Recensione dopo mezzanotte regia di Davide Ferrario Italia 2004
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
Ciao Paul!
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione dopo mezzanotte (2004)

Voto Visitatori:   7,32 / 10 (85 voti)7,32Grafico
Migliori effetti speciali
VINCITORE DI 1 PREMIO DAVID DI DONATELLO:
Migliori effetti speciali
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film DOPO MEZZANOTTE

Immagine tratta dal film DOPO MEZZANOTTE

Immagine tratta dal film DOPO MEZZANOTTE

Immagine tratta dal film DOPO MEZZANOTTE

Immagine tratta dal film DOPO MEZZANOTTE

Immagine tratta dal film DOPO MEZZANOTTE
 

Chi ha visto "Jules et Jim" di Truffaut, non pu˛ non appaiare il fatidico film del Maestro francese all'operetta "poetica" di Davide Ferrario, per via dello strano triangolo erotico-sentimentale: lui, lei e l'altro, che si amano a turno, di comune accordo. Lei, Amanda, Ŕ una giovane socialmente "disagiata", alla ricerca perenne di una stabilitÓ lavorativa, economica, sentimentale ed esistenziale: emblema attualissimo di una certa giovent¨ nostrana, senza arte nÚ strumenti. L'altro, Angelo, 'o malamente, proviene come lei dalla zona pi¨ popolare di Torino, e vive di espedienti e furti d'auto, con l'aplomb del bullo di quartiere da neorealismo italiano; non disdegna altre avventure, ed usa la povera Amanda per il suo puro comodo. Salvo poi rincorrerla affannosamente quando la sa innamorata del giovane rivale. Il quale Martino, invece, Ŕ tutt'altro personaggio, ai limiti del surreale: fa il guardiano notturno al Museo del Cinema, all'interno della Mole Antonelliana del capoluogo torinese, conducendo una vita solitaria con un riserbo quasi autistico. Ma quando la ragazza, inseguita dalla polizia, si rifugia sotto la Mole, non indugia un solo momento ad accoglierla sotto la sua protezione; da cui, dunque, il folgorante innamoramento.
Ma l'amore a tre, che i giovani mettono in piedi, non costituisce il vero perno del film, come nel caso di Jules et Jim, ma una semplice componente, raccontata inoltre per brevi sfumature e senza eccesso di dettagli; non coi toni sfumati e romantici del film francese, come se sui tre amanti incombesse un destino erotico ineluttabile, ma coi modi ironici e scherzosi di tante commedie all'italiana di Wertmulleriana memoria.

In realtÓ la specialitÓ del film sta nella curiosa trovata dell'ambientazione all'interno del Museo del Cinema. All'ombra dell'austero monumento, nell'atmosfera grave e rarefatta che chi ha visitato la Mole ben conosce, il giovane vive come i fantasmi della leggenda nei castelli abbandonati; come una presenza puramente spirituale nella materia greve e fredda che lo circonda. Si muove silenziosamente di notte sulle scale solitarie della antica sinagoga, "frequentando" gli antichi reperti del cinema muto e in bianco e nero, come i momenti virtuali della sua vita psichica; quasi che le sue vicende esistenziali ed emotive non ne fossero altro che una semplice derivazione (a conferma il fatto che il ragazzo viva addirittura dentro la Mole, in un micro appartamento realizzato come un set cinematografico).

Dunque il cinema come finzione del reale, oppure la realtÓ come apparenza fenomenica che il cinema non simula, ma in effetti racconta?
La domanda, forse, Ŕ quella che travaglia il regista Ferrario, che sembra quasi, con questa opera voler emblematizzare una sua personale "schizofrenýa", a cavallo tra l'onirico e il reale.
Ci riesce, indubbiamente, usando la fascinazione della fiaba, con personaggi surreali nel "bosco incantato" della Mole, con principi buoni e cattivi per la Biancaneve sperduta, con un racconto che in parte spaventa (per la morte improvvisa e violenta), e in parte sorprende (con lo "gnomo" lavavetri che spiove sospeso dall'alto della mole ). Una fiaba per˛ condita di ironia e divertimento, con personaggi curiosi e brillanti, da commedia all'italiana.

Ma chissÓ che proprio in questa miscellanea di elementi tanto eterogenei non stia il limite del film, non poi cosý serio, nÚ poi cosý scherzoso. Valido forse infine solamente a confermare l'assunto di base del cinema come antifaccia del reale; e che potrebbe suonare semplicemente come autolegittimazione del regista e dei suoi compari cinefili nell'insieme.
Da apprezzare per˛, comunque, come esperimento di filmografia inventiva e, soprattutto, a basso costo (girato in digitale).

Commenta la recensione di DOPO MEZZANOTTE sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di GiorgioVillosio - aggiornata al 28/04/2005

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

amleto e' mio fratelloanatomy of a fallanimali selvaticiassassinio a veneziaasteroid cityavanzers - italian superheroesbarbieblackbitsblue beetlebugiardo serialecattiva coscienzacoma (2022)comandante (2023)come le tartarughecome pecore in mezzo ai lupiconversazioni con altre donnedemeter: il risveglio di draculadoggy styledouble souldue fratelli (2023)enzo jannacci vengo anch'iofatello e sorellafelicita'gli oceani sono i veri continentigran turismo - la storia di un sogno impossibilehai mai avuto paura?hanno clonato tyronehypnotic (2023)i mercen4ri - expendablesi peggiori giorniil castello invisibileil confine verdeil faraone, il selvaggio e la principessail giuramento di pamfiril grande carroil mio amico tempestail mistero del profumo verdeil pi¨ bel secolo della mia vitail sapore della felicitail supplente (2023)in the fireindiana jones e il quadrante del destinoinsidious - la porta rossaio capitanoio sono tuo padrejeanne du barry - la favorita del rekurskla bella estatela casa dei fantasmi (2023)la lunga corsa - una commedia stralunatala maledizione della queen maryla stanza delle meraviglie (2023)last film showle mie ragazze di cartal'invenzione della nevel'ordine del tempomamma qui comando iomanodoperamission: impossible - dead reckoning - parte unonina dei lupinoi anni luceoppenheimerpapa' scatenatopassagespatagoniapiggy (2022)priscillaraffarheingoldrido perche' ti amoritratto di famigliarodeorossosperanzaruby gillman - la ragazza con i tentacoli
 NEW
saw xshark 2 - l'abissotartarughe ninja - caos mutantethe equalizer 3 - senza treguathe nun 2
 NEW
the palacethe storetitinauna commedia pericolosauna donna chiamata maixabeluna stanza tutta per se'una sterminata domenicauomini da marciapiedewolfkin

1043274 commenti su 49758 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

BUGIS STREETL'ARMONICALE CREATURELIFE OF A SHOCK FORCE WORKERLUMBRENSUENOMOVINGTHE WORKING GIRLS

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net