondo di guido crepaxche fine ha fatto bernadette?city of crimecolor out of spacecriminali come noida 5 bloods - come fratellidiamanti grezzidio e' donna e si chiama petrunyadolittledoll housedoppio sospettodreamkatchereasy living - la vita facileera mio figliofabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovatofantasy islandgli anni piu' belligrandi bugie tra amicigretel e hanselhammametherzog incontra gorbaciovil diritto di opporsiil drago di romagnail ladro di giorniil lago delle oche selvaticheil meglio deve ancora venireil mistero henri pickil primo nataleil richiamo della foresta (2020)il terzo omicidioimpressionisti segretiin the trap - nella trappolajojo rabbitjudy (2019)jumanji - the next leveljust charlie - diventa chi seila dea fortunala gomera - l'isola dei fischila mia banda suona il popla partita (2020)la ragazza d'autunnola vita nascosta - hidden lifel'agnellol'apprendistatolast christmasleonardo. le operel'hotel degli amori smarritil'inganno perfettolontano lontanolourdes (2019)lunar cityl'uomo invisibile (2020)marco polo - un anno tra i banchi di scuolamarianne e leonard. parole d'amoremarie curieme contro te: il film - la vendetta del signor s
 HOT R
memorie di un assassinonancynon si scherza col fuocoodio l'estateoutbackpicciridda - con i piedi nella sabbiapiccole donne (2019)pinocchio (2019)promarequa la zampa 2 - un amico e' per semprequeen & slimrichard jewellrun sweetheart runsaint maudscherza con i fantischool of the damnedshow me the picture: the story of jim marshallsola al mio matrimoniosonic - il filmsono innamorato di pippa baccaspie sotto coperturaspiral - l'eredita' di saw
 HOT
star wars - l'ascesa di skywalkersulle ali dell'avventuratappo - cucciolo in un mare di guaithe boy - la maledizione di brahmsthe farewell - una bugia buonathe gentlementhe grudge (2020)the lodgethe new mutantsthe other lambthey shall not grow old
 HOT
tolo toloun figlio di nome erasmusuna storia d’arteunderwatervilletta con ospitivivariumvolevo nascondermiwaves

1006147 commenti su 43641 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net