Recensione don camillo regia di Julien Duvivier Italia 1952
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
Ciao Paul!
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione don camillo (1952)

Voto Visitatori:   8,60 / 10 (48 voti)8,60Grafico
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film DON CAMILLO

Immagine tratta dal film DON CAMILLO

Immagine tratta dal film DON CAMILLO

Immagine tratta dal film DON CAMILLO

Immagine tratta dal film DON CAMILLO
 

Il film, uscito nel 1951 e tratto dai racconti di Giovanni Guareschi, segna un altro passaggio del filone neorealista. Il regista a cui viene affidata la storia Ŕ il francese Julien Duvivier cosý come francese Ŕ il protagonista principale, il simpatico attore leggero Fernandel. Ci si trova cosý davanti ad una coproduzione, il neorealismo esce dai confini tutti nazionali per tentare un gemellaggio con i cugini d'oltralpe ai quali spesso ci si rivolgerÓ negli anni a venire per molte altre pellicole di successo di produzione prevalentemente italiana.

Molti attori (tra i tanti l'anziana Vera Carmi nel ruolo di una maestra in pensione) vengono da una tradizione teatrale e anche questo segna il passo con l'abitudine portata avanti negli anni precedenti di "lanciare" molti attori non professionisti destinati tante volte a scomparire dopo aver assaporato brevemente il gusto del successo; non si usa il dialetto che rimane solo come cadenza a dimostrare le origini dei personaggi e, caratteristica di questo film e di quelli che verranno ad esso correlati, viene aggiunta una sfumatura fantastica: il parroco del paesello ha l'abitudine di conversare con il crocefisso della chiesa e di riceverne risposte.
Questa sfumatura decisamente poco affine al mondo neorealista non Ŕ per˛ totalmente nuova. Anzitutto occorre dire che l'idea Ŕ dello scrittore Guareschi quindi non originale nella sceneggiatura, poi, Ŕ d'uopo citare un esempio illustre di uso del fantastico nel cinema di matrice neorealista nel celebre film "Miracolo a Milano" di Vittorio De Sica, contemporaneo all'uscita di "Don Camillo". Il neorealismo "tout court" comunque, agli inizi degli anni Cinquanta, ha esaurito il primo filone per incanalarsi in quello pi¨ leggero a metÓ strada tra la commedia e il cinema rosa che negli anni immediatamente successivi darÓ origine a pellicole di grande successo come "Pane, amore e fantasia" e "Poveri ma belli".

Tornando all'analisi della pellicola di Duvivier, occorre dire che la scelta di trasporre sullo schermo pi¨ racconti di Guareschi ha portato a qualche inevitabile pausa e slegatura ma, d'altro canto, lo sviluppo delle storie pu˛ risultare egualmente assai gradevole con un'alternanza di episodi comici e drammatici. Gli attori sono tutti ben misurati: c'Ŕ da segnalare il giovane Franco Interlenghi scoperto ancora adolescente da De Sica in "SciusciÓ" qui al suo primo ruolo da adulto mentre la presenza femminile pur affidata a solide interpreti Ŕ comunque assolutamente di second'ordine.

La parte del leone la fanno i due protagonisti assoluti della vicenda: l'emiliano Gino Cervi, truccato a m˛ di Stalin con baffoni e cipiglio nel ruolo del sindaco comunista Peppone e il francese Fernandel coadiuvato splendidamente dal doppiaggio di Carletto Romano (voce anche di Jerry Lewis e Hitchcock). Quest'ultimo, pur non italiano, Ŕ riuscito a calarsi in maniera impeccabile nel suo personaggio tanto da finire coll'essere identificato con esso nell'immaginario collettivo. I tentativi di rifare don Camillo ad opera di altri interpreti pur bravi e volenterosi come Gastone Moschin e Terence Hill sono infatti miseramente naufragati, consacrando quindi i primi film ispirati al ciclo di Guareschi nell'olimpo della cinematografia nazionale.

Commenta la recensione di DON CAMILLO sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di peucezia - aggiornata al 17/07/2006

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

abigail (2024)accattaromaancora un'estateanother endanselmarcadianaugure - ritorno alle originiautobiography - il ragazzo e il generaleback to blackbrigitte bardot forevercattiverie a domicilioc'era una volta in bhutanchallengerscivil warcoincidenze d'amorecome fratelli - abang e adikconfidenzadamseldicono di tedrive-away dollsdune - parte duee la festa continua!eileenennio doris - c'e' anche domanieravamo bambinifantastic machinefino alla fine della musicaflaminiaforce of nature - oltre l'ingannofuriosa: a mad max sagagarfield - una missione gustosaghostbusters - minaccia glacialegirasoligli agnelli possono pascolare in pacegodzilla e kong - il nuovo imperoi dannatii delinquentii misteri del bar etoileif - gli amici immaginariil caso goldmanil caso josetteil cassetto segretoil coraggio di blancheil diavolo e' dragan cyganil gusto delle coseil mio amico robotil mio posto e' quiil posto (2024)il regno del pianeta delle scimmieil segreto di liberatoil teorema di margheritaimaginaryinshallah a boyio e il seccokina e yuk alla scoperta del mondokung fu panda 4la moglie del presidentela profezia del malela seconda vitala terra promessala zona d'interessel'esorcismo - ultimo attol'estate di cleolos colonosmarcello miomay decemberme contro te: il film - operazione spiememory (2023)metamorphosis (2024)monkey manmothers' instinctneve (2024)niente da perdere (2024)non volere volareomen - l'origine del presagio
 HOT R
povere creature!priscillaquell'estate con irenerace for glory - audi vs lanciarebel moon - parte 2: la sfregiatricered (2022)ricky stanicky - l'amico immaginarioritratto di un amoreroad house (2024)samadsaro' con tese solo fossi un orsosei fratellishirley: in corsa per la casa biancasolo per mesopravvissuti (2022)spy x family code: whitesull'adamant - dove l'impossibile diventa possibilesuperlunatatami - una donna in lotta per la liberta'the animal kingdomthe fall guythe penitent - a rational manthe rapture - le ravissementthe watchers - loro ti guardanoti mangio il cuoretito e vinni - a tutto ritmototem - il mio soletroppo azzurroun altro ferragostoun mondo a parte (2024)una spiegazione per tuttouna storia neraunder parisvangelo secondo mariavincent deve morirevita da gattovite vendute (2024)zafira, l'ultima reginazamora

1051300 commenti su 50769 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

BLACKOUT (2023)BURNING DAYSCABRINICURSE OF HUMPTY DUMPTY 3GORATHHUMANEIL CLAN DEL QUARTIERE LATINOIL MOSTRUOSO DOTTOR CRIMENIL PRINCIPE DEL MIO CUOREIL SENSO DELLA VERTIGINELA NOTTE DEGLI AMANTILEDALISA FRANKENSTEINMAGGIE MOORE(S) - UN OMICIDIO DI TROPPOMORBOSITA'ONCE WITHIN A TIMEPENSIVEQUESTA VOLTA PARLIAMO DI UOMINISONG OF THE FLYTERRORE SULL'ISOLA DELL'AMORETHE AFTERTHE CURSE OF THE CLOWN MOTELTHE DEEP DARKTHE JACK IN THE BOX RISESTHE PHANTOM FROM 10.000 LEAGUES

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net